La Lega chiama a raccolta i suoi
«Progetto autentico per le Marche»

ELEZIONI - Incontro a Pollenza con oltre 100 tra consiglieri, amministratori e deputati in vista del voto di primavera. A tirare le fila il commissario regionale Paolo Arrigoni, il parlamentare Tullio Patassini e il responsabile enti locali Andrea Antonini. Domani a Macerata assemblea provinciale di Forza Italia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
ELETTI-A-CENA-POLLENZA-23012020-650x177

La cena a Pollenza

 

La Lega raduna le truppe in vista delle prossime elezioni. Oltre cento tra consiglieri comunali, provinciali e regionali, assessori, sindaci e parlamentari ieri si sono ritrovati a Pollenza per fare il punto con il commissario regionale Paolo Arrigoni, il responsabile regionale enti locali Andrea Antonini e l’onorevole Tullio Patassini. 

DA-SX-PATASSINI-ANTONINI-ARRIGONI-LEGA-23012020-650x366

Da sinistra: Tullio Patassini, Andrea Antonini e Paolo Arrigoni

«È fondamentale fare rete per condividere best practice e provvedimenti con cui i nostri amministratori rispondono ad esigenze pressanti e concrete dei cittadini e del territorio – ha commentato a fine serata il senatore Arrigoni – Quella della Lega è una rete virtuosa per coesione e, proprio per questo, con le maglie sempre aperte per chi vuole mettere le proprie capacità e il proprio tempo a servizio del bene comune».  Da lunedì, dopo il responso dell’Emilia Romagna, le truppe saranno schierate in toto sulla campagna elettorale per Marche 2020, e per il sindaco di Macerata.  “Questo gruppo rappresenta la grande capacità della Lega di fare squadra a partire dai valori comuni di rispetto e dedizione alle istituzioni e al territorio che le esprime – ha aggiunto Antonini – Lo spirito di collaborazione, la volontà di confronto continuo e costruttivo con la gente, l’entusiasmo e la passione che i nostri eletti mettono ogni giorno nella propria attività amministrativa e politica, sono lo specchio del progetto di autentico rinnovamento che la Lega ha in cantiere per le Marche».

Elezioni regionali, appunto. Sulla cui campagna elettorale dall’altro ieri si è abbattuta la tempesta della maxi inchiesta della procura di Ancona sul rapporto Regione-Aerdorica. Sono 77 gli indagati, tra cui le ultime quattro giunte regionali, compresa l’attuale guidata da Luca Ceriscioli. Una tempesta che soffia sul centrosinistra. «Sugli sviluppi dell’inchiesta non ci esprimiamo e lasciamo fare alla magistratura il suo lavoro – commenta Arrigoni – che ci auguriamo sia il più rapido possibile perché i marchigiani ne hanno diritto e vogliono sapere la verità sull’aeroporto. Da questa situazione emerge però con chiarezza che Aerdorica non è che l’ennesimo simbolo della gestione fallimentare della Regione  da parte del Pd e della sinistra. In questi anni il Pd ha pensato ad Aerdorica solamente come luogo di potere dove sistemare i  propri uomini anziché governarla per fare dell’aeroporto di Falconara un luogo di collegamento delle Marche con il resto del Paese, con l’Europa e con il mondo». Rimanendo nel campo del centrodestra, domani alle 10,30 al Central Plus di Macerata assemblea provinciale di Forza Italia con il nuovo commissario regionale Francesco Battistoni.

Peculato, maxi inchiesta in Regione 77 indagati: coinvolte le giunte Ceriscioli, Spacca e D’Ambrosio

Aerdorica, dal boom degli anni Novanta al baratro del fallimento

Maxi inchiesta per peculato: nel mirino i finanziamenti per risollevare Aerdorica

Maxi inchiesta su Aerdorica, Ceriscioli: «Abbiamo salvato l’aeroporto»

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X