Rischiavano di perdere la sae,
ora restano pagando l’affitto

VISSO - Alcune famiglie erano in forse dopo le ultime disposizioni della Protezione civile. Potranno continuare ad abitare nella casetta versando un contributo stabilito da Erap. Il sindaco Spiganti: «Continuiamo a perdere popolazione, dobbiamo aiutare chi vuole rimanere qua»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

terremoto-10-aprile-2018-casette-sae-visso-FDM-18-650x434

Casette a Visso

 

di Monia Orazi

A Visso i pochi nuclei familiari che in seguito alle nuove ordinanze 614 e 670 della Protezione civile nazionale rischiavano di perdere la Sae, potranno restare ma pagheranno l’affitto stabilito da Erap. Lo ha reso noto il sindaco di Visso Gian Luigi Spiganti Maurizi, a cui è giunta una lettera di Borrelli: «Siamo soddisfatti, perchè sono stati riconosciuti i requisiti esistenti al momento dell’assegnazione della Sae. Continuiamo a perdere popolazione, dobbiamo aiutare chi vuole rimanere qua».

spiganti

Il sindaco di Visso Gian Luigi Spiganti Maurizi

Ha spiegato il primo cittadino di Visso: «Ieri abbiamo ricevuto una nota della Protezione civile nazionale a firma del capo dipartimento dottor Angelo Borrelli, di riscontro alla nostra ultima lettera del 7 luglio nella quale evidenziavamo la problematica della perdita del diritto alla Sae da parte di coloro che hanno avuto l’assegnazione in virtù di una abitazione danneggiata nel nostro comune di Visso ma sono in possesso di altre abitazioni agibili nel nostro comune o in quelli confinanti. Con soddisfazione comunichiamo che nella nota vengono definite delle possibilità, in capo all’amministrazione comunale, per consentire loro di mantenere la Sae e di aver dato immediatamente mandato agli uffici comunali di rivedere la situazione di tutti i casi interessati, prima di valutare l’ipotesi di emissione di provvedimenti di revoca».

Per Visso è fondamentale riuscire a mantenere residenti, afferma Spiganti: «Come più volte ribadito è per noi prioritario il mantenimento dei nostri cittadini a Visso così come di servizi essenziali per la popolazione, in primis quello sanitario e scolastico, premesse fondamentali affinché anche coloro che a causa del sisma hanno dovuto operare scelte diverse e sono lontani dal nostro territorio in un prossimo futuro possano decidere di rientrare a Visso». Non è stata ancora risolta la problematica di cji a causa di queste ordinanze perde il contributo di autonoma sistemazione, al quale è legata anche la priorità di esame del progetto di ricostruzione dell’abitazione, aggiunge Spiganti: «Con le norme attuali chi percepisce il Cas ha la priorità istruttoria nelle pratiche di ricostruzione. Nei casi in cui si perde il contributo viene meno anche la priorità e dunque si allungano i tempi della ricostruzione, facendo allontanare sempre di più la possibilità di un rientro nelle proprie case di queste persone».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X