Programma Justice 2020,
Unicam finanziata
dalla Commissione Ue

CAMERINO - L'ateneo ha ottenuto i fondi per un progetto dedicato alla formazione di giudici, avvocati, notai e mediatori europei in materia di famiglie transnazionali
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
unicam

L’università di Camerino

 

L’Università di Camerino centra un importante e prestigioso obiettivo: la prof Lucia Ruggeri, docente della Scuola di giurisprudenza e già coordinatrice del progetto europeo Psefs, ha infatti ottenuto un finanziamento dalla Commissione europea nell’ambito del Programma Justice 2020, con un progetto dedicato alla formazione di giudici, avvocati, notai e mediatori europei in materia di famiglie transnazionali.  «Con crescente frequenza – spiega l’ateneo – le coppie sono composte da cittadini di diverse nazionalità e sempre più spesso coppie di coniugi o conviventi con una stessa nazionalità, per ragioni di lavoro, vivono in Paesi diversi da quelli di origine. Questo fenomeno, che nella sola Unione Europea interessa circa 12 milioni di persone, ha reso necessario un complesso intervento a livello europeo e nazionale con significative innovazioni legislative. L’importanza di un aggiornamento professionale di alta qualità e, soprattutto, in grado di coinvolgere contemporaneamente professionisti di area giuridica di diverse nazioni ha condotto alla creazione di un partenariato europeo, guidato da Unicam, che si avvale dell’apporto di ricercatori delle Università di Rijeka, Lubiana, Almeria e del Law Institute della Lituania, centro di eccellenza europeo per la formazione professionale». Il partenariato gode del supporto e della collaborazione di 26 organizzazioni nazionali ed internazionali impegnate nella formazione di professionisti dell’area giuridica. Per l’Italia, si segnalano, oltre alla Fondazione scuola di alta formazione giuridica, ente che raccoglie gli alunni della Scuola di specializzazione in Diritto civile, il Consiglio nazionale forense e quello del Notariato, le principali associazioni operanti in materia di diritto di famiglia e mediazione familiare, il Tribunale per i Minorenni di Ancona. Il team Unicam vede come componenti i professori Francesco Rizzo, Maria Pia Gasperini ed Andrea Perali. Quest’ultimo, in qualità di delegato Unicam per l’e-learning, insieme con i collaboratori specializzati del gruppo e-learning, curerà l’implementazione delle attività formative sulla piattaforma Moodle di Ateneo per un training sperimentale che coinvolgerà professionisti italiani, spagnoli, croati, sloveni e lituani. Il risultato finale del progetto sarà la realizzazione del primo Mooc (Massive open online courses) multilingue europeo dotato di certificazioni di qualità (curate dall’Ufficio qualità di Unicam). Il corso, interamente open access, sarà incentrato sulla regolamentazione del patrimonio e delle successioni delle coppie transnazionale e sarà ospitato nella piattaforma nazionale Eduopen, grazie al supporto dell’Edunova center dell’Università di Modena e Reggio Emilia, in collaborazione con il prof Tommaso Minerva. «Con questa iniziativa e con il riconoscimento ottenuto –  conclude l’ateneo – Unicam si conferma università leader a livello europeo nell’uso di tecnologie e metodologie innovative per la formazione online di qualità».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X