Corridonia, Nelia Calvigioni sfiduciata
Riccardo Vecchi presidente del Consiglio

POLITICA - La mozione presentata dalla maggioranza è stata approvata con 9 voti favorevoli e 7 contrari. «Ultimo atto fortemente discriminatorio e ritorsivo nei miei confronti». Il sindaco Cartechini: «Non potevamo fare altrimenti»
- caricamento letture
calvigioni

Nelia Calvigioni

 

Nelia Calvigioni non è più il presidente del Consiglio comunale di Corridonia. La mozione di sfiducia nei suoi confronti è stata discussa e approvata ieri sera. Favorevoli i 9 consiglieri dell’attuale maggioranza, contrari i 7 componenti della maggioranza. L’assise ha anche provveduto alla nomina del nuovo presidente del Consiglio. Si tratta di  Riccardo Vecchi, un giovane laureato in giurisprudenza. A ribadire che non c’era scelta è il sindaco Paolo Cartechini. «Sono stati fatti degli appunti per il modo di condurre consigli e conferenze dei capigruppo. Non c’è stato un cambiamento di rotta e siamo stati costretti a procedere con la mozione di sfiducia». L’ex presidente del Consiglio si è sfogata sui social. «La mozione di sfiducia costituisce l’ultimo atto fortemente discriminatorio e ritorsivo nei miei confronti, con connotati solo politici e personali e tutt’altro che istituzionali. Com’è noto, dopo aver svolto per due mandati l’incarico di sindaco, nelle elezioni del 2017 con quasi mille voti ho contribuito all’elezione, al primo turno, del sindaco Paolo Cartechini e ad eleggere 8 consiglieri e 4 assessori nel gruppo Corridonia Insieme. La mozione di sfiducia nei miei confronti, è solo di natura politica, non ci sono motivi di non rispetto del regolamento o della figura del presidente super partes. Ci sono argomenti che come consigliere e presidente ho sempre ribadito, non sono argomenti né della maggioranza, nè dell’opposizione, si possono dire propri di tutti, la trasparenza degli atti e da parte mia vi assicuro non sarà certo la sedia cambiata o la posizione ai tavoli della sala consigliare che mi faranno essere meno vigile per il rispetto della trasparenza degli atti, dell’informazione da dare ai cittadini, o meno impegnata per Corridonia e soprattutto meno considerata, rispettata, e amata dai cittadini. Tutto questo lo devo a me stessa a tutta Corridonia, ma soprattutto alla mia famiglia che mi ha sempre supportato e aiutato. Non cambierà niente perchè Nelia Calvigioni agirà sempre nella trasparenza che mi ha contraddistinto e informando correttamente la comunità sempre». Conclude ricordando «Il giorno prima dell’arrivo della mozione di sfiducia del sindaco, avevo chiesto con una Pec un Consiglio comunale Aperto per conoscere le 7 Aree del Comune di Corridonia deliberate dall’assemblea provinciale il 26 giugno  per la nuova discarica provinciale e sui criteri per la scelta, con il voto favorevole del sindaco».

Scontro al Comune di Corridonia, tutto è nato dalla scuola d’infanzia e dal pasticcio col finanziamento del Miur

Mozione di sfiducia alla Calvigioni: «Consiglio fissato troppo tardi, abbiamo deciso di disertarlo»

Cartechini sfiducia Calvigioni, terremoto in maggioranza «Un’esecuzione politica»

Nuova scuola in via Verdi, lettera del sindaco nelle cassette Calvigioni: «Accusata senza motivo»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X