Il “lanciafiamme” di Renzi
fa risorgere dalle ceneri
la candidatura di Corradini

POLITICHE 2018 - Di fronte ai plichi dei papabili il segretario dem usa l'accetta e cambia direzione. Così in tarda serata rispunta l'ex rettore Unicam in lista, in vista del direttivo di venerdì. Una novità che mette in discussione gli equilibri dati per certi nei calcoli regionali
- caricamento letture
CorradiniRettoreCamerino

Flavio Corradini

 

di Federica Nardi

Flavio Corradini, ex rettore dell’università di Camerino, entra nella lista Pd per le politiche del 4 marzo. Eliminato dalle dinamiche del partito regionale, che ha accuratamente fatto orecchie da mercante rispetto alle indicazioni di Renzi di pescare nomi dalla società civile (giocandosi la partita delle candidature con i soliti noti), Corradini è stato ripescato in tarda serata dal segretario nazionale Matteo Renzi, che in queste ore sta tagliando con l’accetta le liste arrivate dalle direzioni regionali. L’operazione «lanciafiamme», come l’ha chiamata Renzi, sta mettendo a soqquadro i plichi di liste frutto delle trattative locali, e poi regionali, che ora sono al vaglio in vista del direttivo nazionale di venerdì mattina. In tarda serata infatti l’Ansa riporta che ci saranno anche tre rettori tra i candidati. Tra di loro, oltre a Corradini, anche il rettore di Messina Pietro Navarra il rettore di Udine Alberto Felice De Toni.

Il nome di Corradini era spinto in provincia di Macerata dalla minoranza renziana, che aveva indicato anche il senatore uscente Mario Morgoni. Nessuna delle due proposte però era stata ammessa al voto in sede di direzione provinciale, fino al punto di negare – parole del segretario Francesco Vitali – che il nome fosse mai stato proposto. Né se ne è discusso ieri sera durante il direttivo regionale che ha stilato la lista definitiva (con tanto di nomi top secret, tra cui, con ogni probabilità, quello del premier uscente Paolo Gentiloni per uno dei collegi di Macerata). Della candidatura di Corradini Renzi si era già interessato a colloquio con il segretario regionale Francesco Comi, chiedendo di lui con l’intenzione di posizionarlo nella rosa dei nomi espressione della società civile. Corradini, ex rettore di Unicam, si è distinto per impegno e partecipazione nel rilancio del territorio colpito dal sisma, riuscendo a guidare l’ateneo nel momento più drammatico della sua storia recente. La sua vicinanza a Matteo Renzi non è mai stata un segreto. Assidua la sua presenza agli eventi del Pd, Corradini non ha mai negato, se non a titolo prudenziale, una sua discesa in campo. Certo, in vista della chiusura delle liste resta ancora tutto da vedere. Il nome di Corradini potrebbe infatti andare a intaccare una casella contesissima, quella dei due collegi nel Maceratese, dove già si davano per certi sia Francesco Comi che Irene Manzi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X