Incendio nella casa dei genitori,
la 40enne resta in cella

PORTO RECANATI - La donna era finita in manette martedì. Oggi il giudice ha convalidato l'arresto
- caricamento letture

tribunale-macerata-polizia-penitenziaria-1-650x488

 

Dà fuoco al mobilio nella casa dei genitori, arresto convalidato e resterà in carcere la 40enne A. G., di Porto Recanati, che è finita in manette nella serata di martedì scorso. La donna, assistita dall’avvocato Gabriella Ceneri, oggi nel corso dell’udienza di convalida davanti al giudice Claudio Bonifazi del tribunale di Macerata ha risposto alle domande dando la propria versione dei fatti. La donna aveva compiuto il gesto dopo una lite con i familiari. Alle spalle ci sono delicate questioni familiari. Il giudice ha deciso la conferma della misura in carcere. «Noi ci rivolgeremo al tribunale del Riesame sulla misura, avevamo chiesto che fosse messa ai domiciliari in un istituto di cura» dice l’avvocato Ceneri.

Nella serata di martedì la 40enne aveva avuto una lite con i familiari è andata a casa dei genitori e lì dopo aver messo tutto in disordine ha dato fuoco a degli arredi e le fiamme si sono poi propagate. I vigili del fuoco sono intervenuti nel giro di poco tempo e hanno spento il rogo prima che la situazione potesse degenerare. Sul posto sono intervenuti i carabinieri per le indagini.

(Gian. Gin.)

Litiga coi familiari e dà fuoco ai mobili di casa: arrestata



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X