Annu nou, vita noa

LA DOMENICA con Mario Monachesi

- caricamento letture
mario-monachesi-e1587885168418-325x308

Mario Monachesi

di Mario Monachesi

ANNU NOU, VITA NOA
Oppure “annu nou, frusta noa”.
*
PROVERBI PE’ CHJUDE L’ANNU VECCHJU E RAPRÌ’ LU NOU
Chjara notte de Capudannu, da slanciu a un bon annu.
*
Chj fadiga a Capudannu, fadiga tuttu l’annu.
*
Chj magna l’ua (o le linticchje) lu primu dell’annu, tocca li sordi tuttu l’annu.
*
Capudannu senza luna, sette ninte (nevicate), sopre a una.
*
Per l’annu nou tutte le gajine fa l’ou.
*
DA LA PASQUELLA MARCHIGIANA
L’anno novo è già venuto
giã che Dio ce l’ha mandato
ce l’ha mandato co’ alligria
bon anno novo e Bifania
ce l’ha mandato co’ alligria
bon anno novo e Bifania.
Fate presto e non tardare
che dal ciel cade la brina
ce fa venì’ la tremarella
bon anno novo e bona Pasquella
ce fa venì’ la tremarella
bon anno novo e bona Pasquella.
*
DA LA PASQUELLA MACERATESE
Bona sera bona jende
che noi siamo tutti amici;
vi portiamo la novella
l’annu nou e la Pasquella.
*
DU’ PUISIE
O anno nuovo che vieni a cambiare
il calendario sulla parete,
ci porti sorprese dolci o amare?
Vecchie pene o novità liete?
Dodici vi ho portati
nuovi di fabbrica,
ancora imballati:
trecento giorni e passa ho qui,
per ogni domenica il suo lunedì.
(Gianni Rodari, da Oroscopo)
*
Nella notte di magia
l’anno vecchio scappa via;
non sei neanche addormentato
che uno nuovo è già arrivato:
bello, ricco di giornate,
sia d’inverno che d’estate.
Anno allegro e fortunato
sia quest’anno appena nato.
(K. Jackson, Felice anno nuovo).
*
LI MESI
Trenta giorni ci-ha novembre, co’ aprì’, giugnu e settembre, de ventotto ce n’è unu tutti l’atri ce n’ha trentuno.
*
PROVERBI PE’ ‘GNI MESE
Non c’è gajina o gajinaccia che de jennà’ l’ou non faccia.
*
Febbrã’, febbrarittu curtu e malisittu.
*
Febbrà’ febbrarittu scorteca la capra e lu caprittu.
*
Se negne li jeci de febbrà’, l’invernata se ‘ccorcia de quaranta jorni
*
La née marzolina dura da la sera a la matina.
*
Aprì’ ‘na goccia a lu dì.
*
Né de magghju né de magghjó non te leà’ lu pillicció’.
*
Giugnu te paga o te castiga co’ la paja e co’ la spiga.
*
A giugnu vène o male ce sta sempre un temporale.
*
Luju portró’ reca la zucca co’ lu meló’.
*
Chj dorme d’agustu dorme a su costu.
*
Settembre o porta via li ponti o secca le fonti.
*
Aria settembrina frisco la sera e frisco la matina.
*
Se d’ottobre scroscia e trona l’invernata sarà bona.
*
Ottobre è quasci mattu ma gnisciù je l’ha mai ritrattu.
*
Lu ventu d’ottobre urla come l’orcu, fa cascà’ la janna che ‘ngrassa lu porcu.
*
Novembre jelato addio a lo seminato.
*
La née de novembre fa vè’ a la somente.
*
Dicembre avanti me scallo derèto me ‘ngènne.
*
Dicembre pija e no’ rènne.
*
ATRI PROVERBI SU L’ANNATA
Se marzu no’ marzegghja, c’è aprì’ che repparegghja.
*
Se marzu no’ marzegghja, giugnu non festegghja.
*
Se pioe tra luju e agustu, pioe mèle, ojo e musto.
*
Novembre trema tutto, dicembre sippillisce tutto.
*
L’annata de ‘bbonnanza dura undici mesi, quella de caristia tredici.
*
Se curti o lunghi l’anni dipende da l’affanni.
*
Chj per Natà’ no’ ‘mmazza lu porcu tuttu l’annu va co’ lu musu tortu.
*



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X