Arancia Meccanica a Villa Potenza
Notte di terrore per una coppia

MACERATA - Arrestati cinque giovani (tre italiani e due albanesi) tra i 21 e i 31 anni che hanno picchiato, sequestrato e derubato due ragazzi. Si tratta di Leonardo Traini, Matteo Mercuri, Alessandro Montini, Dorian Kociasl ed Erland Xhepexhiu
- caricamento letture
arancia-meccanica

Una scena del film Arancia Meccanica

 

di Filippo Ciccarelli

Sono stati sorpresi nel sonno da un raid criminale portato avanti con una ferocia incredibile, contro il quale non hanno potuto far nulla; picchiati, minacciati, legati e derubati da cinque giovani, tutti residenti a Fermo, tre dei quali sono già stati arrestati. Si tratta di Leonardo Traini, 21 anni, Matteo Mercuri, 24, Alessandro Montini, 25 anni, Dorian Kociasl, 24 anni e Erland Xhepexhiu, 31enne. Vittime della nottata da incubo due giovani, un uomo di 33 anni, M.D., ed una ragazza di 23, C.E., che abitano in un casolare di campagna a Villa Potenza, in via dell’Acquedotto. Dopo essersi liberati si sono recati in questura a Macerata, dove sono giunti intorno alle 5.30, per denunciare la terribile vicenda di cui sono stati protagonisti.
I cinque giovani hanno fatto irruzione nella loro abitazione, dopo aver sfondato il cancello ed il portone d’ingresso; sono quindi saliti in camera da letto ed hanno picchiato la coppia, che è stata poi costretta a consegnare tutto il denaro di cui era in possesso. I malviventi hanno proseguito il lavoro legando i due con del nastro adesivo e cavi elettrici, prima di inveire ancora contro il ragazzo, che ha subito ferite giudicate guaribili in un mese. I due giovani sono stati derubati anche di altro materiale, tra cui cellulari, un computer portatile, attrezzi musicali e diversi oggetti di valore. Non soddisfatti, gli aggressori hanno dato un appuntamento alle loro vittime, per farsi consegnare altro denaro: i malviventi li avrebbero aspettati in una zona della città di Fermo.

HK0E8496-1024x682

L’ingresso della casa

La coppia è invece andata alla polizia, che si è subito messa sulle tracce dei responsabili; subito è scattata la collaborazione con la questura di Fermo, zona dove risiedono tutti i sospettati. Gli agenti hanno rintracciato e messo le manette ai polsi a tre dei cinque responsabili dell’aggressione, che hanno pesantissime imputazioni a proprio carico: tra le principali, rapina aggravata, sequestro di persona, tentata estorsione, violazione di domicilio. Anche gli altri due componenti della banda sono stati arrestati, dopo essere stati sottoposti al fermo di poizia giudiziaria. La polizia ha bloccato gli autori del blitz in stile “Arancia Meccanica” mentre aspettavano nel luogo prefissato per l’incontro: gli agenti del commissariato fermano hanno bloccato tre di loro che si erano dati alla fuga a piedi, quindi parte della refurtiva è stata ritrovata all’interno dell’auto con cui la banda era fuggita dopo la rapina. Sono tuttora in corso accertamenti volti a chiarire alcuni lati ancora oscuri della vicenda, anche perché tutti i giovani frequentavano lo stesso gruppo di amicizie.

(Servizio aggiornato alle 20.30)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X