Villa Lauri, partiti i lavori:
taglio del nastro primavera 2020
«Un sogno che si avvera»

MACERATA - Dopo anni è iniziato il recupero dello storico immobile di proprietà dell'Università, ospiterà l'Istituto Confucio, centrale nei rapporti con la Cina. Il parco di oltre 4 ettari, che potrebbe essere aperto già l'anno prossimo, sarà gestito dal Comune e ospiterà una ciclovia di un chilometro. Il rettore: «Dimostrazione che abbiamo a cuore lo sviluppo del territorio»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
VillaLauri_FF-15-650x434

Da sinistra: Francesco Salvatore della ditta Salvatore Di Meo, Massimo Di Donato della Meg Costruzioni, il presidente dell’Istituto Confucio Luigi Lacchè, il rettore Francesco Adornato, il direttore dell’Istituto Confucio Giorgio Trentin e il direttore generale Unimc Mauro Giustozzi

 

di Marco Ribechi (foto di Fabio Falcioni)

Villa Lauri nuovo sogno per Macerata. E’ iniziata una nuova era per lo stabile in viale Indipendenza di proprietà dell’Università. Sono partiti i lavori di restauro dell’immobile che potrebbe aprire alla cittadinanza gli oltre 4 ettari del suo magnifico giardino già dalla prossima primavera.

VillaLauri_FF-19-650x565

Il rettore Francesco Adornato

La Villa, della seconda metà dell’Ottocento, per la prima volta diventerà così un luogo pubblico dopo essere stata una residenza della famiglia Lauri e in seguito un sanatorio. Se le tempistiche saranno rispettate per la primavera 2020 sarà inaugurata all’interno degli spazi dell’edificio la nuova sede dell’Istituto Confucio, destinata a diventare un laboratorio di caratura internazionale, considerati anche gli ottimi rapporti tra Unimc e la Cina. Proprio all’interno del cantiere il rettore Francesco Adornato ha voluto confermare la notizia: «E’ un fatto un po’ inusuale parlare durante i lavori – spiega Adornato – però l’evento è speciale perché rappresenta l’arrivo di un lungo percorso. Proprio tra pochi giorni, dal 2 all’8 dicembre, saremo in Cina per la riunione mondiale degli Istituti Confucio e consegneremo le tracce di questo percorso ai nostri interlocutori per mostrare l’impegno del nostro ateneo».

VillaLauri_FF-9-650x434

Il cantiere di Villa Lauri

La presenza di un Istituto Confucio in una città piccola come Macerata testimonia l’estremo interesse che il paese asiatico ripone nell’ateneo e nel territorio in generale: «Villa Lauri è un punto di arrivo di un percorso durato 7 anni – spiega l’ex rettore Luigi Lacchè presidente dell’Istituto Confucio – permetterà di usufruire di spazi e servizi sempre più importanti, di diventare un punto di riferimento internazionale per far nascere progetti che possono coinvolgere tutto il territorio». Una visione sposata anche da Giorgio Trentin, direttore dell’Istituto: «Vedo in questo splendido cantiere il realizzarsi di 3 anni di duro lavoro – spiega Trentin – Diventerà una piattaforma su cui costruire altro, nuove relazioni, nuovi progetti, nuove prospettive internazionali». Ma i lavori a Villa Lauri riguardano tutta la cittadinanza: «Nel 1999 l’edificio è passato dalla provincia all’Università – spiega Mauro Giustozzi, direttore generale Unimc – sono naufragati tanti progetti, finalmente la rinascita vede la luce. Si tratta di una grande operazione di restituzione alla città di un bene importante».

VillaLauri_FF-13-650x434

Il progetto finale

I lavori all’edificio riguardano la parte centrale e quella ovest per la creazione di una residenza universitaria per 24 ospiti. «Al piano terra oltre alla reception ci sarà anche una biblioteca, una sala riunioni e un’aula didattica – spiega Francesco Ascenzi, responsabile area tecnica Unimc – Al primo piano invece ci saranno tre aule, tre laboratori e 12 camere da letto con bagno. Il secondo piano ospiterà gli edifici amministrativi e altre nove residenze». Il parco sarà invece affidato in gestione al Comune con un contributo regionale di 200mila euro che serviranno per la sistemazione. Nel parco è prevista la creazione di un percorso ciclopedonale ad anello di circa un chilometro immerso nel ricchissimo patrimonio botanico. I lavori prevedono in seguito altre due fasi: il recupero dell’area est dell’edificio principale e poi quello dei differenti padiglioni distribuiti all’interno del parco. «E’ l’ennesima dimostrazione del contributo che l’Università di Macerata vuole dare al territorio – chiude il rettore – per noi lo sviluppo della città è incorporato nel nostro lavoro nonostante le distrazioni dei nostri interlocutori che comunque non riescono a scalfire i nostri propositi».

 

VillaLauri_FF-17-650x434

Luigi Lacchè e Francesco Adornato

VillaLauri_FF-20-650x434

Francesco Ascenzi, responsabile Area Tecnica Università di Macerata

VillaLauri_FF-18-650x434

Francesco Salvatore e Massimo di Donato, titolari delle due ditte appaltatrici

VillaLauri_FF-12-650x434

VillaLauri_FF-11-650x434

VillaLauri_FF-10-650x434

VillaLauri_FF-5-650x434

VillaLauri_FF-6-650x434

VillaLauri_FF-7-650x434

VillaLauri_FF-8-650x434

VillaLauri_FF-4-650x434

Giorgio Trentin

VillaLauri_FF-3-650x434

VillaLauri_FF-2-650x434

VillaLauri_FF-1-650x434

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X