Settimana del rifugiato,
il presidente del Gus:
“Più forti dei luoghi comuni”

MACERATA - L'inaugurazione della mostra Around the borders nella facoltà di Filosofia ha aperto la rassegna di incontri, proiezioni e concerti. L'assessore all'Integrazione Marika Marcolini ribadisce il valore del progetto Macerataccoglie dopo le polemiche sollevate per la morte del richiedente asilo Stephen Omonghie: "Ringrazio il Gus per la sensibilizzazione quotidiana sulla questione dei migranti"
- caricamento letture
gus

Il fotografo Ivano Di Maria, il presidente del Gus Paolo Bernabucci, l’assessore all’Integrazione Marika Marcolini, lo scrittore Marco Truzzi e il coordinatore del progetto Macerataccoglie Nicola Pallottini

gus-5-650x366

 

“Un bellissimo momento in un periodo in cui ciò che viene evidenziato sono solo eventi negativi e luoghi comuni che non sono elemento essenziale della migrazione”. Così, nella giornata di apertura della settimana del Rifugiato l’assessore all’Integrazione, Marika Marcolini ribadisce con forza il valore dell’accoglienza e dell’inclusione a Macerata. Nell’incontro che apre la rassegna di dibattiti, proiezioni, mostre e concerti che andrà avanti fino a venerdì nel cortile della facoltà di Filosofia Marcolini e il presidente del Gus Paolo Bernabucci fanno muro contro le polemiche emerse anche nel dibattito politico cittadino della morte di Stephen Omonghie, il richiedente asilo beneficiario del progetto Sprar “Macerata Accoglie” e ospite del Gus morto lo scorso 6 giugno dopo essere precipitato dal quarto piano della palazzina dove abitava (leggi l’articolo).

gus-4-325x183“Ringrazio il Gus per il lavoro che fa quotidianamente – ha tenuto a dire Marcolini – Soprattutto per l’opera di sensibilizzazione messa in campo quotidianamente per abbattere questi luoghi comuni”. Luoghi comuni di fronte a cui, dice Bernabucci: “Salgono sentimenti di rabbia e e ribellione. Ma in realtà sono solo più rumorosi. I più forti siamo noi che stiamo dalla parte giusta della storia e della vita”. Quindi l’incoraggiamento agli operatori presenti: “Andate avanti, non vi preoccupate delle chiacchiere che sentite nei bar”. Un calendario ricco di iniziative quello approntato appunto dai ragazzi del progetto Sprar coordinati da Nicola Pallotto. A partire da questa sera con l’apertura della mostra Around the Borders (chiostro di Filosofia) e il dibattito con il fotografo Ivano di Maria e il giornalista e scrittore Marco Truzzi e la presentazione del libro “Sui confini”. In esposizione anche gli scatti dei beneficiari del progetto Sprar di Macerata realizzati nel laboratorio coordinati da Marco Di Cosmo. Si proseguià alle 21,30 con il concerto del battaglione Batà. Nel corso della settimana: conferenze, cortometraggi, docufilm e la chiusura con il concerto dei Cianis venerdì alle 21,30 sempre nel cortile della facoltà Filosofia.

(Cla.Ri.)

gus-3-650x366

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X