Addio a Mario Monachesi,
una vita da usciere del Comune
tra dialetto, poesie e tradizioni

MACERATA - E' morto a 69 anni all'hospice di San Severino. Lascia la figlia Chiara. Il funerale venerdì alle 10. Curava da molto tempo una rubrica domenicale su Cronache Maceratesi. La sua ultima poesia
- caricamento letture

 

mario_monachesi-e1668852199847-650x433

Mario Monachesi

di Alessandra Pierini 

Le parole, i versi e le immagini. L’amore per il dialetto e per la sua Madonna del Monte, quartiere di Macerata, dove 69 anni fa era nato e dove ha vissuto. L’ironia e quegli aneddoti tutti maceratesi che per anni ha raccontato con ogni mezzo. E’ quello che resta di Mario Monachesi, poeta e cultore delle tradizioni maceratesi, nonché ex usciere del Comune di Macerata che lo ha avuto come front man per 40 lunghi anni. E’ morto questo pomeriggio all’hospice di San Severino dove era ricoverato dall’inizio dell’anno dopo un repentino peggioramento delle sue condizioni di salute.

mario_monachesi_premio_adriatico-1-325x395

Mario Monachesi ha ricevuto il premio dell’Adriatico nel 2019

Tutti a Macerata almeno una volta hanno avuto a che fare con Mario Monachesi, che sia all’ingresso del Comune, o ad una mostra d’arte che frequentava costantemente o a qualche evento di poesia e dialetto.
In Comune era arrivato nel 1976 ed è andato in pensione il 30 novembre 2016. Raccontava in quei giorni: «Sono stato assunto il 5 luglio 1976, avevo 23 anni non compiuti. Ricordo quel giorno come fosse oggi, non dimentico quel vestito bianco della “festa”, che mia madre ha voluto che indossassi, dicendomi: “vai su lu cumune…e recordete de sorride sempre”». E così ha fatto. Ha attraversato ogni epoca e conosceva probabilmente i segreti di tutti in Comune, ma ligio al dovere non ha mai rivelato nulla e questi segreti li porterà con sé. Indimenticabile il pesce d’aprile del 2012 che lui stesso ha organizzato in collaborazione con Cronache Maceratesi annunciando la pubblicazione del diario “Vizi privati e pubbliche virtù degli amministratori maceratesi”. Una pubblicazione che prometteva scottanti rivelazioni ma in realtà era solo uno scherzo che ben rivela lo spirito di Mario.
Una collaborazione quella con Cronache Maceratesi andata avanti per anni, in nome della conservazione delle tradizioni maceratesi e del dialetto. La sua rubrica della domenica era un appuntamento fisso e imperdibile a cui teneva tantissimo. Bastava tardare qualche minuto nella pubblicazione per essere “ammoniti” da Mario che attendeva trepidante. L’ultima puntata proprio il 1 di gennaio quando aveva scelto un titolo bene augurante “Annu nou, vita noa” che assolutamente nulla faceva presagire.

poesie_visive_coronavirus_mario_monachesi-1-325x386

Una delle poesie visive di Mario Monachesi

Un discorso a parte merita la poesia. La sua grande passione, grazie alla quale aveva intrecciato rapporti e collaborazioni con tanti artisti maceratesi, ad agosto gli era valsa un premio alla carriera in Abruzzo al concorso nazionale di poesia “Modesto della Porta”. E quelle poesie visive fatte con ritagli di giornali e parole costruite una ad una che tiravano fuori il suo lato fanciullesco e giocoso.

Non è stata tenera la vita con Mario Monachesi. La prematura morte, nel 2014, della moglie Sonia era stato per lui un dolore enorme. Proprio grazie alla poesia e agli amici artisti era riuscito ad andare avanti e a ritrovarsi. Viveva per la figlia Chiara che adorava.

Il funerale sarà celebrato venerdì alle 10 nella chiesa Santa Maria della Pace. Da domani alle 9 sarà allestita la camera ardente all’obitorio dell’ospedale di Macerata.

A Cronache Maceratesi ha lasciato una poesia da pubblicare in una giornata di pioggia. L’ha intitolata “La pioggia salata” ed è dedicata a questa terra che tanto amava. La pubblichiamo questa sera perché come sempre di questa pubblicazione sarebbe stato contento.

La pioggia salata

Se la pioggia
fosse salata
avrebbe sete
Macerata.
Lo griderebbe
anche a Cremona
pur Palermo
e pur Sulmona.
Porca vacca
direbbe leso
il tremante
iperteso.
Chiuso in casa
non uscirebbe
fine pioggia
aspetterebbe.
Or bisogna
stare attenti
anche al cielo
e suoi intenti?
No tranquilli
seppur lesto
questo scritto
non fa testo.
È uno scherzo
letterario
senza bandiera
senza orario.
Se davver la pioggia
fosse salata
avrebbe sete
Fiuminata.
Lo urlerebbe
fisso fisso
pure Treia
e pure Visso.
Ma la pioggia
meno male
ha le gocce
senza sale.
C’è piuttosto
da intimarle
scendi piano
e senza ciarle.
Niente frane
niente danni
dacci gioia
tutti gli anni.

mario_monachesi-1-488x650

Mario Monachesi

Annu nou, vita noa

Mario Monachesi va in pensione, 40 anni “su lu Cumune”

Svelati trentacinque anni di segreti amministrativi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X