«Dalle stanze del potere Micucci
si batta per i pazienti in camera sterile»

CIVITANOVA - Il sindaco Fabrizio Ciarapica risponde al consigliere regionale sull'ospedale dedicato al Covid: «So che è una guerra e sono in prima linea. ma tutti vanno salvaguardati»
- caricamento letture
montaggio-civitanova-micucci-ciarapica

Francesco Micucci e Fabrizio Ciarapica

 

«Purtroppo ho capito prima e meglio del consigliere Micucci che siamo in ‘guerra’. Questa guerra io la sto affrontando in prima linea, per i miei cittadini, nel mio ruolo da sindaco h. 24, senza risparmiarmi com’è  giusto che sia e mettendo a repentaglio, da tre settimane, anche la mia salute».  Così il sindaco Fabrizio Ciarapica risponde al capogruppo del Pd in Regione Francesco Micucci sul Covid Hospital. 

«Che l’ospedale di Civitanova debba avere delle garanzie certe dovrebbe essere anche un interesse di Micucci visto che è civitanovese e con il voto dei civitanovesi siede in Consiglio regionale (un posto assai più comodo e sicuro specie in questo momento rispetto al mio) – prosegue Ciarapica –  Ricordo, inoltre, a Micucci che per cinque anni egli stesso insieme al suo partito, al Pd, altro non ha fatto che contribuire al depauperamento e alla graduale perdita di prestigio del nostro e del suo ospedale. So per certo che a Macerata ci sono solo due camere sterili, non utilizzate da tre anni per questo scopo, mentre a Civitanova ci sono attualmente cinque pazienti che necessitano di stare in camera sterile. Che fine faranno? Si vuole mettere seriamente a repentaglio la salute  di queste persone? I medici mi stanno contattando per chiedermi di fare ogni tentativo e sforzo affinché questi pazienti siano salvaguardati e tenuti in sicurezza. A questo Micucci dovrebbe rispondere, ancor prima di tenerci informati e fare costantemente da tramite con le decisioni che via via sta prendendo autonomamente la Regione e di cui ne io, ne i medici, ne i cittadini siamo informati se non dalla stampa».

«Siamo tutti d’accordo – aggiunge il sindaco – che Civitanova sia impegnata in prima linea contro il Covid 19, ma dovremmo essere altrettanto d’accordo che il nostro ospedale, speriamo prestissimo, torni nella sua funzione antecedente l’’emergenza. Questo lo chiedo non per me ma nell’interesse di tutti i civitanovesi  e anche di tutti quelli che dislocati nel litorale, ben più popoloso del resto del maceratese, hanno come punto di riferimento certo il nostro ospedale. Quindi Micucci – vista la sua vicinanza con i centri di ‘potere’ –  si dia da fare perché ciò accada e si batta per tutelare i cinque pazienti che sono in camera sterile.  Per il resto sono d’accordo con lui: questo e’ il tempo dell’azione, della correttezza, delle scelte responsabili  e della verità!»

«Polemica di Ciarapica fuori luogo, non si è capito che siamo in guerra»

«Ospedale Civitanova dedicato ai Covid: reparti riconvertiti dalla sera alla mattina, la Regione ha agito senza consultarci»

Covid-hospital, i sindacati: «Civitanova non sia come Camerino, prima la tutela dei lavoratori»

Covid-Hospital Civitanova è ufficiale, a Macerata un’area dedicata: ecco le misure varate dalla Regione

Sarà evacuato l’ospedale di Civitanova Lo ha deciso la Regione Tante le strutture per i contagiati

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X