Guido Garufi


Utente dal
30/6/2010


Totale commenti
500

  • Luciani, il carabiniere presidente
    «Ciò che votiamo sarà realizzato
    Aperti anche alle idee della minoranza»

    1 - Ott 18, 2020 - 0:34 Vai al commento »
    Condivido l'impostazione. Più in particolare il passaggio in cui tu parli, e giustamente, del Consiglio. Io ero i maggioranza e tu all'opposizione. Ricorderai che fui io il primo ad "emendare" il discorso politico-programmatico dell'allora Sindaco. Inserendo nel testo, approvato da tutti ( maggioranza e minoranza), quanto segue" sentito il Consiglio - non solo la Giunta dunque-. Nel dibattito sull'emedamento, aggiunsi (oralmente) che, per Legge, il Sindaco, ripeto al Consiglio è "primus inter pares", o, secondo altri" Unus inter pares". Probabilmente avevo intuito qualcosa. Auguri.
  • Silvano Iommi, architetto dell’urbanistica
    «Parcheggio a Rampa Zara e ascensori,
    recuperiamo il progetto del 1987»

    2 - Ott 12, 2020 - 22:49 Vai al commento »
    Condivido la tesi di fondo e la sostanza di alcune argomentazioni. Quella che sento più vicina e vera è quella relativa al centro storico. L'idea del Magnete, che traduco come Centro-Magnete è fondamentale. Se il Centro vorrà essere Magnete, non può che bordeggiare la "sua" ( del Centro) posizione "simbolica" ( per storia e memoria). E poiché il Magnete, per sua natura, funziona come "attrattore", è necessario "giungere" al Centro, con il minimo sforzo, naturalmente. Avanti "vecchio" Silvano.
  • Sacchi: «Colpo di mano sulle piscine,
    stiamo verificando la possibilità
    di bloccare la delibera Carancini»

    3 - Ott 12, 2020 - 23:04 Vai al commento »
    Auguro a Sacchi di andare avanti con il tema "natatorio" che fu solo "piscatorio", purtroppo. Condivido la tesi di un sostanziale approfondimento ( cartaceo) sulle piscine. Ritengo che Sacchi sarà in grado di trovare relazioni fertili ed utili per la realizzazione di ciò che la nostra città attende.
  • Da Monteverde a Sacchi:
    ecco cosa cambia
    A Marchiori l’assessorato che fu di Ricotta

    4 - Ott 9, 2020 - 1:37 Vai al commento »
    Leggendo i nomi degli assessori, molti li conosco molto bene, traggo questa questa conclusione, argomentandola. E' sempre difficile comporre una Giunta, sempre. Si debbono rispettare equilibri forza logico-matematici, i quali, a mio avviso, debbono avere preminenza. A me pare che questa equazione sia stata rispettata. Sembra poco, ma non è poco. In più, lo dico forse attirandomi "contro" ( ridendo lo dico) la antipatia delle donne ( che a me piacciono, da sempre), qualsiasi Sindaco deve, oltre al rispetto delle quote logico-matematiche, tener conto delle "quote" rose. Qui è stato fatto. E con equilibrio. Quanto poi alle designazioni "maschili", ognuno è rappresentato. Si dirà, come sempre si può dire o ribadire, ma forse c'era qualcuno più competente, o meno. E' vero. Se lo chiese, ai tempi, anche San Benedetto che nelle "regulae" interne sosteneva che un voto differisce dall'altro per "qualità". Ma anche lui, che era un Santo, dovette obbedire, e non a caso, al sistema quantitativo. Nel caso di questa giunta, entrambi i settori, sono stati soddisfatti. Non fu così, affatto, ai miei tempi.E questo, credo, faccia la differenza. In tutti i sensi, ovviamente.
  • Mandrelli è per un cambio generazionale:
    «Nel Pd fino a 40 anni sei un bambino,
    i giovani brillanti vanno recuperati»

    5 - Ott 9, 2020 - 1:19 Vai al commento »
    Condivido, nella sostanza e nella forma, le argomentazioni di Mandrelli. Storicamente e cronologicamente fondate e ben verificabili. A quei tempi( 2010) ero consigliere di maggioranza e tante volte, tantissime, mi opposi e votai o contro o astenendomi o votando, non poche volte con la opposizione o suoi segmenti.Credevo che questo "stimolo" fosse necessario e utile. Mandrelli ha ragione. Vi fu cloroformio e anestesia generale. Condivido anche l'appello augurale di Mandrelli circa un cambio generazionale, ma me ne distanzio. Il PD non può più, a mio avviso, trovare più "satelliti" esterni per ri\generarsi. Da troppo tempo siamo abituati ad un "falso" bipolarismo, a partiti "Immagine" e personalistici, al vuoto delle segreterie e dei dibattiti interni, allo svuotamento dei consigli comunali ( e simmetricamente del Parlamento)- Oggi al centro ( solo in senso geometrico e meramente figurativo) vi è il Movimento 5 Stelle. Ma , ritengo che sarà presto sostituito, e anche tra breve, da una vigorosa forza politica "interdittiva" del falso bipolarismo che obbliga il popolo e i partiti a schierarsi in modo centrifugo ( come nella lavatrice, ai lati). Questa "logica bipolare" che utilizza - tatticamente- in modo "elementare" il nostro ( non di tutti) "istinto" alla gara, o si è bianchi o rossi, o dolce o amaro, o di destra o sinistra, sta maturando nella implosione. Se era giusto e verosimilmente e storicamente fondabile, molti anni or sono, questa indubbia e certa differenza, ora i nodi vengono al pettine. Il "brodo" è troppo caldo e la pasta è scotta. Quindi immangiabile.
  • Il j’accuse di Mangialardi:
    «Narcisismo dei Cinque Stelle,
    sisma e sanità: così abbiamo perso»

    6 - Set 21, 2020 - 23:34 Vai al commento »
    Concordo pienamente con l'argomentazione dell'amico, Professor Roberto Mancini.
  • Affluenza alta a Macerata,
    Parcaroli: «C’è voglia di cambiamento»
    Ricotta: «Vedremo domani»

    7 - Set 21, 2020 - 23:40 Vai al commento »
    Mi permetto, a proposito di numeri di affluenza alle regionali, di segnalare (cfr. internet) che ogni volta che l'elettore ha votato per due giorni ( un giorno e mezzo) come questa volta, il trend si è immediatamente alzato dal 60 al 65\67 per cento.
  • I cinque candidati sul ring (VIDEO)
    Parcaroli per la pace, Ricotta dà battaglia:
    «Cherubini e Micarelli fanno il suo gioco»

    8 - Set 11, 2020 - 15:31 Vai al commento »
    Un bellissimo, e astutissimo, Libro Cuore.
  • Piazza “ristretta” per Fusaro e Banzato:
    «Vox è la vera alternativa
    il resto partitini tutti uguali»

    9 - Set 10, 2020 - 15:17 Vai al commento »
    p.s. un esempio: perché debbo dire che il PIL cinese è molto alto, rispetto al nostro o di altri. Dico matematicamente. Ma storicamente non mi pare, salvo dimostrazione contraria, che la Cina sia un paese democratico ( anche se la loro tecnhe è fortissima).
    10 - Set 10, 2020 - 15:13 Vai al commento »
    Non mi sono spiegato o, volutamente, sono stato equivocato. Il fatto che Lei, Signor Sileoni, premetta la sua argomentazione con il termine "supercazzole", è un indice stilistico del suo "amore" per i "mercati". Qui si parla non tanto del "mercato" , ma della Finanza.... Quando parlo di Metafisica, intendo dire Dogma, dogma che si configura ( e si realizza) "grazie" alla evidenza della "perfezione" ( ossessiva?) della Matematica. Faccio un esempio storico per rimanere dalle nostre parti, premetto che la penso come Andreotti: " una volta la confindustria veniva da noi, ora noi andiamo dalla confindustria". In sintesi io preferisco il primato della Politica. Ma il discorso meriterebbe almeno un dibattito, certamente più argomentato di queste brevi parole.
    11 - Set 10, 2020 - 0:42 Vai al commento »
    Debbo dire che l'amico Fusaro( io ero tra il pubblico, ma non sono potuto andare a cena con lui ed altri ) colpisce sempre la "sostanza" o "l'essenza" delle cose ( e dei fenomeni politici derivabili). La sua argomentazione è incontrovertibile, non tanto sul Covid, che a me non interessa e che leggo come "sviamento" dal dibattito vero e autentico. Fusaro mostra ( e dimostra) l'equivalenza destra - sinistra, il gioco "vero" del Potere ( "globalista", lui dice "turbocapitalista"), aggiungo "iperliberista". Mostra ( e dimostra) prove alla mano che l'Economia è la Nuova Metafisica, la Nuova Religione. Il suo "pensare diversamente" è fondamentale e "scomodo" per tanti "politicamente corretti" e complici.
  • Parcaroli pronto al confronto
    «Mi auguro si plachino gli animi»

    12 - Set 10, 2020 - 0:57 Vai al commento »
    Condivido l' argomentazione di Parcaroli che, in ritardo, legittima la sua ( o le sue) precedenti assenze.Non comprendo, invece, come mai il candidato di Centrodestra, Parcaroli, si affanni a "stabilire" un colloquio "da lontano" con Le cinque stelle del Candidato Cherubini. Mi spiego meglio. Fino ad ora, tutto, o quasi tutto, è avvenuto via Ufficio Stampa. Gli altri candidati si sono incontrati, invece, "in vivo" ( in Piazza, la vecchia "agorà" dei Greci). E in quel luogo, ricordo, c'era anche, fra gli altri il Candidato Cherubini che, da quanto scrive Parcaroli, sembrerebbe meno aggressivo o violento. Ora tutto è demandato, da quanto leggo, ad un "incontro" video. E' una strategia? Non lo so. Però conosco la "morfologia della fiaba", e la tecnica della pubblicità ( la sede della intelligenza pubblicitaria, chiama lo studio pubblicitario "war room"). Non è affatto casuale. Legge degli opposti, il buono e il cattivo, l'agnello e il lupo. Cfr. "Morfologia della fiaba" di Propp.
  • «Sconvolgenti le offese del Pd a Parcaroli,
    chi ha scritto quella lettera si vergogni»

    13 - Set 7, 2020 - 23:59 Vai al commento »
    Condivido l'argomentazione di Marchiori. Ma io penso ed è opinione solo mia, che non possa esserci campagna elettorale senza incontro e scontro. Non si è mai visto. Chi mi conosce sa che io sono politicamente scorretto. A me non piace quel passo di Manzoni dove si scrive:" sedare e sopire, sopire e sedare, reverendissimo Padre provinciale". Per ora leggo "solo" comunicati stampa bilaterali o trilaterali. E' una "tattica" ?
  • I cinque candidati sindaco
    giovedì a confronto su CM

    14 - Set 8, 2020 - 0:16 Vai al commento »
    Mi congratulo con gli amici di Cronache, e non sono ironico. Finalmente un "confronto". Chiedo agli amici quanto segue a proposito del dibattito che, finalmente, si terrà. Diciamo un incontro a Teano. Chiedo quanto segue, premettendo, così leggo, che ogni candidato Sindaco può portare cinque amici. Ecco quanto chiedo: 1- Le domande che verranno fatte, e giustamente, ai Candidati, sono già, come spesso accade, e giustamente, precostituite? Ovvero i candidati, conoscono prima i quesiti? Ovviamente generalissimi? 2- C'è dialettica tra i Candidati? Ovvero un Candidato, chiunque sia, può interloquire con l'altro? 3- I Venticinque "amici" dei cinque Candidati, possono rivolgere a qualsiasi Candidato una brevissima domanda? ( ovviamente con brevissima risposta).Ovvero è "solo" una grazia "concessa" il chiedere da parte del "popolo" ( qualsiasi sia lo schieramento dei 25 spettatori). La grazia è possibile ottenerla? p.s. nel comunicato si dice che è possibile rivolgere ai candidati domande che poi la redazione, filtrando, rivolgerà ai protagonisti. Molto bene. Ma chiedo: perché escludere le domande in "presenza" ( i 25 spettatori )? Sono forse affetti da Covid? Se è così, ovviamente.Ancora: domande a "distanza" o anche domande "in presenza"? In sintesi: esiste dialettica nella performance o no. Vi è "dibattimento" o no? Chiedo per sapere. Grazie.
  • Lettera del direttivo Pd agli iscritti:
    «Parcaroli ha dietro la destra violenta,
    sconcertante l’ignoranza su Macerata»

    15 - Set 7, 2020 - 1:42 Vai al commento »
    Io non entrando nel merito della "battaglia" elettorale, non mi occupo di marketing, invito a leggere ( se si ha tempo)quante volte l'Opposizione ha votato "contro" la Maggioranza. In certe delibere, si intende. Quanti erano i presenti, quanti gli assenti, quanti gli astenuti, e quanti, provvisoriamente assenti, e subito entrati dopo il voto. E' di grande interesse.Almeno storico e filologoco ( cioè documentale)
  • «Parcaroli avanti? Nei suoi sogni»
    Ricotta ribatte con un altro sondaggio:
    «E’ un testa a testa, noi in crescita»

    16 - Set 5, 2020 - 2:33 Vai al commento »
    Ben oltre la materia sondaggistica ( rimando a Trilussa), chiederei ai due sindaci, poiché non scorgo "dialogo", e dunque si può comunque scrivere ( resto meravigliato per questi "ludi cartacei" come li chiamava Curzio Malaparte) quanto segue: nell'assetto della nuova giunta, in genere, e da sempre, gli Assessori sono stati sempre 8 ( otto). C'è qualcuno che ne preferisce di più? Dieci ad esempio?
  • Strappati o affissi senza permesso
    E’ la battaglia dei manifesti elettorali
    Marchiori minaccia una querela a Ricotta

    17 - Set 3, 2020 - 2:15 Vai al commento »
    Avviso ai naviganti. Posso dimostrare che, sempre, i manifesti sono stati strappati, da ogni dove, in qualunque posto, da qualsiasi mano, guelfa o ghibellina, o da "amanti del graffio" Io la penso come Curzio Malaparte che riteneva le elezioni un "ludo cartaceo". Un gioco di e con la carta. Qui manca il dibattito, non la carta.
  • «Caro Ricotta, non basteranno gli insulti
    per star dietro a un vulcano come me»

    18 - Set 2, 2020 - 15:45 Vai al commento »
    Per Sauro Micucci :ritengo il commento del Signor Micucci sostanzialmente corretto. Voglio aggiungere un contributo "oggettivo" alla sua ( di Micucci) argomentazione. Ebbi modo di parlare, casualmente, e prima delle elezioni, con il Signor Sandro Parcaroli. Lui si era già candidato. Un dialogo non breve e a due. L'ho trovato un uomo mite e persino "emotivo". Quanto ci siamo detti, con educazione e franchezza, non può far parte di questa mia comunicazione, alcune cose sono riservate e personali. Se questo, come ritengo, sia ancora permesso.Io lo penso. Gli indicai, secondo me, la qualità più importante: la strada dell'attenzione al suo interno, dico degli alleati. Ebbi come l'intuizione di un uomo che, avendo accettato la candidatura, potesse diventare "oggetto" di terzi. Non casualmente sul palco, quando c'era Salvini, giustamente Parcoroli rivolgendosi a lui ( Salvini) chiese pubblicamente: "non mi lasciare solo"( più o meno questa la frase) Gli augurai una buona campagna elettorale.
    19 - Set 2, 2020 - 15:25 Vai al commento »
    Per il Signor Jacobini: condivido, più o meno, la Sua sintesi.
    20 - Set 2, 2020 - 1:31 Vai al commento »
    Non , comprendo, sinceramente, come mai si parli di "provocazioni" quando si chiede un dialogo o un confronto. Provocare, per etimologia viene da "pro-vocare". Chiamare a voce, dialogare, dialogare viene da dia-legein- Che significa, ancora, "parlare tra" ( almeno in due o più). Da questo nasce la dialettica. Tutti lo sanno. Da questo nasce il confronto. Altrimenti sarebbe un "monologo" che deriva da "monos" ( uno) "logos" ( parola". Da questo nasce la politica che non è monologo ma dialogo). Ciò premesso, solo nella Tragedia greca, vi era il "prosopòn cofòn", ovvero il "personaggio muto" ( ma era Teatro, appunto). La politica, al contrario, desidera il confronto che, avviene, nella "agorà"( "piazza"). Solo in un Ospedale infestato dal Covid, e per motivi naturali di forza maggiore, non ci si può incontrare. La "parola" o il "confronto" ( anche con il pubblico) non possono essere sostituite dal Comunicato Stampa che diventa "Soggetto" ( invisibile) della Campagna elettorale, salvo dimostrazione contraria, una sorta di "Elezioni a distanza" ( sono appena sopportabili quelle a Scuola, ma in quel caso la "materia" è ristretta e circoscritta , si parla, infatti di "lezioni a distanza" non di "elezioni a distanza").
  • Strappati i manifesti elettorali di Ricotta:
    «Colpa del clima d’odio
    creato dalla Lega»

    21 - Set 1, 2020 - 0:41 Vai al commento »
    Non entro nella materia. Esiste un "voto di pancia" e chi è, in genere, "istintivo" si "inquieta di più", forse "strappa".
  • San Giuliano, l’omelia è politica:
    «Caro futuro sindaco,
    sarò un vescovo scomodo» (FOTO)

    22 - Set 1, 2020 - 0:36 Vai al commento »
    Condivido quanto sostenuto nell'Omelia. Il passaggio, a mi avviso fondamentale, almeno per me, è quella relativa al mondo delle Tecne ( "tecnica"). Allo svuotamento del Soggetto ( Persona in senso Cristiano) e il felice, e condivisibile, apprezzamento del ruolo della Filosofia. Penso alla lezione di Emanuele Severino. La società è oggi "liquida" , eterodiretta dagli spot, dalle emoticon ed altre ilarità. Ritengo questa Omelia coraggiosa e di grande avanguardia.
  • Carelli guida gli «estremisti di centro»
    Bordate di Ricotta a Parcaroli: «Lui copia»
    «Io non regalo sogni, ma solide realtà»

    23 - Set 1, 2020 - 0:52 Vai al commento »
    Quanto sostiene l'amico Francesco Castiglioni, corrisponde al vero. Me ne andai, non solo come si scrive "per il momento", ma per sempre, e da allora mi candidai per ben due volte con il Centrosinistra. Ai tempi c'era Alleanza Nazionale. Più tardi questa, diventò, Fratelli d'Italia. Tutti andarono dai "grafici" e pubblicitari per "vestirsi" di "novità". Entrando nel trasformismo ci sarebbe da appurare, carte alla mano, quanto l'Opposizione ( o Minoranza) abbia votato "contro" la maggioranza.Ma dico su materie "sensibili". Ricordo molte Assenze, Astensioni, o anche chi, in quel momento "era andato in bagno". I registri di queste "assenze-presenze" sono ampiamente consultabili e facili da leggere.L'Opposizione ha fatto Opposizione o è stata una Posizione? Relativamente al trasformismo, anche veloce, Francesco si rivolga all'UDC.
  • Parcaroli regala porta-mascherine
    per la festa di San Giuliano

    24 - Ago 30, 2020 - 1:57 Vai al commento »
    Per l'amico Cerasi. si chiamava Lauro.
  • I civici di Parcaroli denunciano:
    «Incuria e degrado al cimitero»

    25 - Ago 29, 2020 - 15:59 Vai al commento »
    Rispondo alla considerazione della Signora Paciaroni. Intendo dire, come Socrate, che "gli alberi non parlano". Il mio è un discorso antropologico, non politico. Dicevano i latini: "l'uomo orna il luogo, non il luogo l'uomo". E' ovvio che il restauro è, positivamente, un "Magnete"
    26 - Ago 29, 2020 - 2:10 Vai al commento »
    Mi congratulo con l'amico Architetto Silvano Jommi nei confronti del quale, sempre, ho espresso la mia stima e amicizia. Siamo fu fronti diverse, ma nulla toglie sia alla stima che alla qualità di Silvano. Le virtù e le competenze, a mio avviso, rimangono inalterate, sia tra Guelfi che tra Ghibellini. Faccio una considerazione a latere, che nulla ha a che vedere con la campagna elettorale, proprio nel senso che non partecipo al brutale marketing, necessario,purtroppo, durante le "belligeranze" amministrative. Ma l'articolo, segnalando l'incuria del Cimitero ( relativamente a vari segmenti) mi ricorda i Sepolcri di Ugo Foscolo. Ma anche e da vicino la "poesia cimiteriale inglese" che vede in Thomas Gray, nel suo celebre testo protoromantico, Elegy written in a country Churchyard ( Elegia scritta su un cimitero di campagna), il suo apice. Non male, anche in terra americana l'ottima "Antologia di Spoon river" di Edgar Lee Master: il poeta che passeggia nel cimitero, vedendo lapidi e nomi, ricordando, descrive poeticamente la vita di coloro che non ci sono più. Uno ad uno. Ai miei tempi, con il mio amico di sempre, Remo Pagnanelli, coniammo, senza andare al Cimitero, una fotografia "ironica", ma non offensiva,di Macerata: la definimmo "la più grande Necropoli del Piceno". Non c'era ai miei tempi la Lega, il Pd e via discorrendo, i Pentastellati e tuttoi resto ( e via sbadigliando). La nostra, mia e di Remo, era una lettura "antropologica" dei tempi. Credo che sia cambiato poco. Restaurare le tombe è un bene. Ma il restauro non è Vita.
  • «D’Alessandro e Monteverde
    Questa sarebbe stata la partita»

    27 - Ago 30, 2020 - 2:05 Vai al commento »
    Caro Maurizio, condivido quanto scrivi e quanto argomenti. Oggi esiste il "voto di pancia". Il contrario della argomentazione e della ragione dialettica. Non vi è Pensiero, ma emoticon o like, brevi frasi, frammenti di discorso e sbeffeggi. Su tale "fulcro" si basa la campagna elettorale e anche la "funesta voce delle Gazzette", come le chiamava Leopardi ( non io).
  • Parcaroli contro la Scoccianti:
    «La sinistra si vergogna dei mecenati?
    Io sono orgoglioso di esserlo»

    28 - Ago 28, 2020 - 0:27 Vai al commento »
    Desidero entrare, a latere, nella questione, qui, troppo ampiamente dibattuta, un po' troppo direi. Prendo le distanze sia dal Signor Parcaroli, candidato Sindaco di Centrodestra che dall'amica Scocciante, candidata Consigliere nel PD nel Centrosinistra. Lo faccio con equidistanza anche se ho le mie idee e non getto benzina sul fuoco nell'attuale marketing pubblicitario. Cioè, non ci casco. La questione "sostanziale" evocata bilateralmente, a mio modesto avviso, non si pone, o meglio, non esiste. Si stimola, indirettamente, Parcaroli a scrivere, e giustamente quasi per autotutela ed orgoglio, e lo comprendo, quanto lui sostiene, cedendo, amio avviso, in esternazioni"marginali". Ad esempio vi è una "riduzione" storica e critica della Sinistra ( in generale) vista come "residuo" della Classe operaia. Mah... Alessia ( Scocciante) da parte sua, altrettanto legittimamente "deborda" e si autotutela avvitandosi sula storia di Musicultura ( ed ha ragione, storicamente e per date argomentando). Purtroppo, sempre secondo la mia opinione, Alessia e Sandro, cadono in quella che Leopardi chiamava la Batracomiomachia, la "battaglia tra rane e topi", ancora più seriamente e freddamente e con altrettanta ironia, a proposito di competizioni elettorali, Curzio Malaparte definiva "ludi cartacei" ( giochi di carta) che oggi, la "funesta voce delle Gazzette, ancora Lopardi, replicano ( e giustamente). Amici, si è al mezzo di una battaglia, purtroppo, più grande. Noi competiamo qui, a Macerata. Io, ad esempio, e qui chi mi conosce lo sa, sono stato sempre non critico, ma ipercritico, nei confronti non dell'Europa ma del suo aberrante sistema monetario. Dico delle regole assurde ed immorali che reggono la moneta, questa moneta Credevo che la Destra, un certo tipo di Destra, si opponesse con più forza e decisamente nei luoghi deputati. Leggo sulle pagine nazionali che si è davanti ad una "conversione", una "inclinazione" ( da cui il Cliente: vale a dire chi si "inchina") anche da parte di certi fieri oppositori. Amici, di destra, di centro, di sinistra, di centro sinistra, di destra Centro, parliamo delle cose nostre, non evochiamo la Classe operaia. Non c'è più. Esiste, certo. Ma non è rivoluzionaria, purtroppo. Vedete, sono un po' di sinistra, la penso come Rizzo, ad esempio, ed un po' come l'amico Diego Fusaro. Che volete farci? Si può pensare "diversamente"? Il pensiero dominante non è più la Ragione, ma l'Economia. Questa è, oggi, Dogma. "Banchieri, pizzicagnoli, notai, con i ventri obesi e le mani sudate, con i cuori a forma di salvadanai". Era De Andrè. Non mi sono mai chiesto se fosse di destra o di sinistra ( indifferente per Giorgio Gaber), ma aveva ragione... Non abbassiamoci "troppo" al livello della Batracomiomachia, meglio don Camillo e Peppone. Avevano valori differenti, distinguibili. Questo è quanto ci offre la "società liquida" e il "relativismo" più volte evocato da Papa Ratzinger: spot, battute, rancori, ricerca del "voto di pancia". Per carità, tutto legittimo nel marketing, ma non ad una lente della ragione e del buon senso. Chiedo scusa ad entrambi.Guido
  • «Taglio dei parlamentari? Non così
    Serve una seria riforma istituzionale»

    29 - Ago 26, 2020 - 4:06 Vai al commento »
    Condivido le argomentazioni dell'amico Bruno Mandrelli. Ne aggiungo una seconda, apparentemente "collaterale". Come mai, chi fai i conti con le addizioni e sottrazioni e, giustamente, opera il confronto con le altre nazioni, non opera lo stesso confronto ( con le altre Nazioni) a proposito ( serve solo confrontare)degli "stipendi" ( in Italia)davvero "favolosi" ( nonchè pensioni) dei dirigenti ( di ogni ordine e grado) dello Stato.Questo "cavallo di battaglia" di Grillo è semplicemente fantasioso e stucchevole. Loro sanno e ma fingono di non sapere. Prima erano antieuropei e mano a mano si "convertono" al Cristianesimo...
  • Ricotta per Piediripa:
    «Progetto per l’area industriale,
    una ciclabile lungo il fiume»

    30 - Ago 23, 2020 - 2:02 Vai al commento »
    Rispondo all'amico Coltorti e al Signor Spalletti. Quanto alle topografie di Valleverde, ammetto di saperne poco. Diciamo che uso la tecnica del Signor Parcaroli, "so di non sapere"( ed effettivamente, ne sono sicuro, scrivo senza ironia relativamente al Candidato Parcaroli). Quindi, come lui, mi affido ad "un sogno" e al "futuro" che si sa, almeno in latino, con i verbi "spero, promitto e juro" vogliono, per legge grammaticale "l'infinito futuro". Uso poi la diade "oppositiva" Vecchio-Nuovo, che sembra funzioni ( eccetto che per l'Anticristo, almeno così dicono i "curiali"), funziona, voglio dire, nel marketing elettorale e persino per vendere prodotti. Quanto a Coltorti che conosco e stimo dico solo che se io fossi stato il Sindaco, avrei "bombardato" la Lirica, a partire dal suo Consiglio di amministrazione. Ne fu prova la mia interpellanza contro Pizzi che ebbe echi nazionali. Non obbedii a nessuno partito e neppure da forti strattoni che mi provenivano, ai tempi, da Ancona. Per quanto riguarda, invece, i rapporti tra maggioranza e opposizione, nel decennio, potrei scrivere un libro analitico e certificato( per tabulas e atti consiliari) Voglio dire che l'Opposizione non è detto che sia tale, può essere semplicemente una Posizione. Questo è dimostrabile con l'elenco delle assenze, presenze, voti a favore della Maggioranza e interessanti Astensioni. Non cedo alla polemica, seguo il pensiero della Signora Morici che non conosco. Dunque non avveleno il pozzo.
    31 - Ago 22, 2020 - 2:43 Vai al commento »
    Meglio fare, come indica Ricotta, la lista delle cose da fare, le "cose", tuttavia. Altrimenti, al contrario, ci sono i sogni. E se ne possono fare molti, moltissimi. Anche se il " sogno" è ottimo "marketing", così come la parola "cambio" o anche "vecchio" contro "nuovo", o viceversa, ovviamente. Insomma marketing, quasi un "prodotto".
  • Il Popolo della famiglia con Parcaroli
    Doppia candidatura per Deborah Pantana

    32 - Ago 22, 2020 - 2:48 Vai al commento »
    Caro Giuliano, ti sbagli. Siamo, come si dice, tutti una Famiglia. Da oltre venti anni, in Italia, a fronte di 230 trasmigrazioni "familiari" ( parlamentari e regionali) pare di intendere che tutti, nessuno escluso, siano "inclusivi"...
  • Renis boccia il programma di Parcaroli:
    «Un libro dei sogni improvvisato»

    33 - Ago 22, 2020 - 3:12 Vai al commento »
    Condivido, teoreticamente, o filosoficamente, se volete, quanto afferma il Signor Jacobini. Infatti, la sua argomentazione è incontrovertibile, quasi socratica. Infatti Socrate affermava di "saper di non sapere". Se l'alta coscienza-consapevolezza di "non sapere" sono una garanzia, il ragionamento è valido. Se, al contrario, nasconde o cela ( magari involontariamente) altro , io non lo so. Poichè bisogna agire, e pensare, per tabulas, "atti amministrativi", bisognerà accertare analiticamente in quali occasioni, per quali delibere ( non quelle dei "vigili di quartiere, chiacchiere e bla bla) l'opposizione abbia, o non abbia, votato contro, quali siano stati , gli astenuti,chi era assente in quel momento, chi era totalmente assente. E' un gustoso esercizio probatorio. L'unico interessante. Il resto è marketing.
    34 - Ago 21, 2020 - 0:44 Vai al commento »
    Quanto al tema onirico, del sogno, voglio dire quanto alla "materia" di questo dibattito, quanto segue: chi ha scritto pagine mirabili sul tema è Gaston Bachelard, nel suo celebre "Il diritto di sognare", ma poi è ben accompagnato da Shakespeare che nella sua "Tempesta", afferma" :La vita è della stessa sostanza di cui son fatti i nostri sogni. Per la verità, di origini più concrete fu il sogno di Martin Luther King: I have a dream". Certo, il sogno di quest'ultimo, in particolare, si differenzia molto dagli attuali...Quanto alle argomentazioni dell'amico Renis, condivisibili e tecnicamente corrette, mi permetto una confessione agostiniana: io sono sicuro di non essere sicuro. Ma non per il "ladro all'angolo",o il Covid all'altro angolo, o delle "storiche" quattro mafie italiane ( Camorra, Ndrangheta, Mafia siciliana, Sacra Corona) un vero primato, io sono sicuro, questa volta certamente, che chi gridava "contro" l'Europa ( tra i quali il sottoscritto relativamente alla "moneta") si troverà spaesato. Chi urlava "contro" ( molto più a destra che a sinistra), purtroppo si sta già "addolcendo". Purtroppo. E allora non rimane altro che l'inutile diritto di sognare. Più per marketing che per altro.
  • «Età media 48 anni, dieci indipendenti»
    Ecco i trenta candidati consiglieri del Pd

    35 - Ago 13, 2020 - 1:50 Vai al commento »
    Salutate per me Katia Soldini, mia alunna al Liceo Classico di Macerata e poi laureata in Lettere, se ben ricordo con una tesi "contemporaneistica". Non brava, bravissima.
  • Parcaroli in tour tra le fonti:
    «Riqualificare queste aree
    in un percorso turistico digitalizzato»

    36 - Ago 10, 2020 - 2:21 Vai al commento »
    Segnalo, fino alla noia, che non mi interesso di marketing. A me interessano i "Verdi" tedeschi.
  • Emorragia fatale, muore un 33enne

    37 - Ago 9, 2020 - 16:47 Vai al commento »
    Voglio con il cuore esprimere la mia vicinanza all'amico Sergio Moretti, il papà, e alla mamma di Edoardo, Luciana Incicco.La morte è sempre tragica, sempre. Tanto più quando coglie nella giovane età. Ancora di più.
  • Mangialardi intona “Vamos alla playa”
    Acquaroli si veste da paggetto della Meloni

    38 - Ago 10, 2020 - 2:25 Vai al commento »
    Si legga Leopardi, La batracomiomachìa. La battaglia tra rane e topi.
  • Finisce l’Impero Romano
    Dieci anni di battaglie (personali)

    39 - Ago 5, 2020 - 2:00 Vai al commento »
    Non entro nella polemica poiché la polemica ( da "pòlemos") è "battaglia". Invece ritengo che la "battaglia" appartenga, per ora, unicamente e "strategicamente" alla "captazione" della benevolenza e, quindi, dei voti. Giustificatissima dunque nel limiti della "comunicazione" e, più in generale, della pubblicità.A chi si occupa di questa materia che a me piace molto, per passione, invito a leggere la "Morfologia della fiaba" di Propp. Qui, e non altrove, si dimostra, carte alla mano, che occorre "creare" nel Pòlemos ( nella battaglia) "pubblicitaria" un Eroe ed un Antieroe. Un Rosso ed un Bianco, un Positivo e un Negativo. Tutto questo per aver "consenso". Allo stesso modo, come insegna Mac Luhan, e come ho scritto per lo IULM a proposito dei "Etica dell'Impresa", "per vendere una birra è necessario che nello spot, accanto alla bottiglia ci sia una bella donna". E' una questione di "seduzione" Dunque non è il "messaggio" che conta, quanto il Medium ( stampa, spot, TV, internet e via citando), dal quale parte la "comunicazione". Se vi è "bombardamento" ( e dunque "ripetizione", amplificazione "virale" del messaggio, la Birra si "vende" meglio. Io sto con Leopardi che avvertiva sulle "fandonie" delle "magnifiche sorti e progressive", quando lui ( Leopardi) urlava contro la "funesta voce delle Gazzette". Sono un conservatore, non comprendo il termine "progessista" e neppure "liberal-democratico". Il Mercato ha schiacciato Valori e Idee. Tutti, dico tutti, hanno creato questa omologazione. Come Giorgio Gaber non so cosa sia destra e sinistra.Quindi "so si non sapere", la penso come Socrate e non come un Economista, che è il Nuovo Teologo.Chiedo scusa, non è uno sfogo, ma la verità, desideravo andare oltre i parcheggi e i sogni da sognare.
  • In Giunta e nel cda Apm con Carancini,
    agli incontri elettorali con Parcaroli:
    la doppia veste degli uomini Udc

    40 - Lug 27, 2020 - 0:27 Vai al commento »
    Condivido la tesi di Luca Patrassi. Voglio aggiungere un richiamo agli "atomi" di Democrito. L'atomo, come è noto, è la particella più piccola. Inoltre, non tutti sono dotati, come San Francesco, del dono della "ubiquità". Ma, si sa, dicono in Teologia che lo "Spiritus fiat ubi vult" ( per altri "flat", "vola"). Dunque da un lato la questione è spirituale, dall'altro politica.Io non so. Mi viene in mente un verso ironico di Montale, a proposito della genesi della poesia." L'inquietante questione se sia a freddo\ o a caldo, l'ispirazione\ non appartiene alla scienza termica...".
  • Mancini dice no al “cartello Mangialardi”
    con la benedizione delle Sardine
    «Dal Pd una polpetta avvelenata»

    41 - Lug 27, 2020 - 0:18 Vai al commento »
    Debbo dire che le argomentazioni dell'amico Roberto Mancini, senza entrare nel giudizio della sua scelta, sono incontrovertibili e condivisibili.
  • Fdi batte le mani per Parcaroli,
    la Lega applaude Pignataro

    42 - Lug 25, 2020 - 23:51 Vai al commento »
    Gianfranco, che ne dici? " ad impossibila nemo tenetur"
  • Sandro Parcaroli ricevuto dal vescovo:
    «Restituiamo Macerata ai giovani»

    43 - Lug 26, 2020 - 0:02 Vai al commento »
    Caro Gianfranco, come nel mio precedente intervento, ribadisco che prima Cherubini e poi Parcaroli abbiano fatto non bene, ma benissimo a non disattendere l'invito del Vescovo. L'invito è un invito e basta, non è un ordine. Quanto alla giusta questione relativa alla laicità dello Stato che totalmente e sostanzialmente condivido, io, ma è mia soggettiva opinione, ritengo che si debba andare "oltre", ben oltre. Riflettevo, infatti, sul termine "stare in ginocchio"... Tutti sanno, ma forse sfugge, che i Partiti, di ogni ordine e grado, tutti, dico tutti, nessuno escluso, non esitano ad "inginocchirsi" davanti a ben altri Altari. La grande finanza e suoi derivati...Europa docet. E' questa che lima e "subordina" e appiattisce i Partiti, tutti, nessuno escluso. L'Economia e il suo Sinedrio sono la nuova Teologia, sono un Dogma. Purtroppo, aggiungo. Ai partiti, qui come altrove, non rimane altro che parlare di biciclette, piste ciclabili, buco dello'ozono, il "verde" e altre gustose amenità. Non esiste una critica della Economia, purtroppo.
  • Cherubini incontra il vescovo:
    «Uscito umanamente appagato»

    44 - Lug 24, 2020 - 15:38 Vai al commento »
    No, io parlo della "genuflessione" come "categoria" e questo è il tema che affronto. Prendo a pretesto la "genuflessione" di Cherubini, che è la prima della "fila, ce ne saranno altre. Non "sposto" la "materia del mio canto", se parlo di Finanza e Gnomi.Non c'è SOLO lo IOR, ben ALTRI sono i FORZIERI ai quali, ribadisco, tutti, di ogni ordine e grado ( partiti) si GENUFLETTONO, da sempre, ma in questi ultimi trentanni molto di più. Come vedi il tema diventa Europeo...
    45 - Lug 24, 2020 - 2:34 Vai al commento »
    Comprendo e condivido quanto scrive Cherubini. Quanto alle "genuflessioni", debbo dire, e tutti lo sanno, che vi sono ben altri tipi di "genuflessioni". Non parlo di Cherubini che stimo e apprezzo. Dico di genuflessioni non necessariamente liturgiche, per esempio, è sotto gli occhi di tutti, "l'inclinazione" genuflessa ai Maghi della Finanza e della Economia. Purtroppo, questa, è diventata la Nuova Teologia. La Finanza è Dogma. Come sparvieri, intorno al favo del miele, si muovono non troppo oscuri soggetti, politici, di ogni parte. L'uomo non è più un Soggetto, una Persona, ma, purtroppo è ridotto a "massa". E' ampia la bibliografia su questo. L'uomo massa, omologato, ipnotizzato, accoglie il Brand. Ma di questo discuteremo in futuro.
  • In campo il trio Garufi-Carelli-Cossiri
    Ottava lista per Ricotta

    46 - Lug 22, 2020 - 2:01 Vai al commento »
    Caro Luca, il taglio del tuo articolo è, come al solito, bello e intrigante, quasi un "soffietto" brillante. Per la verità, io, mai ho parlato di simboli della lista da te citata. Relativamente alle liste di destra e di sinistra, se mi vuoi intervistare, ti dirò tante cose.Il consuntivo che, per ora, dichiaro, è il seguente: ci sono tante liste, a destra al centro e a sinistra. Troppe? Chissà? Relativamente alla mia posizione politica in questa attuale competizione elettorale, chiederò lumi al Vescovo ( vedo e leggo che lo fanno tutti e forse ne ho bisogno anche io) Per ora, fedele alla lezione filosofica di Ugo Spirito, il grande filosofo post idealista, parlerei di "onnicentrismo". Ho sempre detto in interviste pubbliche e scritto che Macerata è, come nella rivoluzione francese, la Palude, onnicentrica. Ebbi, casualmente, giorni or sono, un lungo e davvero occasionale colloquio con Parcaroli, a due ( chiedi a lui se mento) e a lui dissi ciò che io penso di Macerata. Gaber segnalava la "indifferenza" tra destra e sinistra. Oggi, purtroppo, contano gli spot. Non il ragionamento e il pensiero. Ti ringrazio per il "leggendario" Professore. Sono, forse, "leggendario" ma non sono una brand. So che mi stimi e quanto scrivi viene dal tuo cuore. Guido
  • «Le bici di Ricotta? Una presa in giro»
    Affondo di Strada comune e M5s

    47 - Lug 19, 2020 - 0:17 Vai al commento »
    Coppi, Bartali, o l'Europa?
  • Ricotta pedala in e-bike:
    «Progetto da 100mila euro,
    in politica non ho paura di nessuno»

    48 - Lug 17, 2020 - 0:35 Vai al commento »
    Meglio i citati che, oggi, gli "onorevoli per caso".
  • Parcaroli lascia l’incarico in Confindustria
    Residenza fuori città? Non è il solo

    49 - Lug 13, 2020 - 22:12 Vai al commento »
    E' meglio non risiedere.
  • Macerata vuole due candidature su tre:
    «Di Pietro e Carancini per le regionali»

    50 - Lug 13, 2020 - 23:02 Vai al commento »
    Gentile Sanna, lei ha ragione. Concordo, e non sono ironico. Aggiungo che anticamente ai funerali romani ( ma anche in Grecia), alcune donne, durante il funerale, erano "pagate" per piangere e per cospargersi di cenere. Erano chiamate le "preficae". Mercenarie del lutto. Lo sport non è terminato...
    51 - Lug 13, 2020 - 22:53 Vai al commento »
    Desidero dire una cosa "politicamente scorretta", non entrando affatto nel merito dei due candidati. Ognuno ha le sue simpatie. Vado ad altro. Pochi conoscono, parlo agli elettori, la sciagurata "legge", obbligatoria, votata in Parlamento, quella riferibile alle quote rosa. Mi spiego, e ora il ragionamento diventa matematico. Dunque estensibile, per legge, in tutta Italia. Poniamo un partito, il PD ( ma vale per tutti, ovviamente). Uso il PD perché conosco i numeri e le attribuzioni dei candidati consiglieri nella nostra provincia, che per legge sono sei. Per questa "strana" legge, però, il 50% deve essere di sesso femminile. Dunque, tre uomini e tre donne. Ora, poiniamo, che il candidati siano i seguenti ( scrivo accanto i voti attribuiti) : Mario ( 2000) Francesco ( 1750) Guido ( 1420) Giuliana ( 1230) Franca ( 876) Giulia ( 560). Poniamo che al PD spettino n.2 consiglieri. Essi, per legge, saranno: Mario ( 2000 voti) e Giuliana( 1230) . Giuliana diventa consigliera regionale con 1230 voti, pur essendo stata superata da Francesco con 1750 voti e Guido con 1420. Attenti poi. La stessa quota di Aristofane,ovvero la quota rosa, al 40% o 50%, è obbligatoria quando un Sindaco decide la Giunta. Avverto molti amici di cambiare sesso.Saluti a tutti.
  • Sandro Parcaroli, il sognatore
    Modello politico? Steve Jobs

    52 - Lug 13, 2020 - 1:38 Vai al commento »
    Non prendo alcuna posizione. Consiglio ai pubblicitari di leggere la tesi di Francesco Bacone, anticipatore, non a caso, dell'odierna statistica. Si leggano le pagine che il grande pensatore dedica alla doxa, a proposito di quanto, nella mente dell'uomo, si forma ( persino a livello inconscio) nella "percezione" della realtà. Interessante davvero entrare ( ma comprendere) questi quattro aspetti che "vincolano" il giudizio, lui, Bacone, li chiamo Idoli : 1-idola fori 2-idola specus 2-idola theatri, Idola tribus. Sono "vicolati" ma quello del "foro" ( piazza-gente, etc) è fondamentale.
  • Movida molesta, Del Gobbo avverte:
    «I residenti del centro sono esasperati»

    53 - Lug 13, 2020 - 1:23 Vai al commento »
    Condivido quanto scrive l'amico Cerasi. La storia è antica. Sullo sballo alcolico concordo pienamente. L'amico del Gobbo faccia in Consiglio non un ordine del giorno, ma una mozione non di invito, ma di efficacia immediata e lasci votare il Consiglio. E' necessario che il Consiglio dibatta e voti. Non facciamo come in Parlamento. Per votare in Consiglio, per ora, non c'è il Covid. Conte permettendo...
  • Lo Sferisterio si rinnova:
    inaugurato il percorso museale (Foto)
    «L’Arena ora è un palco internazionale»

    54 - Lug 11, 2020 - 1:39 Vai al commento »
    p.s. Saluto e abbraccio anche la mia collega Paola Promisqui.
    55 - Lug 11, 2020 - 1:38 Vai al commento »
    La foto più bella, per me, ovviamente,è quella di quell'uomo che è posto davanti alla Romcaffè. L'amico Enzo Gironella , un gran lavoratore, un professionista, dagli antichi "amici" chiamato " Enzo acqua minerale, passando poi ad altri prodotti. Iniziò così, fin da bimbo, la sua carriera, il suo lavoro, fino al caffè e sommelier. Guido
  • Con Calenda c’è anche Adolfo Guzzini
    “Azione” muove i primi passi a Macerata
    «L’operazione Parcaroli non è credibile»

    56 - Lug 11, 2020 - 1:01 Vai al commento »
    Calenda è uno dei pochi che stimo.
  • E LUCE FU
    La serenata accende la piazza (Foto)

    57 - Lug 9, 2020 - 1:11 Vai al commento »
    p.s transillero, sta per "translittero"
    58 - Lug 9, 2020 - 1:10 Vai al commento »
    A me la luce piace. E' vita. E' un venire alla luce. Non facendo parte di alcun comitato "tecnico" in grado di giudicare, rammento solo che in una versione della Genesi, vi è un testo che dice, oltre alla traslazione notissima "all'inizio era il verbo" ed altre "era il logos", che vi è un ulteriore fonte che riporta quanto segue: " all'inizio era la luce" ( scrivo male in greco che ben conosco ma transillero " en arhè en o fos".
  • Euforia centrodestra: «Finalmente uniti!
    Sandro, ti aspettavamo da febbraio»
    Pantanetti: «Li ha già sconfessati»

    59 - Lug 9, 2020 - 1:00 Vai al commento »
    Non credo negli endorsement. Ma come si scrive? Non è meglio dire, in italiano, "appoggi", "parole favorevoli" e proseguendo in italiano. Quanto alla attuale battaglia o agone, dico dei "ludi cartacei" dei quali parlava ( e giustamente, a proposito delle elezioni) Curzio Malaparte, senza offendere nessuna delle due parti, ovviamente, mai lo farei, da "estremista di centro", ho il timore-terrore che il migliore ( parlo di soggetti o persone) sia oggi ( non solo a Macerata,voglio precisare) "mercificato". Dico "ridotto a merce", ad oggetto. I migliori politici, oggi, sono i pubblicitari. Così come i sofisti nell'antica Grecia...
  • Ricotta: «Parcaroli non ha cultura politica,
    governerebbero i nani che ha dietro»

    60 - Lug 8, 2020 - 2:05 Vai al commento »
    Tutti hanno ragione. Anche l'amico Ricotta. Parcaroli che è una brava persona deve temere "l'interno", non gli avversari .E' assurdo che il centrodestra debba aspettare nove mesi, quanti occorrono per la nascita di un bimbo, per tirare fuori l'asso dalla manica. E' fuori dal mondo ( e dalla ragione).
  • Centrodestra senza candidato sindaco
    Si attendono i vertici della Lega

    61 - Giu 27, 2020 - 1:08 Vai al commento »
    Condivido pienamente e totalmente la tesi del Signor Iacobini. In più desidero, ironicamente ( ma fino ad un certo punto), constatare quanto segue: è un vero peccato che molti anni or sono morì il Professor Enzo Corradini, Psichiatra di fama non solo maceratese, un luminare. Se fosse vivo, penso, anzi sono sicuro, avrebbe una "materia" ( la politica) da poter diagnosticare in quale disturbo clinico sia, oggi, traducibile.
  • Alessandra Machella, nuova voce nel Pd
    «Mi candido per impegnarmi nel sociale»

    62 - Giu 25, 2020 - 22:06 Vai al commento »
    Saluto Alessandra e, tramite lei, il papà Claudio, il mio compagno di classe della famosa e "universale" III B del Liceo Classico Leopardi. Purtroppo, per me e per lui, non ieri l'altro. Guido
  • Rodolfo Craia, j’accuse della compagna:
    «Macerata non usi ora il suo nome
    E’ stato lasciato morire nella miseria»

    63 - Giu 25, 2020 - 0:47 Vai al commento »
    abc
    64 - Giu 25, 2020 - 0:11 Vai al commento »
    Condivido pienamente, nella forma e nella sostanza, quanto scrive Manuela Grelloni. Sottoscrivo pienamente quanto sostiene Renato Coltorti. Ero in Chiesa, durante il funerale, e Manuela mi chiese di dire qualche parola ed io aderii per dovere-piacere. Il piacere, però, era a metà. Perché quanto ha scritto Manuela avrei voluto dirlo in Chiesa. Fui frenato da cari amici comuni ed obbedii. Ero e sono convinto che in Chiesa non si debba fare polemica. Ma qui, si. E pubblicamente.Nel confermare quanto Grelloni scrive, dichiaro che tutto mi è noto, nei particolari e nella tempistica. Ho seguito, da sempre, il tragitto amministrativo di Rodolfo, con lui ho sempre parlato a lungo, nei dettagli. Sono convinto ( e lo dissi in Commissione) che la "svolta" e la "novità" dello Sferisterio non dovevano escludere, per nessun motivo, coloro che ab imis avevano "fondato" quella che fu chiamata, non a caso, "la scuola maceratese"( che valse solo per alcuni e non per altri). A meno che non fosse venuto Einstein, ovviamnte, a sostituirla( ma non vidi intorno alcun Premio Nobel) Così non fu, dunque. In Chiesa mi sono limitato a dire unicamente quanto segue " vi era rancore e invidia nei confronti di Rodolfo". Intendendo con questo due cose: 1- una invidia-rancore unicamente di carattere e ordine "psicologico" ( transit), si sa bene, infatti, che chi manifesta allegria ed energia e\o vitalità si oppone ed entra in frizione con l'abito "melanconico" di tanti ( ma questo sempre accade, tanto più nel mondo dello spettacolo)2- rancore-invidia, questa volta non "psicologica", dovuta all'INNAMORAMENTO della novità e a un desiderio bestiale di ROTTAMAZIONE. Rottamazione strategica, però. Con ogni probabilità, ne sono certo, DOVEVANO intervenire altri "missi dominici". L'avanguardia, come spesso è avvenuto, genera mostri, anche se questi, nella nebbia del panem et circenses, le fragore delle feste, non si scorgono. Manuela, giustamente, fa un cenno alle elezioni e ai voti e intima, educatamente, di lasciar perdere Rodolfo. Mi associo a questo appello. Qualsiasi "restauro" post mortem sarebbe ipocrita e sbagliato, E ancora meno cristiano
  • Brochure da 46mila euro, la Lega:
    «Pubblicità per Ricotta
    a spese dei maceratesi»

    65 - Giu 22, 2020 - 1:31 Vai al commento »
    Caro Gianfranco, ti sbagli. Da più di venti anni.
  • Dalla funivia alle zone 30,
    via libera al Pums
    e rispunta il parcheggio a Rampa Zara

    66 - Giu 19, 2020 - 0:58 Vai al commento »
    Pardon, dimenticanza: voglio aggiungere il "ROSTRO" di Caio Duilio per APPRODARE in PIAZZA:
    67 - Giu 19, 2020 - 0:56 Vai al commento »
    PUMS, IRAP, IRAN (?), TARI, TAS,TASI, INVIM, IVA, RECOVERY, BOND, IRPEF, APP, posso prosegire, sbadigliando... Tuttavia anche io ho una idea, forse geniale: UN TRENINO RIVAROSSI ( quello della nostra infanzia) che porti "ggente" in PIAZZA.
  • Dalla sinistra progressista di D’Ambrosio
    passando per il “garante” Spacca
    fino alla “rottura industriale” di Ceriscioli

    68 - Giu 19, 2020 - 1:14 Vai al commento »
    Mi congratulo con Fabrizio. Il tuo articolo,scegliendo la "chiave" satirico-ironica, dice la verità. E mostra molto altro. Guido
  • Cala il sipario per «l’angelo guerriero»
    Macerata applaude Rodolfo Craia
    (Foto-Video)

    69 - Giu 17, 2020 - 2:17 Vai al commento »
    Caro Giorgio, quanto scrivi è intenso. Tutto. E tutto condivisibile.
  • Assemblea regionale del Pd:
    Unione Sovietica anni Cinquanta

    70 - Giu 15, 2020 - 0:38 Vai al commento »
    Caro Fabrizio, condivido quanto scrivi. Una domanda apparentemente estranea. Ti sei accorto che la "ggente" ( con due g) legge l'Infinito di Leopardi con la stessa tensione e cadenza ritmica di una ricetta per fare un buon ragù?
  • Palazzo della Prefettura,
    centinaia di fori:
    in arrivo le strisce luminose

    71 - Giu 15, 2020 - 0:31 Vai al commento »
    Caro Silvano, apprezzo le tue critiche. E anche quella del signor Perri che pone interrogativi non banali. Io non sono un architetto e neppure un designer, ma una cosa è certa ( ovviamente per me) e propongo una metafora "clinica". Il medico di un tempo, non aveva come quello di oggi, gli strumenti diagnostici attuali, capaci, come è noto di analizzare e e scoprire la patologia. Il medico di ieri, senza strumenti, era "costretto" ( lo dico in senso positivo) ad analizzare "l'insieme" dei sintomi del paziente, in senso unitario, si potrebbe dire, o olistico. A lui non dovevano sfuggire i "dettagli". La città, soprattutto la parte "storica", a mio avviso, dovrebbe essere "analizzata" con quella lente antica e globale, unitaria, appunto. E qui, allora, entra in azione la presenza ( o assenza) di cultura storica e stilistica ( aggiungo). Il tutto deve essere letto si nel dettaglio, ma questo ( il dettaglio) deve o dovrebbe essere "comparato" alle "immediate vicinanze" di altre strutture contigue. Dunque solo al coscienza-conoscenza storica rende plausibile un intervento di restauro e\o innovazione. Insomma, avanguardia ma nella tradizione. Il resto è sperimentalismo accattivante, bimbo settimino. Saluti da Guido
  • «Chiudere il centro storico alle auto?
    Solo per un progetto serio,
    non può diventare un dormitorio»

    72 - Giu 10, 2020 - 23:07 Vai al commento »
    Condivido le sensate proposte di Paolo Perini. Il suo ragionamento è pieno di buon senso e i costi sono effimeri. La nuova amministrazione, credo, dovrà tenerne conto. Altrimenti, il contrario, è pura ideologia.
  • Case di riposo, Maccioni attacca:
    «C’è chi non ha gestito bene l’emergenza»

    73 - Mag 29, 2020 - 20:15 Vai al commento »
    Ha ragione Iacobini. Oggi troppe ipotesi, fantasiose per non dire peggio, su candidati, eccetto quelli, ovviamente già noti. Una Commedia comico-drammatica da far invidia a Pirandello, quello di "Uno nessuno e centomila", ma anche, non male " Così è se vi pare". Ad iuvandum Iacobini che condivido, vorrei aggiungere che un tempo, e non lo dico per nostalgia, ma per oggettività, i Partiti avevano dei Leaders, costoro "pensavano", "argomentavano". Oggi tutto si riduce ad un fosco-melmoso spettacolo di "rapidità" e di "immagini senza pensiero". Questo, purtroppo, lo registro da venti anni: la Politica non esiste poichà ha ceduto il suo posto e il suo ruolo alla Economia. E' questa, con la Finanza, che è la nuova Teologia e la nuova Ideologia, camuffata, ovviamente...
  • Malore improvviso,
    muore ex vigile urbano

    74 - Mag 28, 2020 - 21:07 Vai al commento »
    Un amico e un ottimo chitarrista.
  • Partono i test sierologici
    coinvolti oltre 5mila marchigiani

    75 - Mag 24, 2020 - 1:25 Vai al commento »
    Molto bene. Approfitto della testata per chiedere se tali esami immunologici sono quantitativi o qualitativi. Non è la stessa cosa. Ringrazio.
  • Appignano, test sierologici per tutti:
    il Comune lancia la campagna

    76 - Mag 20, 2020 - 20:54 Vai al commento »
    Chiedo se tali tests sono qualitativi o quantitativi. Vi è una enorme differenza. Grazie.
  • Lega Marche con guida umbra,
    Pazzaglini: «Nomina utile per il congresso»
    Ma le chat interne sono infuocate

    77 - Mag 18, 2020 - 20:35 Vai al commento »
    A meno che non vi sia un "accordo" per la Campania?
  • Il governatore Ceriscioli
    affronta la curva della candidatura
    In ebollizione Casa dem

    78 - Mag 18, 2020 - 20:31 Vai al commento »
    Si, è vero, ma è vero anche separatamente, infatti "omnis negatio est determinatio".Inoltre è necessario "situare" le eventuali proposizioni storicamente, nel tempo. E dunque prevale la funzione retorica su quella logica-immediata.
  • Morto il pittore Guido Raparo:
    «Papà, sei stato il mio eroe»

    79 - Mag 16, 2020 - 0:44 Vai al commento »
    Cara Marisa, ti sono vicino, Guido
  • «Un tumore mi ha tolto la pittura,
    io che ho combattuto per anni
    vi dico di stringere i denti: vinceremo»

    80 - Mag 7, 2020 - 16:58 Vai al commento »
    Avanti caro Guido, un abbraccio da Guido Garufi
  • E’ morto Ugo Caggiano,
    pittore del fiabesco e del visionario

    81 - Apr 27, 2020 - 17:11 Vai al commento »
    Apprendo con tristezza la notizia del "volo" dell'amico Ugo. Si, era un grande amico, originale, "errante", elegante il suo segno. Parlavamo a lungo, volentieri, della vita, del mondo, del "mercato". Tante volte insieme ad altri, quasi in processione, andavamo a casa di Ugo. Arte e gastronomia, "allegrezza", e anche una visione utopica, a metà tra storia ( e sue inciviltà) ed arte, con il suo sogno e col suo viaggio, il suo pellegrinaggio. Ugo, ridente e fuggitivo.
  • Fase 2, il vescovo Marconi:
    «Sulle messe è mancato il dialogo
    Le decisioni non si impongono»

    82 - Apr 27, 2020 - 17:13 Vai al commento »
    83 - Apr 27, 2020 - 17:12 Vai al commento »
    Bisognerebbe chiedere "lumi" ai virologi di tutte le nazioni europee.
  • Bertolaso, da uomo della provvidenza
    a uomo per la presidenza?

