Ztl non prima di Pasqua
E per la sosta by night
si ripensa a via Armaroli

MACERATA - Slitta il termine del 31 marzo per la chiusura del centro alle auto. ParkSì pieno di giorno ma ancora non carbura la sera: ieri raffica di multe in centro. Confronto sereno sulla pedonalizzazione alla Mozzi Borgetti tra amministrazione e commercianti. "Finalmente adesso dialogano con noi e non prendono decisioni sopra la nostra testa". Presentato il calendario delle iniziative
- caricamento letture
assemblea-commercianti-amministrazione-macerata_Foto-LB-4-650x365

Il sindaco Romano Carancini con gli assessori Paola Casoni, Stefania Monteverde e Mario Iesari ha incontrato i commercianti sul tema Ztl

 

assemblea-commercianti-amministrazione-macerata_Foto-LB-2-400x253

L’incontro con i commercianti del centro nella biblioteca Mozzi Borgetti

 

di Maurizio Verdenelli

(Foto di Lucrezia Benfatto)

Tra Comune e commercianti, dopo i ‘fuochi’ di tre anni, è improvvisamente scoppiata la pace. “Una rivoluzione culturale”, dichiara la vicesindaco Stefania Monteverde, “impensabile dopo le asprezze di tre anni; quasi un mondo rovesciato a Macerata in riferimento al centro storico. E c’è stato genuino apprezzamento, insieme a molta partecipazione e collaborazione, anche per il ParkSì: bene, peccato sia sempre pieno, non basta più, è stato detto”. Pieno di giorno, ma non la sera (nonostante sia gratuito dopo le 19): basti pensare che anche nella serata di ieri la polizia municipale ha effettuato una serie di multe in centro storico mentre il parcheggio di via Mugnoz era quasi vuoto. 

Fino a Pasqua dunque la Ztl non entra in vigore (le video interviste ai commercianti). “C’è bisogno di qualche  giorno in più – ha detto il sindaco – di muoversi con più cautela da parte del Palazzo a differenza del 2014”. “Stiamo cercando una soluzione anche su via Armaroli, per la sosta serale”  ha concluso Carancini “con grande determinazione stiamo lavorando per avere qualità in tutti i servizi  da mettere a disposizione degli operatori, dei residenti e dei fruitori del centro storico”. Un messaggio pasquale perfettamente recepito dalla categoria che si è sentita partecipe, stavolta. E dunque in attesa di nuove riunioni e nuove decisioni. Pare dunque volare la pax come la colomba di primavera sul cucuzzolo del monte sul quale sorge il capoluogo. Terreno continuo sin dal ’70 – dall’inizio cioè dell’era della pedonalizzazione per la quale il capoluogo non era forse pronto a differenza di altri – di guerra tra le varie amministrazioni comunali da allora succedutesi e la categoria dei negozianti che vantavano una vetrina nel salotto buono del capoluogo.

Un tale contrasto originò addirittura anche una lista civica, con due consiglieri eletti (un medico molto noto ed un generale della Polstrada). Molta acqua è passata sotto i ponti da allora: il salotto non è più buonissimo rispetto ad allora ed è frequentato a maggioranza non più da impiegati, bancari, e famiglie ma (fortunatamente) da studenti universitari, grande risorsa della zona, e almeno due sere la settimana da giovanotti che dagli altri centri affollano il ‘nuovo’ ParkSì e le vie dintorno. Se “la guerra dei cinquant’anni” tra Comune e commercianti sia davvero finita, lo dirà non a caso la Pasqua. Quando entreranno in funzione i  parcheggi blu, a sosta veloce a sostegno della Ztl in piazza Vittorio Veneto e in una parte di viale Leopardi. Il distinguo, al momento, è se trenta minuti o quaranta. Il clima cambiato ieri sera, nelle due ore (dalle 20,40 alle 22,40) dell’incontro in biblioteca comunale, è stato testimoniato dal varo della ‘Commissione’.

