Ciauscolo.it e la magia del Natale:
l’aggressore torna ma per scusarsi

CIVITANOVA - Si è risolta con una stretta di mano la lite tra Gianfranco Torbidoni e il cliente che il 18 novembre gli aveva sfasciato il locale. "Ha detto di non poter passare le feste con questo peso sullo stomaco, l'ho perdonato e non lo denuncerò più"

- caricamento letture
Torbidoni mentre sistema il negozio

Torbidoni mentre sistema il negozio

Torna l’aggressore al negozio Ciauscolo.it, ma questa volta per scusarsi. Il tempo ha portato consiglio al giovane cliente del negozio di salumi di Civitanova che il 18 novembre scorso lo aveva messo a soqquadro durante una lite col proprietario Gianfranco Torbidoni. Il ragazzo, che aveva al guinzaglio un cane labrador nero, era andato su tutte e furie quando il commerciante gli aveva chiesto di lasciare l’animale fuori per evitare che si avvicinasse ai prodotti alimentari (leggi l’articolo). Ieri sera, verso le 21.30 in orario di chiusura, Torbidoni si è visto di nuovo di fronte il ragazzo, di stazza piuttosto robusta, accompagnato dal suo cane. A questo punto però la sorpresa: l’uomo riconoscendo l’errore ha voluto scusarsi con il commerciante, dicendo anche di non riuscire a passare il Natale con il peso di quella lite e con il timore di venire denunciato. «Ci siamo stretti la mano – spiega Torbidoni – ho molto apprezzato il suo gesto di scuse. Nel periodo natalizio è bello sottolineare anche le cose piacevoli come quando una persona riconosce le proprie colpe». Inizialmente il negoziante non aveva riconosciuto il suo aggressore, anzi, parlando con i proprietari delle attività vicine aveva saputo che il ragazzo, che prima passava quasi ogni giorno, non si era più fatto vedere nella zona. «Forse aveva timore di passare davanti al mio negozio – continua Torbidoni – Mi ha spiegato di avere moglie e un figlio. E’ un ragazzo giovane, potrei essere suo padre. Ho accettato le sue scuse senza esitazione e ho deciso che non lo denuncerò più. Ancora non avevo formalizzato la denuncia, c’erano 90 giorni di tempo. Devo dire che un po’ ci speravo in un pentimento. Ha ammesso di aver agito senza ragionare, aveva avuto tensioni con la sua compagna ed era molto nervoso. Per questo era stato assalito da quello scatto d’ira inspiegabile». E’ anche la magia del Natale, secondo il commerciante, ad aver aiutato a risolvere le tensioni: «E’ bello risolvere tutto con una stretta di mano. Così entrambi passeremo un Natale più tranquillo. Anch’io se non lo avessi perdonato sarei passato dalla parte del torto e sinceramente non avrei avuto molta soddisfazione a denunciare un giovane padre di famiglia».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X