Sala slot, Silenzi al questore:
«Mai ritirata la delibera illegittima,
il sindaco ha tradito l’impegno»

CIVITANOVA - Il capogruppo dem ha inviato una missiva in questura. «Anche il regolamento al contrasto della ludopatia non è mai stato discusso, più volte portato in Consiglio e messo come ultimo punto di discussione, alla fine è stato ritirato». E ha scritto anche al coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani
- caricamento letture
progetto-porto-dubai-silenzi-civitanova-FDM-9-325x217

Giulio Silenzi (Pd)

 

«Sono state numerose le volte in cui il punto è stato inserito all’ordine del giorno, sempre all’ultimo punto della discussione, e poi mai trattato fino ad essere definitivamente ritirato e a scomparire dalle priorità dell’amministrazione. Un comportamento che tradisce l’impegno preso dal sindaco e le aspettative della questura, mentre la lotta alla ludopatia dovrebbe coinvolgere tutte le istituzioni pubbliche, amministrazione comunale compresa». E’ una passaggio della lettera che il capogruppo dem Giulio Silenzi ha inviato al questore Vincenzo Trombadore. Al centro il caso della sala slot di via Silvio Pellico, la cui apertura è stata bocciata dal Tar che ha ritenuto illegittima la delibera della giunta, in quanto in contrasto con la Legge Regionale sul gioco d’azzardo.

«La vicenda è a lei nota – scrive Silenzi al questore – in quanto legata ai ricorsi presentati dalle società Goldblack srl e Food Rich srl contro due dinieghi della Questura di Macerata all’apertura di una sala slot in via Silvio Pellico a Civitanova, emessi nel luglio 2018 e nel luglio 2021. Ricorsi in cui la Questura e il ministero dell’Interno si sono costituiti in giudizio. Tre sentenze di tribunale (Tar Marche 131/2019, Consiglio di stato 8563/2019, Tar Marche 70/2022) hanno respinto i ricorsi, che fondavano molta parte delle loro tesi proprio sui principi di misurazione introdotti dalla delibera di giunta. Quella delibera è tutt’ora in vigore. La Giunta comunale non ha provveduto alla revoca dell’atto nonostante sia in evidente contrasto con la legge regionale e con i provvedimenti emessi dalla Questura di Macerata, sia per il caso nel comune di Civitanova che per altri analoghi in provincia di Macerata, e in chiaro conflitto con l’intero operato della Questura nella costante azione di affermazione della legalità e contrasto al gioco d’azzardo. Civitanova non è nemmeno dotata di un regolamento comunale di contrasto alla ludopatia aggiornato con la legge regionale 3/2017 – sottolinea sempre Silenzi nella lettera – Ripetutamente il suo predecessore, Antonio Pignataro, aveva sollecitato all’amministrazione comunale ricevendo assicurazione che la questione sarebbe stata portata in Consiglio comunale. Sono state numerose le volte in cui il punto è stato inserito all’ordine del giorno, sempre all’ultimo punto della discussione, e poi mai trattato fino ad essere definitivamente ritirato e a scomparire dalle priorità dell’amministrazione. Un comportamento che tradisce l’impegno preso dal sindaco e le aspettative della questura, mentre la lotta alla ludopatia dovrebbe coinvolgere tutte le istituzioni pubbliche, amministrazione comunale compresa».

tajani-ciarapica

Tajani a Civitanova con Ciarapica per l’inaugurazione della sede regionale di Forza Italia

Silenzi non si è limitato a scrivere al questore, ma ha informato anche Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia, partito del sindaco Ciarapica. «Il 3 giugno 2021 – dice Silenzi a Tajani – lei ha fatto tappa a Civitanova  per inaugurare la sede regionale di Forza Italia. Tra le iniziative decise dal sindaco Fabrizio Ciarapica che la accompagnava, oltre alla visita al Centro vaccinale anti Covid, anche il taglio del nastro del settore bar del locale Planet Rich, un’attività le cui società che si sono avvicendate alla gestione (Goldblack Srl e la subentrata Food Rich Srl) hanno fatto causa al ministero degli Interni, circostanza di cui lei era sicuramente ignaro». Silenzi spiega anche a Tajani tutto l’iter giudiziario che ha portato alla mancata apertura della sala slot e alla bocciatura della delibera di giunta. «Questa vicenda si inserisce in un contesto socio economico che vede Civitanova – aggiunge il capogruppo dem nella missiva al coordinatore nazionale di Forza Italia – secondo i dati dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, capitale regionale – e tra le più attive in Italia – nel gioco d’azzardo legale per giocate procapite, ma l’amministrazione comunale non si schiera con lo Stato nel contrasto al fenomeno della ludopatia e nemmeno procede all’approvazione del nuovo regolamento comunale contro il gioco d’azzardo, documento da tre anni fermo nei cassetti. Anzi, delibera per favorire l’apertura di una mega sala slot. Tutto questo per rappresentarle i fatti data la sua presenza all’inaugurazione di locali che, come sancito da sentenze di tre tribunali, intrecciano le loro richieste con cause e ricorsi in contrasto con la legge regionale e con i provvedimenti della Questura di Macerata».

Sala slot, nuovo stop del Tar «La delibera è illegittima»

Sala slot in via Pellico, ancora un “no” della questura

Niente sala slot, il Tar boccia il ricorso

Sala slot, Silenzi attacca: «Il Comune non contrasta le aperture, atteggiamento da Ponzio Pilato»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =