Stavolta sono tutti d’accordo:
«La nuova strada sulla Val Potenza
deve essere una priorità» (Foto)

MACERATA - Una sorta di patto tra politica e associazioni di categoria oggi pomeriggio al Lauro Rossi per avere un progetto definitivo entro luglio. Il governatore Acquaroli: «E’ una vallata isolata tra nord e sud delle Marche e necessita di infrastrutture per restare competitiva, dare sicurezza alla viabilità e guardare al futuro delle nostre imprese e del turismo. Sarà collegata al casello dell'A14 tra Porto Potenza e Porto Recanati per il quale siamo a buon punto». L'assessore Baldelli: «Vogliamo mettere in sinergia le nostre 4 superstrade marchigiane». La carreggiata avrà uno sviluppo di oltre 4 metri in più dell'attuale, prevista anche una ciclabile
- caricamento letture
ValPotenza_FF-19-650x434

Un momento dell’incontro di oggi pomeriggio al Lauro Rossi

di Mauro Giustozzi (foto di Fabio Falcioni)

Progettazione definitiva entro il prossimo mese di luglio, molto avanti verso il progetto esecutivo, la suddivisione in lotti dell’intervento per accedere a risorse del Pnrr e Pnc per costruire una nuova strada sugli 87 chilometri della Val Potenza.

Acquaroli_ValPotenza_FF-15-325x217

Il governatore Francesco Acquaroli, il prefetto Flavio Ferdani e il presidente della Provincia Sandro Parcaroli

Questo il cammino per togliere dall’isolamento un’area produttiva importante, densamente popolata, che attende da decenni una infrastruttura moderna, sicura come accaduto sulla valle del Chienti. ‘Val Potenza, il futuro in una strada’ è stato il tema di un incontro organizzato da Confindustria, Cna, Coldiretti, Confartigianato Imprese e Confcommercio Marche Centrali che ha coinvolto tutti gli attori politici, amministrativi e imprenditoriali che gravitano soprattutto sulla vallata del Potenza.

ValPotenza_FF-12-325x217L’incontro ha visto la partecipazione di Matteo Giaccaglia, dirigente ufficio Tecnico e Viabilità della Provincia di Macerata, Antonello Fontanili direttore Uniontrasporti, Francesco Baldelli assessore Infrastrutture Regione Marche, Gino Sabatini presidente Camera di Commercio, sindaci come Noemi Tartabini (Potenza Picena), Patrizio Leonelli (Castelraimondo) ed i presidenti territoriali delle organizzazioni datoriali Sauro Grimaldi (Confindustria), Enzo Mengoni (Confartigianato Imprese), Maurizio Tritarelli (Cna), Francesco Fucili (Coldiretti), Giacomo Bramucci (Confcommercio Marche) col presidente della Regione, Francesco Acquaroli che tirato le conclusioni. Ad aprire l’evento sono stati i saluti portati dal sindaco di Macerata, Sandro Parcaroli, e dal prefetto Flavio Ferdani.

Acquaroli_ValPotenza_FF-14-325x217

Francesco Acquaroli, presidente della Regione Marche

«E’ una vallata che necessita di infrastrutture per restare competitiva, dare sicurezza alla viabilità e guardare al futuro delle nostre imprese e del turismo, riscoprendo una centralità. –ha sottolineato il presidente Acquaroli – La valle del Potenza resta isolata tra nord e sud delle Marche, un territorio che ha una enorme attrattività, il Colle dell’Infinito e Leopardi solo per dirne una, con potenzialità enorme. Per fare questo c’una filiera istituzionale che parte dal Ministero che deve dare l’input definitivo per l’uscita autostradale per la realizzazione del casello a Porto Potenza, e qui siamo in una fase avanzata della progettazione, tutti gli step sono stati fatti. Ora bisogna dare l’ultimo input che arriva all’apertura del cantiere. Dall’altra parte la Regione ha stanziato, visto quanto fatto dal governo per l’altra parte del collegamento Chienti-Potenza, una risorsa molto importante per arrivare sino al ponte di Villa Potenza e collegare una viabilità fondamentale per la sanità e per alleggerire su Macerata e le valli il traffico pesante. Sono opere datate nella progettazione, questa volta possiamo arrivare ai cantieri, visto che il Cipe ha fatto un passo decisivo per la Pieve-Mattei, e dall’altra parte dico che siamo davanti a uno stanziamento importante fatto dalla Regione per completare l’opera. Costruito il casello autostradale e l’intervalliva Chienti-Potenza e raggiunto questo risultato risulta inevitabile un potenziamento della Val Potenza stessa che restituirà competitività a questi territori».

