Università da record
Unicam e Unimc prima e seconda
nella classifica Censis

I due atenei ai vertici della graduatoria nazionale tra quelli fino a 10mila studenti. Soddisfatti i rettori. Corradini: "Merito dell'alta qualità della ricerca". Lacché: "Di fronte alla crisi abbiamo reagito puntando sull'offerta formativa"
- caricamento letture
Il rettore di Unicam Flavio Corradini

Il rettore di Unicam Flavio Corradini

Camerino e Macerata ai vertici della classifica nazionale dei piccoli atenei. Le due università si sono piazzate rispettivamente al primo e secondo posto della classifica degli atenei fino a 10mila studenti stilata dal Censis per Repubblica e pubblicata nella Grande Guida dell’Università che uscirà lunedì in edicola.

«Per il dodicesimo anno consecutivo, l’università di Camerino si conferma al primo posto nella classifica degli atenei italiani fino a 10mila studenti – si legge in una nota di Unicam – Ma la soddisfazione quest’anno è doppia: Unicam, con il punteggio medio di 96,2 si posiziona al terzo posto tra tutti gli Atenei italiani, dietro a Siena e Trento, migliorando di tre posizioni rispetto allo scorso anno. Unicam conferma il suo posto da leader anche tra gli atenei marchigiani, davanti all’università di Ancona che ottiene il punteggio di 93,8 e alle università di Macerata e Urbino che hanno una media rispettivamente di 89, 6 e 86,8. Eccellente anche il risultato ottenuto nella didattica – continua la nota – che vede Unicam prima a livello nazionale per il gruppo geo-bilogico e seconda per le materie scientifiche. Le classifiche oltre ad analizzare ogni singola realtà accademica, hanno anche il fine di aiutare studenti e famiglie alla scelta universitaria. “Siamo ancora una volta estremamente soddisfatti – sottolinea il rettore Flavio Corradini – perché il risultato ottenuto conferma il forte impegno del nostro ateneo nel mantenere sempre elevata, nonché migliorare dove è possibile, la qualità dei servizi e della didattica offerta agli studenti. Dal 15 luglio sono aperte le iscrizioni all’università. Le valutazioni effettuate dal Censis e le classifiche che ne conseguono rappresentano un’ottima guida per tutti coloro che dovranno decidere il proprio percorso universitario, scegliere Unicam significa quindi una scelta per un futuro di qualità. Certamente, al raggiungimento di questo risultato contribuisce anche l’elevata qualità della nostra ricerca alla quale un numero sempre maggiore di imprese si rivolge, tramite il trasferimento tecnologico, creando così una sinergia strategica per lo sviluppo del territorio marchigiano e nazionale e dei relativi sistemi produttivi”».

Luigi Lacchè (confucio) 2

Il rettore di Unimc Luigi Lacché

La medaglia d’argento di Macerata si aggiunge alla bacheca dei trofei già arricchita qualche giorno fa dall’ 11° posto nella classifica nazionale del Sole 24 Ore (leggi l’articolo). I parametri presi in considerazione riguardano i servizi, le borse di studio e altri interventi a sostegno del diritto allo studio, le strutture, il web e i social media, l’internazionalizzazione.”Dalle nostre parti si dice che piccolo è bello – ha commentato il rettore Luigi Lacché – in genere riferendosi alle aziende, ma la stessa considerazione vale nell’ambito della formazione. Di fronte alla crisi generale del sistema universitario, con un forte calo generalizzato delle iscrizioni e uno scoraggiante clima di sfiducia, il nostro ateneo ha reagito puntando sulla qualità dell’offerta formativa, attraverso una razionalizzazione dei corsi di laurea, la forte spinta all’internazionalizzazione e l’attivazione di nuovi indirizzi professionalizzanti. Penso, giusto per fare qualche esempio, alle novità di quest’anno: la laurea magistrale in Comunicazione e culture digitali, tarata sui continui progressi che si registrano in questo campo, o all’indirizzo in Consulente dei trasporti del corso in Scienze giuridiche applicate, incentrato su un fenomeno di crescente importanza con forti implicazioni anche sul piano giuridico.Un’altra nostra stella polare è la cura dello studente, per il quale saranno attivati ulteriori servizi di tutorato a partire dal prossimo anno accademico. Queste scelte sono state ricompensate da un aumento generalizzato delle iscrizioni al primo anno e dall’ottimo giudizio dei laureati sui nostri corsi, come evidenziato nelle recenti classifiche nazionali”. L’internazionalizzazione si conferma uno dei punti di forza di Unimc, sesta in Italia e prima nelle Marche per la mobilità degli studenti, l’alto numero di Atenei esteri convenzionati per l’Erasmus e per gli iscritti stranieri. Sul fronte dell’offerta formativa, ancora una volta l’Ateneo mostra punte di eccellenza con il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza, anche quest’anno primo in assoluto in Italia, e la laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione, seconda a livello nazionale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X