assemblea-commercianti-amministrazione-macerata_Foto-LB-1-650x365Sei rappresentanti per ogni zona individuata (ci saranno in realtà un paio di commercianti ad alternarsi: tutto si gioca sul volontariato): corso Repubblica, via Matteotti-via Gramsci, corso Cairoli, corso Cavour, piazza Mazzini, piazza Garibaldi, che collaboreranno con l’amministrazione al posto di un solo referente, come finora è stato. I nomi sono stati tirati fuori ieri sera da un foglio che è girato in sala. E’ ora necessario per la categoria tentare di rianimare non solo i punti tradizionalmente ‘focali’ come piazze e corsi storici ma anche tutto l’ampio reticolo viario circostante. In biblioteca, unico luogo pubblico disponibile per incontri di questa stagione post sisma, l’analisi sulla Ztl è stata multidisciplinare. Ad accompagnare il sindaco Carancini, la vice Monteverde (eventi culturali) e  gli assessori Mario Iesari (Mobilità) e Paola Casoni (Urbanistica). Davanti a loro quasi tutti i commercianti del centro: circa venticinque persone. Che, tanto per cominciare, volevano capire bene lo snocciolarsi annuale degli eventi al centro dei quali di micheliana ‘invenzione’, in una felice data di mezza estate, ormai ha un posto speciale ‘La Notte dell’Opera’. Un’idea che mai era venuta in mente ad alcuno negli oltre 50 anni di stagione lirica in Arena e dintorni, c’è da dire. L’attuale direttore artistico – che il dio del melodramma ce lo conservi a lungo – meriterebbe solo per questo, forse più di altri, la cittadinanza onoraria.

assemblea-commercianti-amministrazione-macerata_Foto-LB-3-650x365Alla Monteverde, ‘Nicolini’ al femminile, ci sono voluti 40 minuti buoni per  spiegare il cartellone, dalla Befana a Natale. Non solo eventi e spettacoli on the road o en plein air, ma anche quelli legati in ‘interni’. Presentazioni di libri et similiat potrebbero essere utilizzati per una più ampia ed intelligente valorizzazione. Dall’altra parte, non più della barricata, hanno preso copiosi appunti. “Avevamo bisogno di sapere nel dettaglio, per programmare”. In effetti i ‘desiderata’ all’amministrazione erano stati posti sin dall’incontro di febbraio e le risposte sono arrivate.  Particolarmente attese quelle riguardo alla mobilità con una relazione di 40 minuti da parte del sindaco e di Iesari. “Fateci capire le fasce giuste per il carico e scarico e dunque per l’accesso necessario all’attività” chiedeva la giunta. Ed ecco la ‘sosta veloce’, non più i parcheggi-tartaruga che bloccano il movimento delle merci, delle persone. Si tratta di valutare se mezz’ora o dieci minuti in più, ogni volta. Non è tuttavia una questione di mera lana caprina, considerata l’angustia ‘del territorio’: in pratica un ‘fazzoletto’ in cima ad una collina che da via Gramsci subito digrada offrendo lo spettacolo di una piazza principale addirittura in ripidissima discesa e che all’incontrario s’inerpica a fatica sino alla vetta.

I commercianti (unica assente di rilievo Chiara Tommasetti che finora non aveva mancato ad alcun appuntamento, presente invece Andrea Venturino e molti colleghi del corso principale) hanno chiesto maggiori controlli sulle zone gialle a loro riservate per garantire un vero flusso. Nel ‘parlamentino’ ci sarà anche Federico Lelli Ferretti, che con Stefania Meletani rappresenta via Matteotti-via Gramsci: “Finalmente un clima collaborativo da parte della giunta. Non più aut aut e la genuina voglia di discutere e non più di far passare sulle nostre teste decisioni già prese, che ci indussero in precedenza alla mobilitazione”, è stato apprezzato. “E’ un clima costruttivo: abbiamo contezza che finalmente il nostro contributo, le nostre richieste, le nostre esigenze sul campo verranno prese in considerazione. La proroga della Ztl testimonia questo impegno dell’amministrazione con cui siamo pronti a lavorare per il bene del centro storico. E speriamo che pure i giornali ci diano una mano, non innescando contrapposizioni che attualmente certo non ci sono”, il commento di altri esercenti. All’incontro presente pure qualche residente del centro. Altra sorpresa per la delegazione comunale: la mancanza di proteste per la movida del giovedì che fino all’alba schiamazza liberamente per le vie del centro. Tuttavia la presenza, nelle ultime notti selvagge del mercoledì e giovedì, di pattuglie di vigili urbani a presidiare il ganglio vitale rappresentato dalla zona Cancelli ha sortito il suo effetto. E’ proprio aria di Pasqua.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X