Capponi: “Combatteremo
questo scandalo
delle sentenze”

L'intervento
- caricamento letture

capponi-franco-provincia

Dopo la definitiva chiusura della Lam per un accordo dalle possibilità giuridiche comunque remote, interviene Franco Capponi:

Portare la Provincia di Macerata a nuova elezioni è un gesto di totale irresponsabilità. Spendere, infatti, oltre un milione e 700 mila euro per ripetere le operazioni elettorali già svolte e che hanno democraticamente determinato il vincitore, bloccando la gestione amministrativa della Provincia per un anno e più significa uccidere la provincia di Macerata sul piano dello sviluppo socio-economico del territorio, considerando anche che i costi per le elezioni non permetteranno il riassorbimento dei tagli a livello di finanziamenti statali pari a 2 milioni e 200 mila euro nel 2011 e a 3 milioni e 800 mila euro per il 2012. Chi si occuperà per tutto questo tempo della gestione della rete stradale, dell’edilizia scolastica superiore, dei servizi ambientali e della programmazione urbanistica, delle deleghe per il turismo e la cultura, della politiche comunitarie, dei servizi per il lavoro, delle formazione professionale e di quant’altro compete oggi alla Provincia?
Alla LAM è stata offerta una via d’uscita programmatica per evitare le elezioni con un progetto politico senza accordi sotto banco. Questo è stato, è e sarà il nostro lineare comportamento.
Certamente la via scelta da Gentilucci sarà stata concordata con la irresponsabilità del centro sinistra di questa Provincia, che non ha accettato la sconfitta democratica del giugno 2009. Con l’annullamento delle elezioni e il commissariamento della Provincia, noi veniamo derubati della guida dell’Ente a cui eravamo stati democraticamente chiamati e che stiamo svolgendo nell’interesse di tutti i maceratesi.
Cosa faremo ora? Combatteremo prima di tutto per le vie giudiziarie per contrastare gli effetti da questo scandalo delle sentenze. Chiederemo i danni a chi ha sbagliato nei vari gradi di giudizio e ci prepariamo alla battaglia elettorale per riportare la legalità e la democrazia in questa provincia.
I danni sono irreparabili, ma almeno cercheremo di garantire alla comunità maceratese una guida sicura, come abbiamo dimostrato di essere in grado di fare in questi ultimi dodici mesi. Questo ci adopereremo a far comprendere a tutti i maceratesi.
Ricordo a Gentilucci e agli altri componenti della LAM che “non è ancora notte a Macerata” e che quindi sono ancora in tempo a compiere un gesto nobile. Contrariamente se ne dovranno assumere tutte le gravissime responsabilità.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X