Ricostruzione, l’affondo del vescovo:
«La pazienza è finita»
E arriva la rivoluzione in diocesi

MACERATA - Nazzareno Marconi duro sui lavori nelle aree terremotate: «Macchina troppo complessa e basata sul sospetto, come se tutta l'Italia fosse costantemente in preda a infiltrazioni mafiose. Se non si aprono le chiese ne risente anche l'economia perché il turismo non riparte». Annunciati gli avvicendamenti dei parroci, necessari per la mancanza di personale. Sono 14 le parrocchie che entro settembre cambieranno preti e collaboratori
- caricamento letture
tolentino-terremoto-chiesa-cappuccini-2-e1526739675883

La chiesa dei Cappuccini a Tolentino dopo il sisma

 

di Marco Ribechi

Ricostruzione post sisma, Nazzareno Marconi critica duramente i ritardi nei lavori dei responsabili. «La mia pazienza è finita» dice il vescovo di Macerata, Tolentino, Recanati, Cingoli e Treia durante un incontro per annunciare la rivoluzione che avverrà in diocesi nei prossimi mesi per rimediare alla mancanza di parroci: ben 14 parrocchie entro settembre cambieranno sacerdote e collaboratori.

Marconi-leonesi

Il vescovo Nazzareno Marconi con il vicario Andrea Leonesi e il responsabile dell’ufficio stampa Piero Chinellato

«Ad oggi gli unici atti concreti per la riapertura delle parrocchie sono arrivati dal governo ungherese come nel caso della chiesa dei Sacconi di Tolentino (leggi l’articolo) – spiega Marconi – e dalle offerte delle diocesi italiane tramite la Caritas per i tre centri di comunità. Quella della ricostruzione è una macchina progettata in maniera farraginosa e complessa che si basa sulla sfiducia e sul sospetto, come se tutta l’Italia fosse costantemente in preda a infiltrazioni mafiose. Se non si aprono le chiese ne risente anche l’economia perché il turismo non riparte, speriamo che il Signore dia forza e volontà a chi si prende le responsabilità. Ho letto attentamente il contratto di governo presentato in questi giorni, ci sono belle intezioni e attenzioni verso le aree svantaggiate ma devono seguire i fatti. Fondamentale è anche ascoltare il territorio perchè sono tante le persone che soffrono, gente a cui è crollato il tetto in testa».

DSCN4137-650x488

Gli affreschi di una chiesa danneggiati dal terremoto

Oltre alle difficoltà relative alla mancata ricostruzione, la diocesi deve affrontare una forte carenza di personale: a fronte di 13 preti in meno per il servizio diocesi solo 3 sono i nuovi arrivati. «Cinque sono i preti defunti – prosegue Marconi – Monti, Pietrella, Castellani, Ramaccioni, Cocilova. Due  i padri missionari della fede che hanno lasciato Porto Recanati, un frate minore lascia San Francesco a Macerata, Don Lorenzo di Re va a Pescara come sacerdote in prestito tra diocesi, Don Kristof rientrato a settembre va a Fermo, don Andres Mateo torna in patria a Santo Domingo, don Gegosh torna in patria in Polonia, don Sergio Fraticelli ha chiesto dal prossimo agosto un tempo di riposo per motivi di salute e di formazione. A fronte di questo abbiamo due nuovi ordinati, don Paul Felice e don Luca Poli e don Honesto che è rientrato dalle Filippine».

sacerdoti-2-650x433

Alcuni sacerdoti

Senza la ridistribuzione del clero alcune zone del territorio diocesano sarebbero ulteriormente penalizzate. Il cambiamento più grande è forse quello che interessa la chiesa di Collevario “Buon Pastore” dove inizierà anche la costruzione di un centro diocesano. «I cambiamenti dovuti al sisma  – spiega Marconi – l’invecchiamento del clero, alcuni confratelli che sono morti in questo anno, altri partiti o in partenza per un impegno missionario, la riduzione della presenza di religiosi, ma anche lo sforzo di rinnovare l’azione pastorale sono le ragioni di un complesso ricambio di incarichi e nomine nel nostro clero. Complessivamente cambiano almeno 14 preti, mentre almeno altri 8 modificano il loro impegno pastorale. Se vinceremo il campionato sarà per il grande impegno dell’allenatore e della sua squadra ma anche per la grande disponibilità dei giocatori. A tutti spetta un po’ di sacrificio perché le necessità crescono e le forze diminuiscono, ma se saremo uniti potremo fare tanto bene».

