Caso tavolini, scintille in giunta:
resta la revoca per Cabaret e Hab.
Parcaroli: «Un regolamento a breve»

MACERATA - Alta tensione nella riunione di oggi, scontro dialettico tra gli assessori Renna e Laviano. Iommi si schiera per il sì al rinnovo della concessione per il bar Cabaret mentre il sindaco assicura: «Vogliamo dare risposte giuste a tutti i commercianti purchè si rispetti il decoro della città. Non sono certo io quello che li ostacolerà»

- caricamento letture
Vicolo-Consalvi_FF-10-650x488

L’ingresso di vicolo Consalvi

di Luca Patrassi (Foto di Fabio Falcioni)

Vicolo Consalvi è salvo, per ora resta “patrimonio dell’umanità” e senza tavolini. Così come non ci saranno più rischi di “congestione veicolare” in via Gramsci dovuta ai tavolini del pub Hab. Ironia a parte, è questa la decisione di oggi della giunta comunale che ha affrontato la questione lasciando tutto com’era, quindi con i due no espressi dalla burocrazia comunale alle richieste di proroga delle autorizzazioni per l’occupazione di suolo pubblico del bar Cabaret e di Hab.

HAB_FF-2-650x488

Il pub Hab in via Gramsci

In giunta è accaduto di tutto, nervi un po’ tesi e parole in libertà, c’è anche chi ha contestato la rilevanza dell’argomento dei tavolini.

Cabaret_FF

Il bar Cabaret

Da quanto appreso stato un approccio dialettico piuttosto pepato dell’assessore Paolo Renna all’indirizzo dell’assessora Laura Laviano («Fai sempre casini») che ha risposto per le rime («Pensa a quello che fai tu»), poi è intervenuto l’assessore ai Lavori Pubblici Andrea Marchiori (in cordata l’assessora alla Cultura Katiuscia Cassetta collegata da remoto) che ha assicurato che l’argomento era già stato discusso in giunta (ci sono diversi assessori e il sindaco che non devono essersene accorti) e che l’intervento artistico fatto su vicolo Consalvi è oggetto di plauso in ambienti accademici nazionali e di pubblicazioni. L’assessore all’Urbanistica Silvano Iommi si è detto favorevole al fatto che ci siano i tavolini, anche in vicolo Consalvi («un ambiente freddo che va umanizzato»).

Vicolo-Consalvi_FF-4-650x488E il sindaco Sandro Parcaroli che l’altro ieri aveva assicurato che oggi avrebbe risolto la questione? «Adotteremo in tempi brevi un regolamento che non dia adito a situazioni dubbie e dia risposte giuste a tutti i commercianti purché si rispetti il decoro della città. Non sono certo io quello che ostacolerà l’iniziativa dei commercianti, ben vengano e nessuno si permetta di dire che si ostacola qualcuno per ripicca».

Se la linea è quella di sostenere gli investimenti dei privati senza fare distinzioni poco comprensibili, si poteva iniziare con il non sostenere atti dirigenziali come quelli firmati per il bar Cabaret e per il pub Hab, anche perché i tempi della politica e i fatturati delle aziende non marciano di pari passo. Poi perché chi legge, e non conosce la città, può veramente pensare che il riferimento artistico e architettonico di Macerata sia (solo) vicolo Consalvi e non la Loggia dei Mercanti, piazza della Libertà, il loggiato del Comune, piazza San Giovanni, palazzo Buonaccorsi, piazza Mazzini, Sferisterio, galleria Scipione, tutti luoghi ad alta densità di tavolini.

hab1-650x414

I tavolini di Hab in via Gramsci

 

Vicolo-Consalvi_FF-1-650x488

 

Vicolo-Consalvi_FF-7-650x488

 

La “cacciata” dei tavolini, Ricotta: «Date motivazioni strumentali». Miliozzi: «Punito chi critica la Giunta»

La bagarre per il no ai tavolini all’aperto. Il sindaco Parcaroli interviene: «Mercoledì risolviamo la questione»

La commedia del no ai tavolini, colpito anche il pub Hab: «Congestione del traffico»

«Via i tavolini del bar da vicolo Consalvi: è un simbolo culturale della città»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X