Liomatic Jesi, l’ad Caporali:
«Non ci sarà nessun licenziamento,
solo una riorganizzazione delle filiali»

LAVORO - L'amministratore delegato dell'azienda spiega che undici lavoratori saranno trasferiti nelle sedi di Macerata e Pesaro, i restanti a Perugia e ad Arezzo. I 24 esterni manterranno invariata la loro attività. «Siamo disponibili a partecipare ai tavoli con le istituzioni e le organizzazioni sindacali per fornire tutti i chiarimenti necessari»
- caricamento letture

LIOMATICSedePerugia-650x505-1-325x253

Liomatic, la sede di Perugia

 

«Da parte di Liomatic non si è mai inteso procedere ad alcun licenziamento, né individuale né tantomeno collettivo, essendo ferma volontà della Società, pur in un momento di grande difficoltà come quello odierno, profondamente segnato dalla pandemia in corso, mantenere inalterati i livelli occupazionali. In tale peculiare momento storico, l’azienda ha ritenuto unicamente di avviare un processo di riorganizzazione delle proprie filiali sul territorio della regione Marche, da sempre considerato come strategico per il proprio business, al fine di operare nello stesso con maggiore efficienza ed efficacia per conseguire gli obiettivi di produzione prefissati. Pertanto, riteniamo del tutto improprio che si parli di chiusura delle attività nella provincia di Ancona, quando, al contrario, Liomatic continuerà ad operarvi attraverso le due vicine filiali di Macerata e Pesaro». I chiarimenti arrivano da Ilaria Caporali, ad di Liomatic spa, dopo il grido di allarme lanciato dai rappresentanti sindacali di Filcams Cgil e Fisascat Marche sulla chiusura della Liomatic di Jesi.

«Chiarito che tale processo non è determinato da una situazione di crisi aziendale ma da mere esigenze di carattere organizzativo, – prosegue l’amministratore delegato dell’azienda – appare necessario evidenziare come neppure corrisponda al vero il numero dei lavoratori dipendenti interessati da tale riorganizzazione che conta appena 40 unità. Tuttavia, è doveroso rimarcare che di questi, i 24 corrispondente alla forza lavoro esterna, manterrà invariata la propria attività lavorativa, continuando ad operare sullo stesso territorio e in favore della medesima clientela. Quanto al trasferimento, che interesserà 11 persone, a dispetto di quanto rappresentato, avrà come sede di destinazione le filiali limitrofe di Macerata e Pesaro (tra 50 e 60 km di distanza) dunque senza subire particolari disagi. Solo per un numero minimale di lavoratori l’azienda, proprio nell’ottica di mantenimento dei livelli occupazionali, ha prospettato un trasferimento presso le filiali di Perugia (2 persone) e di Arezzo (3 persone), costituendo tale soluzione l’unica possibile per la conservazione dei posti di lavoro».

Alla luce di questi dettagli, la Società ritiene di dover «stigmatizzare le dichiarazioni di coloro che alludono ad una (legittima) scelta imprenditoriale come ad un’operazione elusiva delle procedure e posta a detrimento del tessuto socio-economico della Regione. Così non è. Fermo quanto sopra, nel ribadire l’assoluta diversità della vicenda in questione con quelle che hanno visto protagoniste altre aziende dell’area di Jesi, Liomatic spa esprime ancora una volta la massima disponibilità a partecipare ai tavoli con le istituzioni e le organizzazioni sindacali, al fine di fornire tutti i chiarimenti che si renderanno necessari».

 

Chiude la Liomatic: caffè amaro per 50 lavoratori



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =