Sala slot, Silenzi attacca:
«Il Comune non contrasta le aperture,
atteggiamento da Ponzio Pilato»

CIVITANOVA - Il consigliere del Pd commenta la scelta di non costituirsi nel ricorso al Tar presentato da una società che si è vista negare l'autorizzazione dalla Questura per l'apertura in via Silvio Pellico
- caricamento letture
consiglio-comunale-marzo-2018-silenzi-civitanova-FDM-7-325x217

Giulio Silenzi

 

Sala slot, la giunta non si costituisce nel procedimento al Tar, Giulio Silenzi: «Un comportamento da Ponzio Pilato». Il consigliere comunale del Pd interviene dopo la notizia di una nuova sala slot che aveva richiesto l’autorizzazione ad aprire negli spazi di via Silvio Pellico dove già in passato la Questura aveva negato l’apertura in base alla legge regionale (leggi l’articolo). Una nuova società ha richiesto di intraprendere attività e di nuovo la Questura ha posto il veto. Da qui il ricorso della società verso Ministero e Comune. Con una delibera la giunta ha deciso di non costituirsi nel giudizio e Silenzi commenta questa scelta: «la giunta Ciarapica non contrasterà in tribunale l’apertura di una mega sala slot come invece farà la Questura. Un comportamento che dice quali siano le priorità, tra queste sicuramente non la lotta alla ludopatia, in una città che le statistiche tratteggiano tra le prime in regione per giocate pro capite. Il regolamento comunale è da tre anni nei cassetti».

Silenzi ricorda come addirittura Antonio Tajani inaugurò i locali dell’attività oggi solo bar dopo il diniego della Questura a svolgere lì attività di gioco d’azzardo. «Un atteggiamento che non contrasta e quindi favorisce la diffusione del gioco con le videolottery e le macchinette, attraverso cui tanta gente si sta rovinando. Una realtà preoccupante ma di scarso interesse per Ciarapica e il suo entourage, riusciti a portare perfino Antonio Tajani ad inaugurare i locali, oggi attrezzati a bar, nei quali i privati vorrebbero aprire la mega sala slot. Un europarlamentare e coordinatore nazionale di FI, partito di Governo, che inaugura un locale a cui si voleva dare una destinazione che ha generato una causa contro il ministro dell’Interno! E’ capace di tutto Ciarapica. Perfino di sconfessare l’ex questore Antonio Pignataro. Fu lui a dire il primo no all’apertura della sala slot in via Pellico e a seppellire quindi la delibera della giunta sui criteri interpretativi della distanza minima e prima di lasciare Macerata fece capire di tenere molto all’ approvazione del nuovo regolamento cittadino sul gioco d’azzardo. Ma Ciarapica ha fatto orecchie da mercante. Pignataro andava bene per mandare via gli zingari, ma nella lotta alla ludopatia il suo impegno e le sue richieste sono stati ampiamente traditi».

 

Sala slot in via Pellico, ancora un “no” della questura

La febbre del gioco d’azzardo: a Civitanova bruciati 31 milioni, Muccia è riuscita a battere il banco

La lotta alle ludopatie, “male oscuro da combattere”

Niente sala slot, il Tar boccia il ricorso



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X