Civitanovese, colletta dei tifosi
per pagare i giocatori

SERIE D - I supporter della curva rossoblu: "Gesto doveroso per aiutare chi tra loro, per colpa delle promesse fatte e mai mantenute da questa società, si trova da tempo in difficoltà economica. Organizzeremo una libera raccolta fondi e domenica dopo la partita la consegneremo alla squadra"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
La tifoseria della Civitanovese

La tifoseria della Civitanovese

di Maikol Di Stefano

Domenica biglietti ad un euro, per tutti i settori, al Polisportivo per Civitanovese – Castelfidardo. Il presidente Luciano Patitucci, ha raccolto la richiesta del tifo organizzato rossoblu che domenica fuori dallo stadio organizzeranno anche una colletta. “Organizzeremo una libera raccolta fondi – scrivono di pugno gli ultras della curva – da consegnare al termine dell’incontro direttamente alla squadra, elemento fondamentale per il continuo di questo campionato”. Un gesto forte, quello dei tifosi della Civitanovese. In un marasma generale, dato dalla crisi societaria e da una squadra oggi ancora senza allenatore, i supporters hanno deciso di premiare i giocatori, ritenuti gli unici ad essere stati veramente professionali e attaccati alla squadra in queste settimane. Una tesi, rafforzatasi domenica scorsa, quando con una prova di grande cuore e carattere Degano e compagni hanno strappato il pareggio alla Sambenedettese. Al Riviere delle Palme, a fine partita, i padroni di casa sono usciti fra i fischi e le offese del proprio pubblico; mentre c’erano solo applausi e stima per i ragazzi della Civitanovese. Così quella di domenica, si tramuta in una vera e propria class-action che i tifosi spiegano così:

Luciano Patitucci, presidente della Civitanovese

Luciano Patitucci, presidente della Civitanovese

“Sarà fatta per aiutare chi tra loro, per colpa delle promesse fatte e mai mantenute da questa società, si trova da tempo in grandi difficoltà economica”. Un distaccamento, quello degli ultras, dalla società del presidente Patitucci, ma non dalla squadra e dai colori che un’intera città difende da sempre. “Se fino ad oggi siamo rimasti a guardare – scrivono i tifosi attaccando la società – fino a che punto questa società fosse stata in grado, di mal gestire la nostra Civitanovese, mancando di rispetto alla sua storia lunga quasi cento anni e con essa a tutta la città, ora è giunto il momento di agire”. Si preannunciano quindi tempi duri per Patitucci e Santiniello, ma non sarà semplice anche per nessun altro imprenditore come Favellato avvicinarsi oggi alla Civitanovese. Dove un’intera tifoseria si sente sedotta e abbandonata, ma che comunque ci tiene a far sentire il proprio grido: “Nel bene e nel male, sempre a difesa della nostra fede. Civitanovesi”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X