Calamita_Sclavi_ValPotenza_FF-6-325x217

Tanti sindaci ed esponenti politici in platea

Due i progetti che la Provincia ha nel passato presentato per migliorare la viabilità su quel versante: il primo un percorso fuori dall’attuale sede su due corsie che dalla costa conduceva addirittura in Umbria, a Nocera. Il secondo nel 2006 con un collegamento a quattro corsie extraurbano come quello costruito sulla Val di Chienti. Progetti rimasti nei cassetti ed ora arriverà questo terzo tentativo in estate. «C’è un concorso di progettazione che la Provincia di Macerata ha già pubblicato per realizzare il nuovo collegamento tra Villa Potenza e l’autostrada A14. –ha ricordato il dirigente Giaccaglia – Tale bando prevede l’acquisizione tra qualche mese di un progetto di fattibilità tecnico-economico che potrà essere posto alla base di gara qualora l’intervento venga finanziato con fondi Pnc e Pnrr come previsto dal bando di gara. La suddivisione in lotti funzionali dell’intervento favorirà il reperimento di risorse per la concreta realizzazione dell’opera. La progettazione è in linea con le direttive europee che prevede un limitato consumo di suolo. Abbiamo incentivato nel bando con punteggi a chi riuscirà a riutilizzare il maggior tracciato esistente, limitando quindi consumo di territorio e impatto ambientale che un’opera viaria comporta. Le criticità sono legate all’attraversamento dei centri abitati che determina un flusso veicolare interrotto e poco scorrevole con rischi sia di inquinamento che ai pedoni che sono in questi centri. Il problema principale sarà proprio il superamento di questi centri abitati che sono disseminati lungo l’attuale tracciato».

SauroGrimaldi_ValPotenza_FF-20-325x217

Sauro Grimaldi, presidente di Confindustria di Macerata

Molte le novità previste per questa importante arteria sulla Val Potenza che va dal nuovo casello autostradale tra Porto Recanati e Porto Potenza  al collegamento tra Macerata e Villa Potenza che si innesta all’intervalliva Macerata-Sforzacosta e al nuovo ospedale cittadino, l’ampliamento del Sp361 fino a Castelraimondo e all’intersezione con la Pedemontana delle Marche, nel tratto Matelica-Muccia.

«Il futuro è il gioco di squadra che la Regione sta mettendo in campo in questo territorio e nelle Marche in una visione complessiva delle nostre infrastrutture che vanno dal trasporto su gomma fino a quello ferroviario. –ha detto l’assessore Baldelli – Siamo oggi qui a Macerata perché stiamo trasformando una infrastruttura su gomma che era a pettine in una infrastruttura a maglia. Significa che vogliamo così collegare le nostre valli superando quelle barriere che la natura ha frapposto tra le comunità e rendendo sinergico anche la nostra struttura economica e imprenditoriale del territorio. Un grade slancio verso quello che deve essere il futuro delle Marche che è nato da un fondo rotativo che noi abbiamo previsto dal nostro insediamento e che mancava alla nostra Regione da oltre 12 anni. Vogliamo mettere in sinergia le nostre 4 superstrade marchigiane dalla Salaria alla Fano-Grosseto passando per la Quadrilatero, non lasciando indietro quelle valli che hanno avuto meno sviluppo e meno investimenti».

