La Regione commissaria l’Erap
e nomina Giorgio Meschini

L'ex sindaco di Macerata sarà affiancato da cinque direttori
- caricamento letture
meschini_web

Giorgio Meschini

La giunta regionale ha deciso il commissariamento dell’Erap, l’ente per l’edilizia residenziale pubblica: un passaggio per arrivare poi alla costituzione di un unico ente regionale. Giorgio Meschini, ex sindaco di Macerata, e’ stato nominato commissario unico. L’assessore all’Edilizia pubblica Antonio Canzian ha presentato una proposta di legge per la costituzione dell’ente unico.

Di seguito il comunicato della Regione Marche:

Nel quadro di drastica riduzione delle risorse statali alle Regioni e agli Enti locali, la Giunta regionale delle Marche ha stabilito il commissariamento dell’Erap quale passaggio per giungere alla costituzione di un unico Ente regionale per l’abitazione pubblica. La Giunta, spiega una nota, non ha proceduto al rinnovo della cariche direttive (presidente, vice presidenti e direttori), ma ha commissariato gli Erap e presentato una proposta di legge – a iniziativa dell’assessore all’Edilizia Pubblica, Antonio Canzian – per la costituzione di un Ente unico. Giorgio Meschini e’ stato nominato commissario unico e verra’ affiancato da cinque direttori, in attesa dell’approvazione della proposta di legge: Pierluigi Ascoli (Erap Ancona), Daniele Staffolani (Erap Macerata), Sauro Vitaletti (Erap Fermo), Mirco Trape’ (Erap Ascoli Piceno), Gaetano Gentilucci (Erap Pesaro e Urbino). Le modalita’ del commissariamento configurano l’obiettivo della proposta di legge, un Ente unico, con un amministratore unico (il direttore regionale) e 5 articolazioni territoriali (aree vaste) coincidenti con la dimensione provinciale. La scelta di procedere verso un solo organismo, alle dipendenze della Regione Marche e deputato alla gestione, alla progettazione, alla costruzione, ristrutturazione e recupero degli immobili pubblici, scaturisce – e’ stato ribadito durante il dibattito in Giunta – dalla necessita’ di recuperare produttivita’ ed efficienza, alla luce del quadro economico nazionale che taglia i fondi alle Regioni e agli Enti locali, e corrisponde anche all’indicazione data dai partiti di riformare e tagliare gli enti con lo stesso obiettivo. La riduzione dei costi diventa una priorita’ per recuperare risorse da investire nelle politiche abitative, cosi’ come risulta necessario negli altri settori amministrativi che vedono una drastica contrazione dei trasferimenti nazionali.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X