Cratere diviso, Paoloni:
«Pasqui convochi i sindaci,
no a guerre tra poveri»

SISMA - Il responsabile Enti locali dei Dem e primo cittadino di Belforte ammette le "lungaggini che stanno impedendo di vedere una reale ripartenza" e chiede unità tra amministratori
- caricamento letture

paoloni

Roberto Paoloni

Roberto Paoloni  responsabile Enti locali del Pd Macerata e primo cittadino di Belforte  interviene nel dibattito aperto dopo la visita del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni nel territorio dell’Alto Maceratese accompagnato dalla commissaria straordinaria Sisma Paola De Micheli. Nell’occasione il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui aveva rilasciato dichiarazione relative alle varie problematiche connesse al territorio del “Cratere” chiedendo una differenziazione all’interno dei comuni facenti parte del cratere e una riperimetrazione dei confini del cratere stesso. 

camerino-patrimonio-in-pericolo-terremoto-conferenza-2018-pasqui-foto-ap-5-325x217

Gianluca Pasqui

«Come sindaci e amministratori del Partito Democratico della provincia di Macerata, – scrive Paoloni – recentemente riunitisi, la nostra posizione  è certamente quella di riconoscere in maniera molto chiara e netta che all’interno di esso vi siano delle divergenze rispetto ai danni subiti ma soprattutto rispetto alle condizioni di vita e di socialità in quei territori che hanno quasi completamente perso la maggioranza degli edifici pubblici e privati con la perdita di numerose attività produttive e commerciali. Allo stesso modo vogliamo però affermare che i sindaci del Pd hanno sempre tenuto una posizione moderata e attenta rispetto al tema dei comuni maggiormente colpiti, infatti anche il secondo piano delle opere pubbliche prevede giustamente maggiori finanziamenti per i comuni più in difficoltà, si è voluto con questo principio rispettare le esigenze specifiche di quei territori dove siamo consapevoli oggi le comunità, se pur assistite, si trovano ad affrontare problematiche complesse. Nel riconoscere sempre le differenze tra i vari comuni abbiamo però voluto affermare con forza un concetto cardine relativo alla ricostruzione e all’emergenza legate alle vicende del terremoto: un cittadino terremotato è uguale in qualsiasi comune facente parte del cratere e anche fuori se ha subito dei danni ai propri immobili e attività.

premier-gentiloni-muccia-7-325x244

La visita di Gentiloni a Muccia

Paoloni chiede unità dei sindaci per evitare un indebolimento: «Tutti i sindaci senza distinzione politiche hanno lavorato per il bene delle proprie comunità per cercare di ridare dignità, vita e socialità cercando di assistere sempre i propri cittadini.  Non è crediamo il momento dei distinguo ma del lavorare insieme per il bene dei nostri territori, non è il momento di escludere ma di affrontare con unità le prossime sfide relative alla ricostruzione. Riteniamo che sia il tempo di confrontarsi con il nuovo Parlamento e speriamo a breve con il nuovo Governo per risolvere le problematiche che stanno rallentando un processo articolato, viste anche le dimensioni ed il numero dei danni del fenomeno, riconoscendo con molta franchezza che rispetto alla ricostruzione vi sono dei problemi che vanno affrontati e risolti quanto prima. Siamo pronti a discutere con la Regione Marche, l’attuale Governo, il Commissario Straordinario e con tutti quei soggetti che possono con il loro contributo dare un aiuto ad affrontare le varie questioni relative al terremoto a partire dalle lungaggini che stanno impedendo, nonostante le risorse messe a disposizione, di vedere una reale ripartenza, pertanto siamo pronti a discutere seriamente per come snellire le procedure legate alla ricostruzione».

Infine il responsabile Enti locali dei Dem si rivolge direttamente a Pasqui: «Chiediamo che il sindaco di Camerino utilizzi il ruolo che l’Anci gli ha affidato ovvero responsabile Sisma Anci e convochi con urgenza una riunione tra tutti i sindaci del Cratere almeno della nostra provincia in modo da discutere assieme quali siano realmente le difficoltà e le eventuali soluzioni per i Comuni maggiormente colpiti. Siamo infatti disponibili a discutere se servano norme speciali per i territori con maggiori danni, ovviamente valutando secondo un metodo valido per l’individuazione di quei paesi senza che qualcuno possa a secondo simpatie o amicizie escludere nessuno. La nostra visione è una visione di unità per evitare che non ci darebbero alcun risultato tangibile se non una ulteriore divisione e frammentazione tra i territori».

Cratere diviso, Pezzanesi: «No alla classifica della disgrazia» I sindaci della montagna insorgono

Vertice a Pieve Torina, Pasqui sbotta: «Il cratere va diviso in fasce oppure diteci che dobbiamo andarcene»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X