Macerata, proposto il fattore famiglia
“Un sistema di welfare più equo”

COMUNE - L'opposizione ha chiesto di sperimentare il modello ideato dall'università di Verona, già in uso in diverse città. L'idea è di fare a meno dell'Isee come parametro per gli aiuti economici. Otto i consiglieri firmatari della mozione: "Le giovani coppie non devono avere paura di fare figli"
- caricamento letture
Marchiori_Foto-LB-1-400x276

Il consigliere Marchiori

 

Una sperimentazione nel territorio di Macerata per aiutare a livello economico le famiglie e le coppie che vogliono fare figli. Ecco la proposta dei consiglieri di opposizione che durante la prossima assise (l’11 e il 12 settembre), chiederanno un primo passo per adottare il “fattore famiglia”. Un modello ideato dall’università di Verona di aiuti economici e sgravi sui servizi già in uso in diversi Comuni e presentato prima dell’estate in un convegno a Senigallia (organizzato dal forum delle famiglie). La sua caratteristica è di superare il criterio dell’Isee per valutare la situazione reddituale dei nuclei familiari, tenendo in maggiore considerazione, tra gli altri parametri, il numero dei figli, la presenza di disabili, di donne incinte e di anziani a carico. I firmatari della mozione sono Andrea Marchiori, Riccardo Sacchi, Deborah Pantana, Maurizio Mosca, Gabriele Mincio, Paolo Renna, Ivano Tacconi e Marco Foglia. “Con una ridistribuzione più equa delle risorse economiche degli enti alle famiglie e con una tariffazione dei servizi rispondente alla reale situazione economica delle stesse, si vuole favorire la formazione sociale delle famiglie stesse e la procreazione – dicono i consiglieri -. Le giovani coppie, anche in situazioni di precarietà e instabilità economica, non devono avere il timore di formare una famiglia e il Comune può attuare un sistema di welfare più equo e maggiormente rispondente alle esigenze concrete dei beneficiari”. Il modello, spiegano i consiglieri nella mozione, “si può applicare senza necessità di particolari interventi normativi, direttamente ai servizi come mense scolastiche, trasporto scolastico, retta dell’asilo e così via, per cui non è obbligatoria l’applicazione dell’Isee”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X