    84 - Apr 22, 2020 - 19:12 Vai al commento »
    Debbo dire, come sempre, che le argomentazioni e i meccanismi causa-effetto dell'amico Cambriani sono sostanziali e condivisibili.
  • Gruppo di avvocati scrive a Conte:
    «Non va discriminata la terza età,
    stare bene non si paga con la libertà»

    85 - Apr 22, 2020 - 19:00 Vai al commento »
    Condivido la tesi, incontrovertibile e storicamente verificata, di Pavoni.
    86 - Apr 21, 2020 - 18:36 Vai al commento »
    Sono in pieno accordo con il Professor Perfetti. Non sono un giurista, diciamo, però, che so leggere. Ovviamente nessuno di noi, apparentemente, non comprende la virologia. Ma in questo caso, quello "virologico", abbiamo visto quante "antinomie", per citare Kant, sono presenti nel bla-bla "virologico". La TV e sue "associate" su carta stampata, indirizzano verso una "lettura univoca" di tipo allarmistico.Io ritengo che si voglia amplificare questo "stato di allerta" per rendere "stabilità al Governo" ( o al suo Presidente ) e per "incastrare" politicamente i "dissidenti". E' necessario vedere come si comportano gli atri paesi europei, a tal proposito, proprio in materia della giusta lettere dell'Avvocato Perfetti. Abbiamo sempre sentito, quasi imperativamente-pedagogicamente, questa frase : " ce lo chiede l'Europa". Si guardi allora, e non a coitus interruptus, come in questa materia si comporta l'Europa. A proposito di scienza bisogna interpellare Popper. Vero, falso, probabile.
  • Pantanetti bacchetta Marchiori:
    «E’ lui che deve dimettersi,
    da quando è leghista mistifica i fatti»

    87 - Apr 17, 2020 - 23:36 Vai al commento »
    Ha ragione Bommarito.
  • Lutto nel mondo della cultura,
    è morto Massimo De Nardo

    88 - Apr 13, 2020 - 21:48 Vai al commento »
    Conobbi Massimo ai tempi "archeologici", tra amici trasversali di Vicolo Cassini, a macerata. Nel corso del tempo, tante volte, ho parlato con lui. Più in particolare durante il "ricordo" di un amico comune, Osvaldo Pieroni. Incontro organizzato da Renato Pasqualetti presso la nostra biblioteca comunale.Parlammo, in quel caso e in altri occasionali incontri di poesia ed editoria. Aveva una penna "apparentemente leggera, in verità realizzando nel testo una struttura formale ( e stilistica) di livello. Quasi timido, quasi in filigrana, emozionante, emotivo. Credo che lui, sempre e da sempre, a partire da Vicolo Cassini,abbia avuto nel cuore ( e nella mente) la "pagina", il testo, il libro. Letteratura alla quale affidare il sogno e persino l'utopia. Quella che troppo spesso la politica segnala o allude, ma non realizza se non in "conati" spaventosi. Ci lascia un romantico, nel senso più esteso e civile della termine.
  • «Se facessimo più di quanto chiesto
    l’emergenza finirebbe prima»

    89 - Apr 13, 2020 - 21:58 Vai al commento »
    Caro Paolo, sai che ti stimo e ti rispetto, fin dal tempo del "tuo "Liceo Scientifico. Condivido, nella sostanza, quanto scrivi. Ma tu sai, come me e tanti altri, che vi è un secondo virus, non il Covid, o non solo il Covid. Il secondo virus è la "liquidità". Qui il problema , l'epidemia, il contagio, si allargano, non esiste antidoto o farmaco se non il debito. Ecco, secondo me, bisogna proprio ragionare politicamente su questo "vaccino". Esplorare altre fonti "estere" ( Banche estere, Stati Uniti, Cina, etc, alle quali chiedere il prestito. Un pizzicagnolo ci riuscirebbe.
  • Conte: «Lockdown fino al 3 maggio
    Scelta difficile ma necessaria»

    90 - Apr 10, 2020 - 23:44 Vai al commento »
    Conte, che non stimo, ha comunque fatto bene ad allungare la quarantena. Conte, che io non stimo, ha fatto male, anzi malissimo, a proposito del secondo motivo di salute ( il virus "economico") a fare accordi, che lui per ora chiama "bozza" con Lorsignori. Si intende Olanda e Germania. Si è ricorsi, affinchè la "favola" continui, al dizionario dei " sinonimi e contrari" di Tommaseo. Non è il MES ma sarà una "specie di MES. Non saranno gli EUROBOND ( che sono sempre un prestito). Forse, dico forse, BCE permettendo, la BCE potrebbe ( dico potrebbe) acquistare "titoli di Stato" italiani. L'alternativa è 1- stampare titoli del Tesoro italiani, ad acquisto e dinamica "interna", interna allo Stato, interni solo all'Italia e agli italiani, si chiama "prestito nazionale" a quote di interesse è più alti e di quelli "bancari". Nelle banche italiane sono presenti 4.000 miliardi di Euro. Di questi 1.500 cono liberi, il resto è "impegnato" ( Bot etc), ma svincolabile alla scadenza. Il flusso dei risparmiatori andrà irreversibilmente verso il Tesoro. Poi, per concludere, punto 2, se debbi scegliere una Banca, ad esempio la BCE, perchè non chiedere ad altre Banche? In oriente o agli Stati Uniti?Perchè non si mettono in "concorrenza" nell'età del globalismo e della concorrenza?
  • Macerata durante la Spagnola,
    quante analogie col Coronavirus

    91 - Apr 6, 2020 - 17:09 Vai al commento »
    Mi congratulo con CM e con lo storico Ruffini. Invito CM, se possibile, ad inoltrarsi su queste materie storico-epidemiologiche. Ad esempio, chi scrive, era a Perugia, nel 1969-70, iscritto a Medicina. Girò anche il quell'anno una pandemia grave, si chiamava "Asiatica", il virus infatti proveniva da Hong Kong. Tredici milioni di italiani a letto, oggi si direbbero sintomatici, non riesco ad intuire quanti fossero gli asintomatici, ipotizzando che chi sta a letto ha la febbre. I morti furono 20.000.Non c'erano gli attuali canali televisivi, solo uno, in bianco e nero, non vi erano computers e telefonini, etc. Sarebbe interessante che qualche storico, ad esempio l'ottimo Professor Ruffini,magari consultando le fonti oggi accessibili via internet, ci parlasse di questo evento, che io ricordo benissimo. Nel frattempo ho riletto i capitoli XXX e sgg. de I promessi sposi. Interessante, anche in quelle pagine,rintracciare segni e segnali ricorrenti.
  • Ricotta plaude l’azione della Regione
    e firma petizione per Mario Draghi

    92 - Apr 4, 2020 - 19:23 Vai al commento »
    Bisogna ricorrere al Prestito nazionale, con lo Stato Garante, con l'emissione ad uso, solo interno, dei buoni. La trappola è pronta, come nella fiaba del buono e del cattivo. La Merkel è cattiva, Draghi è buono. Il Mes è cattivo, altro, da definire...è, o sarà, buono. In verità si tratta di due "prestiti", uno più cattivo e l'altro più buono. Con l'emissione di titoli interni, e solo ad uso interno,con eventuale delega a Banche di Stato ( Cassa deposito e prestiti etc), si "scavalcano" le Banche così affettuose con noi. Più in particolare quelle tedesche.Vi è una petizione nazionale al riguardo, vi sono illustri economisti, non solo Gualtieri che non c'è,naturalmente, o nuovi Principi azzurri.Vi sono allievi di Modigliani, lo fu anche, ai tempi remoti, Draghi, un keinesiano. Ma poi la maggior parte, a partire dalla metà degli anni '60, dopo "l'omicidio Kennedy"....diventarono monetaristi ed iperliberisti. Siamo davanti ad una medioevo particolare. IN quei tempi la Teologia surrogava il Pensiero filosofico ( ed economico). La filosofia era "ancilla" della Teologia. Dopo la questine cambiò. Oggi la Economia è la Nuova Teologia, è esatta, veritativa, dogmatuica, eterna, imperturbabie. E' Dio. E un assioma.E' o dovrebbe essere la Politica ad invertire il ruoli. Il vero fascismo è questo mondo "consumistico" ed iperproduttivo ( Pasolini etc), mercato che non esiste perchè "ordinato" e "coordinato" dalla finanza.
  • David Monti: «Due mesi di ritardo
    nell’affrontare la situazione coronavirus
    Gravi responsabilità del Governo»

    93 - Apr 1, 2020 - 0:19 Vai al commento »
    Bravo David, coraggioso il tuo intervento, come Magistrato, ma in più, come Filosofo. Guido
    94 - Apr 1, 2020 - 0:17 Vai al commento »
    Bravo David. Ottimo intervento, da Magistrato, ma anche da filosofo quale tu sei. Guido
  • «Una boccata d’ossigeno»,
    «un primo passo», «no troppo poco»
    Le reazioni dei sindaci al decreto Conte

    95 - Mar 29, 2020 - 22:04 Vai al commento »
    Condivido l'argomentazione di Pezzanesi. La questione è europea. Chissà che Monti può sbrogliare la matassa...
  • Il grido di Fabio Giulianelli:
    «Urliamo la nostra rabbia
    Deve nascere una società più forte»

    96 - Mar 29, 2020 - 22:10 Vai al commento »
    Condivido quanto scrive Gianni Menghi. A proposito di Europa, mi chiedo, e chiedo, coma mai non vollero introdurre nella Costituzione europea il termine "radici cristiane"? Che strano. Chiedetelo alle Banche che sono, come tutti voi sapete, "dialogiche" ed "umanistiche". Più in particolare quelle tedesche. Infatti, "Dio è con loro"...
  • Forze dell’ordine davanti agli ospedali,
    risuona l’Inno di Mameli (VIDEO)
    L’omaggio agli operatori sanitari

    97 - Mar 28, 2020 - 16:40 Vai al commento »
    Commovente, autentico, vero. Quando tutto sarà passato, spero tra breve, dovremo ricordarci di loro, insieme ad infermieri e medici. Dico delle loro retribuzioni, le peggiori d'Europa. Chiederemo un contributo "gentile" alla Signora Merkel...
  • Macerata, tutti i servizi del Comune
    a sostegno dei cittadini

    98 - Mar 27, 2020 - 22:22 Vai al commento »
    Condivido quanto scrive Pallotto. La verità è che non servono i tamponi, affatto,serve invece l'analisi ematica delle globuline ( IGG e IGM). I test già, Emiliano, dalla Puglia, ne ha ordinati 1 milione dalla ditta cinese. Ieri l'altro, in TV, ho ascoltato con la massima attenzione un industriale toscano che "produce" questi tests. La regione Toscana ne ha ordinati 500.000. Il costo è relativo, 10 Euro. Il test è in grando di captare gli anticorpi del virus, di questo virus. Le IGG, se positive, ti dicono che ha "già" avuto la malattia, le IGM ti dicono se la malattia è in atto. A me sembra che sia doveroso per l'Italia fare uno screening nazionale. Solo in questo modo, e solo in questo, si potrà davvero mappare chi sta a casa, dagli asintomatici totali, a chi ha lievissimi sintomi, a chi ha sintomi più importanti. La stadiazione è centrale. Ora dicono, però, che tale virus non lascia immunità. Mi chi lo dice? E' un si dice? E come fanno a dirlo senza che sia passato un tempo adeguato, lungo? E chi mi dice o ci dice che se ci sarà una ondata di ritorno, qualora uno abbia prodotto precedentemente gli anticorpi, i "vecchi" anticorpi non siano più in grado di "fronteggiare" il virus. E chi ci dice che la residualità anticorpale non sia in grado, almeno, di fronteggiare la potenza della nuova ondata. Ovvero di rendere il virus meno aggressivo? Questa mancanza dello screening di cui parlo mi lascia dubbi, dubbi di tipo economico...
  • Morgoni ammonisce Guzzini:
    «Confindustria rispetti la politica,
    insieme verso il progresso civile»

    99 - Mar 27, 2020 - 22:39 Vai al commento »
    Io non entro nel merito. Dico solo che la "critica" è costituzionalmente lecita. Sostengo che in questo caso, la pandemia, il Re è nudo. Mi riferisco non solo o tanto all'Europa in generale, ma alla Germania e all'Olanda.E' ora che cessi il "ricatto", storicamente accertato, dell'asse, antico e storiografato, Franco-Asburgico. E' ora che cessi dalla Germania che non fa altro che ricordarci con Fichte ( "Discorso alla nazione " o "La missione del dotto") o con Hegel che traduceva "topograficamente" la sua filosofia considerata la più importante nella formula "Lo spirito del mondo si è fermato a Berlino", o anche più tardi( non lui) "Dio è con noi". Questi che sembravano asserzioni dogmatiche rimangono nella spirito del popolo, di quel popolo. E' vero, non abbiamo la mafia e loro ci accusarono di questo, con una bella copertina che rappresentava degli spaghetti con una pistola. Almeno non abbiamo mai bruciato nessuno nei forni.L'asse franco-asburgico ci ha imposto un rigore "matematico" di cui hanno fruito le banche di Lorsignori ( il Loden di Monti docet) Essi, ancora oggi, nonostante una pandemia, ancora blaterano e pretendono da noi "gentilezza". Essi sono i veri retori che si nascondono dietro la "verità" matematica dei "loro" conteggi falsi e bugiardi. Io pretendo che il Presidente Conte, che certamente si trova in una situazione terribile, faccia appello alla sua "radice" meridionale, non alzi solo la voce, ma urli. Basta con gli inchini. Lo si può fare, l'inchino, al Papa, non alle Banche.
  • Test Covid in 5 minuti,
    dalla Cina i kit per controlli rapidi
    Il Santo Stefano tra i primi a sperimentare

    100 - Mar 24, 2020 - 23:07 Vai al commento »
    Molto bene. Mi risulta, inoltre, che il Governatore della Puglia, Emiliano, da circa un mese abbia acquistato dalla stessa ditta, una quantità notevole del kit. Ieri, una impresa toscana, in TV, ha detto, facendolo vedere, di aver prodotto e realizzato lo stesso kit immunologico ( quota dell IGG e IGM) del virus. Il produttore ha inoltre aggiunto, alla domanda del giornalista, che il prezzo al pubblico è di 10 Euro, ma, giustamente, per la regione, il prezzo è inferiore. La Toscana ha acquistato 500.000 kit.La notizia era nota da 40 giorni. Passiamo ora al farmaco antivirale, di produzione giapponese, poi acquistato anche dalla Cina. La notizia girava troppo...e così l'AIFA ha "dovuto" sottoporre questo antivirale, noto da molti anni, ad un protocollo di emergenza e rapido...Questo antivirale serve solo per le fasi iniziali da un punto di vista clinico, ma risulta efficace. I virologi sono solo in Occidente?
  • «Non credo al Coronavirus»
    Scatta l’esposto contro Vittorio Sgarbi

    101 - Mar 15, 2020 - 1:43 Vai al commento »
    Freud scrisse un saggio impareggiabile. "Anticipazione, sintomo, angoscia". Io non sono un virologo, ma sono curioso, anzi, sarò curioso, di "leggere" e di essere informato, alla fine di questa pandemia che spero breve , sui morti in Inghilterra e da noi.
  • Fratelli d’Italia frena sulle primarie:
    «Trovare subito intesa senza attardarci»

    102 - Mar 6, 2020 - 22:32 Vai al commento »
    Condivido pienamente la tesi logico-algoritmica di Ponzelli. Quanto all'amico Silvano Jommi, mi congratulo, perchè mette in evidenza il "pirandellismo" di qualcuno, il suo "nascondersi e apparire". E' assurdo e irritante, ma chi deve capire ha ben compreso. Nel tempo, aiutandoci il coranovirus, si capirà ancora meglio chi e quando e perchè fu iniettato il virus, e il "guadagno" conseguente.
    103 - Mar 6, 2020 - 0:28 Vai al commento »
    E' fantascientifico tutto. Quinto Fabio Massimo, detto il "temporeggiatore" ( "cunctator"), temporeggiava per, giustamente, pensare. Poiché il tempo per pensare, molto ne è trascorso, desta stupore leggere la condivisibile e stimolante posizione di FI. Infatti, pensando, penso quanto segue: perché è FI a parlare e non la Lega? Avendo "pensato" a lungo la Lega, dica con chiarezza di pensiero ( e di parole), anche pubblicamente, se rimane nella sua rigida posizione. Poiché il coranovirus può aiutare i pensatori e il "pensatoio", si dice, vedremo, che saranno spostate le date delle elezioni, dunque tutti, dico tutti, possiamo ancora pensare. Non vedo tutta questa fretta. La mia è una argomentazione logica.
  • Macerata 2020, FI chiede le primarie:
    «Il nostro candidato è Riccardo Sacchi»

    104 - Mar 4, 2020 - 22:32 Vai al commento »
    E' vero caro Silvano. Condivido: l'esercizio del voto è sempre, in democrazia, auspicabile. Mi piace quando affermi "se ci sono i tempi". Nel mio precedente commento ho voluto mostrare, e dimostrare, che vi è stata da tempo una "costrizione", nata nel laboratorio maceratese e periferico, una sorta di trappola, prima ombrosa e non decifrabile, poi sempre più chiara e incontrovertibile. Ritengo,che artatamente si sia voluto far perdere tempo agli "alleati", anche perchè non xcostruissero le liste...
    105 - Mar 4, 2020 - 1:08 Vai al commento »
    Condivido quanto argomenta Bommarito. Voglio aggiungere una mia considerazione e un ragionamento, premettendo che senza ragione e razionalità non esiste Politica meno che non via sia inganno.Parto dall'inizio di questa Opera Buffa da far invidia a Dario Fo. Per la verità, ai soli fini dei lettori, citerò Pirandello di "Uno nessuno e centomila", ma più in particolare "Così è se vi pare". Sarei curioso di sapere, anzitutto, dove è scritto, in quale documento "regio" è siglato l'accordo cittadino. Più precisamente: a Fratelli d'Italia, spetta la Regione, vero, incontrovertibile. Alcuni hanno dedotto impropriamente, che, dunque, Macerata spetti alla Lega. Ammesso e non concesso, poiché sarei curiosissimo di leggere tale documento. Infatti, la Chiesa, prima che Lorenzo Valla scopris se la "falsa" donazione di Costantino, tutti, dico tutti, ritenevano che la donazione fosse certa e verosimile. Ma Valla scoprì l'inganno. Mi pare fantascientifico e da romanzo spaziale che Roma, oltre che decidere, giustamente, l'attribuzione delle Regioni, sia così "irrazionale" da decidere, ab urbe condita,partiti e nomi di sindaci periferici. Qualcosa non torna, non porta, non coincide. Tanto più che, per semplice "ragionamento", qualora il tavolo maceratese avesse deciso, concordemente, di lasciare alla Lega il Sindaco, indubbiamente, la Lega non avrebbe, credo razionalmente, ipotizzato un solo nome. Qui siamo a Pirandello di "Uno nessuno e centomila". Proseguo, poichè mi sembra di trovarmi davanti ad un genere "giallo" che prima non ho menzionato. Io credo che siamo davanti ad un"delitto perfetto". Infatti se la Lega avesse detto, leopardianamente parlando, in tempi non sospetti, "pria che l'erba inaridisse il verno" che aveva un solo, unico, potentissimo e magnetico candidato e che tale candidato era un grandissimo autore, come Dante Alighieri, io sono certo che il tavolo, cioè gli alleati della Lega,. davanti a tanta Araldica, si sarebbero, e giustamente, tirati indietro.Ma a qualcuno serviva tiare avanti, perdere tempo, prendere tempo, consumare il tempo, affinchè gli alleati o si stancassero e, meglio ancora non approntassero le liste dei candidati consiglieri. Diciamo, attraverso lo stress e il logoramento, anemizzare gli alleati. Io mi chiedo se Salvini sappia, nel dettaglio, tutto questo o, se questo, al contrario non appartenga ad un gioco intermedio e ,limitrofo, dico di Macerata e sua Provincia, senza scomodare la Lombardia.Io ritengo, invece, che il gioco sia tutto locale. Si dica, infatti, esattamente, "chi" ( intendo nome e cognome) si cela dentro e dietro questo gioco. E' facile, dalla periferia, dire, è il Partito. Ma qui ancora Pirandello. Una cosa è dire Partito, una cosa è dichiarare chi, "nel" Partito sta allestendo questa tela. Bene ha fatto, dunque, Sacchi, che, dice, in due parole, "scopriamo le carte". Non si può giocare a rubamazzo o poker sempre. Anche se questo, a bene vedere, è accaduto di recente in provincia.Non è dunque da ricercare, con eccesso di dietrologia, in questa dinamica "gialla" un accordo con la sinistra. No. Nasce tutto all'interno e a favore di registi e proconsoli in Bitinia.Voglio dire che i Greci, nella guerra di Troia misero un cavallo all'interno per espugnarla. Un inganno. Ma molti, i più, a Macerata, l'hanno compreso e hanno letto di documenti di Valla.
  • Il resto del centrodestra contro la Lega:
    «Marchiori sta correndo da solo,
    non c’è un progetto condiviso»

    106 - Feb 29, 2020 - 0:44 Vai al commento »
    Condivido la tesi di Ponzelli sui ladri di Pisa. Aggiungo: vorrei anche io conoscere il nome ( o i nomi) dei ladri di Pisa.
  • Ceriscioli blinda le Marche:
    «Scuole chiuse da domani
    Stop a tutte le manifestazioni»

    107 - Feb 25, 2020 - 22:19 Vai al commento »
    Condivido la tesi di Adelio Bravi. E' commentata e argomentata con un serio ( e incontrovertibile) meccanismo di causa ed effetto.
    108 - Feb 25, 2020 - 22:17 Vai al commento »
    Condivido pienamente la tesi di Adelio Bravi. Argomentata con il verosimile meccanismo di causa ed effetto.
  • La grande fabbrica Sferisterio
    svelata 200 anni dopo

    109 - Feb 23, 2020 - 22:31 Vai al commento »
    Ottimo Silvano. Conosco la tua diligenza, fortunosamente e fertilmente "ossessiva", come ricercatore di incunaboli e carte segrete...Nel nostro caso, lo Sferisterio, presenta un "oggetto" davvero entusiasmante. Mi riferisco, ovviamente, agli equilibri politico- economici che si tradussero, non senza belligeranza ad un accordo. Meglio ancora ancora ad un do ut des ( e non das) Guido
  • C’era una volta il tavolo,
    centrodestra sull’orlo di una crisi di nervi

    110 - Feb 22, 2020 - 23:49 Vai al commento »
    Anche io, esperto nell'analisi ermetica, in letteratura, mi sono esercitato per comprendere quel testo che l'ottimo articolista ha citato. Non venendone immediatamente a capo, ho ripreso il saggio più importante in materia, "Varianti e altra linguistica" e anche "Altri esercizi di scrittura" del grande critico Gianfranco Contini. Mi scuso con chi mi legge, ma è importante che io parta con questa metafora. Bene. Contini dimostra ( filologicamente)che un testo come quello apparso è pieno di varianti e, quindi, non corrisponde al vero. E' come se voi che mi leggete aveste in casa l' Infinito ( in autografo)di Leopardi comprese le varianti che il grande autore e deste alla stampa solo l'incipit: " sempre caro mi fu quest'ermo colle" Che significa. Perchè il testo non è articolato? Non appare la siepe, il vento, l'infino silenzio, la voce delle stagioni. Ma chi ha scritto?
  • Andrea Marchiori candidato della Lega
    «Sarò il sindaco dei dimenticati»
    Ha la ‘benedizione’ di Salvini e Parcaroli

    111 - Feb 21, 2020 - 22:22 Vai al commento »
    Condivido le acutissime e argomentate riflessioni di Ponzelli.
  • Orioli e i moderati del centrodestra:
    «Non si può rinviare ancora sul candidato»

    112 - Feb 17, 2020 - 22:21 Vai al commento »
    Condivido quanto Orioli ben argomenta.
  • Esce Monteverde, entra Miliozzi
    Il verdetto delle primarie è “culturale”

    113 - Feb 17, 2020 - 22:31 Vai al commento »
    Non so chi abbia scritto l'articolo. Voglio congratularmi leggendo la "dinamica" che viene messa in luce, ben argomentata e assolutamente verosimile. Una sola variabile: le elezioni sono diverse dalle primarie. In queste si raccolgono voti, simpatie, antipatie, amicizie etc, che nulla hanno a che fare son l' indirizzo politico. La questione delle "quote" è posteriore al "raccolto" elettorale. Ovvero quello delle singole squadre che parteciperanno alle elezioni politico-amministrative. In quel caso i numeri saranno decisivi. Solo quelli. Quanto al bilancino, io ritengo, dovrà essere applicato, magari grossolanamente, il Manuale Cencelli che, nessuno si scandalizzi, a me sembra il "radar" più democratico. Lo hanno fatto anche al Governo, ora, allora, sempre.
  • Macerata, il grande equivoco centrodestra
    Gli errori e i tentennamenti della Lega
    hanno reso leader tutti e nessuno

    114 - Feb 14, 2020 - 23:39 Vai al commento »
    Caro Peppe, condivido. Ma tu, lo dico amichevolmente, non sei un "penalista". Siamo davanti ad un "delitto perfetto".
  • Centrodestra, la Lega diserta il tavolo
    «Il nostro interlocutore è la città»

    115 - Feb 13, 2020 - 22:30 Vai al commento »
    "gli alberi non parlano", Socrate
  • La mossa Delle Fave infastidisce la Lega:
    stop auto-candidature e nomi “dall’alto”
    Per Marchiori sono più i “sì” che i “no”

    116 - Feb 9, 2020 - 0:00 Vai al commento »
    Si perdonino gli errori di trascrizione, tesa e "nevrile"
    117 - Feb 8, 2020 - 23:58 Vai al commento »
    Da far invidia a Pirandello, quello de "Uno nessuno e centomila".Se debbo esprimere, per ora, una impressione politica,direi che si tratta di un romanzo "grottesco" o "eroicomico" e , perché della "Batracomiomachia", ovvero la "battaglia tra rane e topi dell'intramontabile Giacomo ( Leopardi). Non mi intendo di calcio, ma dico che non vedo in giro Maradona, pur non essendo un tifoso... fiduriamoci chi lo è...Ma forse, non è così. Questo che può apparire un romanzo "incompiuto", può riservare sorprese, del genere peggiore,però, quello del "delitto perfetto".
  • Ricotta chiama Macerata,
    «non farò la gara
    a chi la spara più grossa»

    118 - Feb 7, 2020 - 0:01 Vai al commento »
    Condivido la tesi dell'amico Senatore Luciano Magnalbò.
  • Il centrodestra pensa al futuro,
    il presente è lontano da Macerata

    119 - Feb 7, 2020 - 0:07 Vai al commento »
    Siamo davanti ad un dramma "analitico", nel senso, purtroppo, non della analisi, della ragionevolezza, della ragione. La cosa è psicoanalitica, ma fino ad un certo punto...
  • Ricotta, programma in dieci punti
    Di Pietro: «Il Pd finalmente unito»

    120 - Feb 3, 2020 - 1:08 Vai al commento »
    Per quanto riguarda il programma fino ad ora accennato dall'amico Ricotta, concordo. Del resto un programma, per ora, non può che essere, direbbe Aristotele, "generalissimo", ma sostanziale, in questo caso da quanto leggo è sostanziale, indirizzato verso alcune direzioni, non è fumoso. Io non so se mi presenterò alle prossime, di maggio, elezioni. Per ora, faccio gli auguri a Narciso. Per il resto, la discesa in campo, è di ordine e carattere psichiatrico.Non mi riferisco a Ricotta.
  • Mirella Emiliozzi (M5s): «Noi vigliacchi?
    No, continuiamo a combattere
    contro chi ha malgovernato per 20 anni»

    121 - Feb 3, 2020 - 0:59 Vai al commento »
    Direi che il dibattito è interessante. A mio avviso il Movimento 5 Stelle nasce dentro l'euforia ( uso il termine positivamente) anche attoriale e mediatica del suo fondatore. Senza di lui e il computer non esisteva questo movimento. I voti che presero, se non sbaglio 33%, sono davvero difficile da mantenere. Dico, senza entrare nel merito del dibattito suscitato dall'amico Cambriani, quanto segue, premettendo che è una mia opinione.Nessuna partito, e tanto meno un Movimento, può mantenere quella percentuale, governando o con la Lega o con il PD.Cosa avrei fatto io, qualora lo avessi potuto fare? Un piccolo conto, banale ma fondamentale che dice quanto segue: è difficile che io mantenga quella cifra assoluta, è impoaasibile mantenerla in periferia ( regione, città) poichè i due poli mi stritolano, essi sono più radicati. Dunque faccio cadere il Governo, mi presento da solo e quel 33% che mai più riprendero, non si azzererà, ma sara prossimo, se mi presento da solo, al 12\18 %. Non è tanto, ma non è poco. Risalgo in Parlamento e inietto il virus. Non sono ironico.
  • Federica Curzi non appoggia Miliozzi:
    «Pensare Macerata è implosa,
    i reduci vedranno cosa fare»

    122 - Gen 23, 2020 - 0:18 Vai al commento »
    Cara Federica, sei davvero e positivamente inglese: " splendido isolamento". Guido
  • Monumento Saram alle ex Casermette,
    gelo tra Comune e Arma Aeronautica

    123 - Gen 24, 2020 - 23:57 Vai al commento »
    Condivido quanto argomentato negli interventi precedenti. Non occorre, credo, una enorme somma per fare quanto si richiede. Ricordo con affetto ( e nostalgia) la SARAM, dove conclusi il servizio militare. Resti il ricordo di ciò che è stato, resti il ricordo di chi è volato in alto.
  • Il centro storico che cambia:
    chiude il Caffè Venanzetti,
    apre il kebab lungo le Scalette

    124 - Gen 23, 2020 - 0:20 Vai al commento »
    Condivido quanto afferma Ferroni. Oltre a triste e desolante, voglio aggiungere "depressivo".
  • M5S, il festival degli errori
    E se il Pd puntasse su Longhi?

    125 - Gen 18, 2020 - 0:15 Vai al commento »
    Non posso che condividere l'argomentazione dell'amico Cambriani. Tuttavia desidero esporre una mia ipotesi "corsara". A me sembra che ognuno, nessuno escluso, tiri il Movimento Cinque Stelle dalla sua parte. Vediamo in che senso. Il clinamen dei Cinque Stelle inizia da quando era al Governo con Salvini ( dico numeri e sondaggi), prosegue, sulla stessa linea con il PD. Indubbiamente i Cinque Stelle, quando si presentano in periferia ( Regione o amministrative) prendono, fisiologicamente, di meno di quanto ottengono o potrebbero ottenere con il voto parlamentare. Ma questo è normale, anzi oggettivo. Non hanno un radicamento, un "filo a terra", come alcuni partiti storici. Questo il fatto incontrovertibile. Quanto alla politica delle alleanze, qualsiasi esse siano, la cosa è diversa. Molto diversa.Essi sono, per così dire, "costretti" ( o "stretti") all'alleanza. Ma ogni alleanza li depaupera. Ora, ma è mia ipotesi, quel 33% che ebbero, è figlio di altra stagione e tempo politico, più fragoroso e attoriale. Il sottoscritto, ad esempio, apprezza\va la polemica "forte" delle Cinque Stelle contro le Banche e alcuni centri, anche europei, di potere ( economico, non liturgico), il sottoscritto ha apprezzato, pur nei limiti, il reddito di cittadinanza. Ora, e proseguo ad "ipotizzare", quel 33% non scivolerebbe a quote così basse, come in periferia, se, e solo se, i Cinque Stelle tornassero alle radici ( radicali, dico) di alcuni loro valori e pensieri. Quel 33% si fermerebbe ad un dignitoso 20\22%. E' vero che non governerebbero, ma non subirebbero quel processo di anemizzazione che mai più li riporterà al Parlamento e con quelle cifre. Un tempo si parlava di "compagni di viaggio", ma attenzione vi erano anche gli "utili idioti". I romani, nelle antiche cartografie dell'africa, prudentemente, quando ci si inoltrava a Sud, troppo nel deserto, scrivevano con una "linea", Hic sunt leones.
  • Tutti pazzi per il padel,
    la variante del tennis
    conquista Macerata

    126 - Gen 23, 2020 - 0:13 Vai al commento »
    Caro Giovanni, sono felice che tu ti sia dato da fare per il "glorioso" circolo del tennis che bene conosco. Era antistante la mia casa in Via Dante e, ai tempi, vi giocava come "pulcino" anche mio fratello Mario che certamente ricordi. Era un ottimo giocatore, insieme a tanti altri: Vallati, Mastellone ( Gennarino) e tanti tanti altri. Io giocavo non male, malissimo. Ancora saluti e rallegramenti da Guido.
  • Rapina choc a Macerata
    «Pensavo di morire lì,
    una scena da Arancia Meccanica»

    127 - Gen 1, 2020 - 3:13 Vai al commento »
    Carissima Daniela, quanto ti è capitato è orribile. Un film dell'orrore. Ci vuole coraggio, un coraggio criminale a fare tutto questo. Un augurio di prontissima guarigione da Guido.
  • Prof attacca l’Anpi, bufera al liceo:
    «Su nazifascismo serve contraddittorio
    Certi libri non dicono la verità»

    128 - Nov 30, 2019 - 0:44 Vai al commento »
    Condivido quanto asserisce Pavoni. Invito alla lettura di "Morfologia della fiaba" di Propp. Il segmento che riflette sulla dinamica buono\cattivo, eroe ed antieroe.
  • Giornata mondiale dei poveri:
    «A Macerata sempre più anziani
    non arrivano alla fine del mese»

    129 - Nov 17, 2019 - 23:01 Vai al commento »
    Ciao, "vecchio compagno di scuola".
  • Valentina Capecci si racconta:
    dal tribunale di Camerino
    alle fiction di successo

    130 - Nov 19, 2019 - 0:10 Vai al commento »
    A me Valentina sembra, oltre ad una brava professionista( cfr. curriculum), un persona davvero simpatica, persino troppo.
  • Il sacerdote dell’accoglienza:
    «Società esclude gli ultimi,
    si toglie anche la dignità»

    131 - Nov 17, 2019 - 22:58 Vai al commento »
    Errore: purtroppo mi accorgo che l'Economia è diventata la nuova metafisica...
    132 - Nov 17, 2019 - 22:55 Vai al commento »
    Condivido la tesi di fondo di don Colmegna, naturalmente aggiornata ai nostri tempi. La questione della integrazione richiama tutta l'Europa e non solo l'Italia. Nella Costituzione europea neppure un Pontefice della statura di Wojtila riuscì a fare entrare il tema della radice giudaico cristiana. E questo la dice lunga e deve essere tema di riflessione. Quanto alla Chiesa e all'esempio dei "preti di strada", condivido pienamente l'azione del cattolico sulla politica. Azione che a maggior ragione deve essere energica. Tuttavia io ho una speciale predilezione per quei sacerdoti che dalla Chiesa furono criticati. Quelli che veramente "on the road" si occupavano di miseria e povertà. Don Mazzolari, ad esempio è emblematico per me, altrettanto don Milani e la riflessione politica successiva incarnata, a mio avviso, dal Sindaco La Pira. Oggi vedo l'universo cattolico troppo "secolarizzato". Ci vorrebbe un partito in grado veramente di essere sturzianamente davvero libero e forte. Sopratutto liberto da Lobbies bancaria e dal Nuovo Ordine mondiale, tutto monetarista. Purtroppo mi accorgo che la teologia è diventata la nova Metafisica, la nuova spiritualità alla pari di un Dogma. E questo è assurdo. Ma è una mia opinione.
  • Addio a Gabrio Fioretti,
    guidò Forza Italia a Macerata

    133 - Set 20, 2019 - 23:11 Vai al commento »
    Un saluto all'amico e carissimo Gabrio e condoglianze alla moglie Paola. Ricordo Gabrio per l'energia e l'ironia e quel velo malcelato di tenera malinconica.
  • Sisma, il grido del vescovo Marconi:
    «Troppe chiese ancora inagibili
    Usciamo dalla logica del sospetto»

    134 - Set 20, 2019 - 23:16 Vai al commento »
    Il Vescovo ha perfettamente ragione. Basta con la logica immobilizzatrice dei sospetti.Si semplifichi, ci si attivi davvero per accelerare e semplificare, per fuggire dal verso di Dante " io credea, che io credessi, etc".
  • Bauhaus 100, la mostra che non c’è

    135 - Set 6, 2019 - 0:42 Vai al commento »
    Caro Silvano "non chiederci la formula che nuovi mondi\possa aprirci. Questo per oggi possiamo dirti: ciò che non siamo\ ciò che non vogliamo". Utilizzo questo verso di Montale,ma, il clima generale, non solo a Macerata, quello attuale, dico, ricorda molto la "Batracomiomachia" di Leopardi, ovvero " La battaglia fra rane e topi". Non mi sembra di vivere su un terreno politico, ma ritengo che la politica sia diventata alto e sublime Teatro. Quanto al genere opterei per "l'eroicomico".
  • Il richiamo delle vie d’acqua:
    riaperti il grottino e fonte Agliana,
    ripulita “l’ammattonata”

    136 - Lug 7, 2019 - 2:08 Vai al commento »
    Bravo Silvano. Il tuo lavoro e la tua passione debbono trovare uno sbocco istituzionale. E' difficile, infatti, "raccogliere" e farsi seguire per tanto tempo da una "maceratesità" che sembrava perduta. Tu, con le "chiare e fresche e dolci acque petrarchesche" hai "rinfrescato" il passato che è in noi, anzil lo hai fatto rivivere. Non è cosa di tutti i giorni. Assessore subito, a destra, a sinistra, al centro, ovunque, perchè l'acqua è liquida, limpida, onnipresente e la gente ha davvero sete. Guido
  • Nuove luci dello Sferisterio,
    pioggia di critiche sui social:
    «Sono azzeccate… per un film horror»

    137 - Giu 15, 2019 - 2:57 Vai al commento »
    E' difficile giudicare da un rendering una questione estetica, come quella della "luce". Il rendering non ha "corpo" e ne risulta una visione e ottica schiacciata, per necessità fotografica. Si potrà "giudicare" in vivo, nel tridimensionale e all'aperto. E' pure probabile, da quanto ho intuito, che il "colori" possano variare. Se così fosse, la variazione mobiliterebbe e "animerebbe" l'intero costrutto, in senso positivo. Del resto, nel testo greco, si scrive: " in principio era la luce" ( fos) e non il logos o verbum, nella Bibbia latina. Diamo tempo ad una visone più completa ed integrale. Per il resto vale il detto: de gustibus non est disputandum. Dunque, per quanto mi riguarda, per ora, va bene così.
  • Da ex Casermette a nuovo campus,
    Carancini apre il cantiere alla città:
    «Le scuole sono a buon punto » (Foto)

    138 - Giu 11, 2019 - 1:29 Vai al commento »
    Ha ragione il Signor Vita quando parla della "scomparsa" delle Casermette che tanto e concreto indotto portavano a Macerata. Ovviamente l'attuale Amministrazione è del tutto estranea agli antichi "ratti delle Sabine". L'indolenza cittadina è la "malattia" da cui si genera il tutto.
  • Il dottor Perri festeggia la pensione
    dopo 40 anni di servizio:
    e da oggi lavora gratis per la Regione

    139 - Mag 29, 2019 - 0:55 Vai al commento »
    Caro Paolo, un saluto da Guido Garufi e gli auguri per il tuo prossimo lavoro che, certamente, porterai avanti con umanità, civiltà e professionalità, come hai fatto fino ad oggi.
  • Carlo Magno sepolto a San Claudio,
    le tesi di Carnevale sui libri di scuola

    140 - Mag 20, 2019 - 2:01 Vai al commento »
    Una parte molto piccola del CD diffonderla tramite rete.
    141 - Mag 20, 2019 - 2:00 Vai al commento »
    Prendo spunto da questo articolo che rende onore all'amico Prof.don Carnevale. Una vita di indagine e di studio, di nuovi orientamenti rimossi o esorcizzati dalla critica accademica.Molti altri sono gli studiosi che hanno bordeggiato questo tema a partire da Simonetta Torresi fino a Medardo Arduino. Ognuno per la sua parte. I dati statistici riportati da costoro sono così folti e in alcuni casi incontrovertibili.Questo mi porta a ipotizzare un questione "politico-turistica". Ritengo che non vi sia modo migliore per "sponsorizzare" la nostra Provincia che professionalmente "amplificare" tali "racconti" . L'uomo ama il mito, la storia, l'epica, la fantasia, la suggestione. L'uomo è, come sostiene Cassirer, un animale simbolico. Sarebbe bene e bello "investire" su tutti questi segni e segnali che ci vengono dal passato (inclusi i Templari, ovviamente) una ragionevole storytelling, una fantasiosa, fino ad un certo punto, pubblicazione e documentazione in CD per meglio "parlare" di noi stessi e delle nostre radici. Sarebbe un bene per tutti.
  • Croce Verde Macerata:
    Proietti Pannunzi presidente,
    Giorgio Meschini vice

    142 - Mag 11, 2019 - 2:35 Vai al commento »
    Ottima abbinata e veri auguri a Mauro.
  • Nuova biblioteca Eleonora Giustozzi:
    «Un sogno realizzato anche per lei»

    143 - Apr 12, 2019 - 1:46 Vai al commento »
    Ho visitato la sera del giorno prima dell'inaugurazione la bella biblioteca. Mi ha colpito la sua solarità, la "luce", l'ambiente spazioso e vitale, la parte dedicata alla "sosta" su puffi, il bel viso di Eleonora che campeggia senza occhiali e che molto, in quello "scatto" somiglia alla zia Anna. Ancora Katiuscia che ha messo, come si di "anema e core" per la realizzazione di questa bella "cosa", che non sarà mai una semplice biblioteca, ma un luogo di luce e Spirito. Guido
  • Una vita tra i libri,
    addio a Maurizio Nati

    144 - Apr 1, 2019 - 23:38 Vai al commento »
    Ciao, carissimo Maurizio.
  • Macerata, la biblioteca raddoppia (FOTO)
    Torna il museo garibaldino
    Sei progetti per il centro storico

    145 - Apr 1, 2019 - 2:01 Vai al commento »
    Ottimo restauro ma ancora più in particolare "recupero" di una memoria antica e romantica.
  • Al cimitero di Tavernelle l’addio
    all’ingegnere travolto dal rimorchio del tir

    146 - Apr 1, 2019 - 1:57 Vai al commento »
    Esprimo commozione e tristezza per la morte improvvisa e tragica di Huub che incontravo e con il quale parlavo e conversavo presso la Scuola di Filosofia popolare di Macerata. Una persona apparentemente timida, in verità concentrata sui temi fondamentali che la Scuola da tempo dibatte. Simpatico, con un sorriso sornione e aperto. Guido
  • Congresso delle famiglie a Verona,
    50 docenti Unimc si schierano contro:
    «Preoccupanti le idee diffuse»

    147 - Apr 1, 2019 - 1:52 Vai al commento »
    Bisogna parlare delle Banche.
  • Sopravvissuta al terremoto,
    la Madonna di Valfornace
    accolta a palazzo Buonaccorsi (FOTO)

    148 - Mar 29, 2019 - 1:55 Vai al commento »
    Ottima "adozione", stupenda espressività delle mani della Madonna sul Bambino, tra carezza e protezione universale.
  • Riemersa l’antica”Fonte Cereseto”
    dell’alto medievale Castrum Ylicis

    149 - Mar 19, 2019 - 23:03 Vai al commento »
    Caro Silvano il tuo lavoro, leopardianamente, "matto e disperatissimo", nobilita la nostra storia, recupera e persino reiventa. E' quanto può o potrebbe servire alla nostra Macerata: un piano del ricordo storico, senza nostalgia, ma con orgoglio. In Francia avrebbero amplificato e utilizzato questo tesoro. Approfitto per farti gli auguri di compleanno. Guido
  • Il commissario Farabollini
    bullizzato in Parlamento

    150 - Gen 27, 2019 - 1:46 Vai al commento »
    Bel pezzo caro Fabrizio. Io avrei aggiunto che la "cosa" avrebbe meritato un dibattito presso l'Accademia della Crusca.
  • Una città che galleggia sull’acqua:
    pomeriggio alla scoperta delle fonti
    (FOTO)

    151 - Set 10, 2018 - 2:06 Vai al commento »
    Mi congratulo con l'amico Architetto Silvano Jommi. Mi congratulo perché la sua passione che da anni esprime con libri ed interventi si "incarna", non si ferma alla "immobile carta", ma si anima e si muove insieme ad altri, a nostri concittadini, in una sorta di "rianimazione" del passato che ancora resiste ed esiste. Questa "rianimazione" è quanto di più nobile si possa sperare o pretendere, in una società liquefatta non dall'acqua, ma dal bombardamento mediatico il cui tema ossessivo, paranoide e ricorrente è il Danaro. Occorre, allora, come Silvano indirettamente indica ( ma è mia opinione) ritornare alle "chiare fresche e dolci acque", con quella vecchia\nuova freschezza, con questo Battesimo del e nel Passato, difendersi, affrontare quella che si chiama attualità.
  • La Macerata di Carlo Balelli
    (VIDEO)

    152 - Ago 30, 2018 - 3:12 Vai al commento »
    Bel pezzo Maurizio.
  • Palmer schiacciasassi alla batteria:
    spettacolo irripetibile
    allo Sferisterio FOTO

    153 - Ago 25, 2018 - 3:11 Vai al commento »
    Articolo bellissimo, informato, espressivo. Complimenti anche a chi ha organizzato e a Nazzareno Zacconi, "tutto nostro", che ho avuto il piacere di ascoltare in Piazza Cesare Battisti.
  • Tutte le Traviate del cinema:
    Capecci ospite agli Aperitivi Culturali

    154 - Ago 25, 2018 - 3:14 Vai al commento »
    Viva Enzo Gironella.
  • Nuova villa sotto lo Sferisterio
    «Per l’antica fonte “Pozzo del mercato”
    storia di una distruzione annunciata»

    155 - Ago 12, 2018 - 2:32 Vai al commento »
    Trovo l'articolo interessante e "ficcante". Una solo domanda, mi faccio, di carattere "statistico". A fronte di circa 4.500 letture, che poche non sono, non leggo alcun commento, oppure opinione. Come mai? Perché?
  • Accoglienza, Marchiori al vetriolo:
    «Macerata modello da non seguire»

    156 - Ago 10, 2018 - 3:19 Vai al commento »
    Per Aldo Jacobini: la ringrazio per la curiosità relativa a Liberilibri. Si, l'editore è di Macerata. La casa editrice, operativa da circa un trentennio, presenta varie collane, tematiche. A me, ad esempio, piace molto quella dal titolo allettante. "Le oche del Campidoglio". Nella sua ormai storica presenza in Italia, Liberilibri, che ha pubblicato circa trecento titoli, è ampiamente recensita da importanti testate nazionali, di vario, per fortuna, orientamento.Non conosco la strategia editoriale che ha condotto il buon libro di Cristin dentro" Liberilibri", ma la condivido. Molte notizie sulla casa editrice sono recuperabili in rete. La ringrazio.
    157 - Ago 9, 2018 - 3:30 Vai al commento »
    p.s. Dimenticavo di segnale, per chi volesse leggerlo, un bel libro per l'estate: I padroni del caos, di Renato Cristin, Liberilibri editore. Un volume possente e potente, per argomentazione e bibliografia. Il colore del libro è simile al tema che ho tentato di trattare.
    158 - Ago 9, 2018 - 3:17 Vai al commento »
    Caro Andrea, intanto auguri perché entrambi, ricorderai, ci siamo trovati di recente al pronto soccorso. Spero bene anche per te. Condivido, con poche varianti, quanto scrivi. La mia "critica" si appiglia sul termine "modello". Un modello da seguire o da non seguire, un bel modello o brutto, e così via. Anzi, e vi via sbadigliando...Purtroppo sfugge a te, a me, a tutti noi, di destra, di centro,di sinistra, guelfi o ghibellini, monarchici o repubblicani, del Milan ( come il sottoscritto) o di altra "fazione" ( a partire, per quanto mi riguarda dall'odiatissima-agnelliana Juventus) che PURTROPPO, per me, per te e per tutta la "rosa dei venti",dai laici ai cattolici, il MODELLO, oggi, non è più, assolutamente più, un "riferimento" a cui aspirare. Non è più un RIFERIMENTO. Esiste un Modello solo se esiste una "gerarchia di valori". Da ben oltre trenta anni si è praticata una voluta e pragmatica retorica della "uguaglianza", all'idea positivamente "verticale" della società si è ( in laboratorio linguistico e filosofico, ben attrezzato e ben propagandato dai giornali) sostituita una "retorica" della "orizzontalità". Direi che, fatte le debite equazioni di distanza, vi è poco "scarto", purtroppo, tra ecumenismo e globalismo. E questo è un grande male. Il più grande. Ma non era stato Pasolini ( molte volte) a dire che, in effetti, non esiste più il Fascismo, ma ne esiste uno nuovo e più pericoloso? Quello che lui, allora, e primo di essere ucciso, non da quel ragazzo che faceva comodo incolpare, non dichiarava forse Pasolini che il nuovo Fascismo si chiama CONSUMISMO? Caro Andrea, non siamo forse bombardati, notte e giorno, da un MALATO che si chiama MERCATO? Non siamo forse bombardati da sprad, titoli, algoritmi. Non sono forse i giornali, a reti riunite, a anche via etere, ad ogni battito di sistole e diastole, ad avvertirci che un nuovo terremoto sta arrivando? Non quello dei Sibillini. Ma quello dello SPREAD. Forse aveva ragione Leopardi a diffidare della "funesta voce delle Gazzette".
  • La Lega “suona” il Flauto:
    «Offesa per i cittadini
    che ci hanno votato»

    159 - Lug 25, 2018 - 3:10 Vai al commento »
    Non entro nella polemica e tanto meno nell'ermeneutica dell'opera o della regia. Per Aristotele ciò che distingue l'uomo dagli altri esseri ( animali) è questo: "l'uomo è un animale politico".
  • Padre Alberto Maggi antirazzista:
    «Gesù difendeva gli stranieri»

    160 - Lug 14, 2018 - 3:06 Vai al commento »
    Viva Cavour.
  • L’Acsim denuncia:
    «Nei giorni scorsi
    atti vandalici nella nostra sede»

    161 - Feb 13, 2018 - 2:32 Vai al commento »
    Massimiliano Bianchini, che io ben conosco, essendo stati insieme al Consiglio comunale, è stato spesso ( e troppo ) ma qui non mi riferisco all'intervento dell'amica Tamara "oggetto" di critica relativa al suo "lavoro". Deve passare anche l'idea che esista una "professionalità" meramente politica ( la penso esattamente come Dalema che non voto), poichè la politica è scienza e arte, è, per sua natura impegno quotidiano, esperienza, discesa in campo, impegno. Impegno non affidato unicamente alla "pubblicità", ma ad un lavoro democratico, "dal basso", ed è quello che Bianchini ha fatto sempre e da anni. Non occorre qualche laurea ad Oxoford, o qualche "tecnico", ammesso che sia il primo che il secondo siano all'altezza. Del resto Macerata non è Oxford e Massimilano non ha partecipato ad un concorso universitario. Piuttosto, quanto a "lauree" e "lavori", basta dare una occhiata ai curricula di diversi parlamentari.
  • Stella, la prima nata a Macerata

    162 - Gen 2, 2018 - 3:29 Vai al commento »
    Vorrei dedicare questo frammento poetico di Platone ( che non scriveva poesie) ma che probabilmente è un frammento tra poesia e pensiero, eccolo, se ricordo bene: "Stella, tu guardi le stelle, vorrei essere il cielo per rimirarti con infiniti occhi...")
  • «Centro svuotato e criminalità crescente»,
    Macerata vista dai banchi di opposizione

    163 - Dic 24, 2017 - 3:20 Vai al commento »
    Invito a leggere, come spunto e dono natalizio, la "Batracomiomachia" di Giacomo Leopardi ( ironica, ma anche satira politica,della "Battaglia tra le rane e i topi".
  • Macerata, ma è Natale?

    164 - Dic 24, 2017 - 3:17 Vai al commento »
    "Gallia divisa est in partes tres" ( Cesare, De bello gallico)
  • Romano Mari è il nuovo presidente
    dell’ordine dei medici

    165 - Dic 22, 2017 - 3:49 Vai al commento »
    Complimenti carissimo Romano da guido.
  • Cesare Jonni, orgoglio maceratese
    Il figlio svela il suo diario

    166 - Dic 4, 2017 - 3:01 Vai al commento »
    Bellissimo l'articolo di Feliziani e un caro saluto a Ruggero da guido.
  • Dramma in piazza Mazzini:
    39enne muore in libreria

    167 - Ott 23, 2017 - 1:21 Vai al commento »
    Con Danni ci lascia una persona gentile, raffinata, a volte, ironica. Insieme al Professor Gino Giometti aveva realizzata una "avventura incredibile", la nascita di una editoria di qualità, rara, efficace per il lettore colto e curioso. Ed anche la sua libreria, di fascino sabiano,dove con lui molte volte mi incontravo, parlando di libri e segnalando qualcosa che mi sembrasse ancora poco conosciuto. Ma lui sapeva tutto, sapeva e conosceva i più interessanti passaggi della Biblioteca di Borges. Mi chiedo come mai, a tanta forza inventiva e intellettuale, faccia seguito un dramma di questo tipo. Lui, trovato all'interno dei suoi libri, della sua Biblioteca. Ci era nato con i libri nella testa e nel cuore, non era un semplice lettore era colto, e questo non si può dire di tutti. Lascia la sua compagna e la figlia. Ma, credo, e mi permetto, di intuire, che lascia anche Gino, il suo sodale e socio, altra figura impareggiabile di studioso, attento e apparentemente schivo.Ed allora mi sorge diretto dal cuore l'augurio per Gino, perchè resista, perchè porti avanti quel lavoro eccellente e solitario che riguarda il Libro, e il suo Mistero.
  • Addio a Paola Miliozzi:
    in prima linea per il centro storico

    168 - Ott 21, 2017 - 2:54 Vai al commento »
    Ciao, carissima Paola, persona gentile, nel suo aspetto apparentemente "nervoso e diretto". Molti ti ricordano con affetto, insieme al mio.
  • L’Ave Maria e Giordano Bruno,
    simboli di una città divisa,
    l’eterno dualismo domina la piazza

    169 - Ott 19, 2017 - 2:50 Vai al commento »
    Ritengo che questa "irta" questione, guelfi e ghibellini, purtroppo neppure ricordi lontanamente il senso di quella antica ( e reale) divisione. Che sulla facciata del Munucipio campeggi l'immagine della Madonna e, più sotto, la giusta apologia di Giordano Bruno, ecco, tutto questo, non è, come si dice in modo bruttissimo oggi, "divisivo". Io preferisco dire che i due " Segni", la Madonna e Bruno sono più semplicemente segni dialettici, forse anche complementari. Solo chi si affretta e si adopra e si affanna a suscitare odio e rancore per tali questioni, credo, mi permetto di dire, non abbia capito come funzionano oggi le notizie, le loro selezioni, il dibattitto apparentemente utile su temi fatti diventare "universali" ( cosmici?). Nel frattempo si abbandona la storia, quella reale,quella economica, quella politica,quella della povertà, quella della emarginazione, quella delle banche, quella del Signoraggio ( bancario), quella della protesta reale, quella della Sanità, quella degli alloggi, quella della più grande ( in Italia) evasione fiscale, e via sbadigliano. Ebbene si "dimentica" tutto questo e si "sposta" altrove l'attenzione. Panem et circenses.
  • Capitale cultura, Dante Ferretti c’è:
    “Tifo Macerata, sono dei vostri”

    170 - Ott 18, 2017 - 2:00 Vai al commento »
    A me sembra un passaggio importante questo di Macerata Cultura. Non tanto o solo per il legittimo desiderio di aderire e, anche, auspicare una vittoria. Il punto forte, se leggo bene, sta nel fatto della aggregazione di varie sinergie, un reticolo ( un ergastoplasma si direbbe in una cellula). Insomma, più soggetti, con "teste della cometa", capace di trainare la nostra città. Penso che ce ne sia bisogno. E questo è importante ben oltre i risultati: in labore fructus.
  • Ave Maria a lezione, il vescovo:
    “Grazie a chi ha protestato,
    ci ha ricordato la forza della preghiera”

    171 - Ott 18, 2017 - 2:15 Vai al commento »
    Condivido pienamente quanto scritto e argomentato da Pavoni. Anzi, approfitto di quanto lui dice a proposito della preghiera, e della eventuale eziologia "nevrotica". E' un tema importante, così importante che mi sento di "spostarlo" impropriamente nel mondo detto "del del lavoro", e mi scuso per l'invasione barbarica.Mi chiedo: chi mi dice che tante passioni per un lavoro matto e disperatissimo ( e spessissimo malpagato) regganno allo "stress" perché la "liturgia lavorativa" è un "benefico" ( si fa per dire) antiansia? La "ripetizione", nucleo inossidabile di tante patologie ( da quelle "compulsive, alla coazione a ripetere, etc.)non sono forse, sebbene alla lontana, assimilabili alla preghiera? L'ossessione normativa, la querulomania, non sono segnali di un disagio. Non sono segni di una lingua molto vicina a chi pretende, e giustamente, con la preghiera di trovare ristoro, calma, serenità, adiacenza, silenzio. In ultimo ritengo che il Vescovo, in punta di piedi, sia andato alla sostanza. Allibisco rispetto al chiasso e all'inutile fragore che ha destato la notizia. Ah..." la funesta voce della Gazzette", scriveva Leopardi.
  • Benvenuto Angelo!
    Fiocco azzurro in casa CM

    172 - Ott 17, 2017 - 2:26 Vai al commento »
    Auguri e...non c'è due senza tre.
  • Addio a Riccardo (Dick) Giglio,
    prof di inglese ed ex segretario Psi

    173 - Set 26, 2017 - 2:08 Vai al commento »
    Amico affabile, affidabile, ironico, colto. Abbiamo sempre parlato in questi anni, anche della sua passione profonda, quella musicale. Voglio ricordare che fu un ottimo "pianista", era alla "tastiera" del famoso complesso maceratese " I Lions", per eleganza e stile molto simile ai Beatles ( persino nell'abbigliamento). Ecco, io ricordo questo Dik energico e setimentale, come appare i numerose foto del libro, dedicato appunto ai complessi, "Ti ricordi Joe", stampato molti anni or sono da Paolo Bravi.
  • Sulla tavola cinque regioni
    per i 50 anni di giornalismo
    di Maurizio Verdenelli

    174 - Set 13, 2017 - 3:02 Vai al commento »
    Caro Maurizio, come sai non potevo essere alla tua cena. Ma sai anche che ero presente, nell'amicizia e nel tempo.Guido
  • Addio a Enzo Torresi,
    “buon viaggio compagno”

    175 - Ago 17, 2017 - 3:50 Vai al commento »
    Con Enzo ( e il fratello Franco) scompare il segno di una politica vissuta con civiltà della parola e con dignità. Vorrei dire che scompare un tipo di impegno "umanistico" fondato sul "ragionamento", sulla "argomentazione" cioè su una dialettica vera da non confondersi con l'attuale bla-bla fatto di brevi sillabe, spot, parole alla macchia. Parole senza cuore.
  • Un caffè da Pierino dopo 6 mesi:
    “Quando sono tornato
    è scesa una lacrima”

    176 - Giu 17, 2017 - 3:35 Vai al commento »
    Caro Pierino, ben tornato. Ma per "noi" tu ci sei sempre stato.
  • La cocaina ha ucciso Olindo Pinciaroli
    e rovinato Valerio Andreucci

    177 - Giu 3, 2017 - 2:54 Vai al commento »
    Trovo appropriata la citazione di Kalergi da parte di Rapanelli.
  • Bimbo morto di otite,
    la rabbia della famiglia:
    “Denunceremo il medico”

    178 - Mag 28, 2017 - 2:57 Vai al commento »
    A me sembra una storia triste e incredibile.
  • Macerata “Ville lumiere”:
    7.800 lampade a led entro fine anno

    179 - Mag 24, 2017 - 2:05 Vai al commento »
    L'iniziativa è positiva.Sarebbe interessante potere "vedere" la qualità dell'effetto luce. La luce è fondamentale. A tale proposito, riflettendo sull'intervento di Manuela Grelloni, frontale ma vero, penso due cose. 1- non è possibile ricalibrare l'accesso al centro storico con strumenti di migliore "abbordabilità" ? ( economica e strutturale, bus navetta etc) 2- Ancora sulla luce: relativamente alle "luci del Centro", considerando che la luce è, indubbiamente, un "fatto estetico", non sarebbe possibile, come riferito in un articolo precedente dall'Amministrazione, revisionare integralmente la "qualità" del Centro, rivedendo piani di colore, insegne ( spesso distoniche), insomma facendo del Centro, con una sua rinnovata "bellezza" un Magnete. Ovvero un polo di attrazione implicito. Ma su questo, debbo dire, l'Architetto Silvano Jommi ha scritto a lungo e approfonditamente.
  • “Lo Stato non paga i pasti,
    rischiamo di chiudere”

    180 - Mag 5, 2017 - 2:24 Vai al commento »
    E' assurdo, sembra inverosimile, è vergognoso, è incivile, è totalmente "bestiale".
  • Mattei, chi l’ha ucciso?
    Un mistero rivelato

    181 - Apr 4, 2017 - 2:30 Vai al commento »
    Molto bello il pezzo di Biagioni. Si, certamente, l'epos spinge alla lettura, si confezionano film e libri che, ognuno a suo modo, contribuiscono a "leggere" meglio la storia, ad informarci in modo utile e suggestivo su quell'antico delitto che sembrava sepolto dalla omertà e dagli omissis. Complimenti.
  • Il ritorno del Venanzetti,
    dai caffè alla capoeira
    (Le foto)

    182 - Mar 19, 2017 - 2:28 Vai al commento »
    Auguri veri. Possa il "nostro" Venanzetti tornare o ritornare ad essere punto di incontro civile ed educato, per la sua storia, per il passato che non passa.
  • “Quando Valerio Viccei in carcere
    mi promise rivelazioni
    sul caso De Rothschild”

    183 - Mar 19, 2017 - 2:32 Vai al commento »
    Bel pezzo, Maurizio.
  • A marzo riapre il cinema Italia

    184 - Feb 26, 2017 - 2:25 Vai al commento »
    Ottima l'apertura, davvero auguri. Una Sala al centro diventa fondamentale.
  • In difesa dei giovani

    185 - Feb 9, 2017 - 3:23 Vai al commento »
    L'argomentazione di Pavoni, serrata e incontrovertibile, dimostra e "smaschera" quanto sia "indigeribile" la Raggi, non tanto al popolo che l'ha votata, quanto alla sarabanda dei "critici" certamente non in buona fede. Gli stessi "critici" unidirezionali...
  • Dramma animali sui Sibillini

    186 - Gen 18, 2017 - 3:14 Vai al commento »
    Complimenti a Ginella per il bellissimo e toccante articolo, a mio avviso una vera e propria inchiesta. Non ci sono parole per commentare, le fotografie parlano da sole, nella offesa "creaturalità" di questi animali, miti, isolati, destinati... E offesa, anche, all'uomo, a chi lassù vive e resiste. Un pezzo commovente che mi stimola ribellione e grido e disprezzo.
  • Addio a Reginaldo Di Lupidio,
    storico armatore e dirigente rossoblu

    187 - Gen 12, 2017 - 4:18 Vai al commento »
    La mia più sincera vicinanza all'amico Alfredo.
  • Il saluto di Ines alla Civica Enoteca:
    “Qualsiasi cosa verrà dopo
    non sarà lo stesso”

    188 - Dic 23, 2016 - 3:27 Vai al commento »
    Quanto hai scritto, con garbo, gentilezza e sentimento, segnalano la tua forte, e da tutti riconosciuta, professionalità e "civiltà". Ti auguro che il tuo lavoro e il tuo gratuito impegno trovino spazio adeguato, consono all'allegria e all'energia che sempre hai profuso in questi anni.
  • Sisma, il vuoto sotto Macerata
    e il ‘neorealismo brutalista’ degli anni 50

    189 - Dic 16, 2016 - 0:27 Vai al commento »
    Condivido pienamente l'idea e lo stimolo di Bommarito. Devi dare alle stampe, per ora, una "summa" dei tuoi studi ipogei. Poi dovresti far presentare dal Consiglio comunale, trasversalmente, un ODG di indirizzo nella direzione, sia di una sondaggio preciso e articolato di "Macerata ipogea", sia di una più accurata proposta tesa al "recupero" ( anche ai fini storici-turistici) di quanto "giace sotto".
  • Mario Monachesi va in pensione,
    40 anni “su lu Cumune”

    190 - Dic 1, 2016 - 3:42 Vai al commento »
    Auguri carissimo Mario, con te si allontanano il sorriso e le "sudate carte" che sempre, in Consiglio e fuori, mi mostravi. Carte dei tuoi versi, appunti di carattere storico, foto e immagini. Un abbraccio da guido
  • Le Sibille son tornate
    nei paesi scossi dal sisma

    191 - Nov 21, 2016 - 0:42 Vai al commento »
    Bellissimo pezzo, Ugo. In effetti ci si può chiedere quale rapporto abbia una "costellazione" così vasta di miti, riti e simboli dalle nostre parti con ciò che sta accadendo. Ma è certo che l'accumulo di queste leggende e tradizioni, pur qualcosa vuole ( o voleva ) significare, almeno a livello meramente statistico.
  • Si è spenta Liana Lippi,
    una vita accanto a Vittorio Sgarbi

    192 - Ott 29, 2016 - 3:18 Vai al commento »
    Tutta la mia vicinanza a Michela e Maria Cristina per la perdita della mia amica Liana. Donna di passione e sentimento, di battaglia e nostalgia. Con il suo volto non privo di una nebbia tra malinconia e ardore. Una grande amica, per me, oggi e sempre.Guido
  • Lutto per la scomparsa
    del professor Giuseppe Galli

    193 - Set 10, 2016 - 3:42 Vai al commento »
    Fu il mio correlatore alla tesi di laurea e anche mio docente. Disponibile, cordiale, decisamente professionale. Negli anni lo incontravo casualmente per strada o in altre sedi. Non sembrava passato un minuto dagli anni '70 perchè il dialogo, dolce e misurato, dava l'idea dell'uomo attento, con quegli occhi e quello sguardo intenso e mite. Tutta la mia vicinanza alla moglie Anna.
  • Il cinema Italia riapre a metà settembre,
    Carancini: “È il dono di Natale alla città”

    194 - Lug 17, 2016 - 4:13 Vai al commento »
    Ottima l'idea del Presidente Pettinari e del Sindaco Carancini. Ottima la scelta della "famiglia" Perugini ed una saluto particolare alla figlia di Walter, Monica. Walter mio vecchio amico, uomo di passione vera per il Cinema, persona civile e corretta. Il Cinema Italia, se verranno mantenute le promesse, non potrà che giovarsene, e con questo anche il centro storico.
  • Tre anni fa moriva Gabor Bonifazi

    195 - Lug 7, 2016 - 4:13 Vai al commento »
    Luciano, un bellissimo pezzo, vero e commovente.Guido
  • Taglio reparti: Asur pronta a firmare,
    i sindaci puntano i piedi

    196 - Lug 2, 2016 - 3:50 Vai al commento »
    Fa bene il nostro Sindaco Romano Carancini a puntare i piedi sulle questioni relative alla sanità, questioni da tutti condivise e che lo vedono protagonista di prese di posizione, politiche, a volte aspre ma vere ed autentiche. Ripeto in questo mio intervento quanto dissi in Aula, come consigliere di maggioranza, quando tutti, tutti, maggioranza e opposizione, firmammo vari Ordini del giorno su tema oggi dibattuto. Dissi che era, purtroppo, un "ludo carateceo" come Curzio Malaparte diceve a proposito delle elezioni, delle schede elettorali. Aggiunsi, in Aula, che il dispiacere più grande era relativo alla inutilizzabilita' di quelle carte, votale alla unanimità, poche carta di grammatura dura e non idonea a più funzionali scopi fisiologici. Ma prevale, leggo, Pirandello e il suo insuperabile Gioco delle parti. A questo punto preferisco un Sindaco "incazzato" anziché un mieloso dibattito, un rimando infinito da coitus interruptus. Ma vedo, anche, che chi non si incazza e media, fa parte di ormai un non più occulto Sinedrio in cerca di nuove postazioni e posizioni. Sinedrio , come tutti sanno, Ancona-Pesaro centrico. Mi sorge il dubbio che si muovano, patet latet, nuovi organigrammi per le prossime elezioni, ed eventuali strapuntini. Il Sindaco Carancini, con il quale, in maggioranza, ho avuto scontri frontali ma leali, deve resistere su tale posizione critica e smacherare la regia che è per ora fantasmatica. Ma non tanto.
  • Macerata… città topica

    197 - Giu 30, 2016 - 3:47 Vai al commento »
    Il topo è "animale" cavia fondamentale per gli esperimenti. E' democratico e davvero fertile, si accoppia, nasce e rinasce in continuazione. In genere è "sotterraneo", probabilmente non ama molto la luce, si inquadra bene nel registro dell'anima romantica che vede nella luna ( la notturna "lampa" di Leopardi) una sua luce fondante. Topos vuol dire "anche" luogo, di qui topografia, toponomastica e via discorrendo. Suggerisco al gioco di Davoli anche questo, per assimilazione e cambio di morfèma, imitando un po' il grande Giacomo che se ne intendeva a proposito di "Battaglie tra rane e topi", suggerisco, dicevo questa stupenda "assimilazione". TOPO-TOPA. A me sembra meravigliosa e, certamente, la finale in A, rende giustizia al povero topo, solitario, piccolo augellin venuto a sera...
  • “Brexit-shock”
    per i britannici che vivono nel Maceratese

    198 - Giu 26, 2016 - 4:24 Vai al commento »
    Non fa una piega l'argomentazione di Pavoni. E non esiste prova contraria.
    199 - Giu 25, 2016 - 3:53 Vai al commento »
    Totalmente condivisibile, e incontrovertibile, quanto scrive giustamente Berdini.
  • Dante Ferretti diventa architetto,
    laurea honoris causa alla Sapienza

    200 - Giu 23, 2016 - 2:56 Vai al commento »
    Bravo Giancarlo (Capici ). Ora bisognerebbe "utilizzare" Ferretti per un "restauro" scenografico delle illuminazioni in Piazza Libertà. Rendere cioè la piazza più espressiva ed elegante, proprio a partire dalla "luce" che è l'anima del luogo. Il Magnete, come sempre ripete un altro architetto che qui mi piace ricordare, Silvano Jommi.
  • Macerata sommersa,
    il rifugio antiaereo in via Piave

    201 - Giu 20, 2016 - 4:02 Vai al commento »
    Caro Silvano, mi inviti a nozze citando l'amico poeta Umberto Piersanti, riconosco che è comunque tua la metafora di "immobilismo dinamico" quanto alla nostra amata città. Sei ormai diventato una araldica "talpa", scoprendo fonti, sotterranei, rifugi, insomma una Macerata sommersa ma viva. L'eco del passato che sta "sotto". Ebbene, per memoria e gioco, riporto altre due metafore che certamente potranno stimolare i tuoi studi leggiadri e la lettura delle tue sudate carte. Correva l'anno 1982 quando io e Remo Pagnanelli realizzammo una "opera buffa" al Pozzo. La performace durò fino alle tre di notte ( con intervento della Polizia in borghese) il titolo magico era " Vizi privati e pubbliche virtù a Macerata". Parlavamo "anche" della Cassa di Risparmio ( pensa che anticipo...). La serata fini con due dichiarazioni di amore per questo immobilismo dinamico, due "foto" poetiche ed espressive di Macerata. Sono queste e penso possano interessare le tue ricerche ipogee. 1- Macerata è la più grande Necropoli del Piceno 2- Macerata è una città criptoerotica ( ci si accoppia di nascosto). Che ne dici di questa "convergenza parallela"
  • Egizi, Piceni e Celti:
    la storia perduta delle Marche
    è scritta nell’abbazia di Rambona

    202 - Lug 5, 2016 - 4:15 Vai al commento »
    Interessante articolo. Sul rapporto "enigmatico" Celti e Piceni una linea interpretativa è quella di Medardo Arduino. Celti e Piceni, ovvero Pupùni. Interessanti le datazioni ( di Arduino)
  • Paesaggio e identità:
    “Mappatura delle fonti
    e commissione per l’ornato pubblico”

    203 - Mag 29, 2016 - 3:27 Vai al commento »
    Ero tra il pubblico, ma in ritardo. Quanto è stato detto è importante e interessante.Sarebbe necessario stimolare la politica alla realizzazione di una Commissione per l'ornato pubblico, passare dalle parole ai fatti. Spero che presto esca il libro di Silvano e attendo quello di Simonetta che sembra promettere bene.
  • Mattei-La Pieve, Nencini dice sì:
    la bretella si farà

    204 - Mag 19, 2016 - 2:32 Vai al commento »
    Ottimo risultato, concreto, visibile e tanto atteso.
  • Simone Riccioni, ciak si rigira:
    “Presto il nuovo film nelle Marche”

    205 - Apr 18, 2016 - 3:10 Vai al commento »
    Ottima idea quella di Riccioni. Pienamente in accordo con l'amico Rapanelli.
  • Macerata racconta,
    60 eventi e big della letteratura
    “Saremo la capitale nazionale del libro”

    206 - Apr 12, 2016 - 2:43 Vai al commento »
    Ottima iniziativa, ben articolata, dinamica e utile. Leggendo il programma, ancora più interessante di quelle degli anni passati. Diciamo, dalle radici ai frutti.
  • Caso Banca Marche,
    premio al giornalista Marco Ricci

    207 - Mar 18, 2016 - 2:51 Vai al commento »
    Bravo Marco, congratulazioni per il tuo coraggioso lavoro. Guido
  • Scoperte le grotte di piazza Annessione
    “Rischio di cedimenti diffusi”

    208 - Gen 21, 2016 - 4:07 Vai al commento »
    Come al solito, bravo Silvano. Confesso che un po' di tristezza e tenerezza mi prende leggendoti, intuendo la tua autentica e gratuita passione e anche, se vuoi, una sorta di irritazione. Mi chiedo e ti chiedo, cosa fare relativamente a tutte queste cose che fai "affiorare". Forse un libro. Magari. Ma qui il problema è anche politico, dovresti lanciare una progetto all'Amministrazione, una sorta di Ordine del giorno che credo e mi auguro possa essere condiviso da tutti.
  • Addio all’archeologa
    Giovanna Maria Fabrini
    E’ stata a lungo docente a Unimc

    209 - Gen 14, 2016 - 3:25 Vai al commento »
    Scompare con Giovanna la classe e lo stile, la raffinatezza e l'educazione. Eravamo "colleghi" negli anni '70 e sempre ed in ogni occasione, passati gli anni e perse le tracce, se casualmente ci si incontrava non mancavano, insieme alle parole, il sorriso e l'intensità. Sono vicino alla sua famiglia e in particolare al marito Luciano.
  • Il triangolo di Ricina:
    la storia antica sulla via dell’acqua

    210 - Gen 13, 2016 - 0:11 Vai al commento »
    Bellissimo saggio-intervento. Vi si legge la tua passione autentica, la folta analisi delle fonti ( storiche) il corredo fotografico prezioso e "narrante". Una domanda. Come mai dal Belgio e non dalla nostra ? Italia sono venuti studiosi che hanno investito tempo e danaro? Vorrei invertire la posizione nella citazione latina che fai, a proposito dei "barbari". Oggi si potrebbe dire, al contario, "quod non fecerunt italici, fecerunt barbari ".
  • I grandi del jazz a Macerata
    per un cartellone stellare

    211 - Gen 9, 2016 - 20:23 Vai al commento »
    Ottima scelta e penso che Paolo Piangiarelli costituisca una garanzia di serietà, professionalità, storia.
  • Nuova Banca Marche,
    Nicastro: “Il mio compito è vendere,
    l’asta a febbraio”

    212 - Dic 4, 2015 - 2:40 Vai al commento »
    Bravo Marco, ti ho visto in tv. Sei bravo e coraggioso.
  • Sulla vena della scoperta
    nei tesori sepolti di Fontescodella

    213 - Nov 21, 2015 - 3:59 Vai al commento »
    Caro Silvano, sempre più apprezzabile la tua idrofilìa.
  • Contrada Alberotondo:
    scoperte sulla via dell’acqua

    214 - Nov 4, 2015 - 3:09 Vai al commento »
    Caro Silvano, più leggo le tue cose e più rinnovo lo stimolo che sempre ti ho dato: pubblica in un libro i tuoi studi, le tue scoperte, i segnali del tuo vero amore per la nostra città. Penso che anche l'amico Luigi Ricci la pensi come il sottoscritto. Ora una battuta: ma non è che studiando il "passato" e la Macerata sotterranea e oggi acquatica, tu soffra di una freudiana " rimozione" ? Tu stia rimuovendo-esorcizzando la Macerata superiore, quella che si vede, ad esempio a propohe e dolci acque"sito di Dolmen quei terribili Cubi realizzati dalla Confartigianato lungo la via Mattei? Dire che sono brutti è dire poco. In che senso dunque rimozione da parte tua? Azzardo: sei così schifato e anche deluso per quanto avviene e si vede al "sole" che preferisci inoltrarti in più suggestivi labirinti, e, ultimamente in petrarchesche "chiare e fresche e dolci acque". Con affetto, Guido
  • Halloween, il vescovo Marconi:
    “Non terrorizzare né banalizzare,
    ma comprendere”

    215 - Ott 31, 2015 - 4:25 Vai al commento »
    Ritengo che l'intervento del Vescovo sia necessariamente e volutamente "generico" a proposito del tema e della questione trattata. Ma tale apparente genericità si fa, invece, profonda nell'avvertimento-monito diretto al tema educativo e al " simbolo" della festa. Termine che meriterebbe una trattazione non ristretta e giornalistica, come del resto il Vescovo, fa giustamente intendere. Quanto ad Hitler le foto proposte da Cerasi parlano da sole. Voglio solo aggiungere che proprio Hitler proviene da una "cultura" indubbiamente esoterica, certamente legata a culti non lontani dalla pratica di certe Ur-lodge alle quali erano iscritti una serie di amici intimi che poi diverranno "importanti" nelle successiva realizzazione del Sistema. Culti e pratiche anche medianiche. Indubbiamente si può leggere anche il suo antisemitismo come reazione al piano Kalergi che molti onorevoli "europei " ben conoscono. E parliamo del 1929
  • Dante chi?
    Scivolone in ateneo sul sommo poeta

    216 - Ott 30, 2015 - 3:31 Vai al commento »
    Con ogni probabilità non vi è errore. La lapide è indubbiamente riferita non all'Alighieri, ma a Dante, il famosissimo Dante che gestiva negli anni ' 60, '70 e una parte degli '80 il Collegio Bartolo da Sassoferrato con l'attigua mensa. Sono convinto che la lapide sia dedicata a lui e i "bruti" sono gli studenti che in quei favolosi anni ( come il sottoscritto ) frequentavano la mensa anche per vedere l'affollamento delle dolcissime ragazze ( matricole e non, con minigonne e non ).
  • Una detective straordinaria su Canale 5
    La sceneggiatura è di Valentina Capecci

    217 - Ott 25, 2015 - 2:03 Vai al commento »
    Brava, ed auguri cara Valentina. E' vero quanto sostieni circa la " linearità' " della lingua metropolitana, rispetto alle guglie, scarti e varianti della lingua "provinciale". E' un dato assodato anche in poesia.
  • E’ morta Maria Grazia Capulli,
    giornalista del Tg2

    218 - Ott 22, 2015 - 3:21 Vai al commento »
    Si, la ricordo benissimo in redazione. Anche lo stile di scrittura, elegante ma contemporaneamente informativo. E anche la sua classe, tra timidezza e passione. Bel pezzo, Maurizio.
  • I segreti ancestrali di Fontescodella
    tra antiche gallerie e miracoli dimenticati

    219 - Ott 21, 2015 - 3:54 Vai al commento »
    Continuo a pensare che dovresti mettere insieme tutto questo materiale. Parlo di un libro. Quanto dice l'amico Gianni Menghi è vero. Ma comunque a me sembra che il Papa sia troppo interessato a non invitare Marino e il PD a fare le pulci sugli scontrini.
  • Conferme nel Cda, sogni e nuovi obiettivi
    Il grido di battaglia di Carancini:
    “Tutta la città difenda lo Sferisterio”

    220 - Ott 11, 2015 - 3:28 Vai al commento »
    Condivido l' impostazione di Carancini. Auspico che si dia spazio e dibattito sulla ipotesi che Mosca ha avanzato su queste pagine. In un periodo di vacche magre è possibile, invece, potenziare elementi e segmenti della società prima inerti o passive. Rendere protagonisti del nuovo corso soggetti prima defilati o apparentemente lontani. Fa bene il Sindaco ad indicare i vecchi "passivi". Fu il sottoscritto che nel 1998 scoprì il passivo nel silenzio o cloroformizzazzione deģli scribi.
  • Il convento dei Cappuccini,
    storia e mistero di un luogo
    da sempre nel cuore dei maceratesi

    221 - Set 29, 2015 - 3:44 Vai al commento »
    Rinnovo quanto ti ho detto a voce. Metti insieme tutti i pezzi e pubblicali.
  • Nascimbeni, allo stadio dopo 26 anni
    “Teniamoci stretta la presidenza Tardella”

    222 - Set 24, 2015 - 3:13 Vai al commento »
    Bellissimi i ricordi dell' avvocato Nascimbeni, autentica forza e antico "motore" della maceratese. Se a questo aggiungo l'animosita' e la passione dell'amico Alessandro, direi che il quadro è completo. Mariella è fuori discussione.
  • Fonti, cunicoli e cisterne:
    nuove scoperte nella Macerata sommersa

    223 - Set 16, 2015 - 3:36 Vai al commento »
    Bravo Silvano. La città ipogea, forse, ci racconta di più di quella alla luce del sole. Al sole tante cose non si vedono, o ci pare di scorgerle...
  • Filosofi maceratesi alla ribalta
    “La gente che pensa deve partecipare”

    224 - Set 14, 2015 - 1:47 Vai al commento »
    Bravo Andrea, continua così. Il tuo lavoro, mai superficiale o scontato, mai modaiolo, è importante per poter "pensare". Congratulazioni da guido
  • La proposta di Maurizio Mosca:
    “Cento nuovi consorti
    per sostenere lo Sferisterio”

    225 - Ago 30, 2015 - 3:05 Vai al commento »
    Interessante e concreta la proposta di Mosca. Si cambi lo Statuto sulla falsa riga o sul calco di quello già votato in Consiglio comunale, ci si avvii decisamente verso una snella Fondazione, ma subito, e si tenga conto che la tesi dei 100 consorti non è affatto peregrina, anzi potrebbe fa da "traino" e costituirebbe un test veritiero.
  • Sferisterio, Micozzi a Micheli:
    “No alle ombre sul passato,
    servono nuove idee”

    226 - Ago 12, 2015 - 3:54 Vai al commento »
    Probabilmente il direttore Micheli ha metaforizzato dicendo quella frase, ma certamente, ad onor del vero, a nessuno può sfuggire, conti alla mano, che il comune e la provincia dovettero fare ben due mutui per "sanare"alcuni deficit. E, a mio ricordo, neppure i due mutui furono sufficienti. Allora si spendeva di più, le scenografie erano bellissime ma costosissime. Ed era una scelta. Nel 1997 da una indagine consiliare, per la prima volta, apparve una parte del " buco", ovvero del passivo. Ricordo un silenzio tombale su tale fenomenologia. Anzi una sorta di moderna "damnatio memoriae", anche degli scribi di allora. Da quel momento, scoperto il passivo, le analisi si fecero più minuziose, fino ad arrivare ai mutui di cui parlo e dei quali vi è certezza storica e contabile. Ora è il tempo delle vacche magre, le scenografie sono ovviamente più povere, essenziali, vorrei dire " conconcettuali", ma è un modo per contenere la spesa. Con la dipartita e morte della provincia, con le esiguita' delle donazioni bancarie e della camera di commercio, l'orizzonte sembra nebbioso. Forse mutare l'associazione in Fondazione potrebbe agevolare qualche tragitto, o anche, ipotizzarefinanziamenti europei. È certo, comunque, che quando ci si muove nel campo dei " costi" della cultura, nel nostro caso del melodramma, diventa più difficile analizzare le singole voci. Anzi, difficilissimo.
  • Lavori fermi al pronto soccorso
    Blitz del sindaco Carancini:
    “E’ uno schiaffo alla storia dell’ospedale”

    227 - Ago 7, 2015 - 4:20 Vai al commento »
    Ha fatto bene il Sindaco a recarsi personalmente all' ospedale. Sarebbe importante, anche, nei limiti delle compatibilità un consiglio comunale aperto. Diventa importante e centrale fare i nomi e i cognomi di chi, da ancona, muove i pupi, non solo quelli dell orologio. Il consiglio comunale aperto alla cittadinanza può generare anche un supporto all azione politica dello stesso organo consiliare. Ovvero i cittadini possono prendere la parola ben oltre il teatro pirandelliano della falsa differenza tra le parti, e la pesante retorica che abbonda tra gli scranni.
  • Che “provincia” saremo?

    228 - Ago 9, 2015 - 3:53 Vai al commento »
    Quoto Pino Pallino e Antonio Panto.
  • Carancini furioso
    per Maccioni all’Area vasta
    “La solita lottizzazione politica”

    229 - Lug 29, 2015 - 3:53 Vai al commento »
    Ottimo intervento, coraggioso, vero. Purtroppo si sta avverando la mia profezia, quando ero in Consiglio. Facemmo mozioni, Ordini del giorno e altre amene suppliche, ma doverose, votate a maggioranza assoluta, quaranta su quaranta consiglieri, tutti "incazzati", tutti postulanti il giusto per il nostro Ospedale. Io dissi che stavamo votando carta straccia per Ancona, anche un po' dura per altri usi più consoni i fisiologici. E' quanto sta accdendo in Italia che è assurdo e disumano. Aveva ragione, a proposito di carta, lo scrittore Curzio Malaparte che considerava le elezioni un " ludo cartaceo". Hai comunque fatto bene ad incazzarti.
  • I legali di Banca Marche:
    “Il maggior disastro bancario italiano
    dopo i casi Sindona e Calvi”

    230 - Lug 8, 2015 - 3:48 Vai al commento »
    Articoloo ammirabile, coraggioso. Bravo Marco.
  • Vento vento, portami via con te

    231 - Giu 20, 2015 - 4:38 Vai al commento »
    Non ha vinto Morfeo, ma un Valium sapientemente dosato e anticipatamente preparato da qualcuno ben tre mesi prima delle elezioni...
  • La riconferma di Carancini
    tra consenso, furbizia e fortuna

    232 - Giu 20, 2015 - 4:33 Vai al commento »
    Tutte analisi giuste, con sfumature diverse. Ma una domanda sostanziale è la seguente: indipendentemente dal candidato Sindaco Pantana, mi chiedo e chiedo a chi di dovere, come mai e chi, al contrario di ogni altra parte di Italia, non si sia fatta l'alleanza " fisiologica" con la Lega e Fratelli d'Italia. Chi è il colpevole ( maschile) di questo paradosso marchigiano. Si può sapere il nome e il cognome e gli attori di tale laboratorio ( non suicidario come argutamente sostiene la Polidori) ma un vero e proprio omicidio. Si prega di rispondere chiaramente e senza metafore, queste appartengono alla poesia, non alla politica. Una nota, inoltre, agli esperti in calcolo elettorale. Fingiamo che Debora, per pura accademia, non avesse voluto fare il Sindaco, delegando a Mosca tale carica. Rinnovo la domanda: la Lega e Fratelli di Italia ci sarebbero stati? Fratelli di Italia si, la Lega? E' un enigma che non riesco a sciogliere.
  • 5 Stelle: Apriremo il Palazzo ai maceratesi
    Sul Parksì: Studiamo le carte poi votiamo

    233 - Giu 20, 2015 - 4:13 Vai al commento »
    Buon lavoro.
  • Ballottaggio,
    Deborah Pantana in cammino:
    “Un magistrato assessore all’urbanistica”

    234 - Giu 8, 2015 - 4:12 Vai al commento »
    Caro Alberto, mio carissimo amico, mi congratulo non tanto o solo per ciò che hai scritto, ma perchè ancora una volta dimostri e mostri la Verità, e lo fai con Coraggio inedito, irrompendo rispetto ad una Palude di nebbia, di inimicizia, di reciproco sospetto, di malelingue, di ipocrisia che hanno caratterizzato questo Teatro elettorale. Teatro nel quale ( sia detto con chiarezza) le trappole, i veti, le interdizioni, erano già scattate da tempo. Pochi hanno il tuo Coraggio, dire le cose come stanno e sono. Qui, invece, nella nostra Macerata, impera quel Dante che tu speso citavi in Consiglio: siamo nel girone degli Ignavi. Chissà da lassù il nostro comune amico Maurizio Fattori cosa pensa.O prega per noi o vomiterebbe. Un abbraccio ( anche da Aldo) e dal tuo Guido
  • Elezioni: tra gli ex consiglieri
    in, out e salti della quaglia

    235 - Mag 26, 2015 - 3:44 Vai al commento »
    Ma Alessandra,che scrivi? Io sono in consiglio solo da cinque anni e non dieci, come scrivi tu.Ben altri sono in consiglio da moltissimi anni, avendo votato tutto,ma proprio tutto.Prova a fare un articolo è una classifica, ci sarà da ridere. Ciao,Guido
  • Una donna alla guida
    della Fondazione Carima
    Rosaria Del Balzo è la nuova presidente

    236 - Mag 6, 2015 - 3:36 Vai al commento »
    Tanti auguri a te carissima Rosaria.
  • Ripulita la statua romana
    “Hanno alterato i connotati”

    237 - Mag 7, 2015 - 3:21 Vai al commento »
    E' fondamentale recuperare quanto è stato distrutto.Sarà necessario utilizzare il Laboratorio delle pietre dure di Firenze per un impasto moderno in poliestere,così come è stato fatto per l'orologio. Sia condannato l'operaio alla tortura e a morte chi lo ha inviato.L'Esculapio di Macerata è unico in Italia.
  • Forza Italia, Castiglioni annuncia l’addio
    “Diatribe interne a tutti i livelli”

    238 - Apr 30, 2015 - 5:13 Vai al commento »
    Caro Francesco,mio e vecchio amico dei tempi migliori, pur concordando con te, non comprendo questa tua uscita in zona cesarini. Un abbraccio da guido
  • Morto il preside Giovanni Cardarelli
    Filosofo e conoscitore dei Templari

    239 - Apr 28, 2015 - 1:54 Vai al commento »
    Sono vicino a Tullia e ai figli. Giovanni resterà nella mia memoria come raro esempio di persona civile, un mix di grande umanità e non casuale passione intellettuale.Guido
  • Choc per il regista Rodolfo Craia
    Muore a 38 anni la figlia Irene

    240 - Mar 24, 2015 - 9:55 Vai al commento »
    Nessun commento mio caro amico, se non la mia preghiera. Guido
  • Mosca: “In campo per gli scontenti”
    In cantiere anche la Lista Tardella

    241 - Feb 18, 2015 - 2:05 Vai al commento »
    Per Paolo Micozzi: il passaggio a tuo avviso dovrebbe essere di maggioranza, ma perché non di Consiglio?
  • I 5Stelle in campo con Carla Messi
    Una commerciante del centro
    è il candidato sindaco

    242 - Feb 15, 2015 - 2:06 Vai al commento »
    Pur non votando il Movimento cinque stelle, ritengo la candidatura di Carla Messi una scelta ottima ed oculata. Come Peppe conosco Carla fin dai tempi del Liceo. È moderata, intelligente e raffinata (dote rara in giro) penso che con la sua candidatura il movimento captera' consensi daverro trasversali, tra persone di buon senso e ragionevoli.
  • La lunga marcia di Deborah Pantana,
    tra liti e polemiche

    243 - Feb 14, 2015 - 2:01 Vai al commento »
    Pert Tamara. Cara Tamara le notizie che ho dato io sono probabilmente e indubbiamente posteriori agli incontri ai quali tu fai giusto riferimento. Ma te ne dico una seconda, da accertare però, anzi invito gli amici ad indagare. È vero che Marche 20 20 dovrebbe, potrebbe, realizzare una alleanza organica con tutto il centrodestra, tutto, nessuno escluso? Perché se così fosse cambiano attori e strategie. Mi permetto, tuttavia, per onore di storia e di consapevolezza matematica porre una banale domanda ai cercatori di democrazia tramite primarie. Mi pare di aver letto una apertura di Sacchi e persino della Pantana, e un bel pezzo fa, circa la volontà e non il veto alle primarie. Di qui la riflessione matematica. Se la Pantana ha già formato e da tempo le liste chhe appoggiano il suo nome resta difficile pensare di batterla, forse Batman. In verità esiste e da tempo una strategia creata appositamente per fare confusione e giovare a qualcuno...
    244 - Feb 13, 2015 - 4:50 Vai al commento »
    Noto, nel frattempo, che il Movimento cinque stelle ha presentato una ottima candidatura, quella di Carla Messi, e sono convinto, conoscendola, che il movimento captera' anche voti eterogenei e moderati, rispetto alla genetica grillina. Ciò premesso e condividendo l'articolo di Peppe, anche io mi faccio qualche domanda. Non vi è forse un patto siglato a Roma per il quale Berlusconi anche in periferia non vuole e interdice ogni alleanza con Ncd? E sempre a Roma non vi è anche un patto, siglato, anche per la periferia tra Fi e Lega.? Se cosi è, dico se, che senso ha per la Pantana cercare convergenze con Ncd, del resto sconfessate dal Cavaliere? Ed inoltre esiste una lista Ncd? Diversa è l'ipotesi che alcuni consiglieri di centro (consiglieri, non liste) si diano da fare per creare un listone unico. Si, ma con quele Sindaco? Per ora abbiamo assistito a veti eguazzabugli. L'unico consigliere che mi e sembrato equidistante, prudente, non rancoroso e GiGiorgio Ballesi che si tiene lontano dalla rissa. Della Pantana, e qui non la penso com Peppe, ritengo che abbia fatto bene a creare per tempo, in tempo, e da tempo, le liste. Si sappia che i partiti non le gradiscono perché non le controllano e non le gestiscono. Casa Pound, io conobbi la figlia grandissima traduttrice, è frutto non di un errore di percorso, ma di un lapsus. Se ho ben capito la Pantana si è sempliceme te incontrata con loro (non appartenenti alle brigate rosse) face dosi dare idee e stimoli. Pensare la fascismo per Pound è corretto ma eccessivo. Si veda piuttosto in quale lager lo avevano ridotto gli americani, i grandi anche attuali pacifisti. È pericoloso ideogizzare. Altrimenti uno potrebbe dire ( non io) che alcuni settori della sinistra a prposito del matrimonio, delle adozione, della eugenetica, delle coppie di fatto, dei transgender, non riflettono affatto, ad esempio, il pensiero cattolico, oppure quello comunemente chiamato moderato. Ma nessuno deve fare una guerre per queste cose.
  • “Dopo 155 anni sfrattato San Gabriele
    dalla sua stanza a Pieve Torina”

    245 - Gen 14, 2015 - 2:09 Vai al commento »
    Non mi sembra una scelta saggia.
  • Dimenticato Mario Luzi,
    fu presidente onorario
    del Centro della poesia

    246 - Nov 26, 2014 - 3:58 Vai al commento »
    Bellissimo ricordo dell'amico Mario e "poetica" la foto della sua abitazione in via Bellariva, casa che ben conosco. E' stato per me un secondo padre e la sua " assenza" isituzionale è una vera offesa.
  • Macerata e il fu ospedale
    Non capoluogo di provincia
    Ma semplicemente bordello

    247 - Nov 12, 2014 - 3:30 Vai al commento »
    Caro Cambi, è poprio come scrivi dantescamente tu.Vorrei restando nella materia delle Cantiche immortali suggerire, a proposito della subalternità di Macerata alle tessere di Pesaro ed Ancona quel bel passo in cui siparla di due frati :" e come li frati minor vanno per via/ l'un camminava innnate e l'altro pria" . Dove pria sta non per " prima" ma per "pregava".A me sembra che la totale genuflessione dei " nostri" rispettlo la Sinedrio del Nord appartenga ad una sorta di consolidata e tradizionale antropologia " de ecco". Rimane inutile ogni battaglia anche se ho firmato insieme a tanti altri la proposta di " ripensamento" ai reverendissimi Padri provinciali di Ancona. Ma sai, qui siamo tutti " cattolici" e ci faceva anche "schifo" la statua massonica e il successivo finanziamento di 150.000 Euro ad essa collegata. Alcuni colleghi consiglieri scovarono in essa simboli e segnali di altissima ppericolosità. Avevano fatto un corso accelerato di semiotica e consultato per far prima vari dizionari, come quello di Chevalier. Insomma fummo sommersi da un eccesso di spessore estetico e storico critico che non ci permise di fare alcunché. Vorrà dire, a proposito di sanità, che ci impegneremo di più a pregare San Giuliano ospitaliere per " ritornar a rivedere le stelle".
  • Macerata in lutto,
    si è spento l’ex sindaco Maulo

    248 - Nov 3, 2014 - 1:39 Vai al commento »
    La mia amicizia con Gian Mario è antica, solida, vera, come lo sono le amicizie che nascono dalla fede e dalla fede nella parola, anche quella poetica. Lo ricordo come fossero passati pochi minuti alla Università che frequentammo insieme. Attivo, partecipe durante le assemblee, sempre pronto a tirar fuori una mozione. Ma il suo fondo, quello vero, era quello di poter esprimere in versi ciò che la prosa della politica non consente. Per questo lo stimolai e quasi obbligai a pubblicare il suo primo libro, "Tu che vieni" che infatti porta una mia nota insieme a quella del nostro professore, Giuseppe Beschin. Sempre ci siamo parlati, telefonati, incontrati. Ho letto tanti suoi inediti, a volte mi chiedeva pareri per l'editing. Ed ero sempre pronto a scambiare idee e proposte. Al fondo dei suoi versi esita la lezione di Turoldo, ma poi negli ultimi la sua poesia "religiosa" si era come rarefatta, aveva assunto una tensione meno personale, più naturale e radiosa, quasi cantabile. Per questa sua originalità lo avevo inserito nella mia antologia dei poeti marchigiani del Novecento. Alcuni, anche tra i suoi amici, sorridevano quando Gian Mario portava in Consiglio qualche suo testo. Ebbene, lui era così: sentiva che il " tempo"della politica si arricchisce con quello più vero della poesia dalla quale attingeva forza e luce, anche nei momenti più duri, sopraffatto dalla delusione della non ricandidatura. Pochi sono suoi pari, per dignità e forza di autonomia, sempre tuttavia incastonata col dialogo e con il confronto, bussole centrali della politica vera e seria. A lungo, negli ultimi tempi (abitiamo vicinissimi) avevamo parlato del suo male che affrontava con forza e mansuetudine. Una apparente diversità che è la sintesi del nostro amico che ci lascia, da lontano con il suo sorriso radioso e timido. Un abbraccio a te e alla tua famiglia dal tuo amico Guido.
  • Santucci: “Ospedale di Macerata,
    da anni la politica punta al ribasso”

