Parrucchiere morto sotto le macerie,
“aveva voglia di tornare a casa”

CIVITANOVA - Alessandro Neroni si era trasferito nelle Marche 20 anni fa. Juri Fiordomo, l'amico che era con lui ad Amatrice, si è salvato grazie ad una intercapedine. Grazia Pietrella della cartoleria Rossetti: "Voleva riposarsi e dormire al fresco del suo paese". Ancora da fissare il funerale
- caricamento letture

La parrucchieria Sei diva chiusa per lutto

La parrucchieria Sei diva chiusa per lutto

Alessandro Neroni, disperso ad Amatrice, fa il parrucchiere a Civitanova

Alessandro Neroni aveva 42 anni

 

di Laura Boccanera

E’ chiusa per lutto oggi la parrucchieria “Sei Diva” di Civitanova. Alessandro Neroni, socio dell’attività, è stato estratto morto questa mattina dai vigili del fuoco ad Amatrice, sotto le rovine di quella che era la casa paterna. In via Castelfidardo c’è poca voglia di parlare. Quasi tutti avevano visto e parlato con Alessandro prima della partenza. Le ferie sospirate di chi lavora ogni giorno. Una settimana l’aveva trascorsa al mare a Civitanova, con gli amici, le feste in spiaggia a Porto Potenza al Mosquito. Poi la partenza per Amatrice, il ritorno alla casa di famiglia, il padre Benito e la madre Maria (su di loro non si hanno ancora conferme se sono vivi o morti), ma anche la sorella (sopravvissuta con la propria famiglia) che gestisce una pasticceria ad Amatrice e l’amata nipote. «Aveva voglia di tornare a casa qualche giorno – ricorda Grazia Pietrella della cartoleria Rossetti – voleva riposarsi e dormire al fresco del suo paese. Siamo tutti sconvolti, Alessandro non c’è più. Era un professionista serio, preparato, affidabile, avevo piena fiducia in lui. E poi era un ragazzo buono e dolcissimo, pacato».

Si era trasferito a Civitanova da ragazzo, poco più che ventenne e ormai da quasi 20 anni lavorava nel mondo dell’hair styling. Da qualche anno abitava nella vicina Montecosaro. Non riesce a parlare per lo choc la socia titolare della parrucchieria Tatiana Marconi. Troppo dolore, troppa sofferenza quel distacco così improvviso e imprevedibile. Ad annunciare che alle prime ore dell’alba il corpo di Alessandro era stato ritrovato è stata la nipote Fabiana. Anche lei ha un rapporto con le Marche e con la provincia, ha studiato all’Università di Macerata e per anni ha vissuto con lo zio durante l’università. A lei e ai suoi familiari il dolore di vedere il corpo senza vita estratto dalle macerie, la fine della speranza di riabbracciarlo.

Alessandro Neroni e Juri Fiordomo. Il 35enne è sopravvissuto

Alessandro Neroni e Juri Fiordomo. Il 35enne è sopravvissuto

Con lui anche la cagnolina amatissima, Guendalina. Chi invece ha sconfitto la morte ed è riuscito a sopravvivere è Juri Fiordomo, l’amico di Alessandro, ospite ad Amatrice anche lui. Un’intercapedine e tutta la sua forza e le sue grida sono riuscite ad attirare i soccorritori salvandogli la vita. Ora è ricoverato a Roma all’ospedale San Camillo con varie fratture al corpo e con l’anima appesantita dal cordoglio per la morte del suo amico. Juri, 35 anni, viveva a Civitanova, ma è originario di Camerano dove lavorava alla Defendi, azienda storica di produzione accessori per la cucina. Ancora da fissare il funerale.

 

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X