Renzo Bossi a Civitanova:
“La Lega conquisterà le Marche”

Il figlio del Senatur contestato a Fermo e applaudito al Miramare. Capponi attacca Silenzi e pungola il Comune. Domani arriva Lupi. Marcucci replica all'Udc
- caricamento letture
renzo-bossi-miramare-1-300x199

Renzo Bossi, Franco Capponi e Rodolfo Paolini

di Laura Boccanera

E  alla fine è arrivato anche il “delfino” di Umberto Bossi: il consigliere regionale leghista della Lombardia Renzo Bossi è  giunto in perfetto orario al Miramare dopo aver inaugurato la nuova sede della Lega a Fontespina. Tenuta d’ordinanza, giacca bianca, completo nero e fazzoletto verde con la stella alpina Renzo Bossi ha portato il sostegno al candidato presidente Franco Capponi presente all’incontro. Una riunione più tranquilla rispetto a quella fermana dove il giovane rampollo leghista è stato contestato da un gruppo di giovani dei centri sociali. Il figlio del leader della Lega Nord e’ poi salito sul predellino di un’auto e ha parlato da li’ sotto i fischi di una trentina di giovani che gli gridavano contro: “Ti e’ piaciuta la visita in Terronia?”.

renzo-bossi-a-fontespina-1-300x200

A Civitanova tutto invece è filato liscio e di fronte alla platea di candidati e di simpatizzanti (c’erano anche alcuni bimbi con le magliette della Lega “grazie mamma che mi hai fatto bella e padana”) ha sostenuto Capponi: <<Nelle Marche vedo la Lega di 20 anni fa in Lombardia, con una grande voglia di fare, la gente ha capito e toccato con mano i disastri di questa politica>>.

Nel discorso del giovane leghista anche alcuni riferimenti al federalismo fiscale <<andava fatto 150 anni fa>> e alla situazione dei giovani precari e al sistema dell’istruzione italiana: <<non ha senso fare università di 3 o 5 anni se poi non hanno sbocchi lavorativi, occorre un modello di sviluppo legato al territorio e riportare le scuole professionali vicine alle esigenze produttive locali>>. Poche parole invece su un altro candidato, Enzo Marangoni , ex leghista: << è una persona che ha preso un’altra strada, della sua vita faccia quello che vuole, ma noi proprio non lo temiamo>>.

renzo-bossi-miramare

<<Noi qui nelle Marche combattiamo la secessione da Ancona – ha sottolineato Franco Capponi – abbiamo un governo anconacentrico e abbiamo messo le barriere al nord rosso dell’Emilia Romagna, il modello anconetano è un modello debosciato, la sinistra in questa regione governa interamente la sanità e il sistema pubblico>>. Interessante anche la parentesi su Civitanova, quando Capponi spaziando negli obiettivi del programma non ha risparmiato stoccate all’ex presidente della provincia Giulio Silenzi e all’amministrazione comunale di Civitanova per quanto riguarda l’area dell’ex liceo scientifico: << la sinistra sta facendo disinformazione, ma è un problema anche dell’amministrazione comunale di Civitanova che deve capire cosa fare di quella zona. La provincia sotto Silenzi nel 2006 ha deciso di vendere il liceo scientifico, un’operazione che poi non andò in porto e allora sotto campagna elettorale si speculò dando la disponibilità dell’utilizzo alla Caritas e dicendo che nei progetti futuri avrebbero destinato l’area a grande centro sociale per i giovani. Peccato che aveva già messo in bilancio, e speso, le entrate che sarebbero dovute pervenire dalla vendita. Noi abbiamo bloccato la dismissione e chiesto al Comune cosa volevano fare di quell’area e cosa serviva al quartiere. Noi cederemo l’area pubblica al quartiere per i servizi di cui avrà necessità>>.

renzo-bossi-a-fontespina

(foto di Roberto Vives)

* * *

E’ atteso invece per domani sera alle ore 21.30 presso l’hotel Cosmopolitan il Vice Presidente della Camera, Maurizio Lupi.

***

Intanto Umberto Marcucci, candidato del Pdl a Civitanova, risponde alle dichiarazioni arrivate dall’Udc:

Basta con le dichiarazioni che esprimono il contrario della verità. Mi viene da ridere pensando alle dichiarazioni dei segretari nazionale e regionale  dell’UDC:” loro fanno a gara a stare sempre più a destra”. Evidenzio le ragioni, Vorrei spiegare ad entrambi, Cesa e Pettinari, che il Popolo della Libertà è il più grande partito che in Europa aderisce al Partito Popolare Europeo e ne rappresenta i valori fondamentali che partono dalle nostre comuni radici cristiane: la libertà e la dignità della persona, la sacralità della vita umana, l’eguaglianza, la difesa della famiglia naturale, la giustizia, la legalità, la solidarietà e la sussidiarietà. Ecco, il più grande partito, sopra il 30% cioè un partito a due cifre. Questo partito, coerentemente con quanto avviene in tutto il mondo occidentale, si allea con chi rappresenta i valori della destra e forma pertanto il centrodestra che è alternatvo alla sinistra.

renzo-bossi-a-fontespina-2-300x200

La coalizione avversaria che dichiara “di aver voluto riunire le forze moderate” ha nella sola Udc tale espressione e rappresenta non più del 6 % dell’elettorato. Quindi è bene chiarire, cari segretari, con chi state. La vostra alleanza ha un padrone e si chiama PD, il partito che ha la maggioranza assoluta, cioè gli ex PCI, PDS e DS, poi c’è il partito che tutto rappresenta meno la moderazione, l’IDV, non tralasciamo la lista civica formata da rappresentanti dell’Arci e altre componenti varie. Ecco o la definiamo l’alleanza di sinistra”centrino” o il “centrino”sinistra”. Questa è la verità e come ha evidenziato alcune settimane fa un autorevole esponente del vostro partito, “quali valori ci accomunano, quale politica culturale ci accomuna, quale politica infrastrutturale ci accomuna, quale sviluppo turisitico ci accomuna se abbiamo sempre indicato soluzioni opposte”? E cito alcuni esempi, la megasuperstrada della Val Potenza? come fate a condividere le posizioni divergenti? Il sistema turistico locale unico non costituito per l’opposizione strumentale dei comuni guidati dalla sinistra? Quale posizione? Mi fermo.

Caro Presidente Capponi, ti invito a non cadere nelle provocazioni dei sinistri”centrini” e parliamo solo degli obiettivi programmatici che tutta la coalizione ha condiviso prima, nel 2009 e anche oggi, nel 2011. Possiamo solo dichiararli perchè li abbiamo comuni, non mi sembra che, al di la dei proclami fatti “parliamo dei programmi” ne abbiano mai esternato uno concreto dall’altra parte. Difficile conciliare gli opposti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X