    249 - Ott 31, 2014 - 3:05 Vai al commento »
    Condivido pienamente le argomentazioni della Signora Santucci e il triste e veritiero elenco del Signor Menchi. In Consiglio mi sono battuto strenuamente, fino quasi al voluto vilipendio, relativamente alla questione dibattuta. Ho ampiamente analizzato il perché di questa paradossale situazione e ho a lungo parlato dell'asse Pesaro-Ancona che ci ha ridotto a meri esecutori di un "laboratorio" concertato altrove. Ho chiesto al Consiglio di aderire alla raccolta delle firme, ho trovato nebbia in val padana...Tutto questo è deprimente, avvilente, incivile. La forma Partito purtroppo prevede gerarchie e silenzi utili solamente a non turbare organigrammi e nomine già stabilite. Al contrario io credo che sia compito di ogni Consigliere comunale, indipendentemente dal suo colore e posizionamento, non ascoltare e disubbidire alle sirene doriche che troppo spesso per telefono si fanno sentire. Le sirene furono rifiutate dall'astuto Ulisse. Se le avesse ascoltate avrebbe portato tutti i suoi compagni verso la morte e il naufragio. La disobbedienza, a volte, è indice di dignità.
  • L’ospedale di Macerata
    e il “Giovane favoloso”

    250 - Ott 27, 2014 - 2:36 Vai al commento »
    Anche io ho firmato l'appello delle liste civiche. Ho più volte e in modo irritato e quasi volutamente "triviale" dettoin Consiglio che dei nostri ( del Consiglio ) Ordini del giorno o Consigli aperti ad Ancona ne avrebbero fatto carne di porco, più volte ho segnalato l'asse di potere Pesaro-Ancona che invia primari ed altro. Ho notato, in Consiglio, un silenzio generale, dalle mie parti...
  • Non è una città (solo) per vecchi
    Invasione di giovani per Overtime

    251 - Ott 13, 2014 - 3:03 Vai al commento »
    Condivido pienamente quanto scrive Ricci. Pur non amando o non entrando nel dibattito sul genere musicale (" ognuno riconosce i suoi" dice Montale ) la questione da un punto di vista sociologico è quella rappresentata con precisione e argomentazione nell' articolo. Politicamente la scelta è giusta. È necessario " liberare" dal silenzio obitoriale le notti maceratesi e, ma è una mia opinione, realizzare un "piano estetico" per il centro storico, abbellirlo, colorarlo, ripristinare l'antica eleganza, magari anche tramite un concorso di idee che veda la partecipazione di artisti, architetti e storici, facendo confluirei loro progetti, in vitro, in una mostra al san Paolo. La prossima amministrazione dovrà, a mio avviso, avere questa tensione e programmazione: manutenzione ordinaria di tipo straordinario e cura della nostra bellezza e della nostra storia. Macerata si presta proprio a tale trattamento, insomma, Ricci permettendo, una armoniosa complicità tra vecchi e giovani.
  • L’amore per Sonia oltre la morte
    nelle poesie visive di Mario Monachesi

    252 - Ott 19, 2014 - 19:34 Vai al commento »
    Bravo carissimo Mario.
  • Addio a Silvano Pietroni,
    una vita per la musica

    253 - Ott 2, 2014 - 2:49 Vai al commento »
    Carissimo Silvano, con te se ne va un pezzo forte della nostra città, un "musicista" indimenticabile, tanto quanto quei giovani che furono una vera avanguardia per Macerata. Ti ricordo con affetto, persino nei momenti terribili che hai attraversato per la prematura morte di tuo figlio. Una frattura e una ferita indelebile che ti aveva colpito alla radice, come quando, insieme a me che fui suo temporaneo professore al liceo, lo ricrdavi, non trattenendo la commozione (e viceversa).Se una cosa di te mi rimane è l'ironia, il sorriso, la battuta fulminante. Tra serietà e malcelato sentimento, come di nostalgia. Mi dicesti che ogni giorno, da sempre, dedicavi un quarto d'ora al pianoforte, è impossibile starne fuori, dicesti, è come il prezioso vizio del fumo. Prosegui da dove sei a suonare, amplifica e interrompi il nostro silenzio, la nostra ignavia. Caramente dal tuo guido.
  • Due idee per lo Sferisterio

    254 - Ago 6, 2014 - 3:19 Vai al commento »
    Caro Andrea, condivido quanto scrivi e confermo la particolare ottima scelta di Micheli. Vale la pena di ricordare che una pesante lobby investiva su Pizzi e sulla sua riconferma. Io mi opposi sia alle "voci di dentro" a Macerata sia ad una serie infinita di pressioni che ricevevo da Ancona. Come sai, sono abbastanza libero e forse troppo e non ubbidii. Anzi, per tutta risposta presentai una interrogazione su Pizzi mettendo in luce n0molte cose. Erano diciotto i quesiti. Dopo tale benefico bombardamento ricevetti oscuri rimbrotti dal vecchio Consiglio di Amministrazione, segno che avevo fatto centro. Penso che Micheli debba essere "utilizzato" per il suo dinamismo e per la passione energica che possiede. Penso che si possa ben interfacciare con la nostra Macerata. Quello che non trovo persuasivo è il tipo di comunicazione grafica che, nel suo voluto disgrafismo e leggerezza, non mi pare all'altezza di un messaggio evidente ed espressivo. Va, come tu dici, potenziato il grande "schermo" , unico nel suo genere e ben adattabile a diversi giochi scenografici. È stato sempre un mio sogno o pallino ipotizzare un premio biennale sul giornalismo di settore, ovvero un grande premio di critica a giornalisti europei. Ciò consentirebbe una moltiplicazione del messaggio, fare, cioè, del premio un Grande evento. Ancora saluti da guido
  • Cinquanta sfumature
    di Sferisterio

    255 - Lug 13, 2014 - 3:26 Vai al commento »
    Mi congratulo per l'evento e la produzione che dimostrano amore, ricerca storica, creatività. Auguro il meritato successo. Interessante l'idea di ricordare le vecchie comparse. L'operazione, nella sua totalità, non è, come si potrebbe supporre, nostalgica, ma coraggiosa avanguardia, poiché mai ci si era dati da fare in questa direzione. L'occasione va colta al volo e, come sostiene l'elegante scrittura della Gelsomini, da qui si deve partire per pubblicare un libro ad hoc, magari anche nel suo formato elettronico. Credo debba essere unimpegno doveroso del nostro Comune.
  • Lutto a Civitanova
    E’ morto Michele Mastrangelo

    256 - Mag 10, 2014 - 3:08 Vai al commento »
    Carissimo Michele, arrivederci. Caro compagno di infanzia e giovinezza, di giuochi e di famiglia in quel di via Dante al n.11. Ti saluto con affetto e prego per te, per il tuo babbo Pasquale e la mamma Sisi'. E con l'abbaiare festoso del tuo cane, Black, porgo le più vere e totali condoglianze a tuo fratello Paolo e Zaccaria. Ci risentiamo caro e indimenticabile Michele. Tuo Guido
  • Si è spento l’ex consigliere comunale Pierpaolo Menghi

    257 - Apr 18, 2014 - 2:30 Vai al commento »
    Le mie condoglianze più vere e sincere per la perdita di una persona che resta la metafora viva di una idea della politica e dell uomo ormai inedita o scomparsa. Un abbraccio alla signora Margherita insieme a Gianni e alla carissima Coretta.Guido.
  • Lutto per Mario Monachesi, è morta la moglie Sonia

    258 - Apr 8, 2014 - 4:06 Vai al commento »
    Carissimo Mario, un abbraccio forte e totale a te e Chiara dal tuo amico di sempre, Guido.
  • E’ morto Giuseppe Romagnoli

    259 - Mar 26, 2014 - 0:05 Vai al commento »
    Ciao, carissimo amico Peppe.
  • La biglietteria Sferisterio cambia gestione
    “Buttano via i nostri 30 anni di esperienza”

    260 - Mar 18, 2014 - 2:42 Vai al commento »
    A me sembra assurda questa storia. Chiederò formalmente alla Presidente della Commissione IV Ciarlantini di interloquire con i membri del Consiglio di Amministrazione dello Sferisterio  in Commissione, e nel frattempo, tenterò  con i colleghi Consiglieri di presentare o una mozione o un Ordine del giorno.
  • Lutto in città, muore Libero Paci
    Raccontò ai maceratesi la loro storia

    261 - Feb 22, 2014 - 17:00 Vai al commento »
    Volevo solo aggiungere che sarebbe un dovere-piacere che il Consiglio comunale decidesse di dedicare a Paci una via e insieme a lui ad un arbitro intenazional e di calcio, Cesare Jonni. 
    262 - Feb 22, 2014 - 16:42 Vai al commento »
    Con Libero ci lascia un pezzo di storia della nostra città.  Libero Paci rimane un punto certo per le ricerche storiche e "leggendarie" di Macerata. Potenza ironica, sottofondo "romantico", mai nostalgico, sempre pungente-sorridente. Si allontana e ci lascia la "figura" classica di un"erudito" anomalo e universale. I suoi studi sono stati giustamente "saccheggiati" per ogni tesi di laurea che ci riguardi da vicino. Raccolsi, molti anni or sono, i suoi "pezzi" scritti per il messaggero e chiesi a Magdalo Mussio xi illustrali. Il libro di Libero andò  a ruba: testi folgoranti, comici, parodici. Di una disponibilità rara ed inedita, tra noi. " Ma c'era Macerata" è e resterà un classico e la spia stilistica di un carattere e di una   cultura che  davvero ci mancheranno. Guido Garufi
  • “Carlo che sorride”

    263 - Gen 10, 2014 - 4:42 Vai al commento »
    Un bel ricordo-ritratto quello di Carlo. Mi comunicò la notizia  un amico  comune, medico del Fatebenefratelli, che si trovava in corsia. Avvertii un giornalista del Carlino ( non ci voleva credere e si mise a piangere, essendo stato suo compagno di scuola, anzi, verificò la mia confiidenza). Ero stato per .un brevissimo tempo .nella sua classe, allo Scientifico. Ricordo come fosse ora che durante i compiti di Latino Carlo, fingendo di andare in bagno, passava per la mia sezione e, d'impronta, gli traducevo rapidamente e furtivamente qualche pezzo. Era simpatico, diretto, sorridente Nacque, così,  quella che si può definire una amicizia spontanea e naturale, durata per anni, per molti anni. Qualche volta lo vedevo in TV, con Fausto Leali e tanti altri. Un anno prima che morisse andai i Milano per presentare un libro ( un romanzo alla Libreria Hoepli). Carlo era venuto e venne a cena. Mi mise in imbarazzo perchè mi fece questa domanda precisa: " ti ricordi, professore, cosa dicesti a scuola a proposito dell'amore, sconfessando Alberoni?" Si gli risposi :" l'amore è un compromesso tra due sistemi nervosi". Ridemmo a lungo ( a cena c'era Galliani ed un giocato ci dre del Milan. Uscimmo e in "picciola guisa" .Ci dileguammo nella notte. Si era in Via Solferino, vicino all'entrata del Corriere della Sera. Carlo era contento e felice.                  
  • Enrica Loggi, “…A una rima di vento”

    264 - Gen 8, 2014 - 1:41 Vai al commento »
    Bel pezzo quello di Davide, per una poetessa autentica e appartata che tenni a battesimo molti anni or sono. Azzeccato il richiamo alla Pozzi. L'amica Enrica ha saputo con la sua poesia "alleggerire" il male del mondo, con la sua geografia e natura modulata e musicale, ha saputo dare "voce" ad un forma particolare di esilio e solitudine. Di rara eleganza e di raffinato "estetismo" di ordine alessandrino e greco l'andamento dei suoi versi, sostanziali,centrati. Un saluto da Guido.  
  • L’ecatombe del Vajont
    e la lotta di un giudice

    265 - Ott 13, 2013 - 2:04 Vai al commento »
    Bellissimo e anche commovente articolo. Centrale il "passaggio" del "nostro" Magistrato avversato dai poteri forti. Eppure coraggioso, testardo, persino contro la stampa "allineata". Esempio, direi piuttosto raro.  
  • Palas, Savi a Massaccesi:
    “Lube privilegiata, nessun insulto”

    266 - Ott 11, 2013 - 2:03 Vai al commento »
    Condivido la tesi del collega Consigliere Savi, più in particolare quando ipotizza l'incontro in Commissione IV. Io sono favorevole a questa ipotesi per una serie di motivi che ora espongo. 1- In Commissione siedono maggioranza e minoranza, hanno diritto di parola tutti i consiglieri comunali che non fanno parte della Commissione. 2- E' presente il pubblico e, al contrario del Consiglio comunale, se qualcuno tra il pubblico volesse porre una domanda, lo può fare, sentito il parere del Presidente della Commissione ( che sempre concede il permesso) 3- Il dialogo in Commissione è più autentico e "stringente", in quella occasione debbono essere proposti ed evidenziati tutti gli "atti" formali ( dico contratti e convenzioni ) 4- Il clima è sostanziale e corrisponde a quello dell'incidente probatorio 5- Si notano le contraddizioni linguistiche, le bugie, i marcia indietro, i non detti ( in Consiglio è impossibile) 6- Le domande sono stringenti, sono frutto di dialogo "concentrato" con un nesso  causa-effetto immediato e verificabile ( ovvero non si "sfugge" alla domanda ed è difficile glissare ). Il Consiglio comunale è e sarebbe in questo caso una sorta di Rappresentazione teatrale. I tempi sono scanditi, ognuno si prepara il proprio "discorso", si ingigantisce la retorica, non si trovano i nessi causa effetto. Vi è il Primato della Orazione e della Retorica sulla verità. In sintesi, se si vuole fare chiarezza, da ambedue le parti, la Commissione è il luogo ideale. Io, ad esempio, in Commissione, avrei una ventina di domande da fare. Cosa che non posso fare in Consiglio. Se vi è buona fede si faccia così e non si approfitti del Consiglio come luogo " apicale",m poichè mi sembra di aver dimostrato che meglio sarebbe una recita ( pirandelliana) al teatro Lauro Rossi .
  • Per scoprire Ugo Betti cerca a ‘casa’ di Pirandello

    267 - Ott 7, 2013 - 3:26 Vai al commento »
    Bellissimo ed importante articolo.  
  • Cordoglio per la scomparsa di Osvaldo Pieroni

    268 - Set 28, 2013 - 3:56 Vai al commento »
    Ciao carissimo Osvaldo,da me e Franco Zazzetta.
  • Tribunale in centro,
    gli avvocati della politica dicono “no”

    269 - Set 26, 2013 - 2:01 Vai al commento »
    Vedo che l'amico Cerasi coglie nel segno e nella "sostanza". Mi farebbe piacere che intervenisse qualche architetto per parlare  del nostro Tribunale. Dico della sua struttura stilistica che a me risulta di particolare   rilevanza ( estetica e storico-critica). Colgo positivamente il segnale che  ha lanciato Bruno Mandrelli relativamente al centro storico, fermo restando che il  palazzo Trevi Senigallia è un passo avanti. Apprezzo quanto sostenuto da Giorgio Ballesi e con lui mi chiedo: ma non c'erano e giacevano altri progetti di allargamento dell'attuale Tribunale a latere? 
  • Cisl: “Residenza per anziani,
    basta ipocrisie”

    270 - Set 24, 2013 - 4:37 Vai al commento »
    Ritengo interessante l'intervento della CISL sulla materia.Come ho già scritto alcuni giorni or sono, sono venuto a conoscenza della proposta, tramite la Gazzetta Ufficiale ormai rappresentata dai giornali ( lo dico senza ironia). Infatti mai se ne è parlato in maggioranza, solo circa un anno fa, e in limine, si venne a sapere che c'era questa possibilità, in senso astratto, ermetico e sintetico. Infatti se ne parlò non più di un minuto. L'unica cosa che ricordo molto bene è che si parlava di Alzaimer e non di questa RSA. Ciò detto e premesso, risulta al sottoscritto, per ora, davvero nebulosa la questione. Sarà mio dovere formale, in qualità di Consigliere avere notizie certe e definitive. Ad esempio, per intenderci: "dove" dovrà essere allocata la RSA? Perchè ai Cincinelli? Perchè no a Villalba? Quale "tipo" di convenzione vi sarebbe? A qquanto ammonterebbe la retta per il convenzionato?  Insomma una seri di domande che, solo se soddisfatte, avranno il mio voto favorevole. Resta stucchevole dover dibattere "sine materia" e sono contento che la CISL sia intervenuta. E' giusto, dunque, come scrive un lettore, che il Comune non sia un convitato di pietra. Per non esserlo dovranno essere trasparenti e soddisfatte le domamnde chi qui io rivolgo a me stesso. Quanto al resto nessuna preclusione al voto favorevole, purchè Villalba non diventi "residenziale", o, almeno, se verranno scelti altri luoghi, purchè Villalba, nel cambio di destinazione da struttura sanitaria a residenziale  non "aumenti" la sua volumetria.E' certo, comunque, che la nostra città certamente non "soffrirebbe" qualora una nuova RSA ( che io speravo fosse per Alzaimer) fosse installata.
  • Nuova stagione
    degli “Incontri d’Autunno”
    all’insegna di grandi nomi

    271 - Set 22, 2013 - 4:02 Vai al commento »
    Caro Angelo, ma non mi avevi detto che veniva anche l'amico Gianni Rivera? Avevamo "studiato" un bel titolo. Forse non è disponibile? Ciao.
  • Cinque anni di libere cronache

    272 - Set 21, 2013 - 4:17 Vai al commento »
    Bravi!  
  • Antonio Le Donne torna a Messina
    “Orgogliosi di aver avuto un fuoriclasse”

    273 - Set 20, 2013 - 3:32 Vai al commento »
    Faccio i complimenti al Segretario dott. Le Donne, qualora la notizia del suo incarico a Messina fosse vera. Questo perchè, pur avendo avuto come Consigliere, contrasti interpretativi anche sostanziali con il Segretario in un  paio di questioni, gli riconosco, da sempre, una "formazione umanistica" che a me piace. Una sottile linea di argomentazione,  anche raffinata,  che poggia si sulla "dottrina giuridica" ( quella ovviamente necessaria per la sua professione) ma alla quale corrisponde, nel dialogo e per "eco"  nei testi, un fertile debordamento verso altre materie a me care, la filosofia e la poesia. La penultima ( la filosofia) è centrale, oggi, soprattutto oggi. Essendo messinese ( il Segretario)  gli auguro davvero  e senza alcuna ironia di poter "rientrare" in un territorio più solare e vivo del nostro, o comunque meno freddo e ipocrita. Del resto Leopardi scrisse la Ginestra a Napoli, e non dalle nostre parti.
  • Residenza per anziani a Macerata
    L’ad Brizioli: “E’ un servizio che manca”

    274 - Set 20, 2013 - 3:51 Vai al commento »
    Condivido, da Consigliere, l'appello generale che noto nell'articolo e negli interventi. Non appena la maggioranza si riunirà per parlarne ( si fece un cenno solo l'anno scorso, durante una maggioranza, e apprendo, come al solito , la notizia dalla Gazzetta Ufficiale che sono i Giornali) voterò favorevolmente. Ci tengo, tuttavia, a precisare quanto segue: poichè l'occasione va colta al volo ( ci mancherebbe altro, anche se l'anno passato si era parlato di Alzaimer) dovrà, fin da ora essere  stabilito il "luogo". Poichè Villalba è "già" nel PRG luogo destinato a funzioni sanitarie, non vedo perchè non iniziare, da subito, presso Villalba anche se, viene detto, che a Villalba ci sarebbero dei problemi ( parcheggio e verde).  La moneta di scambio, mi pare di capire, è far approvare dal Consiglio ( poichè la materia è consiliare) una "cambio" di destinazione. Concedere a Villalba la possibilità di diventare o residenza abitativa o centro commerciale e porre la struttura per anziani "altrove". Ma non si fa prima a Villalba? E non solo.
  • Statua massonica, tutto da rifare
    “Illegittimo donare ciò che non esiste”

    275 - Set 18, 2013 - 4:56 Vai al commento »
    " Nihil est in intellectu quod prius non fuerit in sensu" ( " nisi intellectus ipse", si prosegue). Leggo, simpaticamente ( e comicamente) , della questione "cosmologica" oggi alla ribalta. In effetti, per Berkeley, una "cosa per essere, prima deve essere". Dunque se una cosa prima deve essere, la statua, in "bozza" , è o non è? Probabilmente non è. Ma è in potenza, non ancora in atto ( Aristotele). Dunque nessuno può, potrebbe, "deliberare" su una "bozza" che è si potenza, ma non atto, o cosa "definita". Diciamo che la statua è, per ora, solo Imago. Staremo a vedere ( e ridere).Non entro nelle discussione quanto alla dottrina e al simbolo, al Cattolicesimo e alla Massoneria. Chiediamo Lumi alla BCE...( anche noi cattolici...).    
  • Dossier su Banca Marche
    Il memoriale di Ambrosini

    276 - Ago 30, 2013 - 3:48 Vai al commento »
    Bravi CM e bravo Marco Ricci. Il trattare, soprattutto in questi tempi, una materia "sensibile", vi fa onore.
  • Fiori d’arancio per Fabrizio e Cinzia

    277 - Ago 25, 2013 - 4:25 Vai al commento »
    Auguri veri e sinceri ad entrambi da Guido. Un apprezzamento al fotografo e alla "fotografia" della Banda dei Cinque ( a partire da destra con Lorenzo Monachesi e gli altri "classici" amici).
  • Sforamento diossine e furani, il Cosmari:
    “I sindaci sapevano, allarmismo ingiustificato”

    278 - Ago 13, 2013 - 4:29 Vai al commento »
    Condivido, in linea di massima, l'opinione del collega Borgiani. Tuttavia non si può andare avanti più in questo modo, voglio dire con i comunicati stampa e le accuse\critiche reciproche, qui bisogna approfondire e analiticamente.  Propongo formalmente ai colleghi consiglieri di maggioranza e opposizione l'apertura della III Commissione Ambiente al ritorno dalle ferie invitando istituzionalmente , per audizione, i tecnici dell'ARPAM e le altre ufficiali fonti di informazione sulla questione. La Commissione, come è noto, è aperta alla Stampa. In quella sede si possono rivolgere domande ed avere risposte, di volta in volta, dinamiche e progressive. Al contrario il testo scritto, sia esso un comunicato, una risposta, una controdeduzione, lascia la materia oscura e nebbiosa. 
  • Il mistero dei templari a San Ginesio
    A Medievalia prosegue la festa

    279 - Ago 13, 2013 - 4:32 Vai al commento »
    Congratulazioni all'amico Prof. Giovanni Cardarelli, templare in progress...
  • E’ morto l’ex prefetto di Macerata
    Michele De Feis

    280 - Ago 11, 2013 - 4:53 Vai al commento »
    Grande vicinanza ad Elisa nel ricordo del suo papà, raro gentiluomo e persona di inconfondibile stile, tra dinamismo e ironia.
  • Guzzini: “Ecco come ampliare il Fontescodella e far restare la Lube”

    281 - Ago 7, 2013 - 3:20 Vai al commento »
    Caro Marco, ti consiglio di portare la proposta anche in Commissione e di chiamare in Commissione, per audizione, anche la  Lube. Solo così, a mio avviso, si farà chiarezza su una storia nebbiosa e opaca. Come sai in Commissione è presente, istituzionalmente, maggioranza e minoranza, nonchè la stampa. Sarebbe un sistema chiaro e definitivo. Potremmo "ascoltare" dal "vivo" le reali proposte e poi decidere. Spesso accade di conosce le cose ( come tu ben sai) troppo tardi o a metà. Una prassi come questa sarebbe utile a tutti. Ciao da Guido
  • La filologia del mattone
    in Consiglio comunale

    282 - Lug 25, 2013 - 3:47 Vai al commento »
    Condivido e mi congratulo per il senso, l'ironia e il colore dell'articolo di Marco Ricci. Anzi, obbedendo al motto "ridendo castigat mores", mi recherò in Consiglio con il Dizionario dei Sinonimi e Contrari di Niccolò Tommaseo, un testo che ritengo fondamentale e attualissimo per la questione sollevata e per l'Italia di oggi. So anche, raggiunto da un pomeridiano messaggio, che presso il Bar Venanzetti si discuterà del Polo natatorio. Vorrei essere anche colà. Non essendo purtroppo dotato, come San Francesco, del dono dell'ubiquità, tenterò di "bilocarmi". Nel caso delle Piscine porterò con me un secondo testo, attualissimo come il primo, lo consiglio a tutti: " Morfologia della  fiaba", del grande linguista Propp. ( Premetto che costui non ha vinto nessun Bando e non deve costruire piscine ).
  • Un Nabucco contro tutte le guerre
    Lo Sferisterio apre con Laura Boldrini
    e gli ambasciatori di Israele e Palestina

    283 - Lug 20, 2013 - 3:24 Vai al commento »
    Congratulazioni al team. E più in particolare ai fotografi Lucrezia e Guido ( " l'immagine è già un racconto" diceva Roland Barthes ).
  • Parima, una variante al Prg e l’alternativa: pane o cemento?

    284 - Lug 18, 2013 - 4:50 Vai al commento »
    Condivido le argomentazioni di Cambi e, ancora, aderisco ai "sospetti" di Gabri. In modo "indiretto" ne ho parlato in Consiglio, persino ben oltre due mesi or sono...prima della chiusura...
  • Trattativa Parima, fumata nera
    “Non riapriranno più”

    285 - Lug 16, 2013 - 3:45 Vai al commento »
    Per Gabri. concordo con l'argomentazione, anche quella relativa al cambio di destinazione.
  • Gabor, lo storico
    che amava Macerata

    286 - Lug 7, 2013 - 3:56 Vai al commento »
    Un pezzo sentito e vero, caro Maurizio. Chi dall'interno conosceva Gabor e apprezzava la sua scrittura, sa quanto amore e affetto "inseriva" nelle parole, nello stile, con, al fondo, una sorta di malinconico\romantico struggimento per un mondo che va veloce e si frantuma, dalle "belle architetture"  alle voci popolari che Gabor, da medium quale era, ha saputo evocare. Rari autori, come lui, sono stati capaci di far "rivivere" per la nostra città la "compresenza" di passato e presente, di Tradizione e possibilità ( difficlile) di futuro.
  • Malato di Sla: il giudice ordina
    la cura con le staminali

    287 - Giu 28, 2013 - 11:59 Vai al commento »
    Ottima, civile e coraggiosa sentenza.
  • Renzo Galassi alla guida
    dell’associazione omeopatica mondiale

    288 - Giu 22, 2013 - 4:34 Vai al commento »
    Auguri e complimenti carissimo Renzo.
  • Si è spento Tullio Emiliozzi

    289 - Giu 15, 2013 - 4:35 Vai al commento »
    Ti sono vicino con l'affetto che tu sai. Guido.  
  • In nome del manzo ribelle

    290 - Giu 14, 2013 - 4:33 Vai al commento »
    Bellissimo pezzo, Maurizio. Intanto ti informo che in maggioranza non è stato affrontato il problema, ovvero se ne è parlato, ma in coda. Al sottoscritto mancano dati certi e sicuri per prendere una decisione. Intanto: quanti sono i metri quadrati a disposizione? ( Alcuni dicono oltre 4.000). Quali sono le opere di manutenzione? Quali sono i costi gestionali? Se ci sono, l'Accademia affronterebbe tali costi? Nel caso inverso ( entrata delle associazioni) chi sopporterebbe tali costi? E poi ancora altre domande. Appare ovvio che tu offri una alternativa, in qualche modo "sfidando" con proposte concrete l'eventuale accesso. Le altre associazioni dovrebbero fare la stessa cosa. La tesi di Bianchini, dunque, mi sembra "aperta" a tale indirizzo. Ma, come ripeto, sto discutendo sine materia ( e non è la prima volta). 
  • Silenzio tombale sulla mancata riqualificazione di via Trento

    291 - Mag 31, 2013 - 3:58 Vai al commento »
    Caro Peppe, mi esprimo in latino e condivido l'impressione che tu hai: " quod demonstratum erat".
  • Esci due, trovi tre

    292 - Mag 29, 2013 - 2:29 Vai al commento »
    Vorrei segnalare, e corre l'obbligo, a proposito di Senghor, che una bellissima traduzione ( e dico davvero bella) è del nostro concittadino Prof. Giacomo Zazzaretta ( il papà di Vittorio).Pubblicò prima in riviste e poi una "omnia" per l'Editore Cegna di Macerata, lo stesso editore dei suoi fondamentali saggi su Montale che io feci pubblicare, più tardi, da Il Lavoro editoriale con la prefazione di un montalista fuori di ogni dubbio, Silvio Ramat. Testi ( quelli su Senghor e Montale) che appaiono in tutte le più accreditate bibliografie.
  • La crisi, la speranza disperata dei “grattini” e la non violenza di Aldo Capitini

    293 - Mag 31, 2013 - 3:55 Vai al commento »
    Bellissimo ricordo, e importante e attuale. Mi preme ricordare che lo scrittore Leonardo Mancino ( maceratese-camerte), scrisse saggi intensi su Capitini, mi corre l'obbligo di segnalare un libro importante di Federica Curzi sul pensiero dello stesso.  
  • Chiude la scuola dei Salesiani

    294 - Mag 19, 2013 - 3:48 Vai al commento »
    Alegnoni: trovo la sua analisi abbastanza precisa o "profetica".  Tasso: condivido pienamente la tua ricostruzione.
  • Legge elettorale, repetita iuvant

    295 - Mag 10, 2013 - 4:10 Vai al commento »
    Caro Bruno, come vedi, non c'è forte dibattito. Dunque perseverare diabolicum. Ritengo, come ho scritto in precedenza, che la nuova ingegneria elettorale, al momento opportuno, la faranno. Solo in quel momento, dopo i sondaggi e gli accordi. Purtroppo per "loro" si è creato un Terzo Polo ( Grillo) , che non si trova al Centro, e le alchimie matematiche non reggono più. Sono nudi.
  • Ancora sulla legge elettorale

    296 - Apr 20, 2013 - 3:13 Vai al commento »
    Non ti aspettare, caro Bruno, qualche risposta "ufficiale" sul tema da te dibattuto e sul quale  non  a caso ritorni. Scientemente e con consapevolezza "essi" hanno eluso per anni questo tema, l' hanno esorcizzato, come fantasmi si sono "sporti" a parlarne "solo" poco prima delle varie elezioni, "essi" sapevano e sanno, e "fingono" di interessarsi. Faranno del Convegni su questo, vedrai. Chiameranno studiosi, costituzionalisti, pensatori e opinionisti. intanto il tempo passerà. Il declino e doppio: da un lato la Politica vede nell'Immagine  e nel Sondaggio la nuova Divinità, dall'altro, questa politica ridotta a "rappresentazione teatrale", lascia e lascerà lo spazio ad "immagini dal basso", attraverso l'Orizzontale Rete. Tutto ciò a scapito dei rappresentanti del Popolo, chiunque essi siano ( Parlamentari, Consiglieri comunali) ai quai, gradualmente ( e sottilmente) verrà "confiscata" la rappresentanza. Una sorta di Bivacco dei Manipoli.
  • Alessandra Pierini è diventata mamma
    Benvenuto Riccardo!

    297 - Apr 14, 2013 - 4:24 Vai al commento »
    Auguri Alessandra e soprattutto forza Riccardo cuor di leone...  
  • Chi vorresti come
    Presidente della Repubblica?

    298 - Apr 16, 2013 - 3:21 Vai al commento »
    Poichè vedo che nessuno dei colleghi Consiglieri gioca al Totopresidente, ci provo, fuori dalle righe e liberamente. Premetto che sarebbe stato opportuno riconsiderare Napolitano, chiedendogli di guidare, per breve tempo, e fino alle elezioni, questa scassata Italia la cui foto sociologica migliore è quella antica ma verosimile di Metterenich: " L'Italia è una espressione geografica". Lo avrebbe ripetuto anche dopo il Congresso di Vienna se avesse oggi ( e da troppo tempo) considerato le "eccellenze" e le "specialità"del nostra Patria: 3 Mafie ( Camorra, Ndrangheta, Sacra Corona), una serie di "delitti perfetti" e "strane stragi" a partire dal bandito Giuliano, il caffè Pisciotta, quello di Sindona, la morte di Mattei. l'impiccagione di Calvi, la morte di Moro, le stragi di Bologna, l'Italicus, lo IOR e conserelle Banche, l'Ambrosiano, il Monte dei Paschi, quello di Napoli e via elencando. Io non sono affascinato dalla retorica delle quote rosa ma candiderei Emma Bonino. Questo per un motivo molto semplice: perchè sta sul cavolo, nell'apparente stima universale, sia a destra che sinistra: da un lato la residualità "radicale" è ciò che ci vuole oggi. La attaccheranno, vedrete, per l'aborto e per il divorzio. Tireranno fuori vecchie storie, di Oltretevere, resusciteranno questioni di "coscienza". Questa è l'Italia delle Mafie di Metternich ( e della Ipocrisia funzionale)
  • Sognando ad occhi aperti un ritorno di buon senso

    299 - Apr 8, 2013 - 3:49 Vai al commento »
    Coraggioso pezzo di Davoli. Condivido pienamente la citazione di Giorgi e aggiungerei che Dio toglie i senno perchè "costoro" avevano "prima" e da un pezzo perduto il cuore, nel loro egoismo, nella loro avarizia, nella loro superbia. Appunto: " Non isti oculi vident, sed cor meus cum audis", dunque non questi occhi vedono, ma è il mio cuore che "ascolta". Il "cuore" vede "prima" e sa, il cuore non ha bisogno di vedere. Non serve la vista della morte, il suicidio. Tutti sapevano ed "evitavano", passavno oltre come Dante " non ti curar di lor, ma guarda e passa". Questa è la sostanza della mia tristezza.
  • Strenna pasquale

    300 - Mar 30, 2013 - 4:00 Vai al commento »
    Bellissimo pezzo, con  folgorante  e icastica iconografia. Più passa il tempo e più mi convinco che la Satira e l'Umorismo diventano oggi fondamentali, ovviamente usate come sta facendo Filippo, con sobrietà e intelligenza "dimostrativa"  Infatti questi due elementi svolgono una funzione "critica" importante, dicono e rivelano ciò che altri non dicono, per timore, conservazione, pavidità, utilità. Alla satira si contrappone ( purtroppo) l'elemento "liturgico" e "rituale" del teatro istituzionale, laddove la "parola" non è mai un "no" o un "si", ma quasi sempre un "ni", ovvero performances attoriali e ambiguità, equivalenze etc. Alla "forza" della satira si oppone, purtroppo, la "metodica" ( rituale) delle inaudite terminologie politiche, degne della più alta e deprecabile linguistica: convergenze parallele, geometria variabile, governo balneare, e via sbadigliando. Una delle "accortezze" per far passare una linea, una delibera, una Legge, è la seguente: "amplificare" e "suggestionare" ciò che sembra evidente, tipo: " siamo alla frutta, il popolo non arriva alla fine del mese, l'edilizia sta crollando, dunque è necessario ancora costruire, altrimenti il lavoro finisce, cosa faranno gli operai? E' una delle tante tecniche. Una seconda è universale, astrattissima come suggerisce Aristotele. Si parte da una osservazione apparentemente "logica" che corrisponde a questa frase: " la città non capirebbe". In questo modo chi vuole fare passare una delibera o una legge pensa di aver ( solo lui) compreso la Città, di cui si fa portavoce con questa banale proposizione ( " la città non capirebbe"). Ci sono saggi e monografie in tale direzione ( quella della tecnica del convincimento "dei più"). Temi cari anche a Leopardi ( non quello che si studia a scuola), ma quello temerario e irrisorio e critico dello Zibaldone e dei Pensieri, quello che parla della "credenza popolare", anticipando gli studiosi della psicologia di massa. Un solo consiglio, per concludere, all'amico Davoli. Imboscata è giustamente letta nel suo pezzo nel registro "classico". Bisognerebbe, anche, utilizzare la sua seconda connotazione: imboscata, deriva da "imboscare", che può significare "imboscare" lettere e documenti. 
  • Riprende la pantomima della verifica
    Urgenti nodi da sciogliere per Carancini

    301 - Mar 23, 2013 - 3:22 Vai al commento »
    Cara Alessandra, sono affascinato ( e lo dico senza ironia) dal titolo che hai scelto. Se hai posto in CM perchè non pubblichi quella mia "favola" che ti ho inviato alcuni giorni or sono e che riguarda l'Illustre Parlamento? Anche in quel caso il titolo che avevo dato non era male: " Tempesta perfetta in Parlamento: Todo Modo ovvero la Batracomiomachia". Avvertivo il lettore che avevo rubato a Sciascia il primo titolo e il secondo, ancora più pungente, a Leopardi, La battaglia tra le rane e i topi. Ciao da Guido
  • Anche padre Nicolàs Bobadilla
    e’ sepolto a Recanati

    302 - Mar 19, 2013 - 2:12 Vai al commento »
    Bellissimo pezzo, Donatella. Perchè non scrivi qualcosa sulla linea delle "assenze" a proposito di Leopardi? Dico della sua tomba a Napoli. Questo perchè stimolato dal commento che mi precede, mi e ci farebbe piacere approfittare della tua competenza ed eleganza per leggere qualcosa  a proposito. Con affetto e stima  da Guido Garufi
  • Stipendi dei dirigenti della Provincia
    Aumenti fino al 54%

    303 - Mar 23, 2013 - 3:32 Vai al commento »
    Tutto questo è il frutto di una Legge bestiale e sciagurata, degna di un manuale di psichiatria. Tale Legge ipotizza che il "dirigente", in quanto dirigente, è bravo, bravissimo e non sbaglia mai. Una sorta di scienza infusa che "fa e dice sempre la verità" e si "accolla", eventualmente, le "colpe" per atti incerti o dubitabili. Nessuno crede a tutto questo. Si legga il caso di Ancona. 
  • Il fulmine del futurismo
    sulla passatista Macerata

    304 - Mar 12, 2013 - 3:11 Vai al commento »
    Bellissimo ed "energico" pezzo. Alla allegra Brigata futurista segnalata da Giancarlo vorrei aggiungere un altro maceratese, defilato, particolare e certamente riconoscibile : Rolando Bravi.
  • Centro storico: le idee per il rilancio

    305 - Mar 6, 2013 - 3:39 Vai al commento »
    Ho saputo, da fonte commerciale, ( ma voglio approfondire e se qualcuno lo sa parli), che Oviesse  dovrebbe\potrebbe essere affittata da cinesi.Da quanto è dato per ora fumosamente sapere, la cifra del vecchio affitto era 20.000 Euro e, sembra, dico sembra, che i cinesi abbiano concluso il contratto per 25.000 Euro.
  • Sei assessori sono anche troppi

    306 - Mar 5, 2013 - 3:32 Vai al commento »
    Bommarito: Caro Peppe,  in ogni sede e sulla stampa ( ai fini di non essere smentito)  ho sempre sostenuto che sarebbe ottima la riduzione a sei assessori. Inoltre, vorrei aggiungere che  a questione affrontata dal dottor Gasparri è fondamentale.
  • Paolina Leopardi e la cantante Marianna Brighenti

    307 - Mar 4, 2013 - 4:02 Vai al commento »
    Bellissimo pezzo, Donatella. Apprezzamento per l'editore Livi, raro, elegante e coraggioso. E un saluto davvero intenso a Paola Ciarlantini, mia alunna al Liceo Classico Leopardi di  Recanati ( brava allora, come ora).
  • I sondaggi nazionali?
    Meglio i 2.639 di CM

    308 - Mar 3, 2013 - 4:01 Vai al commento »
    Il giorno prima delle elezioni andammo a cena, per una pizza, io, il consigliere Meschini e l'Assessore Urbani, in un posto dove si fuma, poichè mantengo il vizio. La cena era diretta alle profezie. Meschini è più cattolico di me ( a volte, sorridendo, lo chiamo "mistico" o "pitagorico"), Urbani da professionista dei numeri e ancora più ossessivo del sottoscritto aveva carta e penna ed una busta sigillato da aprire "dopo". La scommessa, una cena a chi si avvicinava di più. Su Grillo ci ho preso io: 25% netto scrissi e dissi. Applicai il metodo deduttivo. Prima considerai quanto poteva prendere il Centro sinistra, poi il PDL, quindi Monti ( di Monti ho sbagliato di un punto, uno solo). Avevo solo valutato 1,5 Ingroia di più. Tutto il resto mi "portava" ( e porta). Ha ragione l'amico di sempre Vittorio Zazzaretta, ma anche Leopardi egregiamente citato da Giancarlo a proposito dell' aria "fina" delle Marche, aria che vorrei aggiungere dovrebbe "servire" di più al Comune e durante questa "crisi". Cessi questa Batracomiomachìa. A  Roma, nel frattempo , faranno tutti marcia indietro e, probabilmente, un Governo di transizione ( Visco?). Il Mago Otelma
  • Carancini: “La Commissione
    abusa della legalità”
    Garufi: “Il sindaco è rimasto alla monarchia”

    309 - Mar 2, 2013 - 3:30 Vai al commento »
    Smorlesi: il ruolo istituzionale è il ruolo della Commissione, così come è istituzionale il Consiglio. Relativamente al Suo commento circa la "sostituzione" di alcuni in Commissione che Lei dice, o fa intendere, dovrebbero essere sostituiti dal partito, forse ignora che qualsiasi Partito non è lo Spirito Santo che eventualmente "ispira" i cardinali per il Conclave quando debbono eleggere un nuovo Papa. Nessun partito democratico può bloccare la "verità" degli atti e la trasparenza degli stessi se questi vengono portati in Commissione. Si e no lo facevano in Russia, e molto tempo fa. 
  • Ci sono anche i voti di Renzi
    nella vittoria di Grillo

    310 - Feb 28, 2013 - 4:16 Vai al commento »
    Zallocco: condivido pienamente il poscritto. Pigi: Anche io la penso come Lei. Tuttavia relativamente al maggioritario ho qualche dubbio. Grillo ha preso uno spazio "critico" e notevole, che non lascia spazio al bipolarismo, ovvero  lascia spazio ad un falso bipolarsimo. Al contrario, tre poli veri ed integrali, di indole e carattere "europeo", Sinistra, Centro, Destra, avrebbero ( almeno) la possibilità di "captare"  quella sorta di "proporzionalismo" che è storicamente evidente in Italia. I partiti e partitini sarebbero "costretti" a coinvolgersi in Tre unici vettori e flussi. Il Movimento Cinque stelle non avrebbe davanti a se, solo, una ventina di partiti che "fingono" di stare insieme. Ma la contempo, la vittoria obiettiva del Movimento Cinque Stelle, offre la possibilità ai "reduci", nell'attuale Parlamento, di riformare "veramente" cose "importanti" e non "unicamente" di tirare a campare per realizzare una forma di ingegneria elettorale "difensiva" e mediocremente "autoconservativa".  Il problema, ad esempio,che dovrà affrontare, anche, il nuovo Governo è: TAV si o no? F135 si o no? Pensioni milionarie, si o no? Stipendiabilità ( e pensioni) di altissimi burocrati dello Stato, si o no ( mi creda, sono molto più dei parlamentari. I parlamentari sono una goccia), Presidenti delle Regioni che guadagnano più di Obama, si o no? Falso in Bilancio si o no? Insomma, forse, il Movimento di Grillo potrà servire "anche" a questo. E questo non è poco.
  • E se fosse don Giancarlo
    il prossimo vescovo di Macerata?

    311 - Feb 22, 2013 - 2:41 Vai al commento »
    Se davvero fosse  don Giancarlo, perchè per me lui rimane sempre  così, ne sarei certamente felice.
  • Pioggia di progetti per Le Casermette
    Scintille in commissione Ambiente

    312 - Feb 17, 2013 - 21:03 Vai al commento »
    Paolo Mar: Lei coglie esattamente il "centro" con la sua giusta similitudine sostenendo, e giustamente, che i Componenti della Commissione non sono architetti, ingegneri o altro. E' talmente vero quello che Lei dice che il Consigliere "non alfabetizzato" deve assolutamente essere "istruito" e il discorso del Professore o di chi illustra una tesi deve essere "pedagogico". Vale a dire "deve", non "può" spiegare con esempi "concreti" e visibili la sua tesi. Lo stesso accade, per esempio, agli Assessori. forse l'amico Luciano Pantanetti, Assessore all'Urbanistica ha studiato col grande Architetto Nervi, si è laureato ad Oxford in Ingegneria? Io so che è un ottimo avvocato.Lei pensa che l'amico che side in Consiglio, il mio compagno di Scuola, dott. Claudio Machella, Chirurgo presso il nostro Ospedale, conosca a menadito cosa significhi ( in urbanistica) "area conforme" o no, al PRG ( ma se uno gli spega bene, molto bene, cosa significa, Claudio potrà riconoscere se quella zona, dati certi protocolli "fissi", è, o non è, conforme. Potrei seguitare a lungo. Qui la questione non sta nel mettere in dubbio la "competenza" scientifica della Commissione, quanto, invece e soprattutto, le "informazioni" diverse e alternative che la Commissione può elaborare, quando e se ne ha informazione. Vede, anche se io non sono un "urbanista" so cogliere immediatamente se esistano, o no, progetti ed idee diverse e se questa "diversità" è applicabile politicamente in Città. Faccio un ultimo esempio: se giunge in Commissione un progetto di Pico della Mirandola, io non dubito che Pico sia "somaro" ( non posso saperlo, non essendo un urbanista), ma mi chiedo se ce ne sono altri ( di Progetti), alternativi, più sostenibili, senza ulteriori lottizzazioni. Questo dovrebbe essere chiaro. Resta valida la tesi che essendo in Commissione presente la libera stampa, non si deve aver timore dei confronti e delle "aporie" ( questo è un termine filosofico che traduco con "contraddizione") che emergono dalle simiglianze. Vede, persino la filosofia ci porge qualche spunto, a parte Aristotele, dico di Bacone, parlo delle sue Tavole del Confronto. Infine, poichè l'argomento è suggestivo e giustamente Lei richiama la mia competenza italianistica, vorrei ai cari lettori di CM ricordare quel passaggio dei Promessi Sposi. Don Abbondio doveva sposare Renzo con Lucia, ed era tutto pronto, data e cerimonia. Ma, c'è un ma, Lucia piaceva ad un Signore che non desiderava questo matrimonio. Costui inviò due bravi per minacciare don Abbondio che, come scrive don Lisander , apparteneva a quella categoria  per cui "il coraggio no non se lo può dare". Don Abbondio non sapeva cosa dire al povero Renzo che si era recato quel giorno da lui per stabilire la data certa delle nozze. Che ti inventa il buon don Abbondio? Il ricorso ad un linguaggio "tecnico" per fregare Renzo. resuscita nella sua memoria alcuni codici e codicilli, in latino, per stoppare la cosa. Dice, più o meno ( in latino da un manuale Canonico": " Si oportet...quomodo sit e altre amenità". Renzo resta "abbagliato" dal testo Liturgico del Prete, ci casca e ci crede, pensa che quella lingua "tecnica" sia la Verità. Da quel momento cade nell'imbroglio. Il secondo sara rivolgersi ad un Giurista, l'Avvocato Azzeccagarbugli. Li soccomberà totalmente.  Non fu Socrate, se ben ricordo, a rifiutare la difesa al processo perchè: " la lingua del giudice dice il giusto, ma non il vero". E? consentito alla Commissione di essere socratica?    
    313 - Feb 17, 2013 - 2:43 Vai al commento »
    Paola Mar: Solo per precisare. Non ho letto, come ha fatto Lei, il curriculum del Professor Munafò. So solo, essendo stato in Commissione, e per due ore, che i riferimenti che il professore ha fatto e la bibliografia di riferimento citata è ampia e immediatamente  e filologicamete riferibile a "fonti" di ordine e carattere anche "architettonico", oltre che  "ravvisabili" nei prototipi ( esposti con le immagini) di altre città che hanno utilizzato la stessa linea di pensiero e di operatività. Dunque un "preliminare" già storicamente certo ( dico della metodologia iniziale e del taglio d'approccio). Condivido il passaggio che Lei fa, differenziando l'oncologia dalla chirurgia ( sta parlando con un ipocondriaco). Probabilmente converrà con me che gli "errori iniziali" ( di diagnosi e quindi di preventivo cursus di accertatamento) ) appartengano alla "medicina di base". Condivido, anche, che i due campi debbano essere sinergici. Anzi, questo mi stimola ulteriormente. In tale direzione sarebbe anche utile leggere i curricula di alcuni"specialisti" o "esperti" ( di varie discipline) che in campo legale e architettonico o altro ancora, si sono succeduti, negli anni ( e anche in un passato non troppo lontano) e che il Comune, "intuito personae" ha ritenuto degni del Premio Nobel.
    314 - Feb 16, 2013 - 20:36 Vai al commento »
    Ritengo opportuno intervenire formalmente, in relazione a quanto opportunamente ha riferito Alessandra Pierini. Parto dalla assenza tattica dei due amici Consiglieri che fanno errate valutazioni sulla Commissione. Essi ritengono che la Commissione debba o possa occuparsi "solo" di atti del Comune. Dimenticano che la Commissione può riunirsi in fase di "audizione" chiamando professionisti, docenti, esperti e quant' altro per essere "illuminata" da altri pareri, consiglio, integrazioni. Poichè è compito del Consigliere comunale deliberare, in Aula, prodotti e oggetti che lo riguardano, è compito dello stesso Consigliere "giovarsi" di ogni informazione o "nozione" in grado di qualificare il proprio voto, qualsiasi sia, attraverso una "coscienza critica" che nasce "solamente" dalla dialettica di idee e progettualità diverse o variabili. La coscienza critica sorge dalla ragione e non da un Atto di abbandono. Se gli amici  fossero stati presenti alla Lezione del Professor Munafò, Ordinario presso il Politecnico di Ancona, si sarebbero accorti, grazie alle mappe e agli slide che il Professore ha mostrato, la "storia" del PRG di Macerata, da quello Piccinato ai tempi nostri.Non posso qui riassumere quasi due ore di fertile lezione con interventi e chiarimenti da parte di noi "alunni" consigleri, non è questa la Sede. I Consiglieri assenti sanno, anche, che la Commissione, grazie alla sua "riunione", interpose un blocco alla macrocopica quantità che la Orim voleva abbancare ( non ricordo se 60.000 o, addirittra,. 90.000). Ha fatto male la Commissione? E fece male anche quando "tagliò", non cotrodeducendo, circa 120.000 metri cubi della Minitematica che, altri, volevano, patet latet, reiserire? E potrei seguitare a lungo. Ma una cosa voglio ancora chiarire, perchè vi è bisogno. Se i due amici fossero stati presenti, avrebbero accertato, intanto, che il Professor Munafò non ha preso una lira per la sua lezione, a titolo, appunto gratuito, informativo e culturale. Inoltre avrebbero appreso che, in quella circostanza, la commissione aveva deliberato l'assenza di gettone. Inserire la querelle "monetaria" è un colpo basso. Rilancio, se i due Consiglieri sono in accordo con me e si fanno protomartiri di nuovi "risparmi", di chiedere di portare a Sei e non Otto l'attuale Giunta, come da me richiesto nelle sedi istituzionali.Poichè Macerata non è Roma o Londra, essi sanno che Sei assessori bastano e avanzano. Salvo prova contraria ( da dimostrare). Una ultima considerazione va fatta sulla commissione, per i lettori. La legge consente la presenza della stampa, della libera stampa che ha il compito di "informare" e non di sottrarre informazioni e, persino, dice il Regolamento, del Pubblico. Il quale, fra l'altro, può "chiedere" chiarimenti o fare domande se il Presidente lo consente. Si dirà: ma la stampa è presente anche in Consiglio. Si. Ma non è la stessa cosa, perchè ( come bene sa la stampa)  in Commissione vengono fuori dettagli ed elementi che in Consiglio non affiorano.Leggo che, giustamente, il Sindaco, a proposito delle Casermette, sulla stampa, dice che il progetto è germinale e da approfondire. Ritengo che la Commissione, in fase di Audizione, fornisca un contributo di approfondimento. Io ho visto il progetto presentato per la Casermette( non l'ipotesi di Munafò, ma l'altro...): una serie di disegni che indicano gli "uffici" che, forse, probabilmente, chissà quando, e se, e anche un "zona" ( non ricordo se di 8.000 metri quadrati di supermercato. Quest'ultimo è un Ufficio? 
  • A proposito delle dimissioni del Papa

