«Grazie a medici e infermieri
che sono stati vicini a mia madre»

CORRIDONIA - I ringraziamenti del figlio di Maria Paola Barbarotto, morta a 77 anni all'hospice di San Severino
- caricamento letture
maria-paola-barbarotto1-325x354

Maria Paola Barbarotto

Cordoglio per la scomparsa di Maria Paola Barbarotto. Residente a San Claudio di Corridonia, si è spenta dopo una lunga malattia all’hospice di San Severino dove era ricoverata da qualche settimana. Aveva 77 anni. Lo scorso 29 aprile aveva perso il marito, Luigi Salvucci. 

Il figlio, Francesco Salvucci, vuole ringraziare medici e infermieri che le sono stati vicini nel corso della malattia e «l’hanno assistita con grande professionalità e umanità. I ringraziamenti della mia famiglia vanno al reparto oncologia dell’ospedale di Civitanova con a capo il primario Giovanni Benedetti, al reparto analisi dell’ospedale di Macerata, al nostro medico di base Concetta Marconi, al dottor Annibale Francioni, agli infermieri Umberto Tempestilli e Federico Cippitelli, agli infermieri della Croce Verde di Macerata, agli amici e medici in pensione Maurizio Falcitelli e Annamaria Cartechini, ai medici e agli infermieri dell’hospice di San Severino Marche e all’Anvolt di Civitanova. Infine un ringraziamento speciale ai titolari del bar pasticceria Cappelletti di Tolentino, dove lavoro, e che in questi mesi mi hanno permesso di poter stare vicino a mia madre».

maria-paola-barbarotto-2

Maria Paola Barbarotto e Luigi Salvucci il giorno delle nozze



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X