La consulente della famiglia Mastropietro
«Pamela uccisa con tre coltellate» (Video)

MACERATA - Il medico legale Luisa Regimenti che sarà sentita il 20 marzo al processo di Corte d'assise: «Inferti tre fendenti. Nessuna overdose». La criminologa Bruzzone: «Seguirò le udienze, se chi ha incontrato la ragazza dopo che si era allontanata dalla comunità l’avesse aiutata oggi non saremmo qui»
- caricamento letture

 

 

«Pamela morì a causa di lesioni da arma bianca». A dirlo è Luisa Regimenti, consulente medico legale della famiglia della 18enne uccisa e che verrà sentita nel corso del processo che si è aperto oggi al tribunale di Macerata davanti alla Corte d’assise. Secondo la perizia svolta per la famiglia della ragazza uccisa, Pamela è morta per «lesioni di tipo vitale inferte con arma bianca». Secondo la consulente «Le prove ematiche condotte in laboratorio dimostrano che a Pamela furono inferti tre fendenti al fegato mentre era ancora in vita, determinandone poi la morte.

Processo_Oseghale_FF-22-650x434

La criminologa Bruzzone oggi all’uscita dal tribunale di Macerata

C’è anche un secondo importante aspetto da tenere in considerazione: gli esami tossicologici hanno dimostrato che la ragazza non aveva assunto una quantità di stupefacenti tale da causarle una overdose. La mia posizione – continua Regimenti, che fa parte, insieme alla criminologa Roberta Bruzzone e ad altri professionisti, del gruppo di esperti che collaborano in modo diretto con l’avvocato Marco Valerio Verni, zio e legale della famiglia di Pamela Mastropietro – si sovrappone a quella del medico legale Mariano Cingolani, consulente del pubblico ministero, che ha effettuato l’esame autoptico sul corpo martoriato della giovane. Il processo si basa sulle nostre perizie medico legali, così se le nostre tesi dovessero cadere il rischio concreto è quello di ridare la libertà a Oseghale, perché cadrebbe di conseguenza l’accusa di omicidio. Si tratta di un processo molto doloroso per la famiglia» dice Regimenti che sarà sentita il 20 marzo. Nell’udienza successiva (27 marzo) verrà sentita invece Roberta Bruzzone, presente questa mattina in tribunale per assistere all’udienza e pure lei consulente della famiglia Mastropietro. «E’ un caso che voglio seguire da vicino e sarò presente anche in altre udienze e non solo in quella in cui sarò chiamata a testimoniare – ha detto la criminologa Bruzzone -. Penso che imputate dovrebbero essere anche altre persone. Penso a chi ha incontrato Pamela dopo che si è allontanata dalla comunità e che se l’avessero aiutata oggi non ci troveremmo qui».

 

Processo_Oseghale_FF-25-650x433

L’avvocato Marco Valerio Verni oggi in tribunale

 

Processo_Oseghale_FF-37-650x434

Alessandra Verni

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X