    315 - Feb 12, 2013 - 3:18 Vai al commento »
    Anche di nuovo qui condivido quanto scrive Benedetti. Relativamente alle "dimissioni", non entrando nel merito, dico solo che sociologicamente ( come sostiene Filippo nell'articolo) fanno da "contrasto" con l'attuale geriatria parlamentare. 
  • La commozione di Unimc
    per la scomparsa di János Sándor Petöfi

    316 - Feb 12, 2013 - 3:14 Vai al commento »
    Mi commuovo alla notizia della scomparsa del caro Professore. Gentile, curioso, attento , punto centrale della ricerca linguistica non solo europea del secondo Novecento, persona "umile" e sorridente. E con lui voglio ricordare, se la memoria non mi cede, che fu, ai miei tempi, proprio il Professor Giuseppe Galli a prendere i primi contatti con lui e "chiamarlo" a Macerata. 
  • Benedetto XVI lascia il pontificato
    “Lo faccio per il bene della Chiesa”

    317 - Feb 12, 2013 - 3:08 Vai al commento »
    Saben e Gianni Menghi: condivido totalmente il vostro testo che, da posizioni differenti, argomenta e "dimostra", in modo non equivoco, la valenza di questo addio al Ministero. Mi congratulo perchè, in questa sede, i commenti non possono limitarsi a semplici battute su una "materia" storicamente rilevante. Detesto la frammentaria disposizione allo slogan. Proseguendo sulla linea di Benedetti, sarò curioso, da un punto di vista meramente "sociologico" analizzare come nel Teatro delle  politica queste Dimissioni saranno "utilizzate".  
  • Tsunami Tour, ondate in piazza Battisti
    I grillini: “Non siamo l’antipolitica”

    318 - Feb 12, 2013 - 3:50 Vai al commento »
    Io non voto Grillo, ma ci sono molti e tanti però. Anzitutto mi chiedo: se fossi stato più giovane e meno "avariato" di ora, chi avrei votato? Diciamo sotto a trenta anni. Oppure se fossi stato un quarantenne che mai avesse frequentato un Partito, magari un laureato in Lettere o un ingegnere o un architetto o un semplice "normale" diplomato chi avrei votato? E' difficile rispondere a questa domanda. O se fossi stato, diciamo, un "deluso" o incazzato, chi avrei votato? Non lo so. Si, probabilmente "dietro" Grillo c'è qualcuno. Infatti leggendo la Morfologia della Fiaba di Propp ( che è un ottimo saggio), dietro qualcuno c'è sempre qualcuno. Mi ricordo, tantissimi anni or sono che fu chiesto all'on. Pajetta ( del PCI)  cosa ci fosse dietro l'angolo. Pajetta, al quale non mancava l'ironia rispose: " un altro angolo". Mi preme osservare che ci sono molti "angoli" dietro gli angoli di moltissimi ( trasversalmente) Partiti. Non entro nel Nome perchè tutti sanno e non si può non sapere o intuire cosa contengano le soffitte e i retrobottega. Non so come andranno le elezioni, ma sono convinto che questa legislatura sarà probabilmente breve. Arriveranno moderati da tutte le parti. Effettueranno un tripolarismo con una nuova legge elettorale. Prenderanno dall'Europa i Loghi. Sinteticamente una Sinistra, un Centro, una Destra. Da questo Arco costituzionale ( o sanitario?) si tireranno le somme per ritornare alle elezioni. Così penso, o suppongo. In questa direzione trovo soccorso dal Romanzo per eccellenza, Il Gattopardo, nel punto in cui si dice ( amemoria, più o meno): " bisognare fingere che qualcosa si muovesse perchè nulla si muovesse". Beh, questi meridionali...Non è una caso che il Regolamento della Real Marina delle due Sicilie, a proposito della confusione che la ciurma ( Parlamento?) poteva fare sulla nave, non sapendo che fare o dove dirigersi, affidasse al capitano questa direttiva da gridare ad alta voce a tutti: " All' ordine Facite Ammuina( finta- mossa): tutti chilli che stanno a poppa vanno a prora, chilli che stanno a dritta vann' a sinistra e chilli che stanno a sinistra vann'a  a dritta... passene tutti p'o stesso pertuso. Chi non tenne niente a ffa, saremeni ( si arrangi) accà e all'llà".Non vorrei essere facile profeta.
  • Notizie Ansia

    319 - Feb 2, 2013 - 4:29 Vai al commento »
    Caro Filippo, il senso dell'ironia non ti manca. Dunque, preso anch'io dalla "fantasia creativa" ( ma anche dall'insonnia) mi spendo qui per un raccontino tra giallo e fantascienza, dove spero, possa apporre varianti l'ottimo Cerasi, con il quale scambiai, ai tempi, qui su CM. un "racconto a quattro mani" sulla Giorgini ( entrambi fingevamo di essere due frati).Spero che a qualcuno interessi il  plot. La location è il nostro Parlamento, dopo le elezioni. La situazione generale è "critica" e gli equilibri instabili. Si cerca da ogni parte una "terapia" per "salvare l'Italia". Ognuno è teso al "bene comune". C'è un problema, però. Grillo ha preso troppi voti e non è "circoscrivibile" come si fece per il MSI, ai tempi, nei confronti del quale si creò un "arco costituzionale", una sorta di cintura sanitaria.Il "Popolo" non aveva aderito ai moniti di chi gli diceva "populista" e, quindi, aveva votato "popolarmente" Grillo, "mandando su" ( come si dice a Macerata) una cinquantina di Onorevoli e una ventina di  Senatori. Costoro erano "troppi", più del MSI e indubbiamente di più del solito "gruppo misto" o "indipendente" ( in genere "intellettuali" ) che votavano "secondo coscienza". Dunque la situazione era bestiale. Si sudava e non si dormiva di notte. Molti, trasversalmente, pensavano: ma se "quelli di Grillo"  dicono di ridurre stipendi e pensioni "anche" a noi, noi che figura ci facciamo a rispondere no? Ma poi quelli erano pericolosi perchè, anche se il Presidente della Camera, come nei suoi competi,cercava di "rimandare" di volta in volta l'approvazione delle leggi, costoro, i "populisti", ribattevano con interrogazione e altre mozioni. Decisero, al primo mese, di "tamponare" la situazione, istituendo dentro il Parlamento, una Mutua "aggiuntiva", una sorta di soccorso medico, con una equipe di psicoanalisti e pesichiatri. ma le parole di Ferud non bastavano, e neppure le pillole. Ad ogni seduta, i "populisti" rimandavano la palla. Tra Valium, Tavor e antidepressivi, le scorte erano terminate. Finchè a qualcuno, trasversalmente, venne una fenomenale idea, prendendo a modello l'Europa. Qui la location si sposta. Diciamo che è una pizzeria, o Pierino, da noi o, se preferite, Venanzetti. Ebbene, in quel luogo, come nei moti del 31-33 ( non quelli della carboneria del '21, perchè erano andati male) si elabora un piano raffinato. All'appuntamento ( non quello di Mina, ma questo)  ci sono tutti i "moderati" di ogni partito, se si eccettuano i populisti, certe "destre fasciste" e qualche giudice in giro di troppo. Così ragionano:" siamo andati avanti per ora con il Porcellum, bilateralmente, ora dobbiamo cambiare ed è l'occasione giusta. Lo vuole l'Europa. Infatti in Parlamento europeo ci sono solo pochi partiti ed è questo che la gente vuole. Chiarezza e trasparenza, riconoscibilità. Basta con i partiti "personali". Ritorniamo alle "radici". I moderati si capivano "a volo", sembrava una riunione di "telepatici", tutti l'avevano pensato "prima", ma nessuno lo aveva detto.  Qualcuno dice: " Si ma come facciamo?". Spunta un dottor Sottile ( ce ne erano molti a destra e sinistra ) che lancia una idea geniale subito accettata da tutti e chiarisce:" noi tutti non possiamo resistere così fino alla fine della Legislatura, dunque lanciamo in Parlamento la Nuova Legge elettorale, con nuovi simboli. C'è tempo per tutto, il dibattito, qualche aggiustamento, nel frattempo facciamo qualcosa sull'IMU e qualche altra cosetta. Ma facciamo subito, Colleghi, la Leggi, altrimenti siamo perduti". Un altro "moderato" chiede al dottor Sottile che aveva ricevuto, nel frattempo, ampia coesione, se esiete un "simbolo" per tali moderati ( nel frattempo altri onorevoli, attraverso notizie amicali, avevano raggiunto il Bar di Pierino. Non ci si entrava più. " Bene-dice il dottor Sottile- tecnicamente è tutto a posto. Sono andato alla tipografia in via Appia e mi sono fatto "costruire" un nuovo Logo: Partito Popolare Europeo. Ma se volete possiamo fare qualche modifica.".  Tra i vari colleghi, uno, dalla faccia curiale chiedeva cosa ne pensasse la Chiesa. Qui il dottor Sottile diede il massimo:" non c'è problema, sanno tutto, vedete? E alzò il cellulare. Gli rispose un alto prelato. Dal discorso si capiva che i due avevano una confidenza forte. Il Monsignore, disse il dottor Sottile, ci saluta e ci dice di apprezzare la "cosa" ( il termine "cosa" aveva convinto tutti, persino i siciliani, quelli che distinguono la "cosa da non è cosa"). Non era Ottobre, ma la riunione era davvero rivoluzionaria. In quattro e quattro otto, magicamente, l'elaborazione andò in porto. Prima di sciogliere, di nuovo, il Parlamento, perchè lo vuole l'Europa, qualche "riformetta" finanziaria era stata fatta ed era pronta quella "europea". Finalmente, dicevano i giornalisti e i pensatori, c'è chiarezza. Grillo si ripresentò anche  alla seconda tornata, ma ormai " l'Arco Costituzionale" era pronto. Fu soppraffatto dal "vot utile" e dal richiamo delle "radice". Siamo forti, disse un Onorevole alla seconda tornata, del resto, non siamo, come è scritto: un popolo di poeti, di trasmigratori, di eroi, etc?". L'altro sbadigliava perchè era ora di cena.
  • Rampa Zara, via libera al progetto

    320 - Gen 27, 2013 - 4:36 Vai al commento »
    Ha fatto bene l'Amministrazione a dare il via al Parcheggio. Così come ha fatto bene CM ha pubblicare le foto che, negli anni, hanno segnalato l'esigenza di  questo parcheggio. Il famoso parcheggio a Nord. Leggendo gli interventi, noto, passim, che alcuni sembrano ideologici, se non dietrologici. Dico la mia posizione: non mi interessa se il parcheggio lo costruisce Intermesoli, Hitler, Stalin, Alessandro Profumo, Monti, Putin, ipotetiche cooperative rosse, biancorosse o nere, Maria Callas, A me interessa, unicamente, che il Comune non "paghi" il parcheggio, che la sosta ( dico del prezzo) sia sostenibile e civile. Non mi addentro, come altri stanno facendo nel dibattito, a comprendere se, o perchè, o se del caso, o qualora, il terreno su cui "giace" il parcheggio non sia bastevole o ce ne voglia ancora un altro pezzo, se la Sovrintendenza sia in accordo. Ritengo che queste questioni di ordine e carattere tecnico e legislativo non mi apppartengano. I vincoli e i patrimoni non  sono esercizio dell'Ente pubblico, ma più semplicemente protocolli necessari tra privati. Vincola chi deve vincolare, acquista e vende chi deve comprare o acquistare. Il Parcheggio e la riqualificazione dell'Upim è fondamentale. Nel caso della piscina il Comune ha tirato fuori, insieme all'Università, quasi quattro milioni di euro. Se il Comune, nel caso del parcheggio, riesce, invece, a spuntarla, a entrare in una dialettica virtuosa col privato, io sono in pieno accordo. Interessante e autentico l'articolo che enumera l'esodo dal Centro. Questo si che è il problema. La rianimazione del clima obitoriale che ormai ci travolge, simile alla Elegia scritta su un cimitero di campagna, testo e manifesto del protoromanticismo ( inglese) di Gray. Questo è il vero e sostanziale problema. L'eccesso di delocalizzazione e decentramento va fermato e stoppato, con forza. Auspico che vi siano le previste e annunciate ricollocazioni degli uffici provinciali al Centro, i segmenti utili del Tribunale, al centro, come virtuosamente ha predisposto il nostro Assessore Ubaldo Urbani. Mi opporrò, con forza e in tutte le sedi, a qualsiasi decentramento, a costo di portare in Consiglio comunale una  ipotesi di referendum popolare, per scoprire ( anche) i "giochi" di coloro ai quali "piace" un po' troppo la delocalizzazione e ipotetiche e supposte Cittadelle dei Servizi.  
  • Il ritorno dell’eroina

    321 - Gen 22, 2013 - 2:32 Vai al commento »
    Caro Peppe, condivido quanto hai scritto. Ti chiedo solo informazioni, se ne hai, sulla "cannabis terapeutica", poichè ne avevo sentito parlare. Non se se in materia oculistica. Ciao da Guido
  • Le ombre della politica

    322 - Gen 20, 2013 - 3:02 Vai al commento »
    Mi fa piacere che Bruno Mandrelli abbia toccato, come si dice, la "sostanza" della "cosa". Infatti la "riforma" da lui auspicata dovrebbe essere la "prima cosa" del Governo che verrà. E per questo sarebbe auspicabile ( e doveroso) che i "nostri" ( della nostra provincia e quindi più contattabili) parlamentari si decidessero a "ribaltare" l'attuale legge elettorale. La quale, per i più informati, è stata voluta da ogni schieramento, pur nella Teatro delle "apparenti" differenze. Chi doveva saperlo, lo sapeva, da oltre sei mesi e non tutti a Roma sono muti come i pesci. Del resto tale Riforma non ha "costi" e dunque non ci dovrebbero essere scuse. Come quella (nel Teatro già realizzata ) con la quale l'attuale Parlamento ha costituito una apposita Commissione per "comprenedere" quanto i nostri parlamentari "guadagnassero" di più o di meno, rispetto ai "colleghi" europei. Operazione difficoltosa ( pare...) poiche, come è noto, ogni stato in Europa, ha monete diverse ( noi la Lira, la Francia il franco e svia sbadigliando). La Commissione ( alla fine dei sei mesi) ha scritto una bella poesia, l'Infinito, pardon, l'Indefinito. Poichè Bisanzio e il bizantinismo   è gigantesco, in Italia, sappiano, i nostri parlamentari, con urgenza e coraggio, darsi da fare. Ristabilendo le "preferenze", ad esempio, evitando le liste bloccate, e via discorrendo. Sappiano, i nostri parlamentari, senza indire alcuna Commissione, chiamate al Parlamento uno "smanettone" ( in gergo informatico sono coloro che col computer ci sanno fare) perchè, con ogni probabilità, lo "smanettone" si è accorto che la Moneta unica in Europa si chiama Euro. sarà lo smanettone a fare comparazione "matematiche", che, fino a prova contraria, sono universali e incontrovertibili. Ritengo, poi, che lo Smanettone,  si farà pagare poco, per l'incarico ( un semplice copia e incolla), e  comunque molto meno della Commissione, diretta da Giuliano Amato. Anzi, lo facciano subito, subitissimo. Perchè altre voci, giunte dal Porto delle nebbie, non danno al Governo che verrà molta vita.
  • Non voto ergo non mi sento rappresentato

    323 - Gen 18, 2013 - 3:20 Vai al commento »
    Condivido la "sostanza" delle argomentazioni di Munafò, in particolare nella prima parte dell'articolo. Dico dell'approfondimento della "supposta" eticità della morale religiosa e quella, ritenuta alternativa, la morale laica. Il problema rilevato dal Professor Munafò, non è di piccolo conto e trova una sua verifica ( ed è quindi dimostrabile) nel Teatro delle attuali "posizioni" politiche, relativo alle prossime elezioni nazionali. Dico Teatro volendo intendere il Gioco delle parti. Ciò conferisce al Panorama ( inteso trasversalmente) un "colore" pirandelliano, tra gioco delle parti di "Stasera si recita a soggetto" ( che potrebbe essere uno dei tanti "dibattiti" televisivi, a metà strada tra "recitazione" e "sobria drammaturgia" . Nell' action teatrale, conta la "recita", dico della retorica capace di muovere\commuovere l'elettore\lettore del video.Alcuni "nodi" non sono affrontati in questo dibattito, se non in modo defilato, dico delle banche. Ma non è solo questo il punto, e qui concordo con Travaglio. E' pur vero che l'astensione, come Munafò "dimostra"  è una "posizione critica", ha una sua valenza "contro", ma è anche vero che al Sistema, forse, può convenire che vi sia una astensione, che un minor numero di persone vada a votare. In tale modo il "controllo" sarà più facile ed eterodiretto.
  • La Provincia perde la delega alla cultura
    Bianchini: “Problema enorme per i grandi eventi”

    324 - Gen 16, 2013 - 2:52 Vai al commento »
    Lettera aperta all'amico Massimiliano Bianchini. Caro Massimiliano,                           te lo avevo detto che sarebbe finita così. Con il cerino in mano. Indipendentemente dalla questione della necessità, o no, della sopravvivenza della nostra Provincia ( questione non da poco e che più sotto affronterò) il problema che tu poni, e che leggo tra le righe, è anche, sostanzialmente, un altro. In qualche modo tu dici, e fai capire, che esiste ed è in atto una "centralizzazione" regionale della Cultura. Questo è un dato di fatto, anche se l'Assessore Marcolini si è speso per il nostro Campanile. Ma ciò non evita il problema di fondo che tu segnali, ad esempio, con l'abortiva nascita del nuovo Statuto dello Sferisterio, da noi votato al Comune e da me sempre incoraggiato e sponsorizzato insieme all'amico Mandrelli e votato all'unanimità. Perchè è abortito? Perchè la pratica si è fermata? Chi aveva interesse a che tutto si dileguasse nell'ombra? Tutto funziona, nella vacatio legis perchè questa, nel frattempo, consente di fare le nomine di nuovi direttori e Sovrintendenti, un po' come nei coitus interruptus.Per simmetria ( a analogia) la stessa "sorte" tocca a Macerata in campo sanitario.Esiste un asse di concentrazione del "tema sanitario" ad Ancona? Si esiste. Come vuoi o pensi che i "dorici" ci lascino spazi? Non pensi che sia una questione di concreto potere? Negli anni ci siamo fatti "abbindolare" dalla questione della "snellezza burocratica" e, per questa ( che a mio avviso era il pretesto) abbiamo alienato a terzi ciò che era nostro. Questo "ratto delle Sabine" va avanti da quasi venti anni, procede indisturbato, felpato, ai più sconosciuto. Grazie alla "favola" della sburocratizzazione e snellimento, Ancona è diventata il Paese della Cuccagna ( o dei Balocchi), come tu ben sai. Ritengo che persino le "crisi comunali" siano ad "orologeria", vale a dire calendarizzate per preparare poltrone a "chiappe" su di esse sigillate. L'Apologia dello Snellimento ha avuto come risultato apicale ( romano) l'Apologia dei Tecnici, capaci di dimagrire il Popolo ed ingrassare le Banche ( e questo, credo e spero che tu lo sappia). Il dibattito nazionale è ( almeno per me)  il Trionfo di Pirandello, in particolare di "Questa sera si recita a soggetto". Mai, come in questo periodo, vedo realizzata in re e nel vivo l'Opera Buffa e non credevo, da studioso, che una Compagnia di Attori fosse così allenata e brava, per giunta senza copione, naturalmente e per ereditaria fisiologia. Tutto questo tu sai, Massimiliano. Ma a te riconosco, essendo stato per un decennio Assessore alla Cultura di Macerata, un carattere e una condizione (d'animo) romantica e popolare. Hai fatto bene ( ben oltre l'intuizione di portare da noi Musicultura) a disseminare piccoli e  medi finanziamenti dal basso, a partire dal vasto associazionismo, plurimo, anche se non sempre eccellente, che ancora sopravvive ( e gloriosamente ) in quella che fu il nostro Capoluogo. Dico fu, perchè  voglio vedere come andrà a finire la farsa della Provincia ( della nostra e di altre). Tu vedrai ( ma ci vuole poco ad essere profeta) che tutti, ora, diranno che la conservazione è un fatto positivo. La Grande Coalizione che verrà chiederà altri sacrifici ( umani), in una sorta di neoavanguadia trasformista che chiameranno Governo Costituente. Il tuo amico Tiresia, Guido garufi
  • La filosofia a scuola

    325 - Gen 15, 2013 - 2:59 Vai al commento »
    Ottimo intervento. Condivido pienamente l'idea di fondo. Sono convinto che una parte della "crisi" ( di orientamento, di valutazione, di prospettivismo storico) derivi dalla assoluta non conoscenza del "pensiero" o dei "pensieri" che sono al fondamento del dialogo e del confronto. Il Pensiero è stato sostituito dalla "retorica pubblicitaria" che è la stessa che, simmetricamente, muove la politica. Non è un "caso" che l'abbandono della Filosofia o il "prediligere" la Filosofia della Scienza sia una strategia per rimuovere ( ed occultare) i "nodi" essenziali con i quali abbiamo a che fare. Rispetto alla "fatica del concetto" che vuole argomentazione e comprensione, nonchè "dimostrazione", si assiste ad una paludosa amplificazione della Informazione ( scheggiata, frammentaria, o "video"), nonchè all'emergere di una Nuova Filosofia ( fatta passare per tale, ovviamente per chi ci crede)  he è l'Economia. Questa ha assunto le vesti del Dogma.
  • Unione Tipografica Operaia,
    dove si usano ancora i caratteri mobili

    326 - Gen 9, 2013 - 3:49 Vai al commento »
    Bellissimo pezzo, Gabor. A proposito dei caratteri mobili. A tre quart degli anni settanta uscì un mio libro su Pascoli. La prefazione era di Felice del Beccaro, dovevo presentarlo all'Università  di Chieti epr un concorso, che ovviamente dovevo perdere, in quanto era già stato tutto predisposto: doveva vincere una allieva di Petronio. L'editore mi aveva inviato alcune copie. Ma, per errore, non era stata stampata la firma in prefazione di Del Beccaro, per me prestigiosa. Mi rivolsi al Morresi e lui, con pazienza, usò i "caratteri mobili" e sovraimpresse, a mano, la firma. A proposito di mani ricordo che Morresi salutava, sempre, con il "saluto romano". Aveva un andamento celere e spedito. A metà tra corsa e marcia. 
  • Il centro storico prova a ripartire
    con un nuovo bar, un forno
    e un laboratorio d’arte

    327 - Gen 4, 2013 - 2:43 Vai al commento »
    Complimenti e auguri di cuore, Capitani coraggiosi.
  • La chiesa di San Filippo è una perla
    Peccato per quella lapide…

    328 - Dic 29, 2012 - 3:03 Vai al commento »
    Bravo Gabor, " Optimo"
  • Stranezze e paradossi
    nella Civitas Mariae

    329 - Dic 26, 2012 - 3:53 Vai al commento »
    Va bene così. Apprezzo il taglio dell'articolo.Ci si deve abituare ad un giornale che consente di interfacciarsi ( cosa che non può accadere col quotidiano di "carta") a rischio, a volte, di ricevere critiche troppo colorate e anche gratuite. Resta un "valore" di fondo che è quello della democrazia "dal basso", ovvero delle informazioni che possono giungere sia dall'articolista che dai commentatori. Informazioni ( e collegamenti fra informazioni)  che, messe insieme, e magari approfondite, sono di ausilio a chi gestisce la cosa pubblica.  p.s. A proposito della Chiesa. Ho notato, guardando la lapide, che la posizione non sembra baricentrica. Mi sembra piegata a destra. Illusione ottica?
  • Chi è questo signore
    che ha tutte le colpe?

    330 - Dic 16, 2012 - 4:11 Vai al commento »
    Ritengo l'articolo di Liuti corretto e veridico. I punti "attuali" della sua argomentazione, a mio avviso, sono questi e condivisibili. 1- non è vero che la "rottamazione" sia una "invenzione" modernissima ( magari Giancarlo che ha più memoria e precisione di me, poteva anche menzionare Assessori allora davvero giovani, a conforto della sua tesi) 2- con Giorgio Meschini ( non parlo della persona ma del tempo) inizia una era di frantumazione e le leaderschip della vecchia DC non hanno più quella solidità o non rappresentano più quella stella orientativa di prima 3- è giusto che Ciaffi sia, comunque, un punto di riferimento poichè chi ha una storia "custodisce" una esperienza. Vorrei aggiungere, per arricchire il panorama, che nonostante le tre correnti ( della DC) si può certamente confermare che tutte e tre, nonostante le diversità, erano unite da un unico obiettivo: la stabilità del Partito ( e del Paese) Condivido anche la tesi che la Giunta Carancini non abbia nulla a che fare con la geografia e lo spirito da Liuti evocato. Il dire che dietro c'è sempre "qualcuno" è da un lato sbagliato, dall'altro è una tecnica denigratoria dell'attuale "asset" che non avendo progetti o linee forti, entra in un labirinto nevrotico, pieno di confusione e totalmente falso. Mi permetto ora, stimolato dall'articolo, di ipotizzare qualche errore che fu fatto, ai tempi. La DC non doveva "spaccarsi". Ciò avrebbe dato ad altri, ad altre forze politiche, la possibilità di formare quadri "storici" e non estetici: voglio dire che non basta andare da un grafico ed inventare un nuovo simbolo. Ma può darsi che io  mi sbagli. Vedo nell'attuale panorama, oltre alla corsa verso nuovi tipografi e grafici, un tentativo ancora in potenza di ristabilire "radici" storiche. Non so se questo riuscirà. 
  • Indagato per aver usato la Panda comunale
    Carancini: “E’ l’ennesimo attacco personale”

    331 - Dic 15, 2012 - 7:27 Vai al commento »
    Questa storia dell'auto utilizzata dal Sindaco ha da un lato del ridicolo e dall'altro desta perplessità "culturali". E' assurdo ipotizzare un "peculato" da parte del Sindaco, ben oltre i necessari accertamenti della Procura che in questi casi sono solo formalmente atti dovuti.La perplessità "culturale" sta nel dibattito su questo tema, un dibattito indegno e di basso profilo, forse anche un dibattito infantile, se non impotente. La "critica" tutta provinciale ed effimera ( quando non poligrafa) segnala il fondo a cui siamo giunti. Dico del dibattito e della giustificata presa di posizione critica o interpretativa che dovrebbe riguardare altri oggetti, piani, orizzonti. Io sono in maggioranza, e come Carancini sa, non sono sempre molto tenero, ma le cose le dico in faccia e quando non sono in accordo, dibatto in maggioranza, quando questa c'è, e prendo posizioni elle quali faccio corrispondere il mio voto in Aula, a volte favorevole, a volte, su temi centrali, sfavorevoli. Mi astengo, voto al contrario, oppure emendo se vi è la possibilità. In questo, credo, possa o debba consistere la democrazia che spesso, invece, si rifugia, soprattutto in questi ultimi anni ( dico dell'Italia), in uno squallido gioco delle parti, in un teatrino televisivo, col quale ( e nel quale) i partiti tentano a suoni di spot e battute di "captare" la benevolenza ( e i voti) degli elettori, l'auto dei vigili urbani non esiste, non c'è, è un nulla pretestuoso. Si assiste ad un degrado teatrale in cui il trasformismo non è quello autentico o dinamico, ma semplice tentativo ( e goffo) di ristabilire le poltrone che nella prossima tornata usciranno nella Lotteria nazionale ( e prossimamente da quella regionale). L'astuzia televisiva è subliminale, persino Grillo sarebbe diventato un fascista, mentre tutti gli altri sono Biancaneve e la Bella addormentata nel bosco. Consiglio al Sindaco, questa volta come atto etico-politico, di utilizzare non una auto ( che non ha mai utilizzato) ma un Camion, affinchè quanto vado forse inutilmente scrivendo, sia un "segnale" questa volta robusto e parallello alla critica che sto tentando di delineare. Non a lui, ma alla nostra Palude.
  • Tolentino in lutto
    per la scomparsa di Roberto Massi

    332 - Dic 10, 2012 - 3:24 Vai al commento »
    E' difficile dimenticare le persone il cui stile è "classico" e non conosce  dunque tramonti. L'ho frequentato e ci siamo sempre fermati per strada quando ci si incontrava. Di rara "ironia", tra serio e faceto, totalmente "popolare" nel senso integrale  ed umano del termine. L'ho ascoltato l'ultima volta a san Ginesio, per la presentazione di un libro del Prof. Cardarelli sulla ipotesi della presenza dei Templari. Una conversazione dotta ma anche "ricca" di energia. Le mie personali condoglianze all'amico Francesco. 
  • I risultati del ballottaggio entusiasmano il Pd
    dopo il passaggio del ciclone Renzi

    333 - Dic 5, 2012 - 3:45 Vai al commento »
    Alessandro S.: Condivido totalmente e pienamente ( e sostanzialmente) il suo intervento. Oggi siamo ( o ci hanno?) "abituato"  a "spostare" l'obiettivo. E' un po' la storia ( tutta televisiva, ricorda?) di qulla specie di uccello ( un pellicano o giù di lì) pieno di catrame e petrolio, Totem ed Emblema della "cattiveria" di Saddam. Anche lui ( il pellicano) ci dissero e "raccontarono" televisivamente era una "vittima" dell'immane disastro "ecologico" creato da quel cattivo di Saddam, Furono, passati alcuni mesi, gli ornitogi a dirci ed informarci ( carte alla mano) che quella razza così bene fotografata di uccelli non viveva in quella regione ( e nazione). Ritengo che per prepararsi bene la voto ( quello vero, di Marzo o quando sarà), prima di andare alle urne, sara bene e pedagogico leggersi la Morfologia della Fiaba di Propp. Un trattato di vera politica. Chi non avesse il tempo, perchè Propp è difficilino, potrebbe giovarsi della lettura ( o rilettura di Pirandello), ad abundantiam, non so: Stasera si recita a soggetto, oppure Così è si vi pare, e via sbadigliando. 
  • La delibera sui piani attuativi si tinge di giallo
    Spunta una mail che coinvolge Mari

    334 - Dic 1, 2012 - 4:11 Vai al commento »
    Mi preme qui correggere il Presidente Carelli quando afferma che la delibera è dell'11 Ottobre. La delibera del Consiglio comunale, immediatamente esecutiva, è dell'11 Settembre. Cioè un mese prima. 
  • Cordoglio per la scomparsa
    di Anna Maria Valori

    335 - Nov 25, 2012 - 5:43 Vai al commento »
    Correvano gli anni '70, mi ero laureato da poco e mi capita una supplenza al Liceo Scientifico. Dovevo sostituire "la Valori" per un lasso di tempo anche abbastanza lungo. Non la conoscevo personalmente, si invece il marito Domenico. Io venivo da una impostazione di studi di tipo stilistico ed estetico "la Valori", come era noto, aveva un "calco" pià di ordine storico critico. Diciamo quello della chiara intelligenza sociomarxista, molto simile, per certi versi a quella di Remo Pagnanelli. Beh, con quella classe mi trovavo un po' "sbandato" e forse anche i ragazzi di quei banchi ( uno dei quali ora siede nello scranno del Consiglio comunale). Ma era una classe viva e vivace, attenta e incuriosita. Tuttavia mi trovavo in imbarazzo, credevo, non volendo, di "deviare". Prima telefonai, poi andai a trovare " La Valori". Fu un colloquio autentico e pienamente franco. Più o meno mi disse:" Professore, i modi di approccio alla poesia e alla narrativa sono diversi, così come i metodi. Ma è questa diversità di vedute e di interpretazione che giova, sia ai ragazzi che alla Scuola". Ne nacque una amicizia solidale e vorrei, chiamarla, telepatica. Ci siamo sempre visti, incontrati per strada, sempre sorridendo e parlando, in tutti questi anni. Uno sguardo sempre vivo e "tagliente", rapido, immediato, associativo. Non retoriche condoglianze e l'affetto ai figli di Guido Garufi
  • Evio Hermas Ercoli è il nuovo direttore
    della Biennale dell’Umorismo di Tolentino

    336 - Nov 18, 2012 - 4:31 Vai al commento »
    Il Professor Ercoli ( per me Masino) non è sottoponibile a critiche superficiali e disinformate. Una cosa è certa e incontrovertibile: Ercoli ha saputo realizzare e produrre ( anche prima di Poposofia) un format intelligente e fortemente "pubblico", ad alto tasso di verificabilità ( di utenza locale e di informazione nazionale). E' pur vero, ma non lo dico io, che nessuno è profeta in Patria. Aderisco alla riflessione di Davoli che sottolinea la presenza , invece e giustamente, di una grossa e inequivocabile schiera di clienti ( o clientes) che sono più o meno dilettanti allo sbaraglio. Pletora che si diparte da alcuni studi grafici e di comunicazione a veri e sostanziali " analfabeti". Tale "deriva" ( storicamente e con delibere di Giunta comunale e provinciale) è documentabile. Se ne potrebbe fare una pubblicazione " umoristica" che vorrei suggerire come spunto tematico per la Biennale di Tolentino.
  • Cinema Tiffany, giù il sipario
    Macerata continua a perdere pezzi

    337 - Nov 15, 2012 - 4:45 Vai al commento »
    Per Alessandra: pezzo bello e tristissimo, con l'aggiunta delle "parole" indirette che balzano su dalle foto. Condivifo il taglio di enossam.
  • Costamagna progetta il post Di Lupidio
    ma il capo dei Teatri non ci sta

    338 - Nov 14, 2012 - 4:28 Vai al commento »
    Caro Ivo, tu conosci l'amicizia che ho per te e, da "maceratese", non voglio affatto entrare nella "materia" politica di Civitanova alla quale mi lega, da sempre, un lungo filo di fedeltà, antica ed "arcaica", dico dell'infanzia, con i miei genitori a Fontespina, per un ventennio e più, dico di noi "cittadini" che un tempo eravamo chiamati simpaticamente "bagnanti" , quando si "piazzava" l'ombrellone con la buca. Anche se Broccolo, mi pare di ricordare, avesse degli ombrelloni predisposti, vicino a quel piccole ponte dove c'era scritto: " chi sosta a Fontespina perde la gioa e lascia la spina" Insomma, per me, una isola di memoria e di affetto che ancora c'è e permane. Una Italia semplice, forse più povera, ma genuina. Ho avuto modo di conoscere, e apprezzare, Alfredo Di Lupidio, al tempo di alcuni reading poetici nella tua città marinara. Convengi, premi, con Dacia Maraini, Battiato, Kennet White, la figlia di Pound, Sgalambro, Mario Luzi, Enis batur,Alda merini, De Signoribus, insomma "star" nazionali e internazionali, con atti dei Convegni e partecipazione delle Scuole e i più importanti poeti italiani, critici accademici di varie Università e militanti. Fu una bella stagione. Sappi, ad esempio, che i libri editi dal tuo Comune, ma con un editore vero, sono entrati in quattro tesi di Laurea. Ti racconto tutto questo per dirti che se non ci fosse stato Alfredo, con la sua competenza e ansiosa umanità, i nostri reading avrebbero fatto cilecca. Io non conto niente, ma ti dico, ripensaci. Ci sono tanti dilettanti allo sbaraglio in giro. Ciao da Guido
  • I resti di Potentia e gli Indiana Jones dimenticati

    339 - Nov 14, 2012 - 4:33 Vai al commento »
    Complimenti, Gabor.
  • Presentato il Bilancio sociale dell’Apm
    e la scontistica nelle farmacie comunali

    340 - Nov 9, 2012 - 3:43 Vai al commento »
     Sono in accordo con le riflessioni di Meschini. E' opportuno che la questione dei Bilanci, sebbene positivi, vada interpretata. Condivido la tesi di fondo espressa nell'argomentazione del Consigliere. E' necessario parlarne, analiticamente, in sede di Commissione Bilancio, avendo come interfaccia sia il Presidente dell'APM che il Direttore. Registro che tale richiesta è stata fatta più volte dal sottoscritto e che oggi, in un clima certamente "pauperistico", bisogno ri\vedere  la "filosofia" che sta  ( o dovrebbe stare) a monte ( e non a valle) della "gestione" delle Partecipate i cui indirizzi spettano al Consiglio.
  • “Pedoni indisciplinati in piazza Garibaldi”

    341 - Ott 20, 2012 - 4:07 Vai al commento »
    Ciao Vittò. Manchi, manchi in Consiglio e manchi come ottimo Presidente di Macerata Cultura. Altro che sottopassi... Ciao da Guido
  • Golden Media Marche per CM

    342 - Ott 19, 2012 - 3:19 Vai al commento »
    Complimenti a CM per il Premio. Vedo fra la gente l'amica Emanuela Fiorentino che saluto ( è sempre una bella donna) e quel "nostro" prezioso viaggiatore che è Andrea Angeli. Mi piace, segnalando l'errore di battitura, che con ogni probabilità che ha scritto l'articolo voleva "battere" Giuseppe Giunchi ( e non Giunghi). Nostro famosissimo "clinico", Ordinario all'Università di Roma. Una vera eccellenza nel campo medico. Quando si ammalò il Presidente Segni, la triade clinica era composta da Calliol-Fontana e Giunchi. A metà degli anni settanta, per un mio problema, lo conobbi. Aveva uno studi a Piazza di Spagna. C'era solo una piccola targa: Giuseppe Giunchi ( senza professore o dottore). Mi aveva accompagnato mio padre. Era affezionato alle Marche, delle quali parlammo. Io mi ero laureato in Lettere e Filosofia, ma avevo iniziato a studiare ( prima) medicina a Perugia. Mi chiese perchè avessi smesso. Ero intimorito o intimidito, anche se era simpatico e civilissimo. Balbettando gli regalai il mio primo libro, su Pascoli ( una rielaborazione della tesi). Mi chiese cosa vessi mai trovato di interessante in Pascoli. Feci d'stante una brevissima sintesi. Dopo un mese mi giunse una lettera a casa, la sua. Lo aveva letto e mi chiedeva notizie sul secondo capitolo dedicato al tema della "malinconia". Conserva ancora quella lettera, segnale di una umanità scomparsa e irrintracciabile, nell'era dei tecnici e delle formule  matematico-bancarie. Congratulazioni ancora per aver intitolato al Professore il Premio. Guido Garufi  
  • Piscina di Fontescodella
    Depositato il progetto definitivo

    343 - Set 29, 2012 - 5:21 Vai al commento »
    p.s. Dimenticavo un passaggio che ho affrontato in Consiglio, a proposito di ambiguità. Ho detto: Poichè il Papa abita a Roma, da sempre, se si eccettua il periodo di "cattività avignonese", non si può non dire ( con Benedetto Croce) che siamo tutti cattolici. Dunque, ho proseguito, come mai a Parigi ( dove non c'è il Vaticano) la "protezione familiare è ampia più dell'Italia?". Alludevo alla "famiglia francese" che, se nasce un bimbo, prende 230 euro al mese di più, nello stipendio ( non 40, come in Italia). Ho fatto riferimento a Hollande che, insediatosi, ha "subito" fatto tre leggi. Una "simbolica" ma importante, l'aumento degli stipendi e dell pensioni del 3%, ha intimato alla Germania di non "rompere " i c..., poichè la Francia si ferma a 65 anni per la pensione, ed inoltre ha ridotto del 75% gli stipendioni dei massimi dirigenti. Oltre a proseguire la linea etica ( cattolica, non lo so, ma non mi frega in questo caso) intimando alla Svizzera di "restituire" una percentuale del 35% dei danari che i francesi avevano "esportato" nelle gloriose e sicure banche. Non so se Hollande ha agito da cattolico, ma mi sembra che abbia agito bene...
    344 - Set 29, 2012 - 5:06 Vai al commento »
    Mi spiace che Deborah e Francesca abbiano ( volutamente?) travisato il mio intervento e la mozione presentata dall'IDV sulle mense scolastiche. La mozione diceva semplicemente che chi più ha più dia. Il mio intervento in Consiglio, non è, come qui si dice ( volutamente?) un attacco ai cattolici. Il mio intervento è stato lungo, argomentato,e preciso. Ho affrontato la "questione cattolica", partendo da lontano, e l'ho affrontata da cattolico, quale sono. So che ciò implica stridore. Qui sintetizzo per i lettori di CM. Ho detto che dirsi cattolico è impegnativo, proprio perchè il "cattolico" è, per fortuna, l'ultimo rappresentate di un "pensiero forte", che si contrappone a quello "debole". C'è una vastissima bibliografia su questo che ovviamente non è "materia" del Consiglio comunale.Cosa significano i due aggettivi ? Significa che il "pensiero forte" ( in genere quello religioso, quando non è totalizzante e fondamentalista) fonda sulla presenza dell'anima la sua struttura. Al contrario, quello debole, si "poggia" su altri presupposti. Oggi, il "pensiero forte" ( purtroppo) è l'Economia, diventata un Dogma e una nuova Metafisica. Chi non "obbedisce" alle Regole della Economia è eretico. Tali regole vengono fatte passare per Verità assolute, non contestabili, come vero Pensiero unico. All'interno di questo pensiero unico, purtroppo, "affoga" o viene "levigato" o "smussato" o "devitalizzato" il Pensiero religioso, che, se si vuole, dall'economia prescinde.Si leggano meglio le tesi di San Tommaso sull'Usura, sul tasso di interesse, e si analizzi meglio la "sostanza" delle Dottrina Sociale della Chiesa a proposito di "distribuzione dei redditi". E' un Dottrina fondamentale e centrale, è la vera Critica dell'economia politica. In questi termini e dentro questo quadro di riferimento ho parlato dell'uso del linguaggio e dei termini. Ho sostenuto ( anche qui la bibliografia è vasta, accreditata cattolica e non cattolica, da tutti condivisa, ed è scientificamente verificata dalla linguistica) che il Potere è subdolo, è raffinato, induce nella massa ( che non è termine casuale) una "nuova terminologia" che tende a "nascondere e piallare" la sofferenza umana e la differenza.  Ad esempio, cieco è diventato non-vedente, povero non-abbiente, il netturbino operatore-ecologico). Dunque la vera rivoluzione imposta dal Potere è una rivoluzione linguistica. Sicchè, per automatismo acritico, l'uso del termine famiglia viene utilizzato in assoluto, non nella sua relatività storica. Mi spiego: tutti conveniamo che la famiglia sia un valore, assoluto, indubbiamente, da garantire e tutelare. Ma, dicevo in Consiglio, non tutte le famiglie, poichè si chiamano così, "godono" degli stessi redditi e dunque benefici. Scherzando ( ma fino ad un certo punto) ho detto: " se Montezemolo abitasse a Macerata, perchè suo figlio dovrebbe pagare lo stesso contributo del figlio di un impiegato o di un operaio? Perchè  anche Montezemolo "tiene famiglia?". Le due famiglie sono valori in astratto e solo astrattamente comparabili. La critica che ho rivolto ai "cattolici" ( da cattolico) è la stessa che alla fine dell'800, non io, ma Federico Nietzche segnala nel suo libro più importante che è la Genealogia della Morale. L'accusa che il filosofo rivolge apparentemente ( si badi) ai cattolici è questa: il Potere ha bisogno di una etica "debole", sacrificale, con più di due guance.  Il Potere ( oggi si direbbe più che l'Impresa la Finanza) utilizza questa morale, se ne serve, èpocihe ha bisogno di ( Cito): "sudditi e schiavi". Purchè loro non se ne accorgano. Aggiungo io. E quella che Nietzche chiama " l'etica degli schiavi". Questo era il tema che ho dibattuto e sono pronto ad un dibattito pubblico su questo. La mozione dell'IDV, semplicemente chiedeva di "graduare" le tariffe in relazione al principio costituzionale ( del gradualismo) ritenendo "assurdo" che il figlio di Montezemolo, presso l'Asilo, pagasse tanto quanto il "povero" ( così voglio chiamarlo per chiarezza ed efficacia). Ho poi fatto riferimento alla evasione fiscale, cosa di cui ( vedrete) si occuperà Monti, al quel i partiti ( tutti) delegheranno il "lavoro sporco" ( cioè colpire l'evasione). I partiti si ritireranno per due anni e Monti ci dirà che " ce lo chiede  l' Europa". Questo è il gioco ( posso sbagliarmi) che è in atto. Quanto alla frase dei " novanta gradi" riferita ai cattolici, ritengo sia solo un mezzo "espressivo" che voleva indicare ( ai cattolici) che occorre anche essere "facitori della Parola", passare cioè dalle parole ai fatti. L'inversione di Marx a proposito della "prassi che rovescia". Mi scuso  con il lettori di Cm per la lunghezza, ma il tema è affascinante e più serio dello spread ( altro termine "misterioso" abbandantemente utilizzato, vedremo perchè).
  • Premio letterario “La nostra terra”
    Concorso in memoria di Mauro Montali

    345 - Set 17, 2012 - 2:02 Vai al commento »
    Ottima iniziativa, sia per l'amico Mauro che per il valore del premio. 
  • L’inimmaginabile legame
    fra Washington e Macerata

    346 - Set 18, 2012 - 3:31 Vai al commento »
    Auguri a voi tutti della Redazione e ad Aldo Canovari. Il lavoro che da diversi lustri la "nostra" ( maceratese) casa editrice sta portando avanti è un vanto, prima di tutto per "il libro", e poi per Macerata. Accade raramente di trovare "in periferia" case editrici solide e sicuramente nazionali. Se dovessi\volessi fare un paragone relativo al mio campo, che è quello della letteratura, l'unico riferimento all'altezza ( dico della solidità e importanza) fu Scheiwiller, e, anticamente Carrabba. Ancora  auguri.
  • Il testamento di Carlo Perucci
    in un libro sulla stagione lirica

    347 - Lug 28, 2012 - 4:15 Vai al commento »
    Plaudo all'iniziativa della Camera di Commercio. E' proprio vero quanto afferma Micheli, a proposito della "azione monumentale" di Perucci. Direi un "archetipo" insieme al Sindaco di allora, Elio Ballesi. Un Segnale da rispettare e dal quale prendere le mosse, una bussola. Certo, i tempi sono cambiati ( forse in peggio), ma sono cambiate anche le condizioni storiche e linguistiche. Il futuro dello Sferisterio ( ma è mia opinione) sta nel proseguire la tradizione nell'invenzione ( e variante) e nell'accorpare la nostra Città al suo "interno" ( o "intorno"). La Summa Cavea deve e dovrà essere una "Magnete" per Macerata ( credo così lo interpretassero i "padri fondatori") .Ritengo che le critiche positive e negative, sempre ci sono e ci saranno ( come ci furono), ma se la "critica" è atto dinamico e non distruttivo, sarà proprio il dibattito aperto ad arricchire questo nostro "tesoro". Tutti i tesori ( come gli amori) si odiano e si amano, ma da questa fisiologica dinamica è sempre produttivo, se non cede o cade nel pretesto. Considerando lo Sferisterio ( dice bene il Sindaco) un "valore di tutti e per tutti", mi permetto di lanciare su queste pagine una idea ( essendo un po' "partigiano" e bibliofilo): perchè non pubblicare un Grande Libro sul nostro Sferisterio, recepire nei dettagli tutti i documenti, le foto, i cartelloni, i biglietti, lo svilupparsi delle stagioni, gli artisti, le comparse , in doppia tipologia, cartacea ed e-book ? Quest'ultima tipologia consentirebbe di introdurre elementi dinamici ( interviste, filmati, sonori etc). L'Opera potrebbe avere un suo fascino divulgativo, pedagogico e turistico. Libro affidato ovviamente a professionisti.
  • Una nuova caserma per la Finanza
    Che fine faranno le ex casermette?

    348 - Ago 2, 2012 - 2:34 Vai al commento »
    Condivido la tesi di Alessandra Pierini. E' strano, e lo trovo anche io ( strano) che nessuno parli della destinazione delle Casermette? Come mai?  
  • Addio a Walter Perugini
    Padre dei cinema maceratesi

    349 - Lug 24, 2012 - 3:59 Vai al commento »
    Ciao carissimo Walter. Parlare con te, ogni volta, prima di fare il biglietto, è stata una avventura, una avventura di simpatia e rara umanità.  Illuminaci con il tuo sorriso  signor Lumier.Un saluto e le condoglianze ai familiari. 
  • In ricordo di Walter Mauro

    350 - Lug 26, 2012 - 3:38 Vai al commento »
    Bellissimo "ricordo" questo di Maria Teresa Lasca al quale, mentre leggevo, associo il mio. Insieme a molti altri, tra i quali mi viene in  mente Giuliano Manacorda, Giorgio  Barberi Squarotti, Elio Filippo Accrocca, Remo Pagnanelli, Giuliano Gramigna, Bruno Zevi, Michele Prisco, Gianni Scalia e tantissimi altri, da Lanciano, un amico comune, Mario Micozzi, "mise su" una interessante rivista, "Punto d'Incontro", a Lanciano ( la "patria" dell'editore Carrabba). Walter Mauro faceva parte della cordata. Ricordo molte cose e alcune "epistole". Allora le "recensioni" non erano semplici divagazioni o piccole "notule" giornalistiche. Mauro "dirigeva" la "parte" linguistica. Condivido pienamente quanto si dice a proposito di Anchise ( e del peso edipico). Rallegramenti per il "pezzo" che sento nascere dal cuore.
  • C’ERA MACERATA/2

    351 - Giu 30, 2012 - 4:19 Vai al commento »
    Mi è venuta una idea, e lo dico con affetto, rivolgendomi a Gabor e Filippo e alla Redazione di Cronache Maceratesi. Mi piacerebbe che i due presentassero un progetto editoriale al comune, dico di un libro, magari con qualche foto. Al libro potrebbero essere "allegate" anche alcune note dei lettori che sopra dettagliano alcuni "loci". Mi piacerebbe portare questo progetto in Commissione Cultura per avere l'eventuale approvazione dei commissari e, quindi, sottoporlo all'attenzione di Irene ( Manzi). Sono convinto, e lo dico senza ironia, che il Sindaco Carancini approverebbe.Non conosco il costo, ovviamente, ma sarebbe cosa buona e giusta che il Comune intervenisse. poi vedremo se si trovano altri sponsors. Solo e unicamente un Libro è capace di "raccogliere" indipendentemente dai "segni" politici l  nostra storia e memoria.Non sarebbe un libro "nostalgico", sul come eravamo. Ma l'emergere di volti e visi può essere stimolante per "ripensarci".Noi consiglieri comunali, di destra, sinistra, centro, Guelfi e Ghibellini, siamo troppo ( e purtroppo) concentrati su altri temi: strutture, viabilità, etc. Può giovare anche a noi "ripensare" e "liberarci" dal pirandellismo che ci affligge o ci obbiga al gioco delle parti. Con affetto da Guido
    352 - Giu 29, 2012 - 4:37 Vai al commento »
    Grazie Filippo ( e Gabor) e una saluto all'amico Serrani ( Tolentini rapuere). Vorrei consigliare la lettura di Ma c'era Macerata di Libero Paci. Ebbi modo di raccogliere sue "memorie" di personaggi ed eventi in un libro, non ricordo se una ventina di anni or sono. Le " caricature" erano di Magdalo Mussio, feci una prefazione insieme a Carlo Babini. Storie esilaranti. Non trovo più neppure la mia copia. Ciao a tutti, Guido
  • L’arte a Macerata: era meglio quando era peggio!

