“Cemento e rifiuti”, un incontro promosso dal comitato Salva Salute

CAMERINO - Tutti i fatti su Tar, monitoraggio e piano regionale di gestione rifiuti nell'ambito della vicenda Sacci saranno i temi del dibattito di domenica prossima 1 febbraio nella sala dei priori del palazzo comunale
- caricamento letture
Il cementificio Sacci

Il cementificio Sacci

“Castelraimondo: cemento e rifiuti, tutti i fatti su Tar, monitoraggio e piano regionale di gestione rifiuti”. E’ il tema dell’incontro pubblico in programma domenica prossima, 1 febbraio, alle 16,30, nella sala dei priori del palazzo comunale a Camerino. Il dibattito che segue quelli di San Severino, Pioraco e Matelica precede altri incontri pubblici che toccheranno i comuni limitrofi e dell’entroterra. L’approfondimento, organizzato dal Comitato Salva Salute, tratterà il progetto di potenziamento del forno del cementificio Sacci di Castelraimondo-Gagliole. I nodi della discussione riguarderanno : il piano regionale della gestione dei rifiuti e Css (combustibili solidi secondari), l’autorizzazione dell’ impianto del cementificio, lo status del monitoraggio ambientale, la sentenza del Tar che boccia il progetto di ampliamento dell’impianto, la strategia “Rifiuti Zero” come possibile soluzione alternativa. «Nonostante la pronuncia del Tar abbia bocciato il progetto di potenziamento del futuro impianto – commenta il Comitato –  la Regione insiste, come ipotizzato nel Prgr, nel voler bruciare tutti i rifiuti indifferenziati del bacino regionale sotto forma di Css. Si parlerà anche del caso del cementificio Sacci di Tavernola, in provincia di Bergamo, dove il consiglio comunale all’unanimità ha detto no all’incenerimento di rifiuti nei forni».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X