La Lube pensa in grande
Partita la caccia a Kaziyski

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

VOLLEY-WORLD-MEN-JPN-BUL-ESP

di Andrea Busiello

Il grande obiettivo della Lube in questo mercato, che in silenzio è già partito, ha un solo nome e cognome e porta dritto dritto a Matey Kaziyski (nella foto mentre attacca con la maglia della nazionale).

Questo è quanto ci riferiscono le nostre fonti che però ora vengono categoricamente smentite dalla società della Lube.

Lo schiacciatore bulgaro ha bisogno di ben poche presentazioni perchè a ragion veduta è definito il miglior bombardiere di posto 4 del mondo. Il classico atleta che viene ritratto con un semplice aggettivo: “Campione”. La Lube potrebbe fare le carte false per cercare di strappare il bulgaro alla formazione campione d’Italia in carica di Trento anche se la trattativa, tra smentite clamorose e inevitabili mosse di mercato di copertura sarà lunga, tortuosa ma non impossibile. Dicevamo lunga. E si, non può che essere estenuante una trattativa per cercare di avere il miglior giocatore in circolazione ed allora quale potrebbe essere la strategia di Giulianelli e soci per convicere dapprima patron Mosna e successivamente il bulgaro a cambiare casacca? Quella di costruire ponti d’oro ad entrambi. Quindi la Lube dovrebbe presentare una mega offerta al presidente di Trento che dinanzi ad una cifrona, quantomeno sarà costretto a pensarci bene di notte. E forse anche per molte notti. Per arrivare al bulgaro sarà intrapresa la stessa strategia, cercando di offrire un robusto contratto in termini economici avvicinato da una scadenza contrattuale lunga da far si che Matey possa ritenersi soddisfatto della proposta. Inutile sottolineare che lo stesso atleta sa benissimo, inoltre, che accettare la piazza di Macerata significherebbe di gran lunga partire in pole position, distanziati di vari chilometri o non solo metri, rispetto a qualsiasi squadra italiana ed estera. Altro punto forte della Lube è certamente rappresentato dal fatto di disputare anche nella prossima stagione la Champions League. Ultimo aspetto, che può sembrare banale ma che invece non lo è, è’ l’aspetto psicologico. Kaziyski in quel di Trento è ovviamente portato come un salvatore della patria ma il giovanotto (non dimentichiamo che è un classe ’84) deve affrontare ogni gara con la concentrazione massima e la consapevolezza che se lui non dovesse essere in giornata la squadra con ogni probabilità non riuscirebbe a fare risultato ed allora dove andare meglio che in un club dove si, sarebbe il fuoriclasse numero uno, ma nel quale si formerebbe un’autentica corazzata? In un’ipotetica formazione con Vermiglio-Omrcen in diagonale, Kaziyski-Martino in banda ed al centro chiunque esso sia (tra Lebl, Rodrigao, Podrascanin o altri eventuali nomi) con Corsano libero il bulgaro sentirebbe di gran lunga di meno lo stress psicologico, consapevole che se non girasse al 100% per qualche gara la Lube avrebbe altre bocche da fuoco sulle quali puntare per vincere. Insomma come abbiamo detto in apertura la trattativa ci sarà, magari sarà sottobanco, non sarà pubblicamente riferita da nessuna delle due parti ma in definitiva le strade di Kaziyski e della Lube non sembrano essere così distanti. Almeno a Macerata se lo augurano tutti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X