Nazareno-Marconi

Il vescovo Nazzareno Marconi

I TRE SETTORI – Tre sono i punti su cui la diocesi aumenterà la sua attenzione: «Il primo è quello della Pastorale familiare – prosegue il vescovo – Il numero di coppie in crisi o di giovani da guidare spiritualmente è in significativa crescita ogni anno. Va migliorata ed aumentata la formazione umana e soprattutto spirituale. Il secondo settore è quello del Ministero della Consolazione, chiamo così il servizio di accoglienza, discernimento e aiuto spirituale per “consolare gli afflitti”, sia da vere che da supposte vessazioni dello spirito del male. Persone che soffrono, che rischiano di finire in mani sbagliate e il cui numero cresce ogni anno. Anche qui serve preparazione, maturazione, disponibilità di forze. Il terzo settore è quello della Pastorale del Turismo, che ogni estate fa passare la cittadina di Porto Recanati da 13mila abitanti ad una media di 150mila presenze. La partenza di alcuni sacerdoti da Porto Recanati​ richiede di ripensare questo servizio estivo e la pastorale ordinaria di questa cittadina in forma unitaria, anche per tenere conto delle altre sue emergenze.

sacerdoti

Due parroci impegnati sul territorio

I CAMBIAMENTIA Macerata, nel Buon Pastore, don Egidio Tittarelli sostituirà don Gennaro De Filippi e sarà affiancato dai padri francescani Noel e Aurelien. Nella parrocchia Santa Madre di Dio don Juan Carlos Munoz Ceceres prenderà il posto di don Andres Matejo Alejo. A San Francesco Padre Noel Achi subentra a Marco Buccolini, con Padre Aurelien come vice. Altro cambiamento importante riguarda la parrocchia del Sacro Cuore dove don Ariel Veloz Mendez lascia l’incarico a Don Gennaro de Filippi, confermato Piergiorgio Copparo come collaboratore. Con il trasferimento di Don Egidio Tittarelli l’Immacolata sarà gestita da don Andrea Lionesi insiemea Don Luigi Taliani, Don Piero Tantucci e don Giacomo Pompei. A Santa Croce resta Don Alberto Forconi con il vice parroco don Pietro De Micheli e Don Enzo Buschi. Confermato invece alla Pace e Santa Maria del Monte don Gianluca Cerolini che avrà come collaboratore don Jeorge Trinidad.

Don-Andrea-Leonesi

Il vicario Don Andrea Leonesi

 

 A Tolentino don Diego di Modugno prende il posto di don Sergio Fraticelli nella parrocchia dello Spirito Santo con il vice parroco don Vitantonio Zecchino. Alla Santa Famiglia confermato don Diego di Modugno così come don Gianni Compagnucci resta a San Catervo, affiancato da don Rafael Ranchal e don Honesto Alcantara. A Porto Recanati  don Gabriele Crucianelli sostituirà don Lorenzo di Re insieme a don Luca Beccacece e don Luca Poli al Prezioso Sangue e all’Oratorio mentre sarà don Nazzareno ad affiancarlo a San Giovanni e Scossicci. Castelnuovo, Bagnolo ed Addolorata: sarà don Fabio Olano a celebrare le messe al posto di don Ignazio e don Roberto. A Montefano Montefiore resteranno Don Iagnesh Konganawor Shantappa e Don Eugenii. A San Domenico e Montemorello Don Roberto Zorzolo subentra a don Alejandro Parrilla Gonzales che sarà affiancato da dei frati cappuccini. Al Cristo Redentore e Chiarino entra il diacono Samuele che affiancherà Don Rino Ramaccioni o Don David. A Passo di Treia e Treia Don Alejandro Parrilla Gonzales sostituisce Don Gabriele e avrà Don Manuel come assistente mentre padre Luciano come collaboratore a San Lorenzo. Confermato a Urbisaglia don Marino con il futuro diacono Fabio Piombetti come collaboratore.

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X