Festa della Repubblica,
celebrazioni e premiati

IL 2 GIUGNO - Cerimonia provinciale a Macerata con la deposizione della corona d'alloro al monumento ai caduti, poi le consegne delle onorificenze in prefettura. Festeggiamenti anche a Tolentino
- caricamento letture

 

festa repubblica 7

festa repubblica 1Macerata ha celebrato la Festa della Repubblica con la cerimonia al monumento ai caduti e la consegna delle onorificenze in prefettura a chi con il proprio sacrificio e tra mille sofferenze ha contribuito a mettere il proprio mattoncino alla nascita della Costituzione che sessantotto anni fa sostituì la monarchia. Prima della lunga lista dei premiati, in una mattina allagata dalla luce vivace del sole di giugno il prefetto di Macerata Pietro Giardina, dopo l’alzabandiera e il silenzio, ha passato in rassegna i reparti delle forze dell’ordine schierati al monumento dei caduti e ha poi salito la gradinata per deporre una corona d’alloro in memoria. Ad assistere alla cerimonia, i cui momenti sono stati sottolineati dal complesso bandistico Salvadei di Macerata, c’erano i vertici delle forze dell’ordine dal questore Leucio Porto, al comandante dei carabinieri Marco Di Stefano, al comandante della guardia di finanza Paolo Papetti, a quelli dei vigili del fuoco, Dino Poggiali, del corpo forestale, Giuseppe Bordoni, dell’ufficio circondariale marittimo di Civitanova, Giuseppe Biasco. E poi i sindaci dei comuni della provincia. La cerimonia si è poi spostata negli eleganti locali de lsalone di rappresentanza della prefettura in piazza della Libertà.

festa repubblica 4

Il prefetto di Macerata Pietro Giardina onora i caduti dutrante la celebrazioni del 2 giugno

Il prefetto di Macerata Pietro Giardina onora i caduti dutrante la celebrazioni del 2 giugno

Lì è avvenuta la consegna delle onorificenze al merito della Repubblica Italiana, e delle Medaglie d’onore ai cittadini italiani deportati ed internati nei lager nazisti. Il prefetto Giardina ha rammentato “il significato più profondo della festa che oggi celebriamo: per evitare che i valori fondamentali che con essa si intendono ricordare, e cioè i valori del lavoro, del merito e della solidarietà sociale, vengano a stemperarsi in un cerimoniale altrimenti privo di significato”.

Le medaglie ai decorati sono state consegnate a Gino Annibali, di Potenza Picena, e Augusto Morichetti, anche lui di Potenza Picena, entrambi di 91 anni (leggi l’articolo). Poi sono state consegnate ai familiari di chi invece è nel frattempo scomparso: Massimino Boschi, di Morrovalle, Edmondo Brunellini, di Civitanova, Ferdinando Carassai, di Potenza Picena, Giuseppe Colucci, di Macerata, Enrico Gattafoni, di Potenza Picena, Renato Mancinelli, di Matelica, Raffaele Strovegli, di Potenza Picena, Alberto Torresi, di Potenza Picena. Le onorificenze come ufficiale al merito della Repubblica (Omri) sono andate al brigadiere Espedito Avitabile, consegnata da Ivo Costamagna presidente del consiglio comunale di Civitanova, e al colonnello Leonardo Bertini, consegnata dal sindaco di Macerata Romano Carancini. Le onorificenze come cavaliere al merito della Repubblica sono state conferite ad Andrea Bartolazzi (consegnata dal sindaco di Muccia, Fabio Barboni), Romano Cestola (consegnata da Ivo Costamagna), Mario Ciocchetti (consegnata dal sindaco di Belforte, Roberto Paoloni), Primo Francesco Dalfino (consegnata dal sindaco di Potenza Picena, Sergio Paolucci), Patrizio Donnari (consegnata dal sindaco di Monte San Giusto, Andrea Gentili), Luca Giuseppetti (consegnata dall’assessore di Caldarola, Gianni Fiatrelli), Adriano Lippi (consegnata dal sindaco festa repubblica 26Paolucci), Mario Marinelli (consegnata dal sindaco Paolucci), Francesco Musci (consegnata dal sindaco di Macerata), Corrado Natali (consegnata dal sindaco di Montecosaro, Reano Malaisi), Giuseppe Pallotta (consegnata dal sindaco Carancini), Alberto Pasquali (consegnata da Ivo Costamagna), Giuseppe Pillon (consegnata dal sindaco di San Severino Cesare Martini), Luigi Ripa (consegnata da Ivo Costamagna), Massimo Serra (consegnata dal sindaco Carancini), al luogotenente Domenico Spinali (consegnata dal sindaco Carancini), a Romano Tordelli, Enzo Verdicchio (consegnata dal sindaco di Corridonia Nelia Calvigioni), Aurelio Vitali (consegnata da Ivo Costamagna), Antonio Nicolli (consegnata dal sindaco di Porto Recanati, Sabrina Montali).

 

(redazione CM, foto di Guido Picchio)

***

festa repubblica 13

La celebrazione a Tolentino

La celebrazione a Tolentino

 

A Tolentino sono state tantissime le persone che hanno partecipato ai festeggiamenti per il 2 giugno. Ad aprire la giornata la sfilata per le vie del quartiere Repubblica, poi la messa nel giardino di fronte all’ospedale San Salvatore. A cui è seguita il saluto del sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi: “in ognuno di voi, questa mattina, nei vostri occhi, scruto e trovo le nostre tradizioni, i nostri valori, l’abnegazione, la cultura del lavoro, l’umanità, la solidarietà che ci contraddistinguono ma soprattutto trovo la fierezza di riconoscersi e ritrovarsi nei valori fondamentali della nostra Costituzione”. E’ seguita la consegna ai neodiciottenni di una copia della Costituzione. Al termine della cerimonia, dopo l’inno nazionale sono stati liberati nell’aria palloncini tricolore.

 

 

festa repubblica 3

fest repubblica 8

 

festa repubblica 5

festa repubblica 6

 

festa repubblica 9

festa repubblica 10

festa repubblica 11

festa repubblica 12

 

festa repubblica 14

festa repubblica 15

festa repubblica 16

festa repubblica 17

 

festa repubblica 19

festa repubblica 20

festa repubblica 21

festa repubblica 22

festa repubblica 23

festa repubblica 24

festa repubblica 25

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X