Tardella-Antonelli, prove tecniche di derby:
“Maceratese-Civitanovese
nel segno del fair play”

L'INTERVISTA DOPPIA - Domenica all'Helvia Recina torna la sfida più attesa dalle due città. Il presidente biancorosso: "Noi abbiamo più cuore e tifo, vorrei vedere lo stadio strapieno". Il presidente rossoblu: "Doppietta di Galli, vinciamo 3-1"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
presidenti-antonelli-tardella

Umberto Antonelli e Maria Francesca Tardella

di Filippo Ciccarelli e Andrea Busiello

Si avvicina sempre di più il giorno del derby. Maceratese e Civitanovese scenderanno in campo domenica all’Helvia Recina alle 15 dinanzi al pubblico delle grandi occasioni (si parla di oltre 4 mila spettatori) per la terza giornata del campionato di serie D. Proprio per via dell’alta affluenza di pubblico allo stadio i tifosi della “Sportiva” invitano tutti i supporter di fede biancorossa a recarsi allo stadio per le 13.30, colorando il più possibile di biancorosso gli spalti dell’impianto maceratese. Per sondare il terreno e palpare le rispettive sensazioni, abbiamo sentito i due presidenti: Maria Francesca Tardella (Maceratese) e Umberto Antonelli (Civitanovese).

Tardella

Il presidente della Maceratese Maria Francesca Tardella

Torna il derby tra Maceratese e Civitanovese. Che aria si respira in società?

Tardella: “Aria serena, siamo tranquilli e non abbiamo paura di niente. I tifosi si stanno preparando, il clima è buono, abbiamo 3 punti e veniamo da una vittoria in trasferta, quindi siamo fiduciosi”.

Antonelli: “Un derby è sempre salutare per il calcio perchè risveglia tutti gli animi dei tifosi”.

 

Che importanza ha questa partita per la sua squadra e la  sua città?

Tardella: “Per me è una partita come tutte le altre, non ci sono 6 punti in palio, ce ne sono 3. Al di là della rivalità delle due città, le quali rischiano entrambe di diventare provincia di qualche altro posto, non c’è altro”.

Antonelli: “Per la squadra riveste la stessa importanza di ogni altra gara mentre per quanto riguarda la città è ovvio che questa sfida è particolarmente sentita per questioni di campanilismo. Vincere il derby con la Maceratese è sempre un piacere, l’aspettativa di tutto l’ambiente è molto elevata e la squadra è molto concentrata e sa dell’importanza della posta in palio”.

 

Quanti tifosi si aspetta domenica?

Tardella: “Tanti, tanti, lo vorrei vedere strapieno. Come quando tanti anni fa vidi il derby dalla tribuna con mio padre, e c’era in gradinata un pesce enorme, grosso come una casa. Ai tifosi dico di venire di fare il dodicesimo uomo in campo e di sostenere la Maceratese, di continuare a credere in un gruppo di ragazzi che domenica scorsa ha dimostrato con quale caparbietà e convinzione entra in campo”.

antonelli

Umberto Antonelli, presidente della Civitanovese

Antonelli: “L’obiettivo è quello di vedere almeno 5-600 tifosi rossoblu sulle gradinate dell’Helvia Recina. Invito i nostri tifosi a sostenerci dal primo all’ultimo minuto, sperando di prevalere sulla Maceratese anche come coreografia. Mi auguro che domenica sarà una sana giornata di calcio con una cornice di pubblico che possa essere nettamente da categoria superiore”.

 

Quali sono gli obiettivi per il campionato? 

Tardella: “Ora pensiamo alla partita con la Civitanovese; il nostro obiettivo è la salvezza, quello che verrà in più sarà tutto di guadagnato”.

Antonelli: “”Fare molto bene. Vogliamo migliorare il quarto posto dello scorso campionato anche se la partenza non è stata delle migliori”.

 

Che cosa ha in più e in meno la sua squadra rispetto all’altra?

Tardella: “In più la Maceratese ha un gran presidente (ride). Noi abbiamo cuore, voglia, caparbietà, tifosi… ci sono tante cose che abbiamo in più rispetto alla Civitanovese. Detto questo, abbiamo anche il massimo rispetto per l’avversario, per la società e per i suoi tifosi. Ma noi abbiamo più cuore e voglia, e io mi sento sostenuta dalla città, dall’amministrazione e dai tifosi. Questo è molto importante”.

Antonelli: “La Maceratese non l’ho mai vista giocare sinceramente ma conosco diversi giocatori. Loro hanno due attaccanti di primissimo livello e i nostri difensori dovranno stare molto attenti ma come organico non abbiamo nulla da invidiare al loro”.

 

Quale giocatore toglierebbe agli avversari?

Tardella: “Non leverei nessuno, il derby è una bella sfida tra due squadre forti. Non vogliamo avere alibi, il nostro obiettivo è vincere con tutti i migliori giocatori in campo”.

Antonelli: “Nessuno, altrimenti lo avrei portato alla Civitanovese…”.

Tifosi-Maceratese-4-300x200

I tifosi della Maceratese sono pronti per il derby

 

Un pronostico sulla partita?

Tardella: “Non mi sbilancio: dico che non perderemo”.

Antonelli: “Vinciamo noi 3-1 con doppietta di Galli e gol di Boateng. Per loro a segno Negro”.

 

Che messaggio rivolge al presidente avversario?

Tardella: “Un messaggio di grande fair play tra due società importanti della provincia di Macerata, probabilmente sarà una partita dura ma speriamo rispettosa delle regole, degli avversari e dei tifosi che verranno a vederela. Spero di non vedere le stesse che ho visto domenica scorsa a Pesaro, né in campo né fuori”.

Antonelli: “Gli faccio un grande in bocca al lupo per il campionato ma nel derby spero (logicamente) nella vittoria della Civitanovese. La speranza, a prescindere dal risultato del campo, è quella di godere di una sana giornata di sport con gli spalti gremiti. Non vedo l’ora che arrivi domenica…”.

Maceratese-Civitanovese, la storia del derby

Giorgio Galli, il grande ex “Maceratese, daremo tutto per batterti”

Maceratese-Civitanovese E’ caccia al biglietto

tifosi-civitanovese

I tifosi della Civitanovese



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X