ValPotenza_FF-3-325x217Particolarmente rilevante lo studio fatto da Uniontrasporti sui benefici che avrebbe una nuova arteria sulla Val Potenza. «Più che uno studio di fattibilità ci è stato chiesto di fare una valutazione di impatto socio-economico-ambientale di questa nuova arteria –ha affermato Antonello Fontanili – per migliorare la Val Potenza che serve un territorio importante per le Marche, dove sono insediate imprese che hanno bisogno di infrastrutture efficienti. Quello che viene fuori è l’importanza di migliorare la viabilità: tramite un modello econometrico noi abbiamo calcolato che tiene conto di diverse variabili che valorizzano il tempo guadagnato da imprese e cittadini nel percorrere una nuova arteria. Rivedendo totalmente la Val Potenza, con raddoppio delle corsie, per ogni euro che viene investito in questo intervento c’è la possibilità di portare sul territorio un valore aggiunto di 3,8 volte quanto investito. Un vantaggio competitivo per il territorio importantissimo. La valutazione inversa, cioè se questi miglioramenti non si facessero, per il territorio ci sarebbe un costo del non fare, una perdita di attrattività causa una viabilità scadente pari a circa 2 miliardi nei prossimi 25 anni, vale a dire quasi 77 milioni di euro l’anno che vengono persi dall’economia del territorio».

ValPotenza_FF-13-325x217

L’assessore regionale Francesco Baldelli e Noemi Tartabini, sindaca di Potenza Picena

Accanto al progetto del nuovo tracciato stradale è prevista anche una ciclabile mentre la carreggiata avrà uno sviluppo totale di 10,5 metri rispetto agli attuali 6 metri. «Le infrastrutture sono determinanti. Da uno studio fatto nel 2019 le Marche registrano una perdita di circa 5 milioni l’anno di pil proprio per questa grave carenza infrastrutturale. –ha affermato il presidente della Cciia Marche, Sabatini- Non solo quello viario ma anche legato al digitale. Abbiamo messo in campo con la Regione e le associazioni di categoria, prendendo spunto da una ricerca fatta a livello nazionale di un libro bianco in proposito. Coi fondi che arriveranno col Pnrr si possono valorizzare arterie che sono indietro e che invece sono determinanti per lo sviluppo imprenditoriale e di un intero territorio. Per le Marche abbiamo puntato anche sulla Val Potenza dopo un incontro fatto qui con Confindustria Macerata e da loro veniva questa indicazione su questa infrastruttura. Con le altre organizzazioni di categoria abbiamo aperto questo tavolo, con le imprese, con Uniontrasporti, proprio per comprendere al meglio lo sviluppo economico che può avere su questa vallata una nuova strada. Si è visto che è più il costo per la perdita o non realizzazione di una infrastruttura che non la realizzazione stessa. Con la Regione l’obiettivo è di far dialogare porto, aeroporto, autostrada, ferrovia e tutte le arterie principali del territorio, tra cui la stessa Val Potenza».

ValPotenza_FF-10-650x434

ValPotenza_FF-9-650x434

ValPotenza_FF-18-650x434

L’intervento del vescovo Nazzareno Marconi

Parcaroli_ValPotenza_FF-2-650x434

Sandro Parcaroli, sindaco di Macerata e presidente della Provincia

Mengoni_ValPotenza_FF-22-650x434

Enzo Mengoni, presidente Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli-Fermo

Sabatini_ValPotenza_FF-16-650x434

Gino Sabatini, presidente Camera di Commercio

Ferdani_ValPotenza_FF-5-650x434

Il saluto del prefetto Flavio Ferdani

ValPotenza_FF-4-650x434

ValPotenza_FF-7-650x434

 

Il futuro della Valle del Potenza in una strada «Il collegamento è un’opera urgente»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X