Coronavirus, pronto soccorso svuotato
Mari: «Serve una sala dedicata,
va evitato il rischio di contaminazione»

PRECAUZIONI - Il presidente dell'ordine dei medici fa il punto della situazione. «Non si evidenziano particolari criticità, se non ci saranno mutazioni tra 15 giorni riusciremo a controllare meglio il virus». Sulle mascherine: «Sono a disposizione dei medici ma vanno usate solo per visitare casi a rischio». Il pediatra Gentilucci: «I piccoli pazienti guariscono da soli. Abbiamo ancora a che fare con la coda dell'influenza. Hn e Covid non sono distinguibili se non con il tampone»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
CoronaVirus_FF-7-325x183

Il Pronto soccorso di Macerata in questi giorni è quasi vuoto

 

di Alessandra Pierini

«Stiamo lavorando da giorni in stretta collaborazione. Se si mantiene questa situazione, senza mutazioni del virus, nel giro di due settimane riusciremo a controllarlo meglio». Questo il quadro della situazione fatto da Romano Mari, presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Macerata. Una è la preoccupazione maggiore. «Dobbiamo adottare misure per evitare che vengano contaminati i pronto soccorsi. Medici di base e pediatri conoscono perfettamente i loro pazienti e sanno se un caso è sospetto. Invece al pronto soccorso possono recarsi anche persone di passaggio. Questi accedono ad una sala comune. L’urgenza è una sala dedicata e possibilmente esterna per i casi sospetti. Ne ho parlato anche all’autorità regionale e questa è una cosa seria. Se si contaminasse il pronto soccorso, metteremmo fuori uso l’intero ospedale». E’ vero che in questi giorni l’affluenza al pronto soccorso è calata vorticosamente: nel reparto di Macerata ad esempio si regista un meno 50-60% di presenze. Oggi, per fare un esempio, alle 12 in attesa c’era un unico paziente.

ControlloNei_Dermatologia_RomanoMari_FF-8-325x217

Romano Mari

Per il resto Mari non registra particolari criticità nel territorio. E sulla questione mascherine chiarisce: «Noi medici indossiamo mascherine con filtro, camice a perdere, occhiali e kit completo solo in caso di soggetti che presentano sintomi e sono a rischio per essere stati nelle zone rosse o per aver frequentato soggetti malati. I kit sono disponibili, per tutti. Ce li hanno anche i sanitari dei presidi del 118. Ma non andiamo in giro con le mascherine». Poi chiarisce: «Io ho un paziente che ha soggiornato a Casalpusterlengo. Mi ha segnalato la situazione e per lui è scattato l’isolamento e firmato un certificato di inidoneità al lavoro per 15 giorni. Sarà visitato solo se entro 14 giorni presenterà i sintomi. In caso invece di soggetti a rischio che presentano già i sintomi, va fatto il tampone. A farlo sarà direttamente il primario del reparto di Malattie infettive con il suo staff che avranno tutta l’idonea protezione a disposizione». Ieri le persone in isolamento precauzionale a casa nelle Marche erano 94 e nel Maceratese 17.

E sull’evoluzione del Coronavirus, il presidente dell’Ordine spiega: «I colleghi e gli infettivologi nazionali sono abbastanza tranquilli. Il rischio è solo la possibile mutazione. Finora lo abbiamo curato basandoci sui coronavirus che già conosciamo e riusciamo a controllarlo bene. La gravità può riguardare pazienti immunodepressi o con particolari patologie che hanno difficoltà ad affrontare la fase acuta. Noi siamo medici e li dobbiamo tutelare».

pierfrancesco_gentilucci

Pierfrancesco Gentilucci

Sale di attesa quasi vuote anche negli ambulatori dei pediatri. «La nostra fortuna – spiega Pierfrancesco Gentilucci, pediatra di Macerata –  è che i nostri piccoli pazienti hanno mostrato di guarire da soli, senza complicanze. I casi sospetti sono legati più che altro ai loro genitori che magari sono tornati dalle zone dei focolai. In caso di sospetto, comunque la squadra va a domicilio. E’ vero che siamo ancora alle prese con la coda dell’influenza “Hn” che possiamo definire tradizionale. Non è molto diversa per sintomi dal Covid 19, i due sono indistinguibili se non con i tamponi». Le mascherine? «Quelle col filtro sono introvabili perchè l’emotività ha giocato un brutto scherzo, è evidente. Per noi medici sono a disposizione quelle senza filtro al distretto di Macerata».

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X