Morto il sindacalista Lindo Morichetti,
segretario dello Spi a Matelica:
«Ha fatto di tutto per i terremotati»

LUTTO - Aveva 69 anni e si è spento questa mattina. Il ricordo del segretario provinciale del sindacato dei pensionati della Cgil, Stefano Tordini: «Lascia un vuoto incolmabile». Domani il funerale a Valfornace
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
lindo-morichetti-1-e1601054165385

Lindo Morichetti

 

Morto a 69 anni Lindo Morichetti, segretario del Sindacato italiano pensionati (Spi) della Cgil di Matelica. Questa mattina, dopo una malattia, si è spento all’Hospice di San Severino. Lascia la madre ultranovantenne, che abitava con lui a Valfornace e due fratelli. «Lascia un vuoto incolmabile nella Cgil del territorio montano, in piena zona del cratere – lo ricorda il segretario provinciale dello Spi, Stefano Tordini -, dove Lindo si è sempre prodigato con ogni mezzo ed azione per soccorrere prima e sostenere ed assistere poi, le famiglie terremotate: dalla consegna e raccolta dei beni di prima necessità da distribuire alle famiglie costrette all’inagibilità dai propri immobili raccolti dal sindacato fino all’assistenza e disbrigo quotidiano delle pratiche di Patronato (insieme con gli altri collaboratori della Cgil) girando e presidiando quelle zone con il camper dell’Ufficio mobile».

lindo-morichetti-2-488x650Una persona molto benvoluta, sempre sorridente, che usava «parole di saggezza, ma con un carattere forte e determinato, era tornato da tempo nella sua terra d’origine dopo aver girato molto quale operatore della Saipem nelle piattaforme off-shore per la ricerca e l’estrazione del greggio e del metano. Già durante il lavoro era stato iscritto ed attivo all’interno dell’attuale Filctem-Cgil, scelta poi confermata nel momento della messa in quiescenza, quando ha aderito allo Spi Cgil. All’interno del sindacato si è messo subito in evidenza ed a disposizione, ricoprendo incarichi all’interno del Direttivo della Lega di Matelica, fino a divenirne il segretario dal 26 settembre 2018, incarico che ricopriva tuttora presidiando un’ampia zona montana come, Matelica, Esanatoglia, Gagliole, Castelraimondo, Camerino, Muccia e San Severino». Tordini, sottolinea ancora: «Un impegno straordinario l’ha coinvolto in maniera temeraria e continua, la costruzione fino all’inaugurazione della nuova sede della Cgil di Camerino avvenuta il 18 aprile 2019, una delle sua massima soddisfazioni». I funerali verranno celebrati domani alle 15 nella chiesa di Valfornace, in località Zona Commerciale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X