    353 - Giu 27, 2012 - 5:43 Vai al commento »
    Complimenti Gabor. La tua non è solo storia o nostalgia. Ma verità. Zotis-Guido
  • La “nuova storia”
    dello Sferisterio

    354 - Giu 16, 2012 - 3:41 Vai al commento »
    Intanto complimenti a Musicultura che, bisognerà ricordarlo,è stato l'Assessore Bianchini a portarla a Macerata, poichè un po' di storia non guasta. Dunque  e Bianchini ebbe un'aottima intuizione su un prodotto che funziona ( e bene). Così bene che altrettanto bene riempie con i suoi concerti e appuntamenti le piazze e gli angoli della Città. Come Davoli ricorda. Relativamente a Micheli, mi auguro che il "prodotto" funzioni altrettanto. Varrebbe la pena, ma lascio il compito a qualche altro con maggiore memoria di me, elencare le star che, in tempi non sospetti, ci hanno "premiato" con la loro presenza.Quelle, ad esempio, chiamate a Macerata da Rodolfo Craia: Sarah Waugan, Dizzie Gillesbie, Ray Charles, grandiosi complessi ( perdonate il mio inglese non corretto ma non ho tempo di rettificare) e tantissime altre. 
  • “Un mosaico su padre Matteo Ricci
    in Largo Donatori del Sangue”

    355 - Mag 7, 2012 - 4:12 Vai al commento »
    Trovo l'idea e il progetto dell'Architetto Jommi interessante e sostanziale. Sostanziale perchè nella sua argomentazione traccia l'idea di un Centro storico che si riappropri della sua "storia". La questione evocata, poi, del Magnete, mi vede in completo accordo.Una statua, una sola statua, non significa "abitare" il luogo. Al contrario e il "luogo" che deve diventare "magnetico". E questo spetta più alla "spazio" e alla sua "lingua" in generale. Il Planetarium ricciano è già una indicazione forte, nonchè la nuova piazza in generale. Una sorta di "interfaccia" tra il Palazzo Buonaccorsi e tutto il resto.Rimane il mio dubbio, di fondo, che qualcuno ha evocato. I costi. Ma non credo che questi siano davvero eccessivi. O almeno, lo spero. E' certo che la "rianimazione" del Centro non passa per il "posti macchina" in Piazza. La questione posta da Jommi, direttamente e indirettamente, è centrale. L'arredo e il decoro urbano, i colori,  il "piano di colore", gli interventi, le stesse "vetrine" , le insegne, dovrebbero "parlarci". La Bellezza, insomma.  E questo potrebbe essere il nostro vero investimento. 
  • Statua massonica, l’ipotesi Beligatti si fa Largo

    356 - Mag 3, 2012 - 4:32 Vai al commento »
    La questione, come si scrive "passa alla politica". Vedo che c'è voluta una Commissione ( fra l'altro composta da diversi amici)  per "valutare" l'oggetto estetico e la "posizione" in Città. Non entro nel merito. Deduco, dunque, che la "politica" avrà l'onore e l'onere di dire si o no e anche, eventualmente, "dove". Lancio una provocazione, a metà: se ne occupi la Giunta, poichè la Giunta ha nominato la Commissione e la "questione" riguarda il "decoro urbano". Anzi, se ne occupino i "funzionari", i "dirigenti". Anzi, diamo a qualche dirigente un "premio" di produttività per stabilire tutto. Ben oltre l'ironia, confesso che sono totalmente distante e distinto da questa storia. Si accende un dibattito sul nulla e nel "pirandellismo" e gioco delle parti ( guelfi e ghibellini, clericali e anticlericali) ne vedremo delle belle. Da ridere e da piangere, per impotenza e tristezza. Nel mentre voteremo sarà utile ricordare questa frase latina " dum Romae loquitur, Saguntum expugnatur", della quale ricordo una più efficace variante che cancella il "loquitur" e lo sostituisce con il "consulitur". Mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata. 
  • C’era una volta il Caffè Venanzetti
    E c’è ancora

    357 - Mag 3, 2012 - 4:44 Vai al commento »
    Complimenti Gabor. come sempre. Vorrei aggiungere che Venanzetti costituì, per un periodo, "anche" una sorta di Magnete. Mi riferisco ad un viavai "interessante" che aveva come "tema centrale" la Donna. Per fortuna non c'erano i cellulari e si stava costruendo la superstrada per Civitanova. Il che consentiva un maggior "contatto" in corpore vili con una vasta e variegata fenomenologia femminile. Una Galleria nella Galleria.
  • Macerata Opera presenta il bilancio 2011
    “Chiudiamo con un più 351mila euro”

    358 - Apr 19, 2012 - 4:39 Vai al commento »
    In una precedente Commissione cultura ho chiesto una audizione dei membri del Consiglio di Amministrazione. Prima che questa si verifichi sono andato a Forcella, un rione di Napoli, dove si fa il gioco delle tre carte. I numeri non parlano da soli e neppure le " indicazioni semantiche" dei Bilanci (cfr ammortamenti ed altro). Quando ci sarà la seduta di Commissione farò domande "specifiche", moltissime ( e comparative).
  • Evio Hermas Ercoli “monopolizza” la cultura
    Nominato presidente dell’Accademia

    359 - Apr 13, 2012 - 3:48 Vai al commento »
    Auguri e complimenti a " Masino". Ritengo che il dinamismo del Professor Ercoli possa costituire una ricchezza per l'Accademia e per la Città. La sua trasversalità è un plusvalore, più in particolare oggi, dove a Roma assistiamo, invece,  ad un balletto di apparenti "differenze" e di false opposizioni.
  • Il Tar dà ragione al Cosmari
    Bocciati i ricorsi di Macerata e Pollenza
    Carancini: “Appello al Consiglio di Stato”

    360 - Apr 8, 2012 - 4:29 Vai al commento »
    Saben: condivido la "sostanza" del suo intervento e le numerosi domande ( anche positivamente "retoriche" ) che lei pone. Non sono un giurista e quindi non entro nel merito della risposta del TAR. Tuttavia mi pongo una domanda ( anche io) esterna al "conflitto interpretativo" di ordine e di sostanza legale. Un cosa è parlare della liceità, oppure no, dell'aumento o penalizzazione delle quote dei comuni "cattivi" o, come si dice " non virtuosi", altra è parlare dei costi generali che il COSMARI sostiene per andare avanti. Poichè uno dei costi è quello del "trasporto" presso discariche "lontane", mi chiedo ( ed è questa la mia domanda),a quanto ammonta il costo del "trasporto" della "monnezza" al Cosmari e si vi siano ( come mi auguro) delle "tabelle comparative" per vedere quanto costa ad altri Comuni ( in Italia).
  • Presentato a Macerata
    il primo Laboratorio di comunicazione satirica

    361 - Feb 22, 2012 - 4:22 Vai al commento »
    Ritengo che l'iniziativa abbia  un suo spessore e una sua valenza. Mi complimento, dunque, con l'Assessore Irene Manzi. L'ironia, la satira, il comico, il fumetto, la caricatura ( docet Galantara), costituiscono, nell'insieme, un "genere" sul quale riflettere e da "adottare". In un tempo di "sobrieta" o di "sorriso sguaiato" piace riappropiarsi di classici. Un po', se me lo consente lo "studioso" Filippo Davoli, di Valter Chiari, rispetto a Fiorello. 
  • E’ morta la mamma di Maria Francesca Tardella

    362 - Feb 18, 2012 - 3:45 Vai al commento »
    Carissima, tu solo sai quanto ti sia vicino per l'assenza di "Zia" Luciana. Guido Garufi
  • IL CASO CENTRO FIERE
    Tra presente, passato e futuro

    363 - Feb 17, 2012 - 3:03 Vai al commento »
    Iommi: condivido pienamente la lettura interpretativa che viene fuori dal tuo intervento ( cfr: "Una seconda lezione..."). Qui, a mio avviso, è il "nocciolo" del problema. La virtualità e suggestività degli atti amministrativi, troppo a "maglie larghe", non consente quasi mai una decisione secca, determinata, perentoria ( e dunque veloce e seria). Tutto viene indefinitivamente "rimandato" e quasi mai si "scorge" il perchè. Il mio timore è che questa melassa si ripeta, per fare un esempio, a proposito del parcheggio di Rampa Zara, diventato come l'Araba fenice. Vedrai, caro Silvano, come si "tenterà" di spostare il problema. Ci attendono Convegni sulla Bellezza. Ciao, Guido
  • L’associazione Sferisterio cerca collaboratori per comunicazione e marketing

    364 - Feb 14, 2012 - 4:07 Vai al commento »
    Marco Travaglio: quello che lei dice è giusto. La questione, a mio avviso, riveste "anche" una sua rilevanza politica ( e giuridica). Infatti debbo mettere a fuoco una questione: la funzione del Consiglio di Amministrazione. Gli incarichi, i Bandi, i "soggetti" CHI li sceglie? Chi li determina? Chi li produce? Chi li "attrezza"? Non esiste già una "Suola maceratese" che lavora allo Sferisterio da sempre? Chi ci è rimasto?  Insomma, io penso che sia SOLO il Consiglio di Amministrazione a dover stabilire strategie e altro. Ma poichè dallo Sferisterio, come lei avrà notato, giungono ( da SEMPRE) solo "voci" e "comunicati stampa", proprio ai fini di "esplorare" questa, per me, strana afasìa, produrrò due atti: 1- una interrogazione 2- una mozione. Saranno entrambe articolate, non si preoccupi.  Questo, al contrario di quanto si può scivolosamente ipotizzare, non per colpire questo o quello, e, mi creda, ritengo che il Sindaco ( come i Sindaci precedenti, ed è una mia teoria DA SEMPRE) debba essere supportato da indagini consiliari capaci di chiarire erga omnes come stanno le cose, perchè lo Sferisterio non sia il Porto delle Nebbie. La saluto cordialmente , Gomez
  • Un grazie ai ragazzi del Gus

    365 - Feb 16, 2012 - 3:40 Vai al commento »
    Rugens: Gentile Rugens, mi fa piacere risponderLe. La forma da Lei adottata è, apparentemente, sillogistica". Infatti, la "premessa maggiore" ( " chi predica etc.) non è frontale. Mi spiego: qui si vuole "dimostrare" che chi "parla" ( ...ovvero predica trasparenza etc) si "contraddice" se poi "fa silenzio". Ma il silenzio non contraddice la "verità".  Poichè chi ha "parlato" della questione Centro Fiere, appunto, ne ha "parlato". Sto facendo riferimento all' inchiesta su Villa Potenza. Attraverso una "serie" di documentazioni che descrivono, cronologicamente, la "vicenda", si tirano delle conclusioni. Ovvero, si ipotizza un nesso causa-effetto "interpretando" i documenti ( e, ovviamente e giustamente, la logica temporale "dentro" la quale questi documenti "viaggiano"): Dunque, "letti" documenti, si "deduce" che, etc, etc. Ma è l'unica "deduzione" possibile? Dunque, il "parlare" non è indice di verità. Da un punto di vista "politico", invece, la "forma sillogistica" da Lei adottata è giusta. Direi che dietro l'apparente Suo sillogismo, che è, in verità, una sottospecie della "argomentazione" ( invitante il testo di Perelman sulla Argomentazione) si cela il giusto "desiderio" di saperne di più sul Centro Fiere. Dico della sua "destinazione" Ma qui ritorno a Diogene e alla mia impotenza interlocutoria ( non con Lei, se lo ha ben compreso). Un saluto cordiale da Guido Garufi
    366 - Feb 15, 2012 - 3:41 Vai al commento »
    Rugens: Gentile Rugens, mi deve concedere, almeno, che l'assunto dal quale Lei parte, "tanto più è vera una tesi, tanto più è difficile una risposta chiara, immediata e concludente" è solo un assunto, per quanto brillante. Non è cioè un sillogismo. Non ha, voglio dire, un significato dimostrativo. Bisogna dimostrare, anzitutto, che una tesi sia vera. Tra l'altro non ero consigliere al tempo del Centro fiere di Villa Potenza. Posso però dirLe la mia posizione politica. Il Centro Fiere andrebbe utilizzato tenendo conto della vecchia "destinazione" ( Centro Fiere). A Villa Potenza, serve, un Centro Fiere ( e a Macerata, poichè solo a Piediripa si è "amplificata la zona"- magari, anche per la maggiore percorribilità). Lo sport, invece, deve rimanere a Macerata. Le confesso che non trovo grandi interlocutori sulle "grandi prospettive". Insomma, come giustamente Lei mi segnala, Diogene usciva per "parlare e confrontarsi". Non mi pare che Socrate e la sua maieutica abitino da queste parti. Ed è questo il vero fallimento. Capita che la minoranza, ben oltre la retorica della opposizione e del teatro della opposizione, dica cosa giuste e condivisibili, così come altri consiglieri di maggioranza. Ma siamo abituati ad una "schizofrenia" istituzionale secondo la quale se un gruppo dice che due più due fa quattro, io, dico  che non è vero. Pensi Lei alla ferita della "ragione" e al Primato della Retorica. Voglia scusarmi per lo sfogo. Con stima.
    367 - Feb 14, 2012 - 4:31 Vai al commento »
    mus rugens: Gentile rugens La ringrazio per gli apprezzamenti e Le rispondo. Avrà notato che, per ora, non sono intervenuto sulle questioni che mi sollecita e questo non perchè ci sia da parte mia imbarazzo, anzi. A mio avviso, saprà poi perchè, ( e  mi deve consentire questa riservatezza) le "carte" delle questioni tirate in ballo sono "oggetto" di studio, di certosino studio, mi creda, anche "filologico".Descrivere sul giornale la questione, lo dico con certezza, non porta alla verità. Le assicuro che non sfuggo alla Sua sollecitazione e sono a Sua disposizione. Infatti, a voce, Lei potrà farmi tantissime domande alle quali risponderò. Scendendo nello specifico, tanto per intenderci, Lei sa che un tema( di Italiano, ad esempio) si può "leggere" in modi diversi? E sa, non so se si ricorda, che molti anni or sono furono trovate delle "scultore" attribuite a Modigliani, persino da Argan? Poi venne fuori che alcuni ragazzi di Roma "confessarono" che le avevano realizzate loro? Fu uno scandalo. Eppure chi mai avrebbe dubitato di Giulio Carlo Argan? Un "luminare", indubbiamente.
    368 - Feb 13, 2012 - 4:21 Vai al commento »
    Anche io ringrazio. Ma voglio con forza esprimere il ringraziamento sincero agli "operai" del Comune di Macerata che so, con certezza, essere intervenuti sempre e ovunque e a qualsiasi ora, ben oltre la proprie capacità fisiche. Operai il cui "stipendio" è davvero risibile e il cui "lavoro" non è oggetto dei riflettori. Riflettori mediatici che si "accendono" ( non solo a Macerata) evidenziando il ruolo dei Sindaci ( nel bene e nel male cfr. Alemanno) conferendo ad questi un surplus pubblicitario. Si deve sapere che gli "impiegati normali" dei Comuni italiani sono sottoposti a stipendialità vessatorie, al contrario dei Dirigenti e di una costellazione di afferenti.  
  • Sanremo 2012 acclama il maceratese Jimmy Fontana

    369 - Feb 13, 2012 - 3:42 Vai al commento »
    Conosco personalmente Jimmy Fontana, e non solo per le sue qualità "canore", ma per il suo "amore" per la nostra città, e per il tennis, quello di via Dante, come certamente ricorderà Valentini. Persona "modesta" e seria, ha saputo con il suo stile "imprimere"  e "dare", durante la sua fase "attiva", un colore classico-moderno al panorama di quegli anni. Insieme ad altri,tra i quali mi piace ricordare l'architetto Capici, "fondò" una Radio libera a Macerata ( mi sfugge il nome). Mi congratulo con Monachesi perchè è bene e giusto che si ricordino i nostri concittadini, anzichè diventare ( cfr. Stagione Lirica) "servi" e iperprovinciali rispetto a Direttori di turno. Aveva ragione il buon Calise quando sosteneva che il nostro difetto ( e lo diceva per la "lirica") è quello di mettersi sempre e novanta gradi. ( e anche di più...).   
  • La neve tra racconti, proverbi e poesie

    370 - Feb 8, 2012 - 3:32 Vai al commento »
    Ciao Mario e Gian Mario. Sarebbe interessante vedere se le vecchie tradizioni popolari ( quanto al clima ) ci "azzeccano" oppure no. E' una mia curiosità, non ironia. Interessante, come sempre, il pezzo di Gabor. Stimolo CM ( ed anche Gabor se ha qualcosa in archivio) a  tirar fuori qualche foto di Macerata con i vecchi nevoni. A parte quello del '29, giustamente ritenuto "apocalittico"ne ricordo uno di metà anni '50. Sarebbe suggestivo un repertorio "emotivo", come indirettamente suggerisce Blanchi ( e forse romantico).
  • Il Corriere attacca Popsophia
    ed esalta Liberilibri

    371 - Feb 1, 2012 - 4:18 Vai al commento »
    Intanto saluto l'amico Mauro Montali al quale auguro serenità e rientro tra i vecchi amici di Macerata. Prendere una posizione sulla "sostanza" dell'articolo pubblicato sul Corriere è difficile. A mio avviso i piani sono davvero distinti ( anche se non distanti): testo teorico e conferenza di un filosofo o, anche, assemblaggio ( per frammenti), tentando "letture" o "fotogrammi" dell'attualità, come fa Popsofia? Direi entrambe. La prima serve a chi vuole anzitutto conoscere e approfondire, la seconda, può servire a creare curiosità, stimolo, avventura conoscitiva. Appare ovvio che la seconda "tenta" di avvicinare l'uomo della strada ( il turista, il pubblico, etc) a qualche "sostanza" o "domanda", ma serve, anche, a chi meglio conosce la direzione di alcune idee guida del pensiero filosofico ( e sociologico) magari a riflettere, a farsi ulteriori domande, per associazione. Il Format ideato dal Professor Ercoli è, a mio avviso, positivo e produttivo. Altrimenti mi farei una seconda domanda, sul pubblico, appunto. Chi va a vedere l'Opera ( tolta la percentuale ritengo ridotta di melomani) ha letto Massimo Mila, sa chi è Gavazzeni, conosce il pentagramma, o è, anche, più semplicemente un "appassionato"? E tra le passioni estive è lecito inserire anche quella dell'incontrasi e farsi vedere, un po' come la Silvia di Leopardi che " mira ed è mirata"? Non starei a giudicare, dunque. Quanto a Liberilibri, direi che la nostra casa editrice è di valore assolutamente nazionale, e da molti anni. Vi sono libri "coraggiosi", come quelli dedicati, ad esempio, al tema della "speculazione" bancaria, sulla distribuzione del reddito, e tante altre ( e inedite) cose, una gamma vastissima che spazia dal pensiero "cattolico" ( sulla distribuzione del reddito ) ad altro. Passando per la letteratura. Direi e sono convinto che Liberilibri sia un vanto ( e un vantaggio) per la notra città. Segnalo, doverosamente, un secondo editore, di alto livello, Quodlibet, sempre "maceratese"  il cui livello è altrettanto nazionale, e il cui raggio d'azione è orientato verso la saggistica, la linguistica e la filosofia. Quanto riferisce l'amico Gabor è vero e precisa la citazione. Chi mai, infatti, all'inzio, avrebbe potuto\voluto pubblicare gli scritti "di bacheca" del Cavalier Medori ( Monarchico), se non un editore "curioso" e avventuroso come Aldo Canovari? ( prego gli amici di CM di consultare su internet i cataloghi delle due case editrici, vi troveranno molte cose ). 
  • Allerta meteo: 20cm di neve sulla costa,
    50cm all’interno

    372 - Gen 31, 2012 - 3:38 Vai al commento »
    Ricordo la "bellezza" della neve, legata ai giorni di scuola. Al Liceo Classico Leopardi si "attendeva" il manto bianco, perchè, si diceva ( ed era vero) : "  prima nivis non frequentatur". Insomma, alla "prima neve" ci si assentava , non "si frequentava". Non si deve dimenticare che è inverno e che sembra assurdo "opporsi" anche alla natura e ai suoi cicli armonici. Altre sarebbero le "opposizioni" necessarie.
  • I BUCHI DELLO SFERISTERIO
    Ecco i dati delle ultime stagioni

    373 - Gen 24, 2012 - 3:04 Vai al commento »
    Intanto mi congratulo per la sinossi dei conti. Nel frattempo decido di iscrivermi all'albo dei sensitivi poichè ad agosto scrissi su queste pagine ( e ripetutamente) che il buco del 2010 e 2011 si sarebbe aggirato tra 800.000 e passa  euro, pur non conoscendo i dettagli.Dalla sinossi evangelica intuisco, oggi, ( cosa che già prevedevo) che alcune "cifre" sono e sembrano neutrali. Ma così non è. Infatti alcune cifre meritano spiegazioni e argomentazioni.In questo caso mi riservo di produrre una "sistema" che chiarisca, per il futuro, anche per i lettori di CM, numeri, dati, nomi, costi, di chi verrà ingaggiato. In tal modo sarà possibile definire, a priori, la cifra entrante con le "sponsorizzazioni" pubbliche e private. Insomma, il dato certo, senza le "previsioni" di biglietteria.   
  • L’antipolitica
    e la democrazia

    374 - Gen 15, 2012 - 2:39 Vai al commento »
    Condivido pienamente la tesi di Giancarlo. L'opinione  di Magris è, per me, un assioma. L'articolo è stimolante e, mentre lo leggevo, tentavo di associarlo alcune "divagazioni sociologiche" di Leopardi. Ne ho diverse in mente. Mi riprometto di scriverne qui su CM, una volta  prelevate le fonti.
  • L’Original Quintet
    ritorna in un disco

    375 - Gen 16, 2012 - 1:46 Vai al commento »
    Bellissima iniziativa. Invito a leggere "Ti ricordi Joe- Storia e cronistoria dei gruppi musicali a Macerata"( dagli anni '50 in poi). Il libro fu stampato e curato  da Paolo Bravi. La parte "antiqua" è stata "diretta"da Fabrizio Liuti, ed io ho "riletto" la fase postbeatles. Ci sono tutti i gruppi, e naturalmente l'Hot club e l'Original quintet , una miniera di notizie e una  galleria ricchissima di foto. 
  • “Ho la SLA, aiutatemi!”
    Barbara racconta il suo dramma

    376 - Gen 14, 2012 - 3:42 Vai al commento »
    Simone Menghini: totalmente in accordo con lei, da cattolico ( e cristiano).Si sbrighi, inoltre, il Governo, a vendere i beni sequestrati alla mafia ( 30 miliardi di Euro), indirizzando una quota su queste disgrazie  terribili e  offese alla vita.
  • Sferisterio, la creatività non ha età

    377 - Gen 11, 2012 - 3:27 Vai al commento »
    Ritengo le osservazioni di Cherubini fondate e argomentate. Tuttavia , l'apertura ai "giovani", in questo caso ad un giovane creativo , ritengo faccia parte del "colore" che si vuol dare alla "novità" e\o all'innovazione. E' dunque un lapsus di secondo tipo, meditato. In questo senso giustificabile. Ma qui ritorna l'argomentazione concreta di Cherubini, alla quale segue l'inossidabile ( e verificata) dimostrazione a contrariis di Davoli, con l'emblematico esempio di Mina-Vanoni. Il che la dice lunga sulla forza persuasiva del paradosso, al quale aggiungerei un secondo: l'uso ( e l'abuso) del "genere" ( femminile). Insomma, la cooptazione di "donne", qualora si vogliano far fuori uomini ( magari con la scusa della pari dignità). Nel caso specifico, mi sarei chiesto, se vi fossero, giacenti presso lo Sferisterio, altri Loghi, ovvero depositati.
  • Lavori in corso per la 48° stagione lirica
    Del Monaco ambasciatore a Pechino

    378 - Gen 8, 2012 - 3:38 Vai al commento »
    Non entro nel dibattito, perchè, come ho già detto tante volte, mi voglio occupare solo del bilancio ( passato e futuro). Appare ovvio che la nomina del Micheli sia frutto di un sintesi, la quale non guasta mai in politica e nella ragionevolezza. Ricordo, tuttavia, all'amico Sciapichetti ( che chiamo amico perchè lo è per me veramente)che i "buchi" sono antichi e precedono Pizzi e la Ricciarelli. Due mutui miliardari di Provincia e Comune ( gli amanti della trasparenza possono vedere le due cifrette anche in internet). Rivolgo un appello al Sindaco, al Presidente della Provincia e al Consiglio di Amministrazione affinchè facciano lavorare i professionisti locali. Questo è un dato sociologico e politico che non può e non deve essere bypassato da fumisterie o divagazioni o appaltato a terzi. Sono convinto che sia il Sindaco che il Presidente non deleghino ciò che è di loro competenza e che a loro spetta, per Statuto e regolamento. Mi auguro, infine, che cessi questa storia travagliata che, dilatandosi nel tempo, è diventata di fatto, un Melodramma, se non un'Opera Buffa ( entrambe, per fortuna, a costo zero).
  • Il saluto del sindaco Carancini a Pizzi su facebook

    379 - Gen 9, 2012 - 3:07 Vai al commento »
    Travaglio: Caro Travaglio, nel premettere, ancora una volta, che mi voglio occupare dei bilanci ( antichi e nuovi) perchè, mi creda, solo da quelli si comprendonio tante e dettagliate cose, confermo la stima per Orazi e quanto ho sostenuto, anzi lo ribadisco. Restano anche i suoi ( di Orazi) buchi e i mutui successivi. Detto questo, per la Traviata, ho motivo di ritenere che il regista sarà Brokaus ( mi predoni gli errori ma non ho voglia di cercare come si scrive). Posso solo dirle che, da quanto ne so, Brokaus "comprò" di diritti di Svoboda e quindi della Traviata. Posso aggiungere, da quanto ne posso sapere, che i "famosi" specchi non ci sono più, ovvero ci sono in dimensione ridotta. Purtroppo io mi occupo di Bilanci. Buon Anno, Gomez ( o Luca Telese)
    380 - Gen 8, 2012 - 3:49 Vai al commento »
    Per Travaglio: Caro Travaglio, l'ho scritto, l'ho detto in Aula, in tempi non sospetti, così come ho detto dei "buchi" ( antichi e nuovi). La mia posizione ufficiale rimane ed è sempre la stessa: non i vari Direttori artistici ma il Consiglio di Amministrazione è quello preposto a sorvegliare e decidere i bilanci. Trarre le conseguenze.
    381 - Gen 7, 2012 - 4:17 Vai al commento »
    Mi fa piacere leggere che il Nuovo Direttore artistico Micheli abbia deciso\pensato di togliere quel terribile e orrendo termine SOF. Per la verità molti altri la pensavano come lui, e da tempo. Deve riemergere il nome della nostra città. Mi fa anche piacere leggere che il Sindaco esprima la sua valutazione sul Maestro Pizzi e non entro nel merito delle "problematiche" stilistiche, dico del botta e risposta, su un quotidiano locale. Noto, però, che vi è una alterazione della matematica, la quale ha caratteri di evidenza e incontrovertibili. Qui si dice che la Ricciarelli fece un grosso "buco" ( è vero), poi si dice che Pizzi "riparò" il buco, è probabile, ma mancano all'appello le due stagioni 2010 e 2011 ( dico di due buchi). Dunque non mi azzarderei ad esercitarmi sulla matematica mancante, lo farò nelle sedi Istituzionali. Ciò detto, e a dimostrazione di come la "matematica" , possa essere "offuscata" da un eventuale "clima romantico" del post Ricciarelli, vorrei ricordare agli storici dei Bilanci che il "buco" non inizia con la Ricciarelli. Provincia e Comune si addossarono due mutui giganteschi ( per vari miliardi, c'era le lire) tesi a moderare\obliare(?) il "buco" precedente. In quel caso non c'era la Ricciarelli, nè Pizzi io tantomeno il bravo Micheli, ma Orazi. Unicamente i bilanci e serenamente la "matematica" rendono giustizia alla storia. Che poi un sia un tifoso di Orazi, o Riccirelli, o Pizzi o Micheli, non è oggetto del mio interesse. Ad esempio io stimo Orazi e sostengo che le sue furono, a mio modesto avviso, le migliori stagioni, ma questo non dice nulla relativamente al Bilancio.
  • Lo Sferisterio, Cezanne e i soldi dei francesi
    UNA CITTA’ PER CANTARE

    382 - Gen 4, 2012 - 4:16 Vai al commento »
    Caro Mauro,hai scelto due "personaggi" davvero interessanti, Ivano e il Preside. Bellissimi i "quadretti parigini", dove si cela e trapela la tua "forza" narrativa. Se mi avessi dato un colpo di telefono ti avrei dato qualche indicazione "economica" relativa al passivo biennale della Lirica che probabilmente il coautore conosce. In questo senso avrei tentato durate il "giallo" di far trapelare che il Preside, dopotutto, non stava commettendo un "furto", bensì, magari con la "complicità" del Vescovo, avrebbe venduto il quadro agli zingari per ripianare il Bilancio ( sostituendosi agilmente, e con destrezza, al Consiglio comunale e forse anche per la statua di Matteo Ricci): Ciao vecchio "inviato di guerra" Mauro e un abbraccio da Guido.
  • Una tragedia che chiede di cambiare mentalità

    383 - Dic 29, 2011 - 4:34 Vai al commento »
    Ritengo che prendere una posizione in questa vicenda mi resta difficile, ed è abbastanza facile schierarsi da una parte o dall'altra. Il tentativo di sintesi che fa l'amico Roberto Mancini ha un suo valore. Però io tento una via o lettura diversa, diciamo sociologica. Dunque appositamente evito schieramenti, confessando che i due "ruoli" ( del ragazzo morto e di chi ha sparato ) non fanno parte della mia argomentazione. Vorrei parlare degli "immigrati". Diciamolo chiaramente: non credo che la Legge Bossi-Fini sia stata partorita in un Sagrato. Forse dalla Chiesa ha "catturato" o "tentato di imitare" o "rubato" l'anelito ecumenico e il "respiro" verso la fratellanza ( utilizzato come "sublime" motivazione). Ma io credo che questa Legge ( e le altre "milleproroghe" successive) siano il frutto, principalmente, di due cose: 1- l'oggettiva e "storica" spinta di popoli "meno abbienti" verso Eldoradi ipotizzati 2- ( soprattutto) la non dichiarata esplicitamente "necessità" di mano d'opera a basso costo i cui "mandanti" sono abbastanza individuabili e circoscrivibili. Ed è questo secondo aspetto che mi indigna o comunque mi fa pensare. Mentre in Italia ( la cui posizione geografica è "sensibile") molte "imprese" delocalizzavano ( da molti anni) perchè "altrove" gli immigrati che non erano ancora "emigrati" ma semplicemente altrove "costavano" ( e costano) poco, mentre in Italia-dicevo- si cercavano "risorse umane" ( forza lavoro?) estere e all'Estero, in Patria ( ?) si cercava di "accogliere" una porzione non piccola di tale "forza lavoro", con tutte ciò che ne consegue. Questo è un dato.Ma del resto anche in altre Nazioni sono presenti gli "immigrati". Attenti, però: nelle altre Nazioni non si sono specializzati, come noi, nelle mafie. Si, perchè noi ne abbiamo quattro, un vero marketing: la Camorra, la Mafia, la N' drangheta, la Sacra Corona. Inoltre nelle altre Nazioni, mi risulta, non vi è una evasione fiscale che ammonta a circa 120 miliardi di Euro l'anno ( oltre quattro Finanziarie), mi risulta che lo Scudo fiscale in Francia sia oltre il 30% ( non la "pulitura" del 5% come da noi, mi risulta, inoltre, che la Germania, la Francia e altri abbiano "obbligato" la Svizzera a "dire i nomi" di chi ha esportato contante, aggiungo che mi risulta che in questi ultimi mesi siamo "emigrati" all'Estero 11 miliardi di Euro, ricordo che Al Capone ( che "sparava") fu arrestato per evasione fiscale, mi ricordo che quando "fallirono" le Banche in America furono messi dentro un centinaio di colletti biachi ( che fine hanno fatto in Italia i Banchieri che "aiutarono" quel poverino di Tanzi\Parmalat? Forse ai servizi sociali. Oppure semplicemente non sapevano, tutto avveniva a "loro insaputa"?Chiedersi dunque il "perchè" di tale tragedia ( dico di Recanati), mi porta "anche" altrove, ma non credo di essere andato fuori tema. Empiricamente sono favorevole ad una Legge più "dura". Se la Polizia, i Carabinieri e le altre Forze sono "pagate", sono "di più" e sono più agevolate ( auto etc). magari si potrebbe destinare loro una parte di quei 120 miliaradi di Euro. Maroni, per ultimo, è stato un buon Ministro degli Interni e la sua lotta alla mafia, in qualche modo, un risultato l'ha raggiunto: sono stati confiscati alla mafia 30 miliadi di Euro. Dove sono andati a finire. Perchè non si mettono all'asta? Dobbiamo venderci il Colosseo?
  • Crepe e nuovi cantieri a Collevario
    Bocciato il tavolo tecnico di lavoro

    384 - Dic 22, 2011 - 4:42 Vai al commento »
    La domanda Ontologica posta da Davoli che interpreta Anselmo d' Aosta è fondamentale., sia in Storia della Filosofia che in Architettura. Tuttavia la domanda andrebbe posta all'ERAP , cioè alle Case Popolari perchè il Bando per l' aggiudicazione della Ditta, e quindi la gara, la stabilisce l'ERAP. Da quanto ne so ha vinto una ditta del Sud e, mi pare, con un ribasso da primato. Oltre il 40%. Mi pare tanto, anche considerando che il terreno è "malaticcio" e le fondazioni dovrebbero essere più costose. Ma, se non mi sbaglio, voglio indicare il nome di questa ditta anche ai nostri Uffici per le Opere pubbliche, poichè, da quanto vedo, si risparmia.
  • Macerata: scoperta e sequestrata
    una nuova casa di appuntamenti

    385 - Dic 4, 2011 - 3:33 Vai al commento »
    La "Cina è vicina", si diceva un tempo... del resto persino Tremonti ha scritto varie monografie sul "pericolo" cinese e sulla "forza" di quel mercato.... Restando nell' ironia mi auguro che (tre)Monti della cui professionalità " logico-matematica" non vi è dubbio, voglia inserire una "tassa" su questo genere di lavoro. Potrebbe essere una sorta di minimum tax o patrimoniale ad usum. Una sorta di tassa di scopo, simile a quella turistica. Ho motivo di ritenere che il Parlamento, vista l'urgenza di danaro di rientro, potrebbe votarla. I cattolici possono astenersi. Magari privatamente divorziando...
  • E’ morto il regista Ken Russell
    Storica la sua Boheme allo Sferisterio

    386 - Nov 29, 2011 - 4:11 Vai al commento »
    A tal proposito, e senza nostalgia ma con passione, voglio ricordare che l'anno prima, nel 1983, appunto, si formò in città, una associazione. Si chiamava Gruppo '83. Tra i fondatori, soci e "amministratori", il sottoscritto, Carlo Babini,Claudio Orazi, Mauro Perugini, Massimo Crucianelli, Giuseppe ( Peppe) Viali, allora presidente e tanti, tantissimi altri ( non me ne vogliano per l'assenza di citazione, ma è la memoria che mi fa difetto, perchè vorrei davvero ricordarli tutti): Ebbene, l'anno dopo, non appena "sbarcato" allo Sferisterio Ken Russel, un gruppetto di noi ( al quale si aggiunse anche Antonio Olmi, oggi frate Domenicano) decise di "fare un film documentario" a partire da Russel, un documentario che "includesse" anche Macerata. E così facemmo. Certo, non eravamo Rossellini o Fellini, ma certamente c'era questo desiderio di "utilizzare" la "firma" e il "nome" . Ricordo la sua assistente, bellissima, aveva il fascino della eleganza sportiva, on the road, e anche davvero simpatica. Fu Micio, l'amico Proietti, che ci offrì il contatto.
  • Sferisterio, la Provincia cala gli assi:
    Lacchè, Corradini e Bianchi nel Cda

    387 - Nov 26, 2011 - 3:07 Vai al commento »
    Condivido la "filosofia" sulla quale si fonda il tris di Pettinari. Con queste tre "apicalità", indubbiamente, le intersezioni e le sinergie possono\debbono moltiplicarsi. Tale "aumento valoriale" può essere speso per "garantire" un progetto ( e dunque un futuro) più solido. Fin qui la parte positiva e incontestabile. Ma ora mi concedo un dubbio, "metodico", come quello di Cartesio, che di "ragione" se ne intendeva. Dubbio non sulle nomine e sulla loro qualità\potenzialità. Ora è necessaro fare i "conti" ( economici), e loro, il CDA nuovo, dovranno necessariamente farli. Ora, essendo la matematica, almeno per molti, "universale", al nuovo CDA non " sfuggirano" i "buchi" ( passati) e, sempre matematicamente, non potranno sottrarsi ( nel nuovo progetto) ad elencare "matematicamente" la "spesa" di tale progetto. Il mio consiglio "cartesiano" è di attivarsi celermente sul nuovo Statuto e dirigersi verso la struttura della Fondazione. ( sempre ricordando che la somma "devoluta" alla Sferisterio fa parte del Bilancio del Comune, votato dai consiglieri comunali, votato, per rimanere con Cartesio, a posteriori, vale a dire "dopo" un progetto "convincente", poichè, a-priori è solo Dio o altre nostre Fedi.
  • “Venanzetti Cultura”
    con Filippo Davoli

    388 - Nov 25, 2011 - 5:11 Vai al commento »
    Auguro a Filippo il successo dell'iniziativa. Ovviamente parteciperò. E mi prenoto, fin da ora, per la serata "fumosa". Anzi, interverrò sul tema: Elogio del fumo. Trovo l'idea complessiva "eccitante", partendo questa anche dalla mancanza di fondi e assenza di sponsors. Sto preparando un poemetto sullo Sferisterio dal titolo " Come mandare il bilancio in fumo". Dopo interverrò con un poema eroicomico dedicato alla mancanza di sponsors dal titolo " Vostra Eccellenza che mi sta in cagnesco".
  • Sferisterio, il Comune dimostri senso di responsabilità

    389 - Nov 24, 2011 - 3:46 Vai al commento »
    Condivido le argomentazioni di Bruno Mandrelli, qualche passaggio, a mio avviso, è troppo "delicato", nello stile e nella forma, ma intuisco che essendo il Segretario comunale del partito di maggioranza, lo stile argomentativo abbia una sua dovuta necessità. Mandrelli, tuttavia, affronta coraggiosamente la querelle infinita che gira intorno allo Sferisterio. Al che mi sento in dovere ( e piacere) di essere sintetico e concreto. Premesso che con la mia interrogazione di Luglio ( ora è novembre) già rilevai diverse "falle" ( se eufemisticamente le vogliamo chiamare per amor di Patria così, per non dire altro..) nella gestione ( in atto e dell'anno precedente), premesso che mi sono espresso più volte, ufficialmente sulla stampa e in Aula, a proposito del "Malato-Sferisterio" ( e anche duramente) , premesso che quasi ossessivamente ho chiesto "lumi" sull'operato del Consiglio di Amministrazione, premesso, soprattutto ( e qui concordo pienamente e totalmente con Mandrelli) che il Consiglio comunale aveva deliberato il nuovo Statuto ( anche questo nell'Era paleolitica) , votato, si badi bene, all' unanimità, grazie anche ad una mozione che vede Mandrelli primo firmatario e io secondo, premesso che questo Statuto può essere giudicato da "qualcuno" abituato a vedere lo Sferisterio mai aperto ai privati, mai responsabile il Consiglio di Amministrazione, mai "monitorato" giorno dopo giorno il Bilancio, considerato che il Traghettatore non deve essere Mario Monti , e considerato, anche, come giustamente ricordato da discorotto, che le cifre a diposizione possono notevolmente ridursi, ritengo necessaria una terapia d'urgenza. L'IDV non concederà a nessuno "sconti" o "dimenticanze", poichè pare, da quanto è dato leggere, relativamente a sedute ed incontri ermetici ( qui e altrove, fuori Provincia...), incontri e summit nei quali si pensa di trovare il Salvatore-Traghettatore, e progetti ancora altrettanto "ermetici", l'IDV, dicevo, si riserverà "ampiamente" di ridurre "fortemente" la somma che nel Bilancio comunale ( perchè questo lo voto io e gli altri) sarà destinata alla Sferisterio. A meno che il Traghettatore-Salvatore Monti non convincerà la Germania a rinunciare al suo primato. Inoltre, mentre tutti cercano il Deus ex machina all'Estero, come ho già detto, se lui sarà d' accordo, chiederò al tenore Nazzareno Antinori ( durante una conferenza stampa) di dettagliare analiticamente i costi del suo cartellone e di spiegare, al pubblico ( e alla Stampa) alcuni "trucchi" del mestiere. Sarà una Conferenza altamente "pedagogica" ( parlo dei costi) Guido Garufi Segretario Conumnale IDV
  • Lo Sferisterio ritorni al futuro

    390 - Nov 20, 2011 - 4:40 Vai al commento »
    Travaglio e Cerasi: Caro Travaglio, lei fraintende, non mi pare che io l'abbia contraddetta. Anzi, il contrario. Il fatto che io abbia esposto la mia tesi di fondo, ovvero, "difficile" lettura dei Bilanci, l'ha colta bene Cerasi. Resta un fatto fondamentale e inequivocabile: Io, e solo io, ho presentato in Consiglio l'interrogazione di Luglio ( relativa alla stagione in corso e quella precedente) dalla quale apparivano "nodi" irrisolti: sartoria, Così fan tutte, diritti di ripresa, rapporti con Jesi e tante altre cose, molte. Ho detto, pubblicamente, e in Aula, come mai il Consiglio di Amministrazione abbia "consentito" lo sforamento, ho più volte ribadito che, giuridicamente, è il Consiglio di Amministrazione che delibera il Bilancio preventivo e ha sottomano quello consuntivo e ne trae le conseguenze. Ho detto in Aula, durante il voto di una ultima mozione, da tutti votata, e presentata da Sel che chiedeva di pubblicare in internet gli incarichi delle Partecipate, che è "anche" una Partecipata lo Sferisterio ( e sono stato ironico e sarcastico e duro). Perchè tutti pensano che le Partecipate siano "solo" la Smea e l'Apm, quando a me non pare, affatto... Credo di aver fatto la mia parte, anche come IDV. E spiego perchè: non ho mai fatto interrogazioni o mozioni su "materie" sportive e "docili-poetiche", non ho convocato mamme e bimbi in Consiglio in attesa di campi da gioco, non ho "populisticamente" convocato "giocatori" che, giustamente, chiedono spazi o patrocini. Ho fatto, invece, una mozione "contro" l'Italgas ( che non è l'ultima dei Moicani), grazie a questa molti operai e impiegati che dovevano essere trasferiti a Civitanova, rimarranno a Macerata. Ringrazio Mus rugens che ha compreso la "sostanza" di quanto ho scritto. Mi riprometto di non intervenire più su questo tema, perchè mi sento "solo" ( non tanto per le eventuali "critiche" che legittimamente possono\debbono apparire dai post) parlo di una diversa solitudine.
    391 - Nov 19, 2011 - 4:16 Vai al commento »
    Caro Travaglio, forse intuisco chi lei sia, ma, mi creda, non ne sono sicuro, e quindi non mi azzardo.Però le rispondo e con questo tento di chiarire, ancora di più la mia posizione che riguarda tre temi spesso su CM evocati: 1- Bilancio 2- Direttore artistico 3- Ruolo del CDA. 1- Molti amici di CM, e anche giustamente, Cerasi in primis, chiedono le voci analitiche del Bilancio ( e dei vecchi Bilanci), poichè "solo" dal Bilancio preventivo e consuntivo si ha la vera radiografia. Questo è vero, ma, mi creda, è "anche" grossolano. Ovvero, mi spiego meglio e informo che su tale tema ho dibattuto a lungo in maggioranza. Vede: se io, poniamo, delibero una cifra 10 per realizzare un ponte, significa che quel numero è, grossolanamente, ciò che occorre per costruirlo. Se la ditta che costruisce, furbamente, mi presenta un conto terminale di 15 ( e io pago 15), resta abbastanza "facile" definire e individuare la "tecnica" con la quale la Ditta, "aggirando" il vecchio costo sostiene che 15 e solo 15 è la cifra reale che si doveva spendere per quel ponte. Ma volendo fare una indagine seria e analitica dei costi "lievitati", poichè parliamo di ponti, molte "magagne" possono affiorare. Così non è per un Bilancio di una Stagione lirica. La superfetazione del preventivo trova, mi consenta la citazione appropriata di Montale", "nascondigli, cripte e buche", per nascondere-giustificare tale "aumento". In sintesi, un Bilancio come quello dello Sferisterio non può essere analizzato ( questa è la mia tesi) "solo" da un economista e\o commercialista e\o avvocato, tantomeno da un "amante" della Lirica ( con tutto il rispetto). Al contrario sarebbe necessario, per fare vera luce, la presenza di un esperto. Per esperto intendo più semplicemente una persona informata sui fatti. Per fatti intendo dire "costi reali" di alcuni "segmenti" che costituiscono, nell'insieme, la realizzazione dell'Opera. E per esperto, intendo, ad esempio, una persona che mi possa dire, ad esempio ( ma l'esempio è estensibile), qualora io volessi fare, che so, l'Aida, che se io affitto l'Aida, la scenografia, intendo, da Caracalla, questa mi costa esattamente 25.000 Euro. Questo è un costo certo. E così via, per altri segmenti. L'esperto, poi, poichè giustamente tutti vogliono celebrare Svoboda e i suoi meravigliosi specchi e molti dicono al bar, o per strada, riferisco letteralmente " facciamo la Traviata di Svoboda, così utilizziamo la vecchia scenografia che è nel magazzeno e così risparmiamo e ci facciamio anche una bella figura" ( tesi incontestabile, dico io) a costoro vorrei chiedere se, nel frattempo, hanno inviato qualche epsrto a vedere cosa c'è rimasto di quella meraviglia. Forse i topi e gli specchi da rifare totalmente. Dunque c'è un costo. A quanto ammonta questo costo? Vorrei chiedere a quelli del bar... Oppure replichiamo lo Svoboda 2, quello di Jesi. Ma in quel caso gli specchi e la scenografia, non fu forse miniaturizzata? Quali specchi Jesi ha esportato fuori. Quelli utilizzabili per radersi la barba al mattino? ( parlo della grandezza). Penso di si. Jesi è un bellissimo piccolo Teatro, si da il caso che il nostro palcoscenico sia il più grande d'Italia. Oltre 90 metri. Non ci siamo. Duqne, concludo il punto 1: il Bilancio di una Stagione lirica è "sempre" enigmatico per le argomentazioni che ho portato. Ma l'enigma si scioglie quando risponderò al punto 3. 2 Direttore Artistico: un Traghettatore, un Guru, un Mario Monti, Un Salvatore? Per quanto mi riguarda un Traghettatore, capace, con le sue conoscenze, di spendere, questo anno, di meno e di fare il possibile. Se è un Traghettatore "civile" si farà da parte quando, e solo quando, ( come Monti), la Politica avrà fatto non un passo, ma dieci, indietro. E' ovvio che io ho un nome in mente, ma, mi creda, caro Travaglio, io non conto nulla. Sarà, però, mia soddisfazione, dimostrare, con una conferenza stampa, quanto si poteva spendere ( di meno) una volta arrivato il Messia a Macerata. Il Traghettatore avrebbe anche il compito di recuperare tutte, ma proprio tutte, le forze maceratesi che da sempre lavorano e hanno lavorato per lo Sferisterio, perchè è un "insulto" storico e umano far credere alla gente e alla nostra città che la Stagione lirica ( come si chiamava una volta) è nata e cresciuta "grazie", anche, alla Scuola maceratese che vedo dispersa e disperata. Passo a Tamara Moroni che ho letto sempre con passione e condivisione. Quanto ha scritto su CM ieri l'altro è fondamentale. La tesi della Cattedrale "intorno alla quale" si riconosce la Città, ha bisogno di quella direzione di sviluppo. Tamara sarebbe una donna da utilizzare, per le sue idee, che non sono "solo" dettate dalla passione ma da una esperienza certificata. Sto parlano di Tamara come "protesi" ( mi scuserà Tamara) o "gancio" per lo sviluppo e la realizzazione di ciò che dovrebbe "girare intorno e in città" d'estate, facendo torsione e fulcro sullo Sferisterio. 3- CDA: siamo alle dolenti note.L'attuale nuovo CDA dovrà, a mio avviso, essere "bestiale", consapevole, cioè, che non riuscirà, mai, a comprendere pienamente la sofistica e falsa "venatura" del bilancio (non a caso citavo Montale): Però potrà fare una sola cosa, certa e indiscutibile: indirizzare qualsiasi Direttore "dentro" la somma di Bilancio a sua ( del Direttore) disposizione e ripudiarlo se le cose non vanno bene. In Italia c'è il divorzio. L'attuale CDA dovrà avere una seconda funzione di traghettamento, indirizzare l'Associazione verso la Fondazione. Cioè verso i privati. P.S Travaglio mi chiede i Bilanci: ho già detto che nel biennio 2010-2011 oltrepasseremo gli ottocentomila euro. Attendiamo le carte ermetiche dove sarà "giustificato" questo buco. Purtroppo in Italia non esistre il "falso in Bilancio" e la Chiesa prevede il pentimento, pardon, il "ravvedimento", che mi pare, sia uno dei tanti termini per "condonare".
    392 - Nov 18, 2011 - 20:40 Vai al commento »
    Cara Alessandra, bell'articolo,ma occorre fare alcune precisazioni "storiche". Il debito di 5,9 miliardi era più "grande". Più tardi si "allargò" con la Ricciarelli. Il debito, nel biennio 2010-2011, a mio avviso, si aggirerà su 1 milione di Euro. Questi i fatti, indipendentemente dagli indotti. Sono pronto a scommesse e non ad accettare "farse" contabili, altrimenti vale la tesi del pollo di Trilussa, o il gioco delle tre carte che si fa a Forcella, a Napoli. Detto questo, parlando di Così fan tutte, obiettp che mi pare "tantino" deliberare 350.00 Euro per un opera, bellissima, per carità, da far invidia alla Idea del Bello di Platone, posta nell'Iperuranio, ma certamente "oggetto" di materia psicoanalitica: come si fa a deliberare una cifra così grande, quando si sa, a priori, che la biglietteria non potrà "incassare" più di 10.000 Euro al teatro Lauro Rossi? Dice bene Cherubini, quando parla della "responsabilità" del Consiglio di Amministrazione. E poi "basta", e anche qui sono in accordo con Cherubini, basta con questa sorta di provincialismo che vede nello Straniero ( non quello di Camus) il Guru o il Salvatore. Inoltre la tesi del Traghettatore che si "umilierebbe" per il contratto di un solo anno, non la vedo giustificata. Anche Monti, al Governo, non ci starà una vita. Eppure è "bravo", indipendentemente dalle nostre convinzioni politiche. La mia speranza è che l'Associazione vada verso la Fondazione e quindi dia l'accesso "legislativo" ai privati. Io non ho mai fatto un nome di Direttore-traghettatore, ma sono pronto, carte alla mano, a dimostrare che una buona stagione lirica si può fare, addirittura con un budget ridotto. Al momento opportuno tirerò fuori le carte e i costi "reali" delle Opere, dei registi, dei direttori d'orchestra. Ne vedremo delle belle.
  • Nulla di fatto tra Cosmari e Comune di Macerata per l’acquisizione di Smea

    393 - Nov 18, 2011 - 3:15 Vai al commento »
    Jordan: concordo pienamente e la cifra da lei riferita è pressochè verosimile.In più la informo, a proposito del Cosmari, che anche "loro" hanno uno sbilancio di2,5 milioni di Euro. Non è "per caso" che sono i Comuni che al Cosmari afferiscono a dover "ripianare" lo sbilancio?
    394 - Nov 17, 2011 - 3:37 Vai al commento »
    Il Sindaco aveva ricevuto dalla maggioranza, tutta e senza distinzioni, il mandato di realizzare il "matrimonio" tra Cosmari e Smea, poichè l'indirizzo politico era appunto quello di preferire accorpamenti pubblico su e con pubblico. Ci ha provato in ogni modo , ma le condizioni erano capestro, una sorta di "tranello" che si è allungato nel tempo. Se qualche filologo ( ed economista) avesse letto i contratti che si sono dilungati nel tempo avrebbe perso la testa o estratto la pistola. Il sottoscritto, che non viene parente alla nota sensitiva Pasqualina Pezzola da diversi mesi "avvertiva" il pericolo, vale a dire la portata per il s...Fui e sono stato una inutile Oca del campidoglio e ho inutilmente "sbraitato" avvertendo i romani della discesa del Galli, pronti al saccheggio della città eterna. Così come avvenne per Troia e per il fallace cavallo è avvenuto per la "relazione pericolosa" Smea Cosmari. Non essendo, tuttavia, esperto in scienze occulte o paranormali, farò un corso per affinare questa mia tendenza. Magari potrò contribuire di più con la mia eventuale arte divinatoria che con la ragione ( meglio il ragionamento). Ora dobbiamo correre ai ripari, e presto. Sia tutelando gli operai della Smea sia studiando un piano di inglobazione della stessa. Fin da ora consiglio al Sindaco di non ritirare i ricorsi al TAR che facemmo contro il Cosmari, poichè li vinceremo. Almeno questa volta pagano loro.
  • Se la politica fallisce
    ben venga il tecnico

