Vittorio Sgarbi porta a Matelica
Pier Paolo Pasolini e Caravaggio

EVENTO - Giovedì 1 dicembre arriva al teatro Piermarini la produzione del sottosegretario alla cultura dedicata al pittore e allo scrittore
- caricamento letture

serata-dantesca-con-sgarbi-preziosi-brilli-cazzullo-civitanova-FDM-12-325x216Giovedì 1 dicembre alle 21,15 il teatro Piermarini di Matelica accoglie Vittorio Sgarbi in “Pasolini Caravaggio” con le musiche composte ed eseguite dal vivo da Valentino Corvino e la video scenografia di Tommaso Arosio. In questo spettacolo tutto da ascoltare e vedere, su progetto artistico di DoppioSenso e proposto nella stagione teatrale promossa dal comune di Matelica con l’Amat e realizzata con il contributo della regione Marche, Vittorio Sgarbi conduce lo spettatore nelle vite fin dentro le opere rivoluzionarie di Michelangelo Merisi e Pier Paolo Pasolini. Trascendendo immagini, testi e suoni, Sgarbi porterà alla luce quanto di più necessario è stato donato dalle rivoluzionarie attività di questi due maestri i quali, nonostante abbiano vissuto a circa quattrocento anni di distanza l’uno dall’altro, lottarono contro analoghi ostracismi, pagando il caro prezzo della vita in cambio della propria libertà intellettuale.

«Caravaggio è doppiamente contemporaneo. È contemporaneo perché c’è, perché viviamo contemporaneamente alle sue opere che continuano a vivere; ed è contemporaneo perché la sensibilità del nostro tempo gli ha restituito tutti i significati e l’importanza della sua opera. Non sono stati il Settecento o l’Ottocento a capire Caravaggio, ma il nostro Novecento. Caravaggio viene riscoperto in un’epoca fortemente improntata ai valori della realtà, del popolo, della lotta di classe. Ogni secolo sceglie i propri artisti. E questo garantisce un’attualizzazione, un’interpretazione di artisti che non sono più del Quattrocento, del Cinquecento e del Seicento ma appartengono al tempo che li capisce, che li interpreta, che li sente contemporanei. Tra questi, nessuno è più vicino a noi, alle nostre paure, ai nostri stupori, alle nostre emozioni, di quanto non sia Caravaggio». È su questa citazione di Vittorio Sgarbi che s’innesta l’idea di un’inedita simmetria con l’intellettuale Pier Paolo Pasolini che seppur su piani differenti, innescarono roventi polemiche attraverso le loro modalità artistiche, e di vita, divenendo interpreti di nuove realtà spesso non comprese dai coevi, e dai posteri. La produzione dello spettacolo è di Corvino Produzioni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X