Nuovo percorso per Palazzo Ricci
e ci sono anche le opere di Tullio Crali
«Deve essere il salotto di Macerata»

CULTURA - Domani saranno riaperte le sale. In mostra 180 opere, tra dipinti e sculture con cui il direttore artistico Roberto Cresti ha ripensato il viaggio nell'arte italiana del XX secolo: «L'idea di fondo è veicolare l'accoglienza e dare l'idea di un luogo in cui trovare piacere. Per farlo abbiamo trattato ogni parete come fosse una stanza»

- caricamento letture
Palazzo-Ricci_FF-3-650x434

La visita al nuovo percorso espositivo, da sinistra le eredi Crali, il presidente Francesco Sabatucci, l’assessora Katiuscia Cassetta e Roberto Cresti

di Alessandra Pierini (foto di Fabio Falcioni)

«Vogliamo che Palazzo Ricci non sia un museo ma diventi il salotto di Macerata». Il professor Roberto Cresti ha salutato così questa mattina il riallestimento delle sale che saranno riaperte domani (8 dicembre), come da tradizione. Altra sorpresa è l’esposizione di alcuni capolavori del maceratese Tullio Crali che arricchiranno l’esposizione grazie al rapporto di collaborazione con le eredi. Un lavoro di squadra e di sinergia tra enti e persone che ha dato preziosi frutti.

Palazzo-Ricci_FF-14-325x217

La presentazione di questa mattina

Lo ha sottolineato Gianni Fermanelli, segretario di Fondazione Carima: «Il direttore artistico Roberto Cresti su impulso della Fondazione ha ripensato completamente il viaggio nell’arte italiana del XX secolo attraverso 180 opere tra dipinti e sculture. Abbiamo lavorato con il Comune ma anche con Alvaro Valentini, giornalista e critico d’arte, che ha fatto da tramite con la famiglia Crali. Barbara Bianchi si è messa a disposizione e ha affiancato il professor Cresti. Insomma ognuno ha fatto la sua parte».

«Palazzo Ricci è palazzo Ricci – ha precisato Cresti – non abbiamo fatto una  rivoluzione assoluta. Il tema è la continuità di un secolo e abbiamo voluto affrontarlo mettendo vicino opere anche diverse, perché l’arte è fatta anche di diversità. L’idea di fondo è veicolare l’accoglienza e dare l’idea di un luogo in cui trovare piacere. Per farlo abbiamo trattato ogni parete come fosse una stanza».

Operazione riuscita grazie, non solo alla nuova disposizione delle opere che si pone l’obiettivo di far dialogare tra loro artisti, vivi e morti che siano, ma anche grazie alla cartellonistica e alle didascalie di grande immediatezza e che si prestano alle esigenze di ogni tipo di visitatore. Così anche i nomi delle sale che, quasi come un suggerimento, danno con immediatezza un senso a ciò che si vede.

Cresti_Palazzo-Ricci_FF-2-325x217

Il professor Roberto Cresti

Presenti anche le eredi Crali che hanno concesso in comodato tre opere dell’artista maceratese di adozione: «Il professor Cresti – ha detto Anna Crali – ha dato coerenza e un tocco di poesia a queste opere. Alvaro Valentini ha reso possibile questa azione, è stato insostituibile».

La forza della curva, Forze dell’infinito e Distruzione e costruzione risalenti agli anni Trenta, sono i tre quadri inseriti nelle sale dedicate al Futurismo e all’Aeropittura di cui Crali è stato un insigne esponente a livello nazionale e internazionale».

«La profonda conoscenza dell’arte e della cultura del ventesimo secolo e il grande rigore scientifico di Crespi –  ha spiegato il presidente Francesco Sabatucci Frisciotti Stendardi – hanno consentito la realizzazione di questa operazione straordinaria per la quale lo ringrazio dando una nuova veste a palazzo Ricci che sono certo verrà apprezzata dai visitatori».
Palazzo-Ricci_FF-4-325x217Ha sottolineato la forte sinergia di Fondazione e Comune l’assessora Katiuscia Cassetta: «Siamo in dialogo con gli appassionati della città, in uno scambio continuo. Palazzo Ricci, pur non facendo parte del patrimonio del Comune, è a tutti gli effetti parte della nostra offerta culturale e turistica».

In un’ottica di apertura alla provincia e di contaminazione dell’attività classica dell’ente con temi nuovi, come ad esempio la sostenibilità, è stata anche ricordata questa mattinala tavola rotonda “Obiettivi di cambiamento” che si svolgerà venerdì 15 dicembre all’auditorium San Francesco a Morrovalle.

Anna-Crali_Palazzo-Ricci_FF-9-650x434

Anna Crali

Cassetta_Palazzo-Ricci_FF-7-650x434

Cassetta_Palazzo-Ricci_FF-12-650x434



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X