Convention Forza Italia
Mussolini contro tutti
Brini figliol prodigo

CIVITANOVA - Quasi 1000 persone al Cosmopolitan. La parlamentare europea attacca Schulz, Luxuria e le coppie di fatto. La coordinatrice comunale Consuelo Fortuna: "Siamo un po' preoccuati dal ritorno dei vecchi volti della politica". Assente Marinelli. Domani si chiude con Gelmini, Gasparri e la telefonata di Berlusconi
- caricamento letture

forza italia  (4)

forza italia  (2)

Remigio Ceroni e Simone Baldelli (il secondo e il quarto da sinistra) parlano del movimento giovanile

di Laura Boccanera

Ricorda molto la parabola del figliol prodigo la convention nazionale di Forza Italia iniziata oggi pomeriggio all’hotel Cosmopolitan di Civitanova. Una due giorni di formazione politica con i big del partito (oggi Alessandra Mussolini, Giovanni Toti, attesi per domani Gelmini e Gasparri, oltre alla telefonata di Berlusconi). E di fatti a metà pomeriggio arriva ufficiale la notizia del ritorno di alcuni transfughi eccellenti come Ottavio Brini e Daniele Silvetti dopo il rientro già avvenuto di Giacomo Bugaro.

Ottavio Brini, durante la convention l'annuncio del suo ritorno in Forza Italia

Ottavio Brini, durante la convention l’annuncio del suo ritorno in Forza Italia

Ma la platea alla notizia è piuttosto tiepida e anzi, esplode in mugugni quando dal palco si annuncia e si ufficializza il rientro. Tra coloro che stanno ancora in attesa, a livello locale, ci sono Sergio Marzetti, presente all’incontro ma ancora indeciso se rientrare o rimanere nella lista civica e poi decidere fra due anni se abbandonare definitivamente l’impegno politico e, grande assente nominato, Erminio Marinelli. E’ il coordinatore regionale stesso Remigio Ceroni a nominarlo dal palco: “Mi sarei aspettato di rivederlo”- dice Ceroni sempre fra i malumori della platea. “Con Marinelli ci siamo sentiti – confessa poi solo a noi – lui ci sta pensando, io ci sto parlando”. Sibillino. Certo è che se da Roma l’indicazione è quella di accogliere e fare spazio a tutti, anche ai ritorni, la base un po’ rumoreggia e gli equilibri con il rientro di tanti nomi, anche storici di Forza Italia prima, Pdl poi, Nuovo Centro Destra recentemente e infine Forza Italia, si fanno sempre più precari. Il balletto dei partiti non piace e rischia di avere alcune scosse di assestamento prima che l’ingranaggio ricominci a funzionare correttamente.

Consuelo Fortuna coordinatore comunale Forza Italia

Consuelo Fortuna coordinatore comunale Forza Italia

Non fa mistero dei mal di pancia il coordinatore comunale di FI Consuelo Fortuna. Da alcuni mesi assieme ad un nuovo coordinamento di giovani seguiti da Fernanda Recchi ha rimesso in piedi il partito quando era stato dato per spacciato e ora la rincorsa a tornare a casa non è vista di buon occhio: “Siamo un po’ preoccuati dal ritorno dei vecchi volti della politica perchè viene meno il nostro obiettivo ma confidiamo nelle scelte del partito. Va bene il ritorno ma non pensino ora di sottrarci il coordinamento, ci abbiamo lavorato noi in questo periodo e l’abbiamo portato avanti”.

Remigio Ceroni e Alessandra Mussolini

Remigio Ceroni e Alessandra Mussolini

E se Toti commenta con un “Welcome Home” il ritorno dei transfughi, Remigio Ceroni appare soddisfatto per la riuscita della convention. Oggi pomeriggio quasi 1000 persone sono arrivate al Cosmopolitan, circa 300 si sono fermate per la cena a base di specialità locali con menù di carne. “E’ entusiasmante vedere la partecipazione della gente nonostante la politica non sempre sia all’altezza della situazione – commenta – vuol dire che c’è voglia di fare politica e per questo abbiamo organizzato il corso di formazione con 20 big nazionali così da affrontare tutti i temi del momento. Sono soddisfatto perché Forza Italia nelle Marche c’è ed è vicina al presidente Berlusconi.

Ma ad aver messo pepe alla convention fra gli applausi e le risate dei più è stato il Mussolini show. Incontenibile la parlamentare europea che inizia con l’attacco a Martin Schulz ironizzando poi sui cognomi dei consiglieri europei: “Sembrano tutti mobili dell’Ikea”, dice. E poi ce n’è anche per Wladimir Luxuria e per la sua cena con il presidente Berlusconi. Convivio che non è piaciuto alla Mussolini: “Cena con Wladimir, pensavo Putin e invece era Luxuria. Io sono per Berlusconi ma a tutto c’è un limite”. E poi continua parlando di matrimonio gay e adozioni, tema appunto dell’incontro fra il presidente e Luxuria: “I bambini non sono un capriccio degli adulti – dice la Mussolini – già è difficile per gli etero il matrimonio mò si vogliono sposare pure loro. E poi ce n’è anche per i transfughi: “Vanno, poi tornano non se ne può più di questo minuetto” e ancora “in Sierra Leone manderei la Fornero”. Domani il clou e la conclusione con la telefonata di Silvio Berlusconi prevista per le 11.30.

forza italia  (9)

Alessandra Mussolini

Alessandra Mussolini

forza italia  (5)

forza italia  (7)

forza italia  (6)

forza italia  (10)

forza italia  (13)

forza italia  (14)

forza italia  (15)

forza italia  (16)

forza italia  (21)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X