Cinesophia ritorna live:
successo per la Notte dei desideri

IL FESTIVAL ieri sera ha ritrovato il suo pubblico nel corso dello spettacolo al teatro Ventidio Basso di Ascoli. Sul palco la band Factory e il filosofo Simone Regazzoni. Omaggio a Franca Valeri. La direttrice artistica Lucrezia Ercoli: «Con l’emergenza sanitaria avevamo dovuto annullare. Ma siamo subito ripartiti con l’edizione online coinvolgendo tutti gli ospiti della kermesse. Ora finalmente torniamo qui con il pubblico»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Notte-Desideri

La Factory sul palco insieme a Lucrezia Ercoli

 

«Con l’emergenza sanitaria, Cinesophia era stata annullata a pochi giorni dall’inaugurazione. Ma siamo subito ripartiti con l’edizione online coinvolgendo tutti gli ospiti del festival. Ora finalmente torniamo qui con il pubblico, in una notte speciale». Così Lucrezia Ercoli, direttrice artistica del festival, ha salutato ieri sera la platea del teatro Ventidio Basso di Ascoli per la Notte dei desideri. Una notte per un viaggio in quel desiderio che è anche «dolore, disorientamento, e profondo senso di attesa – ha ammesso Lucrezia Ercoli -. Come i desiderantes di Giulio Cesare, i soldati che attendo il rientro dei compagni dalla battaglia guardando il cielo, anche noi aspettiamo di uscir a riveder le stelle».

Lucrezia-Ercoli

Lucrezia Ercoli

Il desiderio di Cinesophia era quello di poter tornare ad emozionarsi con il proprio pubblico, assieme pur con i doverosi distanziamenti. Il sogno è finalmente diventato realtà ieri sera, con il nuovo spettacolo filosofico musicale dedicato alla Notte dei Desideri. «La voglia di condividere momenti di riflessione ha spinto una partecipazione straordinaria, viste le difficoltà nel promuovere spettacoli dal vivo e al chiuso, con i posti previsti (e consentiti dalle normative sulla sicurezza) che sono andati sold out in un solo giorno – spiegano gli organizzatori -. Un successo annunciato e confermato dall’affiatamento con la platea. Le prenotazioni e l’entusiasmo verso questa serata hanno ribadito la bontà del progetto di Popsophia, che ha voluto mescolare la fruizione dal vivo con la possibilità di assistere alla serata in diretta streaming: in centinaia si sono collegati al nuovo portale www.popsophia.com per seguire da smartphone, pc o tablet il Philoshow. Da tutta Italia».

Questa esperienza digitale era già stata premiata il 31 maggio scorso, quando sempre dal teatro Ventidio Basso Cinesophia aveva lanciato la ripartenza culturale di Ascoli, raggiungendo migliaia di utenti collegati da ogni parte dello Stivale, per un tributo dedicato ai 90 anni di Clint Eastwood.

Regazzoni

Simone Regazzoni

Il sentiero di ieri è stato narrato prendendo spunto dai linguaggi dell’arte, in primis cinema e musica. Così sullo schermo si sono alternate le immagini di 2001 Odissea nello Spazio o di Interstellar, con gli interventi del filosofo Simone Regazzoni che sono stati intermezzati dai brani Space Oddity di David Bowie, Rocketman di Elton John o Skyfall di Adele. Eseguiti dal vivo dalla Factory di Popsophia, con la voce recitante di Rebecca Liberati. Regazzoni ha portato per mano il pubblico in un percorso nella filosofia del desiderio, e nella sua peculiarità «di sfidare i limiti spazio-temporali. Il desiderio rompe l’unità del mondo, va oltre impetuosamente e supera persino ciò che è distante». Il desiderio quindi «è consapevolezza che c’è qualcosa che non è a nostra disposizione – ha continuato Regazzoni -, altrimenti non sarebbe più desiderabile. Il desiderio è smisurato ma non è fuori di noi. Perché tale dismisura è la mancanza che abita in noi stessi». La serata si è aperta con un omaggio a Franca Valeri, straordinario talento con una carrellata dei suoi ritratti al femminile.

Fioravanti-ed-Ercoli

Marco Fioravanti e Lucrezia Ercoli

«Cinesophia ha un ruolo sempre più rilevante nella scena nazionale, ed è capace di mettere a dialogo più piani artistici arrivando a un pubblico sempre più vasto – le parole sul palco del sindaco Marco Fioravanti -. Iniziative come queste portano la nostra città al centro della ribalta culturale nazionale e ci fanno credere nel sogno di Ascoli capitale della cultura». L’assessora alla Cultura Donatella Ferretti si è soffermata sul senso e sul potere della serata, che guarda all’orizzonte del cielo «e a ciò verso cui tendiamo, mossi da un desiderio di attingere ad una conoscenza sempre più piena».

 

 

Popsophia

 

Ferretti

Donatella Ferretti

Ricordo-Valeri

L’omaggio a Franca Valeri

Factory-3-650x433

Factory-2-650x433

Popsophia-2-433x650



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X