    395 - Nov 16, 2011 - 3:57 Vai al commento »
    A me piace molto il titolo: se la politica fallisce, ben venga il tecnico. Sono consapevole che molte "critiche" si possano fare al Professor Monti ( come l'articolata informazione di paoolo suggerisce), eppure, tento di essere ottimista. E' il titolo che dice tutto. Se la politica fallisce. A quanto pare ha fallito. Ma se la politica non vuole definitivamente fallire può approfittare di questo interregno. In che modo? Se la sinistra o quelli che si dicono vicini alla "famiglia" ( nel senso cattolico) sono davvero tali, dovrebbero votare o suggerire a Monti qualche "ricetta" più strutturale di quelle proposte\imposte dall'Europa: due in particolare a- la patrimoniale b- l'Ici. Fatto questo, poichè tutti si dichiarano "europeisti" ( destra, sinistra, centrodestra, centro sinistra, centro, rosa dei venti e via vomitando) e da molto tempo,troppo, Il Governo ( ma anche altri) sta "ossessivamente" cantando la stessa canzone ( imitiamo le pensioni dei nostri fratelli europei, imitiamo Giustizia europea, imitiamo le Università europee, dimenticando -lapsus?- che gli stipendi europei, le pensioni europee non sono da fame...) chiedano al Professor Monti, più "europeo" di tutti ,di ipotizzare una "riforma fiscale e tributaria dello Stato" di modello europeo e di farla votare al Parlamento Risorgimentale che abbiamo. Vediamo chi voterà. E' una cartina al tornasole. Dopotutto 120 miliardi l'anno di evasione non sono una cifretta, come non è una cifretta l'ampia "nomenklatura" rilevata nel file bancario "svizzero" sul quale, con potenza, è intervenuta la Francia e l'america ( noi no, e non c'era Monti) Vediamo se destra e sinistra sono più o meno cattolici "solo" sulle staminali e sulla procreazione assistita. Quanto alla simmetria Monti\Comune di Macerata non trovo analogie. Mi pare che Carancini non faccia parte del gruppo Bilderberg ( al quale faceva riferimento anche Prodi, intanto, e non solo Monti). Relativamente alla Piscina e al Palazzetto se avessimo avuto i soldi dell'ICI che più non abbiamo ( circa 2 milioni di Euro) altra sarebbe stata la storia. Se però i "privati" si fanno avanti con proposte serie ( e pubbliche) ritengo che l'Amministrazione non si tirerà indietro.
  • L’Università di Macerata assegna
    la laurea honoris causa a Edgar Morin

    396 - Nov 15, 2011 - 3:13 Vai al commento »
    E' davvero lodevole che la nostra Università conferisca la laurea honoris causa da un Maestro indiscutibile del nostro Novecento e più in particolare a Morin. In un periodo di frammentazione e di "ribaltamento" valoriale la lezione di Morin è insindacabile, autentica e vera. Altro che etica dell'Impresa ( con tutto il rispetto). Altro che "sbandieramento" delle magnifiche sorti e progressive incarnate ( dogmaticamente) dall'Economia.
  • I costi delle Partecipate
    Macerata e Civitanova a confronto

    397 - Nov 16, 2011 - 4:17 Vai al commento »
    Maurilio Bisonti: concordo pienamente.
    398 - Nov 15, 2011 - 3:03 Vai al commento »
    Per Cerasi: Il Consiglio di Amministrazione dello Sferisterio è privo di gettone di presenza, è totalmente gratuito. Questo anche nella precedente Amministrazione e, mi pare, da sempre Il Consiglio di Amministrazione di Macerata Cultura, ai tempi presieduto dall'ottimo Presidente dottor Vittorio Zazzaretta ( io ero dei componenti del vecchio Consiglio) con delibera del Consiglio stesso annullò il gettone di presenza che era previsto ( autodelibera, dunque), non hanno alcun gettone di presenza i Consiglieri di Amministrazione dell'IRCER.
  • Alessandra Machella, tra musica pop e anatomia femminile

    399 - Nov 14, 2011 - 2:25 Vai al commento »
    Ciao Alessandra e auguri. Saluta la mamma e il papà Claudio, Guido
  • I lavoratori dello Sferisterio
    “Noi come la Best”

    400 - Nov 12, 2011 - 4:13 Vai al commento »
    Condivido la sostanza della tesi di Travaglio. La questione "sociale" ( e dunque economica) di chi lavora allo Sferisterio non può essere elusa. E c'è un solo modo: utilizzare tutte le possibili maestranze locali ( tutte), affidare non dico al premio Nobel Modigliani una direzione ad interim, dare massima delega al nuovo Consiglio di Amministrazione perchè sia lui, e non altri, il soggetto "reale" e deliberante del "traghettamento", rinunciare agli "eccessi di bellezza", produrre Opere fortemente popolari, per un anno o due facendo economia. Ma la faccia il nuovo Direttore ( economia) e gli spari il Consiglio di Amministrazione se deraglia. Non ci sono altri sistemi. Chi si ostina a pensare che verrà il Salvatore, o è in mala fede, o non capisce nulla ( o fa finta di non capire). Io ho in mano ipotesi che dimostrano ( carte alla mano) che un programma popolare si può fare, e con costi inediti.Si sforzino i nuovi consiglieri di amministrazione o altri a recepire fondi europei, trovino altre mucche da mungere. Farsi pagare dai soli noti, anche mia nonna ci riesce. Guido Garufi Capogruppo IDV Comune di Macerata
  • La lunga notte di Montefano
    Gli operai raccontano il dramma

    401 - Nov 12, 2011 - 3:58 Vai al commento »
    Mentre leggevo l'articolo pensavo, data la sua tensione stilistica ed espressiva, a qualcosa di triste e malinconico. Rileggendolo sono sicuro di trovarmi davanti o ad un giallo di fantascienza o, meglio ancora, ad un film dell'orrore. La storia raccontata nella sua crudezza e realtà è semplicemente bestiale. E a chi dice, anche giustamente ma accademicamente , che una fabbrica, comunque, può chiudere, dico che sono in accordo, ma ad un solo patto che è questo: quando la fabbrica andava bene e pagava le tasse avrei preferito che la Guardia di Finanza, nottetempo ( per restare nel "climax" di Ricci) avesse fatto una incursione, non solo questa, ma anche l'Agenzia delle Entrate. Avrei preferito, poi, che non vi fosse stata la sanatoria, tutta italiana, che ha previsto come "non reato" il falso in bilancio ( credo che sia reato anche in Africa) ed inoltre la possibilità di "lavare" ( questo è il termine esatto) il danaro all'estero. Manovra chiamata arditamente Scudo fiscale, tutta italina, con il 5% di rientro per lo Stato, quando in Francia è il 35%. Nessun altro commento.
  • Quella notte che Casanova
    alloggiò alla locanda di Valcimarra

    402 - Nov 18, 2011 - 20:44 Vai al commento »
    Enossam: stupenda citazione.
    403 - Nov 18, 2011 - 2:50 Vai al commento »
    Caro Gabor, molto bello il testo, tra paradosso e cronaca di viaggio. Il colore mi ricorda Il Novellino del Sacchetti.
  • Incarichi legali nel Comune di Macerata
    La Giunta ha speso 155 mila euro

    404 - Nov 12, 2011 - 4:29 Vai al commento »
    G. R. Festa: la sua analogia, con il "rientro" di danaro grazie alle intercettazioni è perfetto. Non perchè io sia il Capogruppo dell'IDV, ma perchè è così. I dati sono stati forniti dal Ministro degli Interni. Le cifre "recuperate" sono altissime. Ridotta è, invece, al contrario, la cifra di rientro per quella operazione di "lavaggio di danaro" che si chiama Scudo fiscale. Al 5% in Italia e al 35% in Francia, tanto per un esempio viciniore. Attenzione, in Francia che, come nelle altre nazione Europee vige il Falso in Bilancio, reato azzerato dall'attuale Governo. Forse non in Africa.
    405 - Nov 11, 2011 - 5:46 Vai al commento »
    Avv. Marchiori: condivido pienamente la sua tesi. So anche che alcune amministrazioni si sono "dotate", sono improprio nel termine, di una "convenzione" per il contratto con avvocati. Mi permetto solamente, scorgendo la lista dei nomi, di sostenere che molti di quelli scelti dal Sindaco e Giunta non facciano parte della "nomenklatura" o comunque di un vichiano "ciclo" di corsi e ricorsi storici. Questo non esclude, però, che sia giusto redigere una preventiva Convenzione.
  • Carbonari: “Piscine di Fontescodella,
    una questione da portare in Tribunale”

    406 - Nov 8, 2011 - 2:58 Vai al commento »
    Nella analitica descrizione del contratto tra le parti, manca una parte fondamentale: la ditta recepisce circa 4 milioni di euro ( Comune e Università) ed ha un affidamento per 37 anni, fin qui va bene. Ma poichè la ditta, o chi per questa, dovrà pagare i costi di gestione, per gli stessi anni ( 37) avrà a disposizione 2.300 metri quadrati di commerciale da affittare ai fini di rientrare nei costi. Dunque il "contratto" ingloba sia un onere finanziario per il Comune ma anche la "cessione" o meglio "concessione" dei metri quadrati commerciali da poter affittare.
  • La cultura è sviluppo

    407 - Nov 7, 2011 - 3:00 Vai al commento »
    Come ho avuto modo di dire, anche in maggioranza, la tesi di Pietro Marcolini, ultimamente rilanciata con la formula dell'Umanesimo ( febbrile e fabbro) è condivisibile. Infatti, una cosa è strutturare a livello regionale un Organon capace sia di essere centripeto quanto ad assemblaggio e confluenza del mondo dell'impresa ( e della finanza) altro è l'autonomia gestionale e direttiva delle singole eccellenze ( tra le quali il nostro Sferisterio). Alcuni "segmenti" delle singole eccellenze possono essere più agilmente realizzate e governate ad Ancona o da Ancona, se questo implica, come spero, persino "risparmio" o comunque forza maggiore di lancio delle singole ( ma anche unitarie) Immagini delle Marche. In questa dialettica, tra centro e periferia, nessuno perde, ma ognuno può ricavarne un surplus. Rimane il dubbio dell'amico Bommarito che vede una "simmetria" tra concentrazione "sanitaria" ad Ancona ed il resto del mondo. Tuttavia ritengo che tale "analogia" non sia piattamente applicabile nel nostro caso ( cultura, spettacolo, turismo). Gli interessi "sanitari" hanno un peso ed un percorso ben diverso, molto diverso ( e dico purtroppo). In un periodo di crisi, anzi, diventa necessario spostare verso direzioni inedite ( di qui l'Umanesimo) la "questione" culturale, vista anche come ampio indotto lavorativo. Compito della Politica è non fermarsi alla semplice "realizzazione" di cose "belle", ma anche, non rinunciando alla qualità, alla stessa "funzione" pubblica e sociale degli eventi.
  • Come amministrare la città in tempo di crisi
    La ricetta di Sel – Sinistra per Macerata

    408 - Nov 7, 2011 - 3:23 Vai al commento »
    Axel: Gentile Axel, quello che lei dice circa i dirigenti è vero e incontrovertibile.Per non scendere nei particolari ( dico dei nomi, poichè è davvero maleducato farli) le assicuro che in maggioranza io ( non solo io) mi sono battuto per togliere ( in Bilancio, quello passato) alcuni "premi di produttività" . Non c'è stato niente da fare. Dopo averi sbraitato e anche urlato "solo" 5.000 euro sono riuscito a far "togliere" da una somma considerevole che si aggira sui 50.000 Euro e oltre . Registro la mia impotenza. Le assicuro, tuttavia, che farò una conferenza stampa dettagliatissima per farle conoscere ( e non solo a lei) anche "legittime" percentuali che vanno oltre ai "premi di produzione" ai quali faccio riferimento riferite a dirigenti o loro dipendenti apicali che, per legge, incamerano altri emolumenti sul lavoro svolto.
    409 - Nov 5, 2011 - 20:28 Vai al commento »
    Ho firmato, insieme a tutti i capigruppo di maggioranza, la mozione sulla trasparenza che il collega Tartabini mi ha illustrato.E' necessaria , soprattutto in questa fase dove volano incarichi erga omnes. Condivido, inoltre,la tesi della Sel sulla piscina. Si alla piscina ma no a quella piscina, a quell'enorme esborso, a mio avviso non dovuto, su quale deve essere fatta chiarezza. E' necessario ridimensionare i progetto per stare nei vecchi costi e nel vecchio contratto. I lati della vicenda non sono chiari, anzi sono troppo in ombra. Così anche della questione della vendita Smea-Cosmari, sono circa otto mesi che vado "urlando" nelle sedute di maggioranza ( tutti i miei colleghi sono testimoni) questa frase, al Sindaco: " Stai attento, Romano, perchè ti troverai, e ci troveremo, in una trappola. Il Cosmari ci porterà alle Calende greche proponendoci cose improponibili.Alla fine saremo in una situazione di emergenza, dunque fin da ora ( otto mesi fa) dobbiamo parallelamente cercare un piano B, alternativo" . Pare che la profezia di Celestino si sia avverata, pur non essendo il sottoscritto un parente alla lontana di quel Papa o amico intimo del Mago Otelma. Guido Garufi Capogruppo IDV
  • Racconti di spaccitti e osterie
    in attesa di un riconoscimento

    410 - Nov 7, 2011 - 2:40 Vai al commento »
    Caro Gabor, ancora complimenti per questo tuo secondo intervento. Una curiosità: puoi dirci qualcosa in più sul logo regionale? Voglio dire, è solo un riconoscimento ( dovuto, io credo) o anche, come spero, qualcosa che "garantisca" la resistenza\esistenza di queste piccole e civilissime aggregazioni, o piccoli fari nel mare sterminato ( e bellissmo) della nostra campagna? Ti ringrazio, Guido
  • Ezra Pound a Macerata

    411 - Nov 13, 2011 - 5:06 Vai al commento »
    Conobbi la figlia di Pound, Mary de Rachelwitz, ottima traduttrice che vinse appunto il Premio Sibilla Aleramo a Civitanova, premio che dirigevo insieme ad Antonio Santori, purtroppo recentemente e prematuramente scomparso. E' vero, il messaggio di Pound può sembrare equivoco, ma non la sua "sostanza" sul tema permanente dell'Oro e dell'Usura. Tema, fra l'altro, "fondamentale" se si leggono alcuni documenti ( anche dottrinali) della Chiesa. Purtroppo il suo messaggio ( di Pound) viene "azzerato", anche strategicamente, per la sua ( di Pound) "vicinanza" al pensiero totalitario. Ma tante ne potrei citare di "vicinanze", a partire dalla prima edizione della Allegria di Ungaretti, introdotta da un grande critico letterario, Benito Mussolini, per non citare Heidegger ( questa volta nei confronti di Hitler).Di fatto lo "spunto" poundiano, "attualizzato" lascia pensare e riflettere. Parlo della Banca diventata una sorta di dogma o metafisica, e della Economia che "piega" la Politica, di qualsiasi segno, alle sue ( della Economia) ragioni e vessazioni. Non casualmente Pound il cui pensiero dovrebbe essere ancora "riletto" preferiva Guinizzelli a Cavalcanti, insomma una lettura "corsiva" ed "eretica", che male non farebbe oggi.
  • Lo Sferisterio secondo Pasqualetti
    “Fare sistema per andare avanti”

    412 - Nov 2, 2011 - 3:48 Vai al commento »
    E' apprezzabile e condivisibile per "realismo" l'idea di fondo che muove l'argomentazione di Renato Pasqualetti. Dico del taglio politico e "sociale" che sta dietro e dentro il suo intervento. Quanto lui propone deve essere infatti letto, e così io lo leggo, nell'ottica di una "cultura" che non sia solo ed unicamente un "oggetto estetico", vale a dire di qualità ( che comunque è inclusa nella argomentazione),quanto nella sua "funzione sociale": dico dei posti di lavoro, parlo dell'eventuale indotto,, insomma, in quella direzione e "investimento" che è il compito fondamentale della Politica. Quando siamo alle strette con tagli bestiali, quando una classe politica ( non solo di destra, dico del Parlamento) non riesce ( o non vuole o non volle) "sanare" se non con condoni e altre miserie l'Italia che stava ( e sta) franando, allora si è certi che l'allarme non è cosa effimera. Si ritiene "strutturale" la riforma delle pensioni e si aggira la questione italiana, il suo male cronico, che è e rimane l'evasione fiscale più alta del mondo, si dice che dobbiamo essere europei o americani, dimenticando che Al Capone fu arrestato per evasione fiscale, si autorizzano gli evasori che hanno portato all'estero i capitali chidendo per il rientro l'Obolo di San Pietro del 5%, quando in Francia è il 35%. Si dice che dobbiamo adeguarci all'Europa, dimenticando che gli stipendi e le pensioni dei nostri amici europei non sono da fame. Bene, in tutta questa bizzarra Opera Buffa o vero Melodramma, insomma in un periodo di "crisi" io ritengo che la Cultura possa non essere solo "fruizione" ma occasione di lavoro. E vengo a Macerata, al nostro Sferisterio, non sottraendomi al dibattito. L'ipotesi della Struttura regionale non è da azzerare, se questa, come sostiene Pasqualetti, funge unicamente da "coordinamento" o, se si vuole, intercettazione e coordinamento di alcune eccellenze, ai fini di un risparmio. Altra cosa è lo Sferisterio, la sua identità, la sua tradizione. Uno Sferisterio che noi amiamo ( negli attivi e nei passivi di bilancio) ma che noi dobbiamo risolvere nella attuale patologia. Il nuovo Statuto voluto dal Comune e votato alla unanimità è uno "strumento" che potrà mobilitare nuove energie e, come spero, una relazione diversa con i privati. Non ho mai partecipato al toto Direttore, ritenendo questo anno di transizione, una transizione che dovrà però essere "attiva", concreta. A mio avviso spetta al nuovo Consiglio di Amministrazione essere in "nuovo" soggetto, forte, capace di guidare questo anno difficile. Sappia questo nuovo Consiglio recuperare ( a proposito di lavoro) quella Scuola di Macerata che ( fin dai tempi di Calise, passando per Orazi) ha lavorato con passione, impegno e anche sacrificio. Si parta dal basso, da noi, dalle maestranze, si faccia una Traviata con ciò che già c'è nel magazzeno, si facciano sacrifici per questo anno, ma si facciano con i maceratesi. Qualsiasi sia il Direttore che verrà, o il Traghettatore, stia, agli "Ordini" del Consiglio di Amministrazione, con bilanci preventivi chiari ed analitici come i consuntivi.
  • Si apre il sipario della rassegna jazz al Lauro Rossi

    413 - Ott 31, 2011 - 4:05 Vai al commento »
    Mus rugens: confermo la notizia "d' archivio" di mus rugens. A questa aggiungo, e molti se lo ricordano, che fu proprio Paolo Piangiarelli ad inaugurare ad un quarto degli anni '70 un Festilval Jazz. La città ( e lo Sferisterio) erano "pieni", persino di sacchi a pelo. Ci fu una querelle politica: dissero che "sporcavano" ed erano pericolosi. Tutto finì. L'Umbria ci rubò l'idea. Penso che proprio Paolo ( Piangiarelli) possa insieme ai tanti "amanti" del Jazz ( tra i quali voglio annoverare il mio amico e ottimo pianista " in proprio" Giorgio Ballesi, attualmente consigliere comunale) possa e debba essere il "capo" di una ricca e fertile Armata Brancaleone, diretta dal Maestro Mike Melillo, da più di venti anni residente a Macerata. A costoro dovrebbe essere affidata, anche durante l'estate, la direzione di attività ed eventi di qualità e indubbiamente "popolari". L'assessore ( Manzi) ha recuperato questo filone che prosegue, per intermittenza, anche "durante" i Regno di Bianchini. Mi corre l'obbligo di segnalare che fu durante l'Amministrazione Menghi che il jazz ri\prese l' impulso ( cinque serate nelle piazze, d'estate, art director: Paolo Piangiarelli). Penso anche che l'Amministrazione debba o possa operare "pacchetti tematici" alla ricerca di ulteriori finanziamenti, ad esempio coinvolgere i Commercianti. Insomma cercare, anche , canali alternativi al bilancio usuale ( usurato):
    414 - Ott 27, 2011 - 2:51 Vai al commento »
    Ottima l'impostazione data dall'Amministrazione ( da Irene Mnazi, nello specifico). Allargare la fruizione della musica "classica" ( Sferisterio) alla musica "altra", il jazz, nel nostro caso. A Macerata, grazie anche a Piangiarelli, c'è un vero forziere di "amanti del jazz". E questa è, anchel la dimostrazione di come si debba e possa, cercare, altrove strumenti per un "diletto pubblico" che non va solo alla prima della Tosca. Tenterò di aumentare, in fase di bilancio, queste voci, proprio per i residenti ( affinchè non diventino resistenti). Lirica si, ma anche il resto del Pianeta, la poesia, ad esempio.
  • Sferisterio: cosa sta succedendo?

    415 - Ott 27, 2011 - 2:17 Vai al commento »
    Marco Travaglio: Caro Travaglio, io, mentre gli altri parlavano ( e altri non parlavano affatto, anzi, volontariamente tacevano) feci questa estate una interrogazione analitica, dove vennero fuori tante cose. Una per tutti: deliberare 350.000 Euro per Così fan tutte al Lauro Rossi quando si sapeva, fin dall'inizio, che sarebberi rientrati 10.000 Euro. La mia interrogazione che era composta di 16 quesiti secchi, affrontava il tema della sartoria ( che venne poi alla ribalta, mentre tutti tacevano), dello "strano" contratto per le riprese televisive, del "paradosso" del arpporto tra noi e Jesi, e altre cose.Oggi, mentre tutti parlano di Pizzi si o no, mentre tutti vogliono un Traghettatore, io insisto su una ammanco\debito che si aggirerà ( per due anni) su un milione di Euro. Ma non peroccuparti, caro Travaglio, poichè sto preparando una seconda interrogazione che riguarda alcuni "contratti" e rapporti con altre città. Ne vedremo delle belle. Ti saluto Cordialmente, Gomez. Vittorio Zazzaretta: Caro Vittorio, persone coraggiose e precise come te, ce ne sono poche in giro. Sottoscrivo tutto quello che dici nel tuo intervento e mi dolgo profondamente della tua assenza o in Consiglio o come Presidente di Macerata Cultura. Essere in Consiglio, significa, anche, fare interrogazioni e porsi apparentemente "ciontro" la tua maggioranza o il Sindaco. In verità i contributi critici sono sempre apprezzabili e mai debbono, o dovrebbero, essere evasi. Ora un difesa del Sindaco, Meschini prima o oggi Carancini: abbiano i Sindaci la forza di essere "forti", di garantire, cioè, sia il pareggio di Bilancio, sia manifestazioni gradevoli e popolari. Lo Sferisterio non può essere una "Arena" dove lo sbilancio e il passivo può essere sopportato. Non cadano i Sindaci nel "provincialismo", ovvero di "inchinarsi" a quel Maestro o quell'Altro, perchè i soldi ( anche quelli che loro guadagnano) sono i nostri. Ritengo che Carancini abbia tutte le informazioni in mano per procedere e vi posso assicuare che "governare" una "cosa" anfibia e equivoca come una Stagione lirica, non è facile.
  • Massimiliano Rosolino a Macerata
    “Mai visto un capoluogo senza piscina”

    416 - Ott 27, 2011 - 2:42 Vai al commento »
    Tex Willer: Il suo intervento è interessante, sostanziale, totalmente condivisibile. La ringrazio, indirettamente, per aver fatto luce sull'eccesso di ombra , Kit Carson
    417 - Ott 26, 2011 - 2:42 Vai al commento »
    Mi aggiungo al coro degli amanti del nuoto. Sono con loro. Ma "quella piscina", non la piscina, risulta più costosa della Torre di Pisa. Il Comune ha fatto un muto, ma su un contratto già siglato dalle parti, e con cifre diverse: 4 milioni di Euro e circa 2.500 metri quadrati di commerciale. Ogni "novità" postcontrattuale deve essere letta attentamente. Altrimenti la storia tutta e molto italiana degli aumenti in corso d'opera per "novità" e "sorprese" intervenute rischia di "affogare" ( di farci affogare). Un chilometro di strada in Francia costa meno della metà che in Italia. Perchè non approfittiamo di Rosolino per chiederci se ci presenta qualche ditta davvero specializzata in piscine, e magari ci fa un preventivo e lo pubblichiamo su Cronache maceratesi? Perchè non chiediamo a qualche persona di buon senso quanto "valgono" 2.500 metri quadrati da affittare ( l'anno) ?
  • Il Giardinetto: un luogo da tutelare
    per far sopravvivere la storia

    418 - Nov 3, 2011 - 2:58 Vai al commento »
    Caro Gabor, è davvero un articolo bello: produce memoria e colore ed una informazione dettagliata. Sostengo, da sempre, che libri, elzeviri, album e via sfogliando, restituiscono a tutti i "cittadini" l'identità e le radici che tendono a perdersi e confondersi. Insomma, un "libro" sulla nostra storia ( qualcuno mi sparerà) è altrettanto importante di una "rotonda" o passaggio zebrato. L'ho letto con attenzione e gusto. Nel repertorio fotografico, a metà, in bianco e nero, scorgo Elverio Maurizi, ma chi gli sta accanto è ( o mi sbaglio?) Paolo Cesanelli, ai tempi, mi pare, Assessore allo Sport e alla Pubblica Istruzione? Ciao, Guido
  • Sferisterio: tensioni tra Comune e Provincia
    Pettinari potrebbe sospendere il contributo

    419 - Ott 24, 2011 - 2:45 Vai al commento »
    Brillante l'articolo di Alessandra Pierini. Lo intitolerei: il dito sulla piaga. Voglio però aggiungere altri elementi alle osservazioni e allusioni, condivisibili, di Alessandra. Ho come l'impressione che si stia "spostando" ( volutamente?) il dibattito. Infatti, da alcuni mesi a questa parte mi sembra di assistere ad una gara ( sportiva?) dove da un lato ci sono ( e c'erano) gli amici di Piizzi dall'altro i critici. Questo ha "personalizzato" lo scontro e lo stesso dibattito. La questione è diversa: a forza di fare nomi e cognomi, c'è il tentativo di cloroformizzare il grande "buco" di bilancio che si attesterà, nel biennio, tra gli 800.000 Euro e oltre. Insomma, il Nome tende ( tenderà) a far dimenticare la Cifra ( appositamente?) Ecco dunque la necessità di un Traghettatore, di un buon Caronte al quale però, a mio avviso, bisognerà dare "solo" una moneta per portare le anime all'altra riva. La Regione sta facendo, e ha fatto, sforzi notevoli per venirci incontro. Ora tocca ai privati, se ci sono, se davvero sono interessati, se davvero sanno gestire meglio del "pubblico", se davvero sono attenti alla cultura, anzichè alle varianti urbanistiche. Il Bilancio comunale è povero, altri salassi sarebbero fatali. Ogni anno noi diamo allo Sferisterio cifre oscillanti, tra vecchi mutui e altro, tra 600 e 700.000 Euro ( se si eccettuano gli ulteriori esborsi per il "mantenimento" estivo della stagione, non conteggiati nella cifra sopra segnalata che sarà mia cura riferire al più presto) Ben vengano, dunque, i privati e sia celere la trasformazione della Associazione in Fondazione. Solo un "salto" verso questo orientamento è la novità. Non solo, dunque, un cartellone, comunque interessante e persino popolare.Comprendo da un lato ilPresidente della Provincia che chiede ( anzi chiese) i "conti" e comprendo il Sindaco che si trova, davvero,nel triangolo delle Bermude. E' vero che lo Sferisterio è un "vettore" di immagine, ma è anche vero che un buon Traghettatore potrebbe farcela, e benissimo, con una cifra molto ridotta rispetto a quella degli anni precedenti, per due anni. Ai fini, almeno, di recuperare quei passivi. So che il mio discorso può sembrare troppo fiscale, ma è anche vero ( carte alla mano) che due o tre titoli, popolari, certamente avranno la funzione di equilibrare i bilanci. Anche perchè scenografie, cantanti etc.,dico del loro prezzi, sono noti in tutta Italia e facilmente comparabili e c'è massima informazione su questo ( almeno questo)
  • Cittadella giudiziaria alle Casermette
    Scheggia: “Un’occasione per la città”

    420 - Ott 23, 2011 - 2:42 Vai al commento »
    Trovo il commento dell'amico Vando Scheggia interessante, come anche la proposta della edificazione di un tribunale. Diciamo meglio di un Polo "giudiziario" se penso, ad esempio, al potenziale traferimento della caserma dei Carabinieri. Ma facciamo attenzione ad un dettaglio: chi dovrebbe costruire il nuovo Tribunale, penso, è il Ministero, così anche per i Carabinieri. E fin qui i conti portano.Ciò che si deve evitare, invece, è che in questa operazione, legittima, si possa aprire il "varco" a privati che, acquistando dalla Fintecna ad un costo x, poterebbero chiedere al Comune una "variante" per nuove residenze. Non per la Caserma e il Tribunale.
  • Il sindaco fissa obiettivi e scadenze
    “Ecco le cose da fare entro un anno”

    421 - Ott 22, 2011 - 3:35 Vai al commento »
    Mari Iesari: condivido pienamente la sua tesi, la ritengo valida e sicuramente argomentabile. Io sono favorevole alla piscina ma, attenzione, non si agiti la piscina ( o qualsiasi altro sport) come una clava per, come lei sostiene, fare fulcro sulla pressione pubblica. Ma l'essere favorevole alla piscina, non vuol dire essere favorevoli a quella piscina. Significa più semplicemente rispettare il vecchio contratto: 4 milioni di euro e 2.400 metri quadrati di commerciale. Hic sun leones. Non si oltrepassi questo limite. Per Bommarito: Caro Peppe, la tua richiesta è legittima e proprio per restare nella "legittimità" ti informo che io non sono affatto e per niente convinto che il vecchio contratto consentisse di "deragliare" su una cifra così imponente che è stata richiesta, oltre a quanto pattuito. Cioè ancora 1.500.000 euro e altri 1.200 metri quadrati di commerciale per imprevisti sopraggiunti.Poichè la questione sta prendendo una piega "avvocatesca", vale a dire sta scendendo nel mare magnum delle interpretazioni giuridiche, sarà compito non solo del sottoscritto fare chiarezza, convocando nelle sedi istituzionali tecnici e avvocati per una audizione. Meglio sentirene molti, che pochi...Ciao, Guido
  • Premio nazionale
    per Cronache Maceratesi

    422 - Ott 15, 2011 - 3:10 Vai al commento »
    Complimenti agli amici di Cronache Maceratesi. E complimenti, anche, ai nostri lettori-scrittori che, insieme, costituiscono la richezza di questa "redazione" ampia e variegata. Ma soprattutto, complimenti a chi, per primo, "scommettendo" e anche rischiando, si è avventurato nel mare davvero burrascoso dell'on line. Ottenere questo riconoscimento non è cosa da poco.
  • La partita dei rifiuti ai supplementari:
    Smea-Cosmari, 20 giorni per il verdetto

    423 - Ott 14, 2011 - 4:14 Vai al commento »
    La vicenda dell'acquisto Cosmari-Smea dura da troppo tempo. L'eccesso di tempo, i ripensamenti, le re\visioni dei bilanci della Smea, le infinite perizie, gli alambicchi, le dichiarazioni pro e contra, gli O.D.G. prima scritti e poi riscritti, il pretesto (?) dell'eccesso tariffario di alcune apicalità della Smea, insomma tutta questa torre di Babele, fanno assomigliare la trattativa ad un romanzo giallo, a metà tra Il Nome della Rosa e Assassinio sull'Orient express. E quando una storia dura da troppo tempo i contorni si sfumano, non si comprende chiaramente chi davvero vuole raggiungere un obiettivo e chi finge di volerlo raggiungere.
  • Trattativa Smea-Cosmari in alto mare
    Il presidente Eusebi si dimette

    424 - Ott 11, 2011 - 4:15 Vai al commento »
    Sembra di rileggere Cronaca di una morte annunciata. Non so se la cosa sia tragica e drammatica o, come mi sembra, sfiori più la farsa.
  • Schianto fatale in moto
    Muore 30enne di Macerata

    425 - Ott 11, 2011 - 4:11 Vai al commento »
    Caro Sandro, l'antico affetto e i ricordo di Guido
  • Lista Ballesi e Macerata è nel Cuore
    “Insieme contro la vecchia politica”

    426 - Ott 8, 2011 - 3:10 Vai al commento »
    Tacconi-Davoli: la questione sollevata dagli amici Tacconi e Davoli, le dichiarazioni di Ballesi, insomma, la questione del potenziale Terzo Polo mi affascina. Parlerò a ruota libera, tentando qualche considerazione.Sono convinto che da molti anni, troppi, il Bipolarismo( se si può chiamare così l'attuale aborto) sia autorizzato o, meglio, si sostenga e viva e resista attraverso una sottile ( neppure tanto) "tecnica" pubblicitaria e\o di persuasine di massa. Tale tecnica si sostanzia nella affabulazione popolare "colpendo" vorrei chiamarlo il "riflesso" automatico "interno" ad ognuno di noi. Questo "riflesso" sul quale esiste una sterminata bibliografia ( ci sono praterie di saggi sulle "reazioni" e sulla psicologia di massa) è già ampiamente codificato. Nel mondo frammentario dove tramontano le "ideologie", queste stesse ( ideologie e le afferenti "mitologie") l'uomo ( l'elettore) non le dimentica, anzi, le "ritrova" nelle vesti ben "costruite" dalla logica binaria. Insomma, la passione, la memoria, l'emozione, l'ira, il rancore, la stessa utopia, "dirigono" verso due ( non tre canali). O rosso o nero, o bionda o mora, o magra a grassa, o destra o sinistra, il buono e il cattivo, il colpevole e l'innocente e via sbadigliando. Perchè sono solo ( purtroppo) due i canali di "drenaggio" emozionale, ovviamente per grandi numeri. Barabba o Cristo, due sono le Verità che vengono "costruite", e proprio e solo il numero due riesce a svolgere fisiologicamente questa funzione. La Politica abidica al suo ruolo e diventa tele\visiva, il leader deve essere un Personaggio ( come in un telefilm).Nel Palcoscenico della Politica il Bipolarismo è l'applicazione di tale esigenza. Se il Bipolarismo non funziona, allora, come è noto, tale Bipolarismo sarà "costruito" ( proprio come in Astronomia) da due stelle fisse ( PD e PDL) con dei satelliti rotanti ( sia a destra che a sinistra). Il Bipolarismo si autogantisce la "longevità" grazie a due motivi: il primo, farsesco e pretestuoso e che corrisponde allo spot" dobbiamo essere come in Europa" o anche "dobbiamo semplificare perchè il popolo non comprende", il secondo, di ordine "meccanico" che corrisponde al teorema generale della fisica, quello relativo alla forza centrifuga, che, come è noto, spinge o a destra o sinistra. La creazione di un Terzo Polo implicherebbe la presenza di una forza centripeta( non centrifuga) consistente, capace di spostare al Centro molti voti. Attualmente l'UDC non ha questa forza. Vorrei dire, a suo favore, che è "costretto" alla alleanza o a destra o a sinistra, pena la scomparsa. Spostando tale dinamica a livello comunale, livello "basso", ritengo certamente probabile la creazione di un Terzo Polo. Tenere pulite la strade è di destra o sinistra? Costruire una Scuola o una grande arteria di comunicazione è di destra o sinistra? Non sprecare troppi soldi per lo Sferisterio è di destra o sinistra? Tutelare con servizi sociali adeguati i poveri, è di destra o sinistra? Fare o no un parcheggio è di destra o sinistra? E così via. Ci sono tante cose totalmente condivisibili a destra come a sinistra, così come ci sono tante cose non condivisibili sia a destra come a sinistra. Ci sono lotte e dinamiche a destra come a sinistra. E' ovvio che una lista cittadina è ancora più libera, o liberata dai lacciuoli delle Segreterie e delle Gerarchie e questo le offre uno spazio di manovra più autentico e propositivo.
  • Giorgi (Idv): “Subito il nuovo
    Cda dello Sferisterio”

    427 - Nov 10, 2011 - 2:53 Vai al commento »
    Enossam: condivido pienamente la sua analisi e le sue argomentazioni sul tema dello "sponsor". Storicamente la sua tesi è fondata e certamente verificata ( e verificabile). La verità, mi permetto di "arricchire" quanto lei sostiene, è "mutata" ( in peggio) con quella che oggi si chiama "civiltà" (?) industriale, se non addirittura "civiltà finanziaria" ( banca docet). Mi chiedo come mai ci sono tanti sponsors privati ( grandi e piccoli) per le Associazioni sportive ( il calcio, in particolare). Non è forse perchè, in questo caso, il "contratto" che vincola leparti è il seguente ( come tutti sanno e fingono di non sapere): " ti sponsorizzo 10.000 Euro e mi certifichi 3 o 4 volte tanto" Altro che Lorenzo il Magnifico. Ricordo, inoltre, che Lorenzo ( il Magnifico) era una persona colta e non chiedeva "varianti" ai vari Piani Regolatori. Con simpatia, Guido Garufi
  • 300 mila euro per i costumi Tirelli
    Confartigianato: “Lavoro ai maceratesi”

    428 - Ott 7, 2011 - 3:54 Vai al commento »
    Per Travaglio: non avere dubbi sul fatto della mia "analisi" dei Bilanci, la farò e mi farò "aiutare" nella lettura. Nessuno può impedire l'accesso agli atti. Tanto più che mi impegnerò a capire come e in che modo risultino quei passivi ( nel biennio...). Mi occuperò solamente di "economia", non scenderò nelle valutazioni "estetiche" del Pizzi si o no, non cadrò nell'inganno di parlare, appunto di "bellezza" o "cartelloni". Questo lo lascerò fare agli "specialisti", pare ce ne siano tanti, in giro. Rifletterò se votare, oppure no, la piccola somma di 700.000 Euro per le nostre vivaldiane stagioni liriche.Un saluto da Guido Gomez Per Tamara: Cara Tamara, lo dici tu, appunto. Vuol dire che ci sono sarti eccellenti a altri mediocri.
    429 - Ott 6, 2011 - 3:04 Vai al commento »
    Per Cerasi: Caro Gianfranco, vedo che da molto tempo chiedi i bilanci analitici.Ti soddisfo io, se posso, questa volta. Li chiederò ufficialmente, voce per voce. Non quelle piccole schede sintetiche, troppo sintetiche. Ciao da Guido
  • Tutti i mali dello Sferisterio

    430 - Ott 2, 2011 - 3:42 Vai al commento »
    Per Stefano Ciabattoni: quando parlavo di Mutuo come Farmaco, ero ovviamente ironico, e forse anche sarcastico. La "colpa", a mio avviso, è da ricercarsi nei vari Consigli di Amministrazione che da troppo tempo hanno permesso al "malato" di ammalarsi di più. Quanto alla verifica, purtroppo, è stata rinviata per un motivo serio: la morte della mamma di un Segretario. Penso si farà martedì o mercoledì.
    431 - Ott 1, 2011 - 3:42 Vai al commento »
    Per Alessandra ( Pierini): Cara Alessandra ( ovviamente scherzo, ma non troppo...) riprendendo la tua bella metafora dello Sferisterio "malato" e della necessità di un primario\luminare capace di attivare una terapia ( giacchè la diagnosi è nota) proporrei in Consiglio questo Farmaco Universale: un mutuo per i passivi dello scorso anno ( sui 400.000 Euro, solo?) e su quelli, ancora occulti e misteriosi, di questo anno( siamo quasi oltre... poi vedremo meglio i dettagli del laboratorio analisi, i globuli rossi, quelli bianchi, i paganti, i non paganti, insomma Così fan tutte ). A questa somma ( delle due stagioni) proporrei un altro mutuo per l'ampliamento di Fontescodella. La finale del tuo articolo, è da leggersi, sempre in versione "medica", anzi di medicina d'urgenza: tra Pronto soccorso e tracheotomìa. Infatti leggo che sono stati chiamati in causa sia Orazi che Pizzi. Spero che dal Consulto esca fuori il nuovo Medicinale ( premettendo che non credo alle Pietre Filosofali) Quanto allo Statuto, mi piace sottolineare come tu abbia giustamente parlato ( sempre stando a Rione Sanità) di "sintomatico". Da quanto so, per ora, ben oltre le Ricette che verranno "fuori", assicuro tutto la mia disponibilità a sorvegliare il malato ( e con questo rispondo anche al Sig. Ciabattoni) , facendo anche turni di notte e "bloccando" l'emorragia ( se ci riesco).
  • Patron Sileoni: “La Lube è di Treia
    e non darà un euro a Macerata”

    432 - Ott 3, 2011 - 3:46 Vai al commento »
    Per Fabrizio Principi: totalmente in accordo con quanto lei sostiene. Lei, "brutalmente", ma autenticamente e senza mezzi termini argomenta ( e dimostra) la "sostanza" della cosa.
  • La caccia all’oro
    della mafia imprenditrice

    433 - Set 29, 2011 - 3:22 Vai al commento »
    Per Bommarito: pezzo eccellente e vero, caro Peppe. Andrea Marchiori: sono pienamente in accordo con Lei.
  • I LUNGHI GIORNI DELLA VERIFICA
    Garufi, Mandrelli e Ricotta:
    “I cittadini non possono aspettare”

    434 - Set 16, 2011 - 2:19 Vai al commento »
    Caro Danito-Odisseo, Le comunico che ho convocato due riunioni, e non da ora.
    435 - Set 15, 2011 - 16:00 Vai al commento »
    Caro Danito, ho convocato Polifemo.
    436 - Set 14, 2011 - 22:12 Vai al commento »
    Gianfraco Cerasi: è così. Quanto ai "poteri" del Consiglio, rispetto alla Giunta, in materia urbanistica, confermo quello che ho detto. Gli "indirizzi" di cui parla Liuti appartengono ad altro capitolo. Infatti, per paradosso, se la Giunta ( qualsiasi Giunta) proponesse delibere ( urbanistiche) non emendabili, saremmo davanti ad una sorta di Monarchia., proprio nel senso che i Consiglieri, quasi come automi, verrebbero in Aula per alzare la mano come atto di fiducia al Sovrano. Ma non mi pare sia così. Anzi, ne sono sicuro. Proseguendo nel paradosso, e anche per stare dentro la lettura persino ironica di Liuti, potrermmo cambiare la Legge elettorale. Si dia al Popolo la possibilità di votare "solo" il Sindaco ( ed eventualmente la sua Giunta). Tanto il Consiglio non serve. Per ora il Popolo vota Sindaco e Consiglieri.Le leggi citate di riferimento non alterano il rapporto tra Consiglio e Giunta. Il fatto è che spesso si vuol far passare in secondo ordine questo importatnte "cardine" di equilibrio. Semmai ( e purtroppo?) questa "ipotetica" snellezza ha creato nel tempo "nuovi mostri". Con il pretesto(?) di rendere tutto più "agile e professionale" la pratica attuativa i Dirigenti "costano" dai 70.000 ai 100.000 Euro l'anno ( ognuno) se si eccettuano i "premi" e le "addizionali" che il buon lettore non trova su internet. ...C'è uno studio che ha fatto il conteggio di tutti i dirigenti e "soggetti" di primo piano dei Comuni in Italia: la cifra è enorme. Quanto poi al rispetto della Legge, ho detto in Consiglio e qui lo ripeto: non esistono "solo" le eventuali multe per infrazione del Codice della strada ( ammesso che siano 38 Euro), ma una Amministrazione "vigile" ed innamorata del rispetto della Legge, perchè non "studia" un marchingegno capace di "aiutare" l'Agenzia delle Entrate per "scovare" tutti gli affitt in nero a Macerata, a partire dai "falsi" comodati? ( E' avvenuto a Pisa e Siena).Non ho mai detto che Urbani sia un analfabeta, tutt'altro, anzi lo stimo come persona proba e preparata nella sua materia ( e lui lo sa). Nell'intervista ho appositamente calcato la mano, ma proprio ai fini di raggiungere la "sostanza".Se una Giunta deve o vuole essere nuova da ogni costo, costi quel che costi, lo sia davvero e radicalmente però , e con uomini altamente qualificati, e per tutti i partiti, nessuno escluso, da prendere "altrove" ( su questa linea come IDV lo avevo scritto in una testata locale, anche come "sfida" al tempo delle nomine) .Quando dico che nessuno ha vinto il Nobel, estremizzo, volendo proprio significare questo. A Danito ( per il quale io sono, parimenti, Odisseo, se lui lo consente) riferisco di aver convocato le riunioni. ( le nostre, non le sue). Per ultimo, un appello a CM. Quanto sostiene Mandrelli è fortemente condivisibile. E' difficile qui, ragionare, poichè spesso la piega dei discorsi, tra potenziale insulto e pretestuosa provocazione, non rende davvero libera o comunque agevole la scrittura.
    437 - Set 14, 2011 - 2:55 Vai al commento »
    Mordechai: Gentile Signor Mordecai nella intervista si usano termini "estensivi". Se legge bene il nostro regolamento e lo statuto, scoprirà, meglio, quali siano i ruoli e funzioni della Giunta e del Consiglio. Scoprirà, infatti, che la "materia urbanistica" è materia di Consiglio. In tale materia la Giunta può predisporre una delibera urbanistica al Consiglio, o meglio una "proposta di delibera", ma è il Consiglio che la vota, la varia, la emenda, la annulla. Ed è lo stesso Consiglio, fra l'altro, che può proporre delibere dirette nella materia di sua competenza.
  • Salvi: “Che senso ha
    ritornare al Mattarellum?”

    438 - Set 4, 2011 - 4:01 Vai al commento »
    G. R. Festa. Condivido pienamente la "sostanza" della sua tesi. In un periodo di "crisi" è pur vero che qualsiasi referendum può essere "incentivato" ( tesi di Salvi) "anche" dal richiamo a sismi più notevoli ( nucleare, acqua etc), ma è anche vero che il referendum resta la " voce", o una voce "ancora" popolare. Io non so se sarà possibile raggiungere la quota di firme necessarie, ma me lo auguro. Relativamente alle ipotesi di Legge "riposte" in Parlamento, dichiaro la mia notevole perplessità, sul come, sul quando, su quale. Una cosa, però, non comprendo( o fingo di non comprendere): quando governava Prodi perchè il Governo non fece la legge sul "conflitto di interessi" ? Non c'era affatto bisogno del referendum, in quel caso.
  • “Il bando per rilevatori
    è ingiusto”

    439 - Ago 27, 2011 - 3:51 Vai al commento »
    Non conoscevo ( e non conosco) i termini di questo bando estivo. Prendo atto che la questione qui sollevata è affatto secondaria. Anzi. Il "rilievo" che mi spingo a fare, per ora, è di tipo politico. Se questo bando c'è, qualcuno lo ha scritto. Se lo ha scritto un dirigente, debbo prendere atto che esiste "anche" la politica, la quale, deve "dirigere" il Dirigente. Cioè orientarlo. Un Bando non è mai casuale: i filtri, le opzioni etc., ritengo, siano ampiamente discrezionali. Non ritengo, in assoluto, che la parola magica "Ufficio" sia sinonimo di verità e neutralità.In questo senso mi occuperò della cosa, o con una interrogazione o con altro strumento. Guido Garufi Capogruppo IDV
  • Colletta chiusa, la Pro Loco pensa ai fuochi
    e ai giardini Diaz arriva Pompieropoli

    440 - Ago 23, 2011 - 3:12 Vai al commento »
    maceratese doc. Condivido la sua tesi.
  • Riprende la causa di beatificazione
    per il portorecanatese Enrico Medi

    441 - Ago 23, 2011 - 3:08 Vai al commento »
    Bellissimo intervento, Maurizio, con particolare riguardo alla simmertia tra scienza e fede.
  • Tutti i numeri di Popsophia
    Mobili: “Un risultato difficile da immaginare”

    442 - Ago 10, 2011 - 3:34 Vai al commento »
    Congratulazioni per l'evento che ha saputo coniugare curiosità, riflessione e spettacolo. Questo lo si deve, e lo dico autenticamente, a due fattori. Il primo risiede nella mente creativa e pragmatica del prof. Ercoli che, da solo e da sempre, si è dato da fare per trovare non solo una location ideale, ma anche ha saputo "organizzare" un "prodotto" popolare e con un suo format riconoscibilissimo. Il secondo fattore riside, a mio avviso, nella stessa "antropologia" civitanovese. Città dinamica e viva, rapida e non imbalsamata nell'accogliere nività e sperimentazioni. Grazie anche, e ci tengo a dirlo, a quel lavoratore passionale e indefesso che è il Direttore dei Teatri Di Lupidio.
  • Civitanova povera e Macerata ricca
    Come mai?

    443 - Ago 8, 2011 - 3:50 Vai al commento »
    Condivido la tesi, inoppugnabile, di Mauro Valentini.
  • Il Maestro Bavaj torna a Macerata:
    “Questo Rigoletto non mi è piaciuto”

    444 - Ago 10, 2011 - 3:25 Vai al commento »
    A Lorenzo ( Bavaj) un saluto carissimo da Guido
  • “Il Foglio” bacchetta il SOF
    e la rotatoria del Lions Club

    445 - Ago 4, 2011 - 3:17 Vai al commento »
    La " questione Sferisterio" rischia di diventare, come nei libri di storia la "quesione meridionale". C'è da anni e non sembra del tutto risolta. Sono convinto che il Sindaco non potrà che prendere atto di uno stato di "labilità" della attuale gestione dello Sferisterio ( comunque lo si voglia chiamare, facendo scendere in campo vai acronimi, tipo SOF, da azzerare a mio avviso per la sua assurdità "comunicativa"). Deve e dovrà, intanto, riemergere il nome della nostra città, Maxcerata. Sono altresì convinto che il Sindaco ( e vorrei dire qualsiasi Sindaco) dovendo gestire una "materia" così magmatica e "specialistica" si troverebbe in imbarazzo.Da un lato il Sindaco ( qualsiasi Sindaco) deve "difendere" la gestione in atto, non fosse altro che per stile e per la consolidata "prassi" che vede l'Opera come un Rito simile ad una sorta di Liturgia o Messa da "non toccare" ( tesi valida ma che non mi vede in accordo) , come se un fedele, improvvisamente, durante la "funzione" religiosa , cominciasse a far baccano o altro, dall'altro, però, lo stesso Sindaco ( qualsiasi Sindaco) non può non tener conto dei "fedeli", una volta usciti dalla Chiesa. Voglio semplicemente dire che l'Opera e la sua "Aura" va demitizzata. Sono convinto che Romano Carancini abbia tutte le informazioni e le griglie critiche capaci di decodificare ciò che va e ciò che non va. Il Consiglio comunale, intanto, ha varato un nuovo Statuto per lo Sferisterio e il Sindaco si farà portavoce, persso la Provincia che è il nostro partner, di questa importante novità.Voglio ricordare, inoltre, per onor di cronaca e storia, che Claudio Orazi, prima di essere nominato Sovrintendente, per una anno, fece il Sovintendente facente funzione. Solo l'anno successivo fu nominato, di fatto e di diritto, Sovrintendente. Eppure a quei tempi, Claudio, ancora giovanissimo, riuscì a confezionare un bel cartellone ( parlo dell'anno di "facente funzione"). Ne consegue che già sono disponibili ( a quanto ne so) altri direttori artistici, capaci di prourre un cartellone "forte" e fortemente popolare. Non si cerchino, dunque, scuse e scusanti, sulla "fattibilità" del prossimo cartellone. Informo che sto analizzando, con accuratezza ( sia economica che di fattibilità) vari programmi, i costi, i cantanti, le scenografie, i titoli. Guido Garufi Capogruppo IDV Comune di Macerata
  • Al via i lavori per il sintetico di Collevario
    A ottobre sorgeranno due nuovi campi

    446 - Lug 30, 2011 - 4:40 Vai al commento »
    " Daie Maria Francesca" ( e saluti a "zia Luciana") e forza Francesco. Guido Garufi
  • Carancini deciso sul Palas:
    “Si va avanti per l’ampliamento”

    447 - Lug 28, 2011 - 2:11 Vai al commento »
    Relativamente al Palace, non prendo posizione alcuna, non essendone informato. Parlo dei costi.
    448 - Lug 28, 2011 - 2:09 Vai al commento »
    Mus rugens e Cerasi: prendo atto delle "interrogazioni", a queste ne aggiungo io una personale: sto prendendo visione dei documenti del programma per lo Sferisterio presentati da Antinori, con il quale mi scuso pubblicamente per nonaverlo ancora contattato. Da quei documenti si sostiene, da quanto scritto, che si potrebbero fare allo Sferisterio tante "cose" di qualità ad un prezzo formidabile. In altre parole, qualora i "prezzi" di Antinori fossero verosimili e verificabili, la questione Sferisterio sarebbe ancora più "grossa" . Quali sono, infatti, mi chiedo, i "veri" prezzi, ovvero i "costi" richiesti dalle Agenzie e altro? Guido Garufi Capogruppo IDV
  • Antinori si candida per il SOF
    “Sarò il direttore artistico del popolo”

    449 - Lug 19, 2011 - 4:00 Vai al commento »
    Mi fa piacere apprendere dalle pagine di CM la notizia del Meastro Antinori. Apprezzo la sua "volontà popolare" e, ben oltre la mia possibilità di indagine sui "prezzi" e sui "risparmi"( non sono un tecnico) , sono convinto che Antinori non parli " a caso" e che il "programma" da lui lanciato sia sostanzialmente verosimile. Se così fosse, si "scoprirebbero" le inutili ed enormi "levitazioni" di prezzi che, noi ignoranti, prendiamo come buoni. In sintesi ritengo che la proposta di Antinori sia una positiva provocazione politica e in questa direzione la accolgo. Guido Garufi Capogruppo IDV Macerata
  • Malumore tra i lavoratori dello Sferisterio
    “Riutilizziamo le scene in magazzino”

    450 - Lug 16, 2011 - 2:36 Vai al commento »
    Condivido pienamente quanto sostengono i "lavoratori" dello Sferisterio. Nella mia interrogazione consiliare avevo chiesto il perchè di scenografie rodottissime e anche la "dimenticanza" delle scenografie già utilizzate. La grande dimensione del Palcoscenico è umiliata dal rimpicciolimento scenografico.Sono convinto che la spesso menzionata Scuola Maceratese ( vale a dire chi vi lavora da una vita, e ne sono molti ) debba essere ri\utilizzata e di molto, sono anche convinto che il nuovo Statuto della Associazione e i nuovi gestori saranno più attenti al "nostro" indotto. Guido Garufi Capogruppo IDV Comune di Macerata
  • Lo Sferisterio di Pier Luigi Pizzi

    451 - Lug 10, 2011 - 4:19 Vai al commento »
    Mi vedo costretto, tirato in causa indirettamente, a segnalare che la mia interrogazione si rivolge al Presidente del CDA della Associazione Sferisterio. Vedo, con meraviglia, che diversi soggetti si "affannano" a rispondere. Mi sembra strano e irrituale. Ora è il caso della sartoria teatrale, giorni or sono un Consigliere di Amministrazione. Il testo della mia interrogazione non riguarda la sartoria teatrale "interna". Nella mia interrogazione ho chiesto, varie copie dei contratti, su questo e altro. Informo, nel frattempo, e questa volta ufficialmente, che il Consiglio comunale ha varato un nuovo Statuto per l'Associazione, era ora...Guido Garufi Capogruppo IDV Comune di Macerata
  • Aggregazione di Apm, Atac, Assm e Assem
    Michele Lattanzi interroga l’amministrazione

    452 - Giu 23, 2011 - 3:35 Vai al commento »
    Vegliante: Gentile Vegliante, lo so bene. Avevo "letto" benissimo e compreso l'ironia del suo intervento. Intervento che apprezzo, come gli altri che sono usciti in passato. Il riferimento al Consiglio di Stato è una "precisazione" e conferma. Spesso accade ( o può accadere) che gli "atti richiesti" tardino o, meglio, come nel caso dell'APM, che il Consigliere debba andare a prenderseli direttamente per via della "supposta" riservatezza. Solo in quel senso io richiamavo al sentenza del Consiglio di Stato. Con questo apro una parentesi, rispondendo a Minafò: so benissimo che tutti i Consiglieri hanno la facoltà di avere a disposizione gli atti, "basta farne richiesta al Segretario comunale". Ma, purtroppo, e vengo alla "sostanza", spesso si ritiene che le Partecipate siano un mondo a parte. Quando non lo sono. E in quanto "a parte", una sorta di "universo" sul quale non sia possibile "l'esplorazione consiliare". E' chiaro che io dico "si ritiene". In tale direzione, debbo dire che Munafò, quando era Assessore, su indicazione e stimolazione del Consiglio, giustamente, andò a "periziare" il Globo o Palla di De Hana. Potrebbe sembrare ai più, questo, una "invasione barbarica". Invece fu un gesto forte e deciso e condivisibile che "garantisce" il potere ispettivo e di sindacato del Consiglio sulle Partecipate ( tra le quali vi è lo Sferisterio). Non nel senso della "contestazione estetica" sul valore della Palla, ma di "opportunità" politica di una certa spesa. La critica non va dunque alla Direzione artistica ma al Consiglio di Amministrazione. In tale direzione sto studiando una questione relativa al Così fan tutte.
    453 - Giu 22, 2011 - 3:27 Vai al commento »
    Il Vegliante: l'APM non può, per Legge, "secretare" le delibere o le determine. Qualora lo facesse, commetterebbe una omissione nei confronti dei diritti del Consigliere comunale. Al Consigliere debbono ( non possono) essere dati tutti gli atti ( diretti e indiretti) "utili all'espletamento del proprio mandato". Qualora, impropriamente, l'APM pur dando la possibilità di "acquisizione indiretta dei documenti", facesse riferimento al tema della "riservatezza", va chiarito ( all'APM) che non vi è "riservatezza" quando l'atto è richiesto dal Consigliere comunale, a sua volta tenuto alla riservatezza. Cio, stando alla sentenza definitiva del Consiglio di Stato ( Settembre 2010). E' un tema per me interessante, in quanto ho il desiderio di informarmi circa atti relativi alla rappresentazione "Così fan tutte" dell'Associazione Sferisterio. Lei, Vegliante, ha susciato un tema serio e concreto. Guido Garufi Capogruppo IDV
  • “Messaggero” di lotta e di cultura

    454 - Giu 21, 2011 - 2:40 Vai al commento »
    Caro Maurizio, ho letto, lo confesso, con emozione vera e rimpianto il tuo articolo. Lo scorrere dei nomi e del tempo che è passato, le "figure", i volti, le cene ad ora tarda, il dopoteatro allo Sferisterio ( quando era imponente il "dopo"), le "rubrichette" politiche e sociologiche sul male di vivere ( a Macerata), nomi e volti anche di perduti e scomparsi...tutti da te "convocati" in filigrana. Personaggi certamente diversi, per carattere, idee politiche, eppure, lo testimonio, tutti e indistintamente tutti "uniti" da uno spirito creativo di scrittura, oltre che di informazione. Fai bene a parlare di Scuola siciliana, se con questo intendi appunto riferirti a quello spirito. E' stata l'amica Rosalba ad annunciarmi la "chiusura" del "nostro" Messaggero. Ed ho sentito come una colpo, tra malinconia e rabbia, anzi impotenza. Ho ascoltato ieri l'altro, a Mezzanotte e dintorni, Marzullo che intervistava il Presidente nazionale dell'Ordine ( dei giornalisti) il quale lamentava, con forza, la "decapitazione" umana e civile dei collaboratori dei quotidiani, che, si sappia, vengono ridotti ad una pletora di schiavi ( quanto a compensi). E così ho ripensato a Il Messaggero, alla sua attuale situazione di caducità, agli amici che ancora ci lavorano e che incontro giornalmente, e sono ritornato indietro nel tempo, alla "nostra" redazione, a Rosalba giovanissima,a Titì, a Manuela e tutti gli altri. Possa lo Spirito di questo ricordo restituire agli attuali amici il "maltolto".Guido Garufi
  • Una statua per il 150° dell’Unità d’Italia
    La proposta della Massoneria
    arriva in Consiglio comunale

    455 - Giu 18, 2011 - 3:21 Vai al commento »
    mus rugens: condivido pienamente.
  • Palasport, quanto costa?

    456 - Giu 21, 2011 - 2:58 Vai al commento »
    Bimbo triste: è appunto per star dietro alla "diligenza del buon padre di famiglia" che è , come è noto, il fondamento etico del buon amministratore che io mi chiedo: chi paga?Non è una domanda di piccolo conto.Ripeto, quando avrò visto documenti ( scritti) relativi a questa domanda, prenderò una posizione. E' ovvio che per documenti intendo: un progetto ( con i costi), una proposta economica ( con le parti, pubbliche e private). Per ora, come ho già ripetuto, non so nulla. Lo può chiedere ad altri, se vuole. Se qualcuno dice di sapere qualcosa, mi farò dare da lui i documenti che sono necessari per prendere una posizione. E' poco prudente prendere posizioni sulla scia di generiche volontà. Come si dice: " carta canta".
    457 - Giu 20, 2011 - 3:35 Vai al commento »
    Caro Stefano, per fortuna tu, indirettamente, chiarisci qualcosa.Quanto detto da Giulianelli e da te riportato come giornalista è davvero un rebus. In altre parole, mi par di capire, Giulianelli sostiene che, da privato, non può intervenire in opere pubbliche. Perchè no? Anche quanto dici a proposito della locazione a Treia, rientra nel "giallo" del quale parlavo. Prima si e ora no? Mah. Dici bene tu, i sentimwenti trasmigrano... Pare proprio di si. Non c'è entusiamo, dici, per Villa Potenza. Perchè c'è entusiasmo per Fontescodella? Chi paga? Ciao, caro Stefano,.
    458 - Giu 19, 2011 - 3:49 Vai al commento »
    Ricagni: quanto ha detto il Sindaco in Consiglio è un annuncio o, meglio, una informazione. Ha detto di aver firmato un accordo con la Lega.Quanto ha detto il Sindaco sul fatto che è possibile costruire un Palasport a Villa Potenza è una sottolineatura e un richiamo al programma che tutti abbiamo condiviso e che è obbligatorio portare avanti.Ne discende che nel programma il Palasport è incluso. La mia perplessità è unicamente sui fondi, solo questa. Quando gli annunci si tramuteranno in progetti e carte esprimerò la mia valutazione. Dopo, non prima. Resta la domanda "ontologica": chi paga? Questo e solo questo. In questa direzione desidero sapere quale ruolo e funzione giocherà la Lube ( non la squadra, ma la grande impresa nazionale di cucine). Come vede, mi accontento di poco. L'amministratore deve anche tentare avere ogni possibilità, ad esempio, di abbassare la TARSU. Il panorama è più ampio.
    459 - Giu 18, 2011 - 3:11 Vai al commento »
    Quando dico "non so", non voglio dire che so e fingo di non sapere, dico che davvero e certamente che non so.In questo senso è pur vero che qualcuno può "accusarmi" di disinformazione ( come è stato -debbo dire educatamente - fatto) o di non essermi "attivato" per averle ( le informazioni), ma una cosa sono le "chiacchiere" di corridoio ( lungo i corridoi comunali) altra cosa è un atto formale ( un progetto, una proposta di delibera, una Commissione, etc) insomma, tutti quegli "atti certi" che consentano di poter "discutere su qualcosa". Non ci sono atti certi. Relativamente alla questione sollevata sul "altre opere" ( parcheggio, pieve mattei, palasport a Villa potenza etc), invece ci sono "atti certi", vale a dire sono presenti nel programma della coalizione. La ipotesi Fontescodella, coinvolgendo la Lube, deve essere chiarita. Io voglio sapere, con certezza evidente e formale, quanto ci mette la Lube. Ho detto con certezza formale, il che significa che voglio leggere le "carte" e non un articolo su un giornale.Solo allora, come ripeto, c'è materia di discussione. Ho detto, in altre circostanze, poi, che mi occorre un chiarimento sulla destinazione urbanistica\commerciale di una vasta area a Treia. Forse la Lube voleva costuire in quel luogo? Non lo so. Ma la questione finanziaria è primaria, centrale, fondamentale. Dice bene il post nel quale si chiarisce che se uno una cosa la può davvero fare la faccia. Ma è chiaro che per farla ( va tanto di moda la politica del fare) ci debbono essere i soldi. L'ultimo "finanziamento" leale e reale è stato quello dei Cento consorti per lo Sferisterio che, dal proprio portafoglio, tirarono fuori i soldi "ad ornamento della città", costruendo querlla bellezza che è il nostro Teatro all'aparto. Ce ne sono altri in grio? Guido Garufi Capogruppo IDV
  • Macerata piange la scomparsa
    di Maurizio Speranza

    460 - Giu 10, 2011 - 3:55 Vai al commento »
    Vere condoglianze al papà Luigi nel ricordo persionale di Maurizio, persona mite e sensibile, umana e civilissima.
  • “Ampliamento del Fontescodella
    senza rinunciare al Palas a Villa Potenza”

    461 - Giu 9, 2011 - 2:57 Vai al commento »
    Stecca, Natali e Domizi: confermo di non aver letto La gazzetta dello sport. La stessa domanda può rivolgerla agli altri 39 consiglieri. vale a dire se sapevano, o, no, dell'ampliamento del Palazzetto. Perchè ampliare un Palazzetto non lo decide la Gazzetta dello Sport. Premesso che non sono contrario a nulla, chiedo solo i costi, chiedo quale sia il progetto, chi lo ha firmato, che data porta e con chi è stato discusso, in quale sede e in quale occasione. Questo per Fontescodella. La vicenda Palas\Lube è diversa. La domanda è la stessa: chi paga? Quando qualcuno risponderà, sarò soddisfatto. Non a caso fatto riferimento ad una delibera del Comune di Treia che non appare sulla Gazzetta eneppure sul Corriere dello Sport.
    462 - Giu 8, 2011 - 3:53 Vai al commento »
    Sono entrato in ritardo in aula, a causa di un incidente stradale.Apprendo solo ora l'ipotesi di un ampliamento di Fontescodella. Da quanto mi è dato sapere presso l'Uffico tecnico sono depositati vecchi progetti e idee a tal proposito. Bisognerebbe analizzarli per studiarne la compatibilità e l'eventuale realizzabilità economica. Quanto al Palas e alla Lube sto raccogliendo informazioni e documenti per comprendere una sola cosa: chi paga? Mi pare, insomma, che questo dato ( chi paga?) non sia irrilevante.Ciò detto, si dovrà " anche" essere informati su una delibera del Comune di Treia che, ormai da tempo, aveva destinato una vasta area per commerciale e altro. In tempo di vacche magre, rispondere alla diomanda chi paga è centrale. Guido Garufi Capogruppo IDV Macerata
  • Referendum: un altro coro di sì

    463 - Giu 8, 2011 - 3:55 Vai al commento »
    Per Filippo: Grazie Filippo.
  • Idv contro Silenzi: “Parlare solo di Pd e Udc è un suicidio politico”

    464 - Giu 6, 2011 - 4:13 Vai al commento »
    Per Francesco Dolci: anzitutto la ringrazio per la garbata risposta e approfitto per tenermi sullo stesso registro. Tutto nasce da un articolo ( che poi ho letto) pubblicato sul Corriere Adriatico\Regione il 3 di questo mese. E' pur vero che, in quella sede, Silenzi sostiene di essere stato l'allenatore di Pettinari e che lo schema vincente è UDC\PD. In questo senso io ero intervenuto. Il testo dell'articolo è degno di interpretazione: io penso che Silenzi, poichè ha certamente e davvero impiegato forza ed energia a Civitanova, abbia voluto "metaforicamente" dirsi "allenatore" di Tonino. Nessuno può negare il suo impegno, tanto più nella sua città. La questione, però, di stabilire che l'asse vincente è PD\UDC, merita appropfondimenti e migliore lettura. Come ho già riferito è stato proprio l'IDV a tentare ( non solo ad Ancona) l'allargamento della coalizione. E questo è dimostrabile. Favia si è dato da fare, in ogni luogo e anticipatamente, per realizzare tale alleanza che, mi creda, non è stata facile operazione. E anche a Civitanova l'IDV si è dato da fare, con Belisario, Donadi,Ruinaldi e Di Pietro ( io stesso ho partecipato da una foltissima riunione con bagnini). Non si può chiedere di più all'IDV che fu anche leale alleato al tempo in cui si presentò Silenzi. L'IDV fu leale alleato, altri no...Quanto ai trasformismi ( dei quali lei garbatamente non parla) voglio aggiungere qualche cosa: ma si è davvero convinti che la metamorfosi sia un dato negativo? Perchè arroccarsi animosamente e forse inutilmente su un tema storicamente lineare? Potrei fare una lunga elencazione di trasfromazioni, persino di sigle che si incorporano in altre. Si crede davvero che AN, ad esempio, corrisponda a PDL? Non lo so. Lei crede che il PD sia "solo" PD e non contenga, invece, molte anime? Lei pensa che la SEL non debba o passa recepire al suo interno uomini e donne che prima erano a sinistra dei DS?L'IDV non è un partito ideologico. Ha visto signor Dolci, per citare il referendum come Di Pietro, "accusato" di essere "cattivo" e "irruente" abbia anticipato quella massa di persone che, solo oggi, gli da ragione?Per finire, io penso che entro un anno, o poco più, assisteremo a successive trasformazioni e magari si ritornerà ad una più sana legge elettorale.Quanto a Civitanova non metto bocca. Alcuni miei vecchi amici, dirigenti di vari partiti, qui a Macerata, dicevano: Civitanova è un mondo diverso...
    465 - Giu 5, 2011 - 4:11 Vai al commento »
    Non ho letto l'articolo di Silenzi, tuttavia, quanto afferma Paola Giorgi è "storicamente" esatto. Il Laboratorio delle alleanze è stato concertato dagli attori citati, e, quindi, dall'On. Favia che, da sempre, ha tentato di allargare l'asse all'UDC. C'è stata anche una direzione provinciale dell'IDV, a Macerata, che ha sugellatto tale intendimento. Vorrei aggiungere, inoltre, che anche altri "attori" hanno contribuito alla vittoria dell'amico Tonino Pettinari, come la Lista civica dei riformisti- socialisti, verdi e Bianchini. Ne discende che la vittoria è di tutti, conti alla mano. Non entro nel dibattito "interno" al PD. Riconosco che Silenzi, a Civitanova, si è battuto come un leone. Sarà ora Pettinari, uomo di equilibrio e pragmatico, ad armonizzare le varie forze.Non serve in questa fase ( a mio avviso) arroccarsi su posizioni di primato, serve piuttosto lavorare, inter pares, per riproporre il modello vincente. Guido Garufi Capogruppo IDV Macerata
  • I dissidenti dell’Udc formano
    una nuova corrente

    466 - Giu 3, 2011 - 2:07 Vai al commento »
    Per Tamara: il calcolo dei flussi del Terzo Polo non dipende dalle dichiarazioni di qualche leader. Il flusso che ho dato è stato calcolato dagli esperti. Dunque la preferenza per la compagine di sinistra è un dato oggettivo e naturale, fisiologico. "Ideologica", nel senso negativo, è invece la resistenza o la persistenza di chi non ammette metamorfosi. Non è casuale che Pisapia abbia messo dei "paletti" o "filtri" alle dichiarazioni di Vendola, come a dire "non plus ultra". Per Ricagni: condivido pienamente il calcolo che lei fa.
    467 - Giu 2, 2011 - 3:52 Vai al commento »
    Nop entrando nella querelle, vorrei dare un dato. Il Terzo Polo, quando si è presentato da solo, a Milano e a Napoli, ha così votato durante i ballottaggi: a Milano il 67% a Pisapia, l'82% a De Magistris.
  • Nucleare: il referendum si farà
    Il Comitato vota sì: Vince la democrazia

    468 - Giu 2, 2011 - 4:00 Vai al commento »
    Condivido la felicità dell'amica e collega Consigliere Ciarlantini. L'iDV ha messo tutta la forza necessaria per aderire al referendum. Va sottolineato che il tentativo di "allontanare" il tema "nucleare" serviva a Berlusconi epr "eviatre" quello sul legittimo impedimento, che è il quarto. Guido Garufi Capogruppo IDV Comune di Macerata
  • Il Laboratorio Pettinari funziona (al 49,34%)

    469 - Mag 31, 2011 - 4:34 Vai al commento »
    L'astensionismo c'è stato, e in tutta Italia. Ma questo non significa nulla di "sostanziale". Speculare su chi avrebbe potuto\dovuto votare e chi si è astenuto a me pare discussione accademica. Al contrario è necessario esaminare i flussi del Terzo Polo dove questo si è presentato da solo. Eccoli: a Milano il terzo Polo ha votato per il 62% a Pisapia a Napoli per l'81%. Il Terzo Polo, inoltre, in Puglia, a consentito a Vendola di vincere. Infatti si deve ricordare che tra Vendola e Fitto c'era, al Centro, la Poli Bortone con il suo 12%. IL blocco di Centro ( UDC e altri) non ha consentito alla destra di vincere. Relativamente a Pettinari volgio sottolineare un punto " centrale" delle sue dichiarazioni e della sua stessa azione pubblicitaria. Ha detto e sostenuto con forza che lui è il Presidente insieme ai Partiti, volendo significare che è primus inter pares. Tale affermazione lo pone nella tradizione della democrazia elettiva, garanzia reale per il bun governo. Guido Garufi Capogruppo IDV Comune di Macerata
  • L’onda lunga del voto a Macerata?
    Carancini: “La Giunta non si tocca”

    470 - Giu 1, 2011 - 4:47 Vai al commento »
    Pettinari al primo turno perde a Macerata tre collegi su quattro. Al secondo turno vince in tutti i collegi. Si possono fare diverse analisi. La più ovvia e frontale sta nel fatto che il secobndo turno "polarizza" i contendenti. La dialettica è a due. In questa seconda fase Pettinari vince ovunque, e anche a Macerata.Tutti i partiti che lo supportavano hanno, come si dice, "corso". Nella seconda fase di Civitanova il ribaltamento è stato forte: 60 a 40. Ottima la campagna dell'UDC senza smagliature, concreta pragmatica. Generosa quella del PD che ha richiamato Dalema, fondamentale l'apporto di Spacca. IDV già dal primo turno attiovissimo nello "smascheramento" di Belusconi e suoi cloni. Avventurosa e coraggiosa la lista di Bianchini, Socialisti e Verdi. Molti avrebbero preferito che questa lista avesse preso di meno...e anche noi ( IDV)... Quanto alla querelle sulla Amministrazione di Macerata e la sua verifica, la mia opinione parte da un' altra ovvia e realistica e incontrovertibile argomentazione: nulla è perfetto e tutto e relativo. La Democrazia procede e ha vita nel suo equilibrio tra poteri autonomi, ognuno con le sue funzioni e i suoi territori e limiti.La Giunta e il Consiglio. Basta leggere le basilari nozioni di educazione cuivica. Laddove si esorbiti da questi territori che sono inviolabili, la Democrazia non c'è più, anzi si azzera.Plaudo, quindi, ha quanto ha sostenuto e ribadito Pettinari. E' il Presidente ma è anche "unus inter pares", vale a dire " uno che è pari agli altri". Ci deve essere, cioè, la cosapevolezza, più volta ribadita dal neopresidente Pettinari, che lui è Presidente "insieme e con i Partiti". Rari sono i casi in cui un Presidente possa escluderli. Non credo che lo faccia neppure Pisapia o De Magistris, presidenti quasi "per Acclamazione". Guido Garufi Capogruppo IDV Macerata
    471 - Giu 1, 2011 - 4:39 Vai al commento »
    Pettinari al primo turno perde a Macerata tre collegi su quattro. Al secondo turno vince in tutti i collegi. Si possono fare diverse analisi. La più ovvia e frontale sta nel fatto che il secondo turno "polarizza" i contendenti. La dialettica è a due. In questa seconda fase Pettinari vince ovunque, e anche a Macerata.Tutti i partiti che lo supportavano hanno, come si dice, "corso" ed in più ha anche ottenuto la benevolenza della SEL e non solo. Nella seconda fase di Civitanova il ribaltamento è stato forte: 60 a 40. Ottima la campagna dell'UDC senza smagliature, concreta e pragmatica. Generosa quella del PD che ha richiamato Dalema, fondamentale l'apporto di Spacca. IDV già dal primo turno attivissimo nello "smascheramento" di Belusconi e suoi cloni. Avventurosa e coraggiosa la lista di Bianchini, Socialisti e Verdi. Molti avrebbero preferito che questa lista( e la nosta, IDV) avesse preso di meno...Quanto alla querelle sulla Amministrazione di Macerata e la sua verifica, la mia opinione parte da un' altra ovvia e realistica e incontrovertibile argomentazione: nulla è perfetto e tutto e relativo, salvo prova contraria. La Democrazia procede e ha vita nel suo equilibrio tra poteri autonomi, ognuno con le sue funzioni e i suoi territori e limiti.La Giunta e il Consiglio. Basta leggere le basilari nozioni di educazione civica e ancora lo Stauto dei Comuni e i Regolamenti. Laddove si esorbiti da questi territori che sono inviolabili, la Democrazia non c'è più, anzi si azzera.Plaudo, quindi, a quanto ha sostenuto e ribadito Pettinari. E' il Presidente ma è anche "unus inter pares", vale a dire " uno che è pari agli altri". Ci deve essere, cioè, la cosapevolezza, più volta ribadita dal neopresidente Pettinari, che lui è Presidente "insieme e con i Partiti". Rari sono i casi in cui un Presidente possa escluderli. Non credo che lo faccia neppure Pisapia o De Magistris, presidenti quasi "per Acclamazione". Guido Garufi Capogruppo IDV Macerata
  • Il ballottaggio premia Antonio Pettinari
    E’ lui il 10° presidente della Provincia

    472 - Mag 31, 2011 - 4:42 Vai al commento »
    Pio Angeletti: condivido totalmente quanto Lei scrive.
  • Assemblea dei residenti in centro storico
    “A Macerata nessuno ci ascolta”

    473 - Mag 29, 2011 - 3:33 Vai al commento »
    Ho incontrato il Signor Spernanzoni ed ho in mano i documenti che mi ha gentilmente consegnato per attivare la mozione in Comune. In questo caso non ci si può tirare indietro o fare gli scaricabarili. Guido Garufi Capogruppo IDV
  • L’Idv: “Capponi vuole una centrale nucleare a Macerata”

    474 - Mag 24, 2011 - 3:52 Vai al commento »
    Per Deborah: Grazie. Per altri: lo spostamento del Referendum costa alle Casse desso Stato : 350 MILIONI DI EURO ( Vedi Ministero Interni) Letizia Moratti vuole togliere le multe ai milanesi per avere il suffragio universale contro Pisapia( Ansa) Comunisti: non credo che ci siano "pericolosi comunisti". Bagnasco: ha preso finalmente una posizione.
    475 - Mag 23, 2011 - 21:30 Vai al commento »
    Mi pare che la provocazione di Paola Giorgi abbia colto nel segno. In altre parole Paola Giorgi vuole chiedere a Capponi cosa ne pensa del nucleare e dei referendum che il Governo non ha fatto coincidere con le Provinciali, obbligando il Popolo italiano a spendere ( spostando il referendum) 350 MILIONI di Euro in più. E cosa ne pensa Capponi dell'acqua pubblica e altre domandine che sono proposte dai quesiti referendari? Mentre la Giorgi semplicemente provoca, la Moratti, a Milano, contra legem , per vincere su Pisapia, ha chiesto l'annullamento delle multe dei Vigili urbani...
  • Federazione della Sinistra e Sel divise su Pettinari

    476 - Mag 23, 2011 - 3:19 Vai al commento »
    Non entro nel merito delle valutazioni storico-critiche di Rifondazione e Comunisti Italiani e della posizione degli stessi. Ognuno è libero. Per quanto riguarda Vendola, a proposito di matematica, vorrei ricordare che Vendola, in Puglia, ha vinto con grande successo le primarie e quindi ha vinto le Destre. Ma c'è un piccolo particolare di tipo matematico. Al Centro c'era la signora Poli Bortone dell'UDC che si era presentata da sola con un suo 12%. Così sarà a Milano. Pisapia sarà appoggiato dalle sinistre (tutte). L'UDC non ha consigliato, al ballottaggio, ai suoi elettori di scrivere sulla scheda una Croce.
  • Acquaroli: “Voto Antonio Pettinari
    per sconfiggere la destra”
    Appello di Capponi agli elettori dell’Udc

    477 - Mag 21, 2011 - 3:39 Vai al commento »
    Inutilmente si attacca la LAM o si ostacola ogni tipo di accordo e, addirittura, si sostiene che questa elezione provinciale ci ha fatto sperperare soldi. Bisogna chiedere, invece, a BERLUSCONI perchè ha rimandato e non accorpato il REFERENDUM alle AMMINISTRATIVE facendo ( questa volta si) risparmiare al Popolo italiano 350 MILIONI DI EURO. Guido Garufi Capogruppo IDV Comune di Macerata.
  • Giorgi (Udc): “Quante contraddizioni
    nel programma di Pettinari!”

    478 - Mag 12, 2011 - 3:10 Vai al commento »
    Vorrei suggerire a Giorgi che stmo come persona e come "ricercatore di contraddizioni" ( ne potrei trovare molte nel programma di Capponi, dal fotovoltaico alla discarica di Cingoli) questa CONTRADDIZIONE: che rapporto c'è fra don Sturzo citato da Giorgi e Berlusconi. Vale a dire se non trova Giorgi una "lieve" contraddizione tra la Dottrina Sociale della Chiesa e lo "stile" di Berlusconi. Dico "stile" per non dire di più. A partire dallo stalliere Mangano, le feste di Arcore, di Palazzo Grazioli, le tangenti di Bertolaso, il Ministro Brancher, Cosentino, Previti, Scajola, gli affiliati alla P2,l'attacco al Capo dello Stato Giorgio Napolitano e via discorrendo. Non trovo "contraddittorio" affatto Pettinari, anche qui potrei fare una lunga trafila di nomi che cambiarono Partito e dall'UDC si trasferirono in Forza Italia, magari andando alla regione, come Consiglieri, il cui "stipendio" è di circa 10.000 Euro al Mese.Non mi dilungo perchè il "programma" si identifica con un girone infernale e le "contraddizioni" aumenterebbero. Guido Garufi Capogruppo IDV Comune di Macerata
  • “La vendita della Smea al Cosmari
    certifica il totale fallimento
    della politica dei rifiuti”

    479 - Mag 10, 2011 - 2:30 Vai al commento »
    Più volte mi sono trovato in sostanziale accordo con Nascimebeni ( e Francesca). Nel caso della "cessione" della SMEA al COSMARI, rimangono le mie perplessità. Io debbo ancora capire nel dettaglio i "costi" della raccolta "Porta a Porta" o di quello che genericamente vine ciamato "modello maceratese". In mancanza di dati certi e importanrti rimane difficile decidere. Se invece l'atto di "cessione della SMEA al COSMARI" è "solo" un preliminaree che non vincola e subordina gli atti successivi, allora si può dare il via all'operazione. Resta, come ho detto sulla stampa e come ribadisco oggi, che il COSMARI, a tutt'oggi "pubblico" dovrà cedre le sue azioni ( il 40%) al privato, in relazione ad una Legge nazionale non derogabile.Il che significa che ciò che è pubblico oggi, sarà "semipubblico" domani. Questi sono i fatti.Come si vede, la situazione è davvero ingarbugliata.
  • Bianchini: “Macerata capoluogo
    deve ritrovare la sua centralità”

    480 - Apr 28, 2011 - 3:35 Vai al commento »
    Caro Massimiliano, sagge parole.Intanto auguri per la tua campagna elettorale.Sei persona coraggiosa, avventurosa e leale. E' vero, della nostra maggioranza, se si eccettua il sottoscritto, tu e Borgiani, nessun consigliere ha partecipato. Ma neppure nessun assessore. Quanto al Palazzetto dello Sport anche io mi chiedo da quale parte verranno i finanziamenti? Intanto vediamo come va la compravendita Smea-Cosmari. Qualora andasse bene, sarei dell'opinione di abbassare la TARSU attraverso l'introito. O comunque modularla. La questione Palazzetto merita approfondimenti analitici, a partire da Treia. Ma non era stata destinata un'area in quel paese per tale occasione? Ci sono finanziamenti europei? La questione è "grossa" e durante le elezioni io non mi sento di promettere nulla. E' più leale.
  • Residenti contro la movida:
    “Via Garibaldi abbandonata a se stessa”

    481 - Apr 27, 2011 - 2:58 Vai al commento »
    Per Tamara: Cara Tamara, non ti preoccupare, ho già ampiamente contestato nelle sedi opportune l'eccesso di "incentivi" dati ai funzionari. Vedrai che la questione non finisce qui. Ritornando sul tema, ritengo sia anche utile l'uso delle telecamere. Non confondiamno la "telecamera" con la "bomba atomica" e il "privato" con il vandalismo.
    482 - Apr 24, 2011 - 3:55 Vai al commento »
    Alcuni amici che abitano in Piazza Annessione mi avevano parlato di questo problema. Io credevo che loro esagerassero, poi, con il passare del tempo, mi sono convinto che c'è più di un problema reale e concreto. Debbo anche confessare che, in linea teorica, non appartengo alla schiera dei "critici" del frastuono notturno. Tuttavia, quando questo è rilevante e si mescola ad altre performances, allora bisogna intervenire. Non credo affatto che i "vip" alloggino solo in quei paraggi. E poi cosa significa "vip"? E perchè tirar fuori questo "armamentario" linguistico grossolano e anche falso? Archelogicamente "classista"? Poichè apprendo che l'Amministrazione non si è mossa, informo ufficialmente che presenterò una "mozione" in Consiglio comunale affichè si trovi un modo ( reale) per risolvere la questione. Guido Garufi Capogruppo IDV al Consiglio comunale.
  • Spostamento degli uffici
    La mozione diventa tabù

    483 - Apr 13, 2011 - 2:39 Vai al commento »
    Per Berrè: condivido pienamente la sua tesi.Infatti io che non avevo firmato la mozione di Borgiani, condividendone tuttavia la sostanza, mi sono astenuto e non ho votato contro. Questa dinamica, firmare mozioni e poi ritirare ciò che si è firmato, è andato di moda in questi ultimi trenta giorni. Mi fermo qui.
  • Gheddafi,
    20 anni fa

    484 - Apr 3, 2011 - 3:03 Vai al commento »
    Bel "pezzo", Mauro. Perchè ogni tanto non ne scrivi altri? Oppure, tralasciando il genere "giallo" che comunque ottimamente persegui insieme a Mandrelljscky, non riunisci i tuoi ricordi di inviato di guerra in un bel libro? Ciao, Guido
  • Mal di pancia della politica?
    La cura è una sola: il latino

    485 - Mar 28, 2011 - 3:48 Vai al commento »
    Ma anche " Omnia munda mundis"
  • La Cisl lancia l’allarme servizi pubblici
    “Il futuro è un’incognita
    per dipendenti e cittadini”

    486 - Mar 24, 2011 - 2:31 Vai al commento »
    Condivido pienamente le osservazioni e le argomentazioni della CISL. Infatti è necessario un piano programmatico che veda impegnata la maggioranza su tali questioni "sensibili". Questioni che da un lato fanno emergere il diritto alla tutela del lavoro, dall'altro la scelta delle migliori opzioni in vista deille scadenze che la legge impone alle "partecipate". Questioni che, come la CISL sostiene, debbono essere discusse e dibattute per tempo. Mi farò carico di questo. Il capogruppo IDV Guido Garufi
  • Carancini e il vescovo Giuliodori
    lanciano la sfida
    alla Nazionale Cantanti

    487 - Mar 24, 2011 - 2:21 Vai al commento »
    Fanno bene il Sindaco e il Vescovo a partecipare all'agone che ha come finalità quella benefica per la fibrosi. Io non so giuocare, ovvero giocavo ai tempi del Liceo. Mi chiedo unicamente chi starà " a porta".
  • Mattei e la Libia

    488 - Mar 21, 2011 - 2:16 Vai al commento »
    Caro Zallocco, complimenti. Tra l'altro il "mistero" che avvolge la morte di Mattei, a mi avviso, riemerge "anche" in occasione dei più recenti conflitti. A partire dall'Irak.
  • L’alleanza Pd-Udc
    nasce tra le polemiche

    489 - Mar 19, 2011 - 4:42 Vai al commento »
    Non condivido, anche se rispetto, le argomentazioni che l'ottimo Assessore Giorgi elabora a proposito della eventuale candidatura di Tonino Pettinari. Non le condivido per una questione sostanziale che, per paradosso, invece mi avvicinano ad una parte del suo ragionamento ( ed è una parte "fondante"). Ho scritto più volte, anche su queste pagine, come la politica italiana sia "tradita" da quello che io considero un falso bipolarismo. Falso perchè da molti anni viene venduto come bipolare ( e dunque positivamente alternativo) un "meccanismo" attraverso il quale, a mio avviso, l'elettore viene "imbrogliato". Ne spiego il senso.L'imbroglio procede mediante una "drogata" campagna elettorale che si fa grazie ai media. La politica è ormai spettacolo e "salotto" televisivo, il che implica che l'elettore ( ovvero il "lettore" della TV ed altro) è come "virato" o "attratto" non tanto dalle "argomentazioni" di questo o quel partito, quanto dalla persona che lo incarna. Il che implica, a sua volta, che gli stessi partiti (purtroppo) debbano "adeguarsi" a questa ferrea legge dell'apparire. Ne risulta un grottesco scenario ( nel senso etimologico: da "scena") o un Romanzo Totale dove l'elettore tenterà di proiettarsi ( nel senso analitico e psicologico) nelle varie "figure" del Romanzo e del Racconto, negli Eroi e Antieroi, nei Belli e Brutti, nei Buoni e nei Cattivi.Non c'è in questo panorama, a mio avviso desolante, quanto giustamente Giorgi invoca con il suo interessante riferimento a Sturzo ( per me forte orientamento) e a Mazzolari, vorei aggiungere, e a La Pira, ad esempio, non c'è purtroppo più. E sono il primo a provare tristezza per questo. Ho grande rispetto per l'UDC che in questa Tempesta perfetta della Repubblica ha tentato una posizione terzopolista.Ma Casini sa, più di me e di Giorgi, ad esempio, che il Polo esite perchè esiste una Lega.Quali nomi eccellenti si possono tirar fuori dal mondo cattolico al quale il laicamente appartengo per essere "contro" la stessa Lega? Moltissimi, tropppi. Dunque quando si discute di una allenza non è giusto, a mio avviso, cercare i Padri fondatori. Molti di essi si rivolterebbero dalle tombe ( ovviamante anche a sinistra). Il processo politico di questi ultimi anni ha reso evidente a tutti ( nessuno escluso) quanto gli stessi Partiti si siano "secolarizzati", ovvero abbiano perso quello smalto passionale e veritativo che un tempo li distingueva e magari li "opponeva", ma li opponeva veramente e non retoricamente. Una volta questa si chiamava "ideologia" ( la uso nella sua connotazione positiva). Quelle vecchie passioni ed ideologie sembrano offuscate, anzi, forse annullate, in un malinconico tramonto. Ma l'alba delle nuove Ideologie è un'alba perversa. La nuova Ideologia è il Mercato e il Profitto, nella sua versione più tribale e disumana, con i suoi errori anche tecnologici ( a partire dal Giappone). Dunque non trovo scandalosa alcuna alleanza, perchè altrimentui dovrei trovare scandaloo il sistema conil quale è passato lo Scudo fiscale in Italia: 28 assenti del PD e 11 dell'UDC. Io non dico cheil Partito in cui milito, l'IDV, sia il migliore del Mondo e in Italia, o che l'On. David Favia, il nostro Parlamentare sia Tarzan, ma non mi azzardo a dire, mai, che La Sel o Rifondazione o la Destra di Storace o i Comunisti italiani siano dei banditi ( nel senso da "bandire"), non cado, cioè, nel meccanismo che ho tettato di spiegare. Se lo dovessi fare, alzerei vari recinti, se lo facessi vorrebbe dire che " guardo troppo" la TV e comincerei a riconoscere, come ho già detto, gli Eroi e gli antieroi. In questo senso mi soccore la Letteratura e la poesia, probabilmente più "serie". Comprendo anche che Giorgi, da Cingoli, un paese che ho amto nella giovinezza, aristocratico e forte come il suo Tito Labieno, possa essere amareggiato. Ma mi creda, la mia amarezza è più profonda. Con stima.
    490 - Mar 19, 2011 - 4:37 Vai al commento »
    Non condivido, anche se rispetto, le argomentazioni che l'ottimo Assessore Giorgi elabora a proposito della eventuale candidatura di Tonino Pettinari. Non le condivido per una questione sostanziale che, per paradosso, invece mi avvicinano ad una parte del suo ragionamento ( ed è una parte "fondante"). Ho scritto più volte, anche su queste pagine, come la politica italiana sia "tradita" da quello che io considero un falso bipolarismo. Falso perchè da molti anni viene venduto come bipolare ( e dunque positivamente alternativo) un "meccanismo" attraverso il quale, a mio avviso, l'elettore viene "imbrogliato". Ne spiego il senso.L'imbroglio procede mediante una "drogata" campagna elettorale che si fa grazie ai media. La politica è ormai spettacolo e "salotto" televisivo, il che implica che l'elettore ( ovvero il "lettore" della TV ed altro) è come "virato" o "attratto" non tanto dalle "argomentazioni" di questo o quel partito, quanto dalla persona che lo incarna. Il che implica, a sua volta, che gli stessi partiti (purtroppo) debbano "adeguarsi" a questa ferrea legge dell'apparire. Ne risulta un grottesco scenario ( nel senso etimologico: da "scena") o un Romanzo Totale dove l'elettore tenterà di proiettarsi ( nel senso analitico e psicologico) nelle varie "figure" del Romanzo e del Racconto, negli Eroi e Antieroi, nei Belli e Brutti, nei Buoni e nei Cattivi.Non c'è in questo panorama, a mio avviso desolante, quanto giustamente Giorgi invoca con il suo interessante riferimento a Sturzo ( per me forte orientamento) e a Mazzolari, vorei aggiungere, e a La Pira, ad esempio, non c'è purtroppo più. E sono il primo a provare tristezza per questo. Ho grande rispetto per l'UDC che in questa Tempesta perfetta della Repubblica ha tentato una posizione terzopolista.Ma Casini sa, più di me e di Giorgi, ad esempio, che il Polo esite perchè esiste una Lega.Quali nomi eccellenti si possono tirar fuori dal mondo cattolico al quale il laicamente appartengo per essere "contro" la stessa Lega? Moltissimi, tropppi. Dunque quando si discute di una allenza non è giusto, a mio avviso, cercare i Padri fondatori. Molti di essi si rivolterebbero dalle tombe ( ovviamante anche a sinistra). Il processo politico di questi ultimi anni ha reso evidente a tutti ( nessuno escluso) quanto gli stessi Partiti si siano "secolarizzati", ovvero abbiano perso quello smalto passionale e veritativo che un tempo li distingueva e magari li "opponeva", ma li opponeva veramente e non retoricamente. Dinamica non diversa da quanto è accaduto nel Novecento alla Chiesa. Una volta questa si chiamava "ideologia" ( la uso nella sua connotazione positiva). Quelle vecchie passioni ed ideologie sembrano offuscate, anzi, forse annullate, in un malinconico tramonto. Ma l'alba delle nuove Ideologie è un'alba perversa. La nuova Ideologia è il Mercato e il Profitto, nella sua versione più tribale e disumana, con i suoi errori anche tecnologici ( a partire dal Giappone). Dunque non trovo scandalosa alcuna alleanza, perchè altrimentui dovrei trovare scandaloo il sistema conil quale è passato lo Scudo fiscale in Italia: 28 assenti del PD e 11 dell'UDC. Io non dico cheil Partito in cui milito, l'IDV, sia il migliore del Mondo e in Italia, o che l'On. David Favia, il nostro Parlamentare sia Tarzan, ma non mi azzardo a dire, mai, che La Sel o Rifondazione o la Destra di Storace o i Comunisti italiani siano dei banditi ( nel senso da "bandire"), non cado, cioè, nel meccanismo che ho tettato di spiegare. Se lo dovessi fare, alzerei vari recinti, se lo facessi vorrebbe dire che " guardo troppo" la TV e comincerei a riconoscere, come ho già detto, gli Eroi e gli antieroi. In questo senso mi soccore la Letteratura e la poesia, probabilmente più "serie". Comprendo anche che Giorgi, da Cingoli, un paese che ho amto nella giovinezza, aristocratico e forte come il suo Tito Labieno, possa essere amareggiato. Ma mi creda, la mia amarezza è più profonda. Con stima.
  • Corso Cairoli
    vs
    Corso Cavour

    491 - Mar 17, 2011 - 4:49 Vai al commento »
    Condivido la tesi di Filippo. Certamente le Casette rappresentano e sono davvero un Borgo "storico", con tutta la dignità che ne consegue.
  • Comitato per il Sì al referendum nucleare:
    “La sicurezza delle centrali è solo una favola”

    492 - Mar 17, 2011 - 4:57 Vai al commento »
    Condivido le argomentazione esposte nell'articolo. In più, penso, ne vedremo delle belle ( anche in Giappone), quanto a "responsabilità". Per ora si vuol dare la "colpa" unicamente all'accadimento terribile ( tsumani e terremoto, insieme). Al contrario sarà da "contrallare" meglio chi "cià magnato" rerlativamente ai mancati "aggiornamenti" dei vecchi reattori nucleari. Penso che ne vedremo, e forse ne sapremo, delle belle.
  • Il Comune diffonde i dati
    della differenziata nelle frazioni
    Dilemma sulla trattativa Smea-Cosmari

    493 - Mar 11, 2011 - 4:22 Vai al commento »
    Il comunicato del Cosmari è ermetico. Tra i vari "ermetismi" non si comprende bene il verso: " l'attuazione Porta a Porta opportunamente adattato al Comune di Macerata". Mi sembra ancora tutto de jure condendum ( o condito con salsa)
  • “Ci sono i soldi per Rampa Zara
    L’Apm può fare quel parcheggio”

    494 - Mar 9, 2011 - 2:29 Vai al commento »
    La mmozione presentata dai Consiglieri Nascimbeni e D'Alessandro, indipendentemente dalla eventuale finalità che dovrebbe\potrebbe sostenere l'APM, è per me sostanziale e interessatnte. Interessante perchè tocca un punto cruciale sula quale anche io chiederà chiarezza e trasparenza.Il motivo di fondo è politico e giuridico, allo stesso tempo. Di recente, sulla stampa, a mio avviso positiovamente, l'Avvocato Giulianelli ha posto la questione frontale: le tasse che l'APM "paga" e giustamente allo Stato, possono essere investite in modo diverso? E fino a che punto? Non è una questione di piccolo conto. Chi deve infatti dare l'indirizzo all'APM, il Comune o no? A mio avviso il Comune? Può una Azienda totalmente pubblica sottrarsi all'indirizzo del Consiglio comunale? A mio avviso no. Quale fonte di finanziamento indirettio può costiture l'APM per le casse vuote del Comune? Mi pare che Nascimbeni e D'Alessandro, avendo agitato la questione da un lato "viario" ( il parcheggio) tocchinio un tema che provocherà interesse a chiarimento.
  • 46enne senza lavoro
    si barrica dentro il Comune

    495 - Feb 19, 2011 - 2:31 Vai al commento »
    L'atto disperato di quest'uomo è un segnale che deve essere recepito dalla politica. Bisogni strutturali primari ( casa e lavoro) sembrano essere o dimenticati o allontanati o rimossi da una società che vede solamente la "bella vita" nei salotti televisivi. Si crea, allora, una realtà "schizofrenica" o scissa: da una parte "guardiamo la vita degli altri" che scorre "felicecemente" sul video, mentra la nostra viene soffocata alla radice, fio nella radice dei bisogni reali e concreti. Avviene, allora, che " anche e persino" il dolore di chi soffre ed è impotente, assuma "solo" una rilevanza "estetica o spettacolare", perdendo la sua carica rivoluzionaria e umana.Detto questo voglio aggiungere che farò del tutto nell'ambito del Bilancio per sostenere la voce relativa ai servizi sociali. Voce che il Sindaco ha già tutelato.
  • Fotovoltaico a Boschetto Ricci
    Legambiente dice “no”
    E spunta un testamento

    496 - Feb 19, 2011 - 2:18 Vai al commento »
    Condivido pienamente la posizione di Borgani e di Legambiente. Penso che abbia ragione Cerasi per il vincolo regionale. Ma qualora anche il Comune di Macerata dovesse dire la sua, farò una battaglia in tal senso.
  • Quelle quattro cartoline
    che fecero del Maceratese
    una pagina di storia e di cultura

    497 - Mar 11, 2011 - 4:40 Vai al commento »
    Caro Mauro, da lontano ci sei sempre vicino. Con la tua scrittura elegante e, credimi, sentiamo la tua mancanza.Ebbi modo di conoscere, a Fermo, ungrande fotografo, Crocenzi. Aveva partecipato alla vita operosa e "fotografica" del Politecnico e mi raccontava tante cose in proposito. I versi "sostanziale" che tu riporti, lo sono nella "sostanza" e particolarmente nella forma. Credo di essermi imbattuto con Seppilli a Perugia, quando ero studente di Medicina. Una genialità e forse un maestro. La "nostra" contadina, in manicomio, probabilmente fu una delle tante vittime del positivismo lombrosiano che imperò in Italia. Lombroso dal quale discende, però, una grande scuola psichiatrica romana: Pende, Bini, Bazzi e Gozzano. Chiedo scusa per i riferimenti nostalgici di elusa medicina. C' anche nostalgia per una rivista dignitosa e forte, come fu Officina. Si, fu difficile per Vittorini "eludere" la sua "sostanza" di compagno. La diatriba con Togliatti fu aspra.Vittorini aveva interpretato, meglio di tutti, quel "realismo lirico" che è la parte fondante della nostra narrativa. Vieni preso a Macerata, tra politica non professionale e il Bar da Pierino. Ciao, Guido
  • Matteo Ricci:
    padre o non padre?
    Quel mediocre dibattito
    in consiglio comunale

    498 - Gen 21, 2011 - 1:22 Vai al commento »
    Condivido sostanzialmente la tesi del collega Borgiani. Io non ho partecipato al voto in aula, per mia scelta. Ho ripreso, invece, la tesi di Borgiani in un mio intervento. Ribadisco che sono convinto che l'eccesso di "luce" ( e di danaro) su Padre Matteo Ricci non crei tutto quell'indotto del quale si parla. Temo che la cosa si ripeterà quando si riparlerà della statua.
  • Il cuore mariano di Matteo Ricci
    nelle armonie sublimi di Monteverdi

    499 - Lug 24, 2010 - 4:10 Vai al commento »
    La scelta che "gira" intorno a Maria a me sembra eccellente, proprio nella direzione indicata dal Vescovo. Lo dico non per piaggeria, ma con la consapevolezza che proprio Maria rappresenti nella sua umiltà quella "potenza" altissima e quella "mediazione" centrale necessarie e urgenti nella attuale frammentazione. Insomma un "filo" ( come fu Arianna per Teseo nel labirinto) ancora da trattenere o comunque da intuire. Direi di più: che questa scelta non è una scelta "limitatamente" religiosa è, anche, una scelta "estetica". E non è forse proprio l'Arte una metafora o rifrazione di Altro?
  • Registro dei tumori senza fondi
    “Impossibile fare un dossier a Morrovalle”

    500 - Lug 24, 2010 - 3:56 Vai al commento »
    La storia raccontata dalla Signora Vitarelli ha dell'incredibile ed è triste al tempo stesso. Desta irritazione e stupore apprendere l'isolamento ( economico prima e informativo poi ) del Centro. La tesi di Ranzuglia è totalmente condivisibile e per questo, credo, occorra che i Comuni "sensibili" ( nel senso segnalato da Ranzuglia) se ne facciano carico. Occorrerebbe poi, a mio avviso, che la Fondazione Banca delle Marche agevolasse una così civile intrapresa, come del resto fa egregiamente in situazioni simili.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy