Piscina comunale, Il Grillo interviene:
“Siamo liberi di scegliere lo staff”

CIVITANOVA - La replica della cooperativa che gestisce l'impianto sportivo: "Ai genitori non competono questioni tecniche. Fatta una convenzione a 25 anni per ammortizzare gli investimenti"
- caricamento letture
La protesta di genitori e nuotatori per la piscina durante l'inaugurazione della pista ciclabile

La protesta di genitori e nuotatori per la piscina durante l’inaugurazione della pista ciclabile

il grillo piscina“Quello che è un normale avvicendamento tecnico assolutamente legittimo in ogni tipo di società sportiva ha dato luogo in questa situazione alla nascita di un nuovo soggetto in cui i  genitori invece di mantenere il loro ruolo, intendono inserirsi in questioni tecniche”. La cooperativa il Grillo (che gestisce l’associazione sportiva Ippocampo) risponde alla polemica scatenata da un gruppo di genitori il giorno dell’inaugurazione della pista ciclabile (leggi l’articolo). I genitori chiedevano al sindaco di interessarsi della querelle nata all’interno della piscina comunale di Civitanova tra gestori e la nuova associazione Civitanova nuoto alla quale il Grillo non ha concesso le vasche per allenarsi (leggi l’articolo). Ora arriva la replica della cooperativa che difende i propri interessi e dichiara di agire nella piena legittimità: “Intendiamo continuare regolarmente la nostra attività agonistica giovanile attraverso l’Ippocampo – si legge in una nota de Il Grillo – avvalendoci di un nuovo staff di allenatori più che qualificato, con un progetto sportivo di lunga  durata e di ampio respiro. Tutti gli atleti che nuotavano nella piscina di Civitanova e che peraltro sono ancora tesserati dell’Ippocampo, sono invitati ad iniziare ad allenarsi già da lunedì. Nessuno è mai stato privato del diritto di nuotare e, al di là delle comprensibili difficoltà affettive, è nella piena legittimità di una società sportiva cambiare allenatori. La richiesta di spazi della nascente società renderebbe di fatto impossibile lo svolgimento delle attività programmate ed in corso di programmazione dalle società già presenti nell’impianto. La gestione è nel dovere di tutelare gli equilibri complessivi rispettando le esigenze di tutti i cittadini e non solo di parte di essi. L’attività agonistica è sufficientemente garantita dalla presenza dell’Ippocampo che non intende in nessun modo ridurre il suo impegno”. La società fa riferimento alla sua storia ventennale e agli investimenti effettuati sulla struttura, da qui la convenzione a lungo termine col Comune (25 anni) per poter ammortizzare le spese: “In base alla convenzione sono stati assunti impegni economici precisi ed importanti in termini di investimenti e di programmazione futura – dice Antonella Citarella, uno dei tre membri della cooperativa – ed è stata effettuata la stabilizzazione a tempo indeterminato di 12 dipendenti. Cambiare le regole in corsa esporrebbe la società ad una pericolosa instabilità che potrebbe rapidamente portare la piscina di Civitanova, citata come modello di ottima gestione anche da coloro che adesso la attaccano, nelle stesse condizioni di crisi di molti altri impianti delle nostra regione e non solo.  La piscina, sotto la gestione del Grillo, non ha mai rappresentato per la città e per le varie amministrazioni che si sono succedute motivo di lamentela o di  preoccupazione, come accade in molti altri comune di tutta Italia”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X