facebook twitter rss

Spaccio di cocaina a Cingoli,
il 25enne fa scena muta

INDAGINE SHELTER - Michel Innamorati è finito in manette nelle prime ore di lunedì. Oggi è comparso davanti al gip e si è avvalso della facoltà di non rispondere
mercoledì 17 Aprile 2019 - Ore 18:36 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
779 Condivisioni

Le perquisizioni

 

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Michel Innamorati, il 25enne di Cingoli arrestato dai carabinieri al termine di una indagine nata da un tentativo di furto che poi si è allargata su di un giro di spaccio di droga. Oggi il 25enne, ritenuto il capo di un gruppo di spacciatori (altri due, entrambi marocchini, sono stati arrestati e finiti ai domiciliari mentre un quarto è sottoposto all’obbligo di dimora) che nel giro di 6 mesi avrebbe ceduto circa 500 dosi di droga.

Gian Luigi Boschi

L’indagine Shelter dei carabinieri era nata dopo che qualcuno aveva tentato un furto alla sala slot Cavour di Cingoli, il 9 ottobre 2018, a cui era poi stato associato il ritrovamento di un borsone in un bosco con dentro i vestiti che avevano usato i ladri per il colpo. Da quel ritrovamento i carabinieri della stazione di Cingoli sono risaliti a Michel Innamorati. Il 25enne, difeso dall’avvocato Gian Luigi Boschi, è accusato di essere uno dei due ladri che si erano introdotti nella sala slot, e di spaccio di droga. Secondo gli inquirenti Innamorati avrebbe ceduto oltre 200 dosi di cocaina a 13 persone dal giugno 2018 allo scorso gennaio. Questa mattina nel carcere di Montacuto si è svolto l’interrogatorio di garanzia. Il giovane si è avvalso della facoltà di non rispondere. L’arresto, su disposizione del gip, risale alle prime ore di lunedì. In manette erano finiti anche i marocchini Jamal El Montaser, 23, e Ibrahim Qochih, 20. Entrambi sono ai domiciliari. Per loro, difesi dagli avvocati Luca Pascucci e Sara Scalpelli, l’interrogatorio di garanzia si svolgerà il 23 aprile. Stesso giorno anche per il 21enne marocchino sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora (assistito dall’avvocato Martina Mogetta). A tutti e tre viene contestato lo spaccio. Al solo El Montaser anche un tentativo di estorsione.

(Gian. Gin.)

 

Furto fallito in sala slot diventa un’indagine per spaccio: 4 misure cautelari (VIDEO)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page

Pubblicità elettorale





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X