Musicultura, finale in diretta su Rai Uno:
“Grande opportunità per la città”
Sul palco anche Vecchioni, Giorgia e Ron

MACERATA - Presentata la novità di questa edizione: la serata del 25 giugno trasmessa in tv. Entusiasta il patron Piero Cesanelli: "E' un privilegio concesso a pochissimi festival canori, testimonia il nostro impegno". Il sindaco Romano Carancini annuncia il sostegno economico del Comune per altri quattro anni: "Ci abbiamo sempre creduto". Completano il parterre degli ospiti: Simona Molinari, Daniele Sepe, Fausta Truffa, la Rappresentante di Lista, Simone Cristicchi, Guido Catalano, Teresa De Sio, Peppino Di Capri, Ermal Meta e Matthew Lee
- caricamento letture

 

musicultura-6-650x366

La presentazione delle serate finali del Musicultura festival oggi da Di Gusto, in piazza Battisti

 

musicultura

Il patron del festival Piero Cesanelli con il sindaco Romano Carancini e il rettore Francesco Adornato

 

di Marco Ribechi

La serata finale di Musicultura in diretta su Rai 1. E sul palco un parterre di ospiti del calibro di Vecchioni,  Giorgia, Ron, Enrico Ruggeri, Peppino Di Capri, Cristicchi e Teresa De Sio. L’accordo con la Rai è la grande novità dell’edizione 2017 del festival musicale che il 25 giugno porterà l’arena dello Sferisterio in tutti i teleschermi delle famiglie italiane. Un traguardo quasi inaspettato ma fortemente rincorso dalla compagnia capitanata da Piero Cesanelli che alla sua 28esima stagione riesce a guadagnare l’attenzione dalla rete ammiraglia della tv pubblica, affiancato dalla collaborazione ormai consolidata con Rai Radio 1.

 

musicultura-4-325x183

Presente anche l’assessore alla Cultura Stefania Monteverde

«E’ un privilegio concesso a pochissimi festival canori – spiega il patron Cesanelli – il sostegno della Rai è testimonianza del nostro impegno e del nostro lavoro. Adatteremo la serata ai tempi televisivi riducendo i cambi di palco anche grazie all’esperienza del nostro affezionato conduttore Fabrizio Frizzi. Questo però non significa che sacrificheremo lo spazio concesso ai vincitori del festival, veri protagonisti di tutta la rassegna». Grande la soddisfazione del sindaco Romano Carancini: «E’ una grande opportunità per la città e tutto il territorio – aggiunge il primo cittadino – abbiamo sempre creduto in Musicultura e rappresenta il secondo investimento dell’assessorato alla cultura. Per questo annunciamo che la nostra collaborazione sarà rinnovata per altri quattro anni». Nonostante i tagli operati dalla Regione, che negli ultimi anni hanno messo a rischio lo stesso svolgimento del Festival, arrivano anche i complimenti del presidente Luca Ceriscioli: «Il festival ha brillato per 28 anni – afferma Ceriscioli – esprimo la mia soddisfazione per la scelta della Rai che sottolineerà la bellezza e la vitalità della nostra Regione».

 

musicultura-2-325x183

Il vicepresidente di Musicultura Ezio Nannipieri

Tanti i big che popoleranno Macerata nelle serate finali. A Vecchioni, Giorgia, Ruggeri con la sua band i Decibel, Ron, Cristicchi, Peppino Di Capri e Teresa De Sio che canterà i successi di Pino Daniele, si aggiungono anche Daniele Sepe, Ermal Meta. Attesa la partecipazione della Barcelona Gipsy balKan Orchestra, poliedrica e animata band che si esibirà anche in piazza Cesare Battisti.  E poi ancora: Simona Molinari, Fausta Truffa, la Rappresentante di Lista, Matthew Lee e Guido Catalano. Ma Musicultura è anche la Controra, il cartellone di eventi gratuiti che arricchiscono le strade e le piazze del capoluogo. «Gli appuntamenti saranno declinati secondo tre linee – spiega Ezio Nannipieri –. Quello della musica cantata e suonata, quello della narrazione delle grandi carriere artistiche e quello degli orizzonti lettarari. A questo proposito viene inaugurata la collaborazione con la casa editrice LiberiLibri che interverrà con quattro gustose incursioni, una sorta di mini cartellone dal titolo “Accordi letterari”. Ritornano inoltre gli appuntamenti con Le parole che non ti ho detto durante i quali grandi ospiti leggeranno una lettera mai scritta che avrebbero voluto dare a qualche persona cara o importante nella loro vita».

 

musicultura-5-325x183Musicultura rinnova inoltre la collaborazione con i due atenei maceratesi, Unimc e Unicam. «Il nostro motto è l’Umanesimo che innova – spiega il rettore Francesco Adornato – quindi non possiamo non sostenere il festival che tra l’altro coinvolge molti nostri studenti anche nella selezione durante le audizioni». Sulla stessa linea anche l’ateneo camerte rappresentanto dal prorettore Claudio Pettinari: «E’ un evento che apre la mente delle persone, gli ospiti mai banali non seguono mode ma sono scelti sulla base di precise idee musicali. Speriamo di continuare la collaborazione per almeno altri 100 anni, intanto vogliamo ricordare Giancarlo Gioia Lobbia, professore indimenticato (leggi l’articolo)». A conclusione l’augurio del sindaco Romano Carancini: «Il festival è declinato in tutte le strade e piazze della città – chiosa il primo cittadino – è fatto per tutti i suoi abitanti, per le attività commerciali, per l’università e l’amministrazione. Chiediamo entusiasmo per viverlo tutti insieme, per sostenerlo e per fare comunità. Questo è un bellissimo segnale anche per la candidatura di Macerata a capitale italiana della cultura 2020 (leggi l’articolo)». E’ possibile consultare il programma completo del festival su  http://www.musicultura.it



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X