Luminarie osé,
Ciarapica affossa lo Zoo di 105:
«Bullismo contro un disabile»

CIVITANOVA - Ieri la trasmissione radiofonica ha telefonato in Comune per chiedere conto delle luci di piazza XX Settembre, il sindaco difende un dipendente che a suo avviso sarebbe stato deriso
- caricamento letture

radio-105-325x170

 

di Laura Boccanera

Telefonata in comune di Radio 105, il sindaco attacca i conduttori della popolare trasmissione  e dice: «bullismo contro un dipendente disabile». Il primo cittadino di Civitanova Fabrizio Ciarapica difende il personale del comune che ieri è stato deriso durante una telefonata della radio che cercava di parlare con il sindaco per intervistarlo sulle luminarie osé di piazza XX Settembre divenute ormai tristemente famose in tutto il mondo. La trasmissione, nel suo tradizionale stile un po’ aggressivo e non proprio da educande, ieri ha telefonato a palazzo Sforza. Il conduttore è stato dirottato dal centralino in vari uffici fino a che non ha sbottato, dicendo: «Se questi sono i dipendenti capisco perché le luminarie hanno la forma di fallo». Il conduttore però non sapeva che uno degli interlocutori è diversamente abile e il sindaco ora parla di bullismo. «Fin dove ci si può spingere per fare ascolti? – denuncia Ciarapica – Qual è il confine tra la satira, l’insulto e il bullismo? È davvero tutto concesso? No, io non credo. Non sono le luminarie a essere vergognose, ma la telefonata avvenuta ieri ad opera della trasmissione radiofonica ai danni di un dipendente comunale diversamente abile, esponendolo al pubblico dileggio».  Ciarapica parla di un atteggiamento ingiusto, indegno e ingiustificato. «I conduttori radiofonici – aggiunge – hanno comunque delle responsabilità oggettive. Di fatto, hanno poi scatenato i commenti offensivi dei famosi leoni da tastiera, sempre pronti a farsi vivi sui social. Voglio esprimere il mio dispiacere e la mia solidarietà per quanto accaduto e per quanto detto ai danni di un dipendente che svolge ogni giorno, dignitosamente il suo lavoro».

luminarie-natalizie-palme-equivoche-giardini-di-piazza-civitanova-2-325x217Analizza la questione luminarie da un punto di vista inedito Legambiente: quello delle palme. Secondo l’associazione ambientalista infatti la presenza delle luci sulle piante con il germoglio appena nato ne rovinerebbe la crescita. «La questione del rimando alla forma fallica delle luminarie è questione di poco conto rispetto ad un altro episodio strettamente legato alla corretta gestione del verde – dice Legambiente – quest’anno infatti il punteruolo rosso ha colpito delle palme del litorale civitanovese e alcune dei giardini pubblici di piazza XX Settembre, antistanti il municipio. Si è proceduto quindi con i trattamenti, che comportano la perdita delle foglie, per debellare questo parassita che si ciba dei tessuti della palma. Le temperature miti hanno permesso un ricaccio rapido per alcuni individui, purtroppo il nuovo germoglio è diventato il punto di ancoraggio delle luminarie. Questo episodio apparentemente poco significativo è invece la cartina tornasole di una mancanza di professionalità e sensibilità verso le piante; ecco quindi l’importanza di ribadire la necessità di un regolamento del verde ad hoc per Civitanova al fine di regolamentare chiaramente gli interventi sulle diverse specie del verde pubblico e privato».

Dallo Zoo di 105 agli Usa, le luminarie osé sono un’attrazione: «Danno brio a questo Natale»

Le palme “hot” di Civitanova? Facciamoci quattro risate ma teniamo fuori la politica

Luminarie osé, il web non perdona: l’amministrazione corre ai ripari



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni = 1