Nuova intervalliva
Trovato l’accordo tra comuni

SAN SEVERINO - La strada andrà a sostituire la vecchia provinciale, con curve e manto stradale compromesso. Passerà tra la collina di San Giuseppe e l'ex discarica di Maricella, seguendo il fondovalle naturale non lontano dalla ferrovia, proseguirà sotto il viadotto ferroviario ad archi, un'altra galleria poi l'arrivo a Tolentino Sud, poco oltre l'Hotel 77
- caricamento letture
La presentazione dell'accordo per l'intervalliva

La presentazione dell’accordo per l’intervalliva

di Monia Orazi

Accordo storico tra i comuni di San Severino e Tolentino. Trovato il sì per un progetto condiviso sulla nuova intervalliva che andrà a sostituire la vecchia provinciale, con curve e manto stradale compromesso, croce e delizia di tutti gli automobilisti pendolari giornalmente bloccati da mezzi pesanti che portano sino a mezz’ora il tempo necessario a coprire poco più di dieci chilometri. Il nuovo tracciato, progettato dall’ingegnere Michele Cruciani, vuole dare una risposta ai problemi del vecchio progetto del 2007, ormai di fatto bloccato perché irrealizzabile. Tra i problemi che sinora hanno fatto saltare la realizzazione dell’opera, Cruciani ha ricordato il costo eccessivo di 78 milioni di euro, la strada era prevista da Rocchetta di San Severino per un percorso di oltre 7 chilometri, con uscita nei pressi del castello della Rancia, ritenuta poco adeguata dai comuni, anche alla luce del fatto che la Provincia ha avallato la costruzione di una strada intervalliva di collegamento tra Rotelli e Casette Verdini di Pollenza. Sono scaduti i vincoli su alcuni terreni che dovevano essere oggetto di esproprio. Su uno di questi, non lontano dall’uscita della superstrada, ci sono anche dei pannelli fotovoltaici. “Il rischio è che l’intervalliva possa essere stralciata dalle opere complementari del progetto Quadrilatero – ha concluso Cruciani – questa soluzione condivisa tra enti locali vuole creare una maggiore sinergia tra Tolentino e San Severino a servizio dell’Alta Val Potenza, come territorio dobbiamo crederci, la possibilità di un piano di intervento non è remota”.

Il tracciato dell'intervalliva

Il tracciato dell’intervalliva

A seguito di un incontro tra il sindaco di San Severino Cesare Martini e l’ingegner Cruciani a Roma con il ministro Graziano Delrio, si è giunti alla firma di un protocollo d’intesa, che coinvolge i due comuni di Tolentino e San Severino, Unicam e Camera di Commercio, per sostenere ad ogni livello la soluzione tecnica proposta da Cruciani. Il nuovo tracciato individuato si snoda per sei km ed ottocento metri, sarà a due corsie larghe complessivamente 11 metri, prevede una doppia galleria ed un costo complessivo di circa 50 milioni di euro (40 milioni serviranno solo per le gallerie). L’innesto sarà a Taccoli, con uscita a Tolentino Sud, dove con una rotatoria si raccorderà alla viabilità esistente. La nuova strada passerà tra la collina di San Giuseppe e l’ex discarica di Maricella, seguendo il fondovalle naturale non lontano dalla ferrovia, proseguirà sotto il viadotto ferroviario ad archi, un’altra galleria poi l’arrivo a Tolentino Sud, poco oltre l’Hotel 77.

L'ingegnere Michele Cruciani

L’ingegnere Michele Cruciani

“Non ci saranno intersezioni a raso, sarà una strada che permetterà al traffico di scorrere velocemente – ha spiegato il progettista Cruciani – permetterà di far collaborare in modo sinergico le zone industriali di Tolentino e San Severino, realizzando un tracciato con un minor consumo di suolo, in sinergia con altri interventi previsti, come il ponte a Tolentino”. Un primo giudizio positivo di fattibilità dal punto di vista geomorfologico, è stato espresso dai tecnici dell’università di Camerino. “Questo è un avvenimento storico, quando si parlava della bretella tra San Severino e Tolentino io portavo ancora i pantaloni corti, ero un bambino”, ha spiegato Cesare Martini sindaco di San Severino, “non ci può essere sviluppo del territorio senza fare sinergia, anche il mondo produttivo ha espresso interesse ad avere un collegamento più rapido, per muoversi in modo agevole e valorizzare le nostre eccellenze”. Martini ha ringraziato i presenti e Michele Cruciani, per la capacità di unire il territorio, che ha avuto il suo progetto di tracciato. Martini ha annunciato che l’argomento sarà all’ordine del giorno di un prossimo incontro tra i vertici della Provincia di Macerata, con la nuova giunta regionale. “Questa è una grande opportunità che non può restare sulla carta, come amministratore voglio guardare allo sviluppo di tutti i territori – ha aggiunto Giuseppe Pezzanesi, sindaco di Tolentino – occorre prendere il toro per le corna ed andare da Delrio con una progettazione sostenibile e rispettosa dell’ambiente, soffriamo da anni le difficoltà di collegamento, abbiamo lavorato tanto, andremo a trattare insieme a tutti i comuni che ci vorranno seguire, per questa grande struttura che darà un senso diverso alla qualità della vita e che sosterrò con tutte le mie forze”. Il rettore Unicam Flavio Corradini ha confermato il grande vantaggio economico e di attravità turistica dell’opera, con l’università che metterà a disposizione le sue competenze per la parte geomorfologica, paesaggistica ed architettonica del progetto. Francesco Fucili per la Camera di Commercio e Renzo Leonori per Confartigianato, hanno ricordato il grande interesse che hanno le categorie produttive per la nuova strada, insieme a Gilberto Chiodi capogruppo consiliare dell’opposizione settempedana. Il primo passo è compiuto, ora serviranno interventi della Regione e di referenti politici nazionali, a supporto di questo protocollo di intesa, per far diventare l’opera realizzabile. “Serve una risposta politica, l’attenzione si concretizza quando i progetti sono finanziati, non c’è più margine per tralasciare questa grande emergenza”, ha concluso Pezzanesi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X