Illecito trasferimento di denaro all’estero,
indagine su un money transfer:
maxi sanzione di 2 milioni

OPERAZIONE della Guardia finanza lungo la costa, nei guai il titolare extracomunitario e 14 clienti per violazione delle norme anti riciclaggio. Presi in esame in totale 1.800 operazioni in un anno e mezzo per un volume complessivo di circa 480mila euro: parte di questi soldi è stata trasferita in maniera illegale
- caricamento letture
guardia-di-finanza

Gli accertamenti della Finanza

 

Trasferimento illecito di denaro all’estero, maxi sanzione di 2milioni per un money transfer. E’ l’operazione portata a termine dalla Guardia di finanza di Macerata nell’ambito di un più ampio dispositivo di contrasto al finanziamento al terrorismo ed all’indebito utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio, che ha interessato l’intera provincia. In particolare, al centro del Nucleo di polizia-economica finanziaria è finito un rivenditore di accessori per telefonia, abilitato anche come “money transfer” e gestito da un cittadino extracomunitario lungo la costa. Secondo gli accertamenti, sarebbe stato utilizzata la tecnica di frazionamento (cosiddetto smurfing) degli importi da trasferire, mediante l’utilizzo del sistema finanziario “multicanale” dei numerosi istituti di pagamento nazionali ed esteri, per aggirare i blocchi automatici che impediscono di inviare importi superiori alla soglia di legge di 999,99 euro nell’arco di sette giorni. In questo modo sarebbero state trasferite ingenti somme di denaro, in violazione delle norme anti riciclaggio.  L’indagine delle Fiamme Gialle ha preso in esame più di 1.800 operazioni di trasferimento di denaro, eseguite nell’arco temporale di un anno e mezzo, per un volume complessivo di circa 480mila euro, e ha permesso di accertare molteplici violazioni, commesse dal titolare del money transfer e da numerosi clienti, per le quali sono previste sanzioni complessive fino a 2 milioni di euro. Nello specifico, il controllo ha consentito di accertare che il titolare del money transfer ha acquisito da 14 clienti, in una stessa data o al massimo in sette giorni consecutivi, denaro contante per importi pari o superiori a 1.000 euro ciascuno, denaro che è stato poi trasferito a uno stesso beneficiario, o a più persone: le sanzioni previste in questo caso ammontano a circa 1,7 milioni di euro. In presenza di rilevanti trasferimenti di denaro eccedenti la soglia di legge, effettuati da diversi clienti verso un unico beneficiario, o di persone che hanno inviato cospicue somme all’estero pur non disponendo di una capacità reddituale adeguata, al titolare del money transfer sono state altresì contestate sanzioni amministrative per 300mila, per le mancate segnalazioni di operazioni sospette agli organi competenti, come previsto dalla normativa antiriciclaggio.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X