Movida, l’appello di Marco Guzzini:
“Serate nel rispetto delle regole,
o saremo noi a pagare le conseguenze”

MACERATA - Il titolare del Di Gusto invita gli altri esercenti a stare nei limiti in vista della stagione di eventi che sta per animare il centro: "La città non diventi una discoteca a cielo aperto. Tendiamo una mano ai residenti che sono la linfa vitale del cuore cittadino"
- caricamento letture
Marco-Guzzini

Marco Guzzini, titolare del Di Gusto

 

di Claudio Ricci

“Moderiamo la movida per non esasperare i residenti che sono la linfa vitale del centro”. Marco Guzzini, titolare del Di Gusto prova a calmare le acque sulla incandescente questione dei disagi legati alle serate del divertimento a Macerata. Dopo lo sfogo dei residenti per l’eccesso di schiamazzi e degrado nelle lunghe serate infrasettimanali (leggi l’articolo) l’invito del proprietario del noto locale di piazza Battisti è volto al rispetto delle regole. “Chiediamo a tutti gli attori del centro soprattutto agli altri esercenti di mettersi una mano sulla coscienza – è l’appello di Guzzini – Macerata non può diventare una discoteca a cielo aperto. Il centro, per come è conformato, non se lo può permettere. Occorre contenere i volumi, rispettare le zonizzazioni acustiche e le regole date dal Comune altrimenti si rischia una città militarizzata come è successo nelle ultime serate. I drink a prezzi stracciati vanno rivisti anche per il rispetto di una cultura della proposta. In estate forse il centro sarà pieno quasi tutti i giorni. Se non si trova una sinergia qualcuno, probabilmente noi esercenti, ne resterà svantaggiato.

Stare nei limiti ma senza rinunciare all’organizzazione di eventi: “Vogliamo dare un piccolo segnale affinché la questione si risolva tutti insieme: noi esercenti, residenti e amministrazione – continua Guzzini – Premesso che il piano per la pedonalizzazione è la via giusta per continuare a crescere tendiamo una mano anche ai residenti che sono la linfa del centro storico. E’ sacrosanta la loro richiesta sul rispetto delle regole e sul mantenimento del decoro. Da maggio cominceremo a fare una serie di eventi musicali di alto livello in piazza Battisti. Termineranno a mezzanotte e saranno in linea con la zonizzazione acustica che ci ha dato il Comune. Sarà una piazza Battisti a volume zero dopo la mezzanotte. Riteniamo che possa essere un passo per dare una bella immagine della città stando attenti alle esigenze di chi vive il centro”.

Zonizzazione acustica, soglia di rispetto non superiore ai 50-60 decibel, musica fino all’una (in diminuzione graduale fino alle 2 per aiutare il deflusso della clientela) e somministrazione di alcolici fino alle 2 sono i cardini del regolamento per i locali risalente alla giunta Meschini e ancora in vigore. “Un buon insieme di norme che se fatte applicare dagli stessi esercenti consentirebbe di vivere a pieno, senza eccessi, questo centro storico di cui godiamo grazie al buon lavoro fatto dall’amministrazione. Continuiampo a fare tutto nei limiti del buon senso. E chi come noi può controllare lo faccia in modo che la situazione non degeneri. Facciamo in modo che il giovedì sera non venga estremizzato per evitare di arrivare alla repressione. Un messaggio che spero venga raccolto da tutti soprattutto sul corso principale della movida dove si gioca la partita più importante. Se perdiamo lì, perdiamo tutti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X