Castelraimondo, si dimette il revisore dei conti

Stefano Belardinelli ha deciso di lasciare l'incarico per via della presunta incompatibilità, vista la posizione di amministratore unico della Contram
- caricamento letture
Stefano Belardinelli

Stefano Belardinelli

Il revisore dei conti del Comune di Castelraimondo, il dottor Stefano Belardinelli ha rassegnato le dimissioni con una lettera inviata nei giorni scorsi all’Ente. A sollevare il caso dell’incompatibilità con il ruolo di revisore contabile del comune, era stato Daniele Antonozzi, primo dei non eletti alla carica di consigliere comunale nel gruppo Castelraimondo Cambia, all’opposizione in consiglio comunale, con una lettera inviata nel settembre del 2012 al dipartimento della funzione pubblica.  Antonozzi aveva chiesto chiarimenti sulla possibile incompatibilità data dalla carica di revisore, rispetto al ruolo ricoperto da Belardinelli come presidente della Contram Spa e amministratore unico di Contram Servizi srl, data anche l’esistenza di una convenzione stipulata tra Comune e Contram servizi nel 2004, per la gestione del servizio di biblioteca comunale, sito  nei locali della stazione ferroviaria, che il Comune ha preso in affitto da Trenitalia. Era seguita da parte dell’ispettorato della funzione pubblica una prima richiesta di chiarimenti, con cui il comune aveva escluso la sussistenza dell’incompatibilità. Una nuova richiesta di chiarimenti era stata avanzata a novembre 2012, nel testo della missiva l’ispettorato faceva presente che: “Al riguardo, si fa sin d’ora presente di ritenere che in tal caso coesisterebbero nella stessa persona il ruolo di controllore e controllato”, previsione in contrasto con la normativa vigente.

Castelraimondo

Castelraimondo

A togliere il Comune dalla situazione di impasse, è giunta la lettera con cui Belardinelli rassegna le dimissioni, pur ribadendo come il suo incarico di revisore sia perfettamente compatibile con le norme: nel testo Belardinelli dice di essere venuto a conoscenza della richiesta di chiarimenti del dipartimento della funzione pubblica, dall’articolo pubblicato il 27 gennaio scorso su Cronache Macerateso (leggi l’articolo).“E’ estremamente chiara sia la legittimità sia del conferimento che dell’accettazione dell’incarico”, scrive Belardinelli nella lettera rilevando come non sussista nessun conflitto, in quanto il Comune di Castelraimondo non ha una partecipazione maggioritaria all’interno della Contram. “Tuttavia, al di là delle norme sopra sinteticamente ricordate e richiamate nel documento allegato, che sia il sottoscritto sia il Comune (come confermato dal Segretario comunale nelle informative inviate alle competenti autorità) ritengono di aver rispettato, il revisore dei conti deve essere una figura di fiducia del Consiglio, degli altri organi comunali e degli uffici. Deve poter operare e far operare con serenità, autorevolezza e determinazione”, si legge nella lettera. “E’ evidente che nel caso di specie, indipendentemente dalla rigida applicazione delle norme, la messa in discussione da parte di un soggetto “primo dei non eletti” alla carica di consigliere comunale nel gruppo “Castelraimondo Cambia” (all’opposizione in consiglio comunale) pone il sottoscritto e l’ente in una posizione diversa rispetto a quella sopra descritta di fiducia e serenità”. Così Stefano Belardinelli motiva le sue dimissioni: “Pertanto, seppur assolutamente convinto delle mie ragioni – confortate da pareri legali confluiti nella nota allegata – volendo anche nell’interesse del Comune evitare inutili contenziosi, costretti dai tempi più che dal reale contenuto delle norme (che in sede giudiziaria troverebbero sicuramente avvalorati i miei diritti), sono costretto a porgere le mie dimissioni, ritenendo essere venute meno le condizioni per poter operare serenamente. In tal modo l’Ente potrà incaricare un altro revisore, eliminando un motivo di discussione per tutti coloro che sono coinvolti nella gestione e nelle attività dell’Ente”.

(Redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X