Comune, dipendenti nel mirino
Costamagna: “Dovete lavorare di più”

CIVITANOVA - Il presidente del Consiglio comunale ha pronunciato un duro discorso di fine anno: "Alcuni sono sottoutilizzati, altri godono di grandi vantaggi. Nessuno pretende lo stakanovismo, ma non è tollerabile la volontà di boicottaggio". Più soft i toni usati dal sindaco Corvatta
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
I dipendenti del Comune nella sala consiliare

I dipendenti del Comune nella sala consiliare

di Laura Boccanera

«Questo Comune è destrutturato, nessuno pretende stakanovismo, ma coloro che boicottano invece che collaborare verranno colpiti come prevede la legge». Non è probabilmente il discorso di augurio e di Buon Natale che i dipendenti si aspettavano quello che il presidente del consiglio comunale Ivo Costamagna ha rivolto al termine della mattinata lavorativa al personale del Comune. Un ammonimento severo a svolgere bene e con efficienza il proprio lavoro, rivolto più agli assenti che agli amministrativi presenti, come ha ricordato Costamagna. Ovviamente il “ritornello” non è nuovo: il nuovo passo nella macchina burocratica e nella politica è un leit-motiv a più riprese introdotto dal Presidente del Consiglio che ha voluto rimarcare con forza, nonostante il clima natalizio, il dovere e l’impegno necessario, utilizzando a volte anche parole dure:
«C’è un problema, fra i tanti problemi che ha questa città, è la macchina burocratica che deve

2013-12-23 14.03.39

Ivo Costamagna

consentire all’Amministrazione di lavorare al meglio. Ho sempre parlato della necessità di una verifica, non solo politica, ma c’è una situazione di grave destrutturazione del Comune, dovuta in parte al blocco delle assunzioni, ai pensionamenti, ma che non consente di lavorare con efficacia. Avevo lanciato un appello alla collaborazione, ma constato che spontaneamente ciò non è avvenuto, dai dirigenti in giù. Ci sono dipendenti discriminati, sottoutilizzati sotto la soglia minima e altri che godono di grandi vantaggi. Nessuno pretende lo stakanovismo, ma non è tollerabile la volontà di boicottaggio e in quel caso agiremo come consente la legge. Chi pensa che boicottando questa Amministrazione può far cadere la giunta fa un danno alla città, il clima da forconi e minacce non è utile a nessuno. L’invito e l’augurio di quest’anno è dunque quello di far cessare emarginazione e favoritismi e premiare chi lavora bene». Più distensive le parole del sindaco: «Il 2013 è stato un anno veramente duro per questa città, la situazione economica non è florida, dobbiamo pensare che tutto sommato siamo dei privilegiati a confronto di tante famiglie che trascorreranno il Natale senza un lavoro. Il nostro lavoro di amministratori e di voi amministrativi è quello di essere al servizio della città perché i nostri veri datori di lavoro sono là fuori e mi auguro davvero che grazie al lavoro di tutti questa città possa superare le difficoltà e rifiorire».

2013-12-23